ADHD nei bambini: Segni precoci, sintomi e trattamento

disturbo da deficit di attenzione e iperattività, comunemente noto come ADHD, colpisce milioni di bambini e spesso continua in età adulta. La diagnosi di solito avviene durante gli anni della scuola elementare, ma può avvenire prima, quando il bambino è ancora un bambino.

Bambini con ADHD spesso hanno problemi a prestare attenzione e possono mostrare comportamenti iperattivi e impulsivi. Queste caratteristiche possono influenzare le relazioni del bambino con la famiglia, gli amici e gli insegnanti.

Negli Stati Uniti, c’è la preoccupazione che un numero crescente di bambini stia ricevendo questa diagnosi e che alcuni possano assumere farmaci troppo presto. Altri sostengono, d’altra parte, che una diagnosi precoce può portare a un trattamento più efficace.

A che età inizia l’ADHD e i neonati e i bambini possono avere sintomi? In questa fase iniziale, c’è modo di trattare l’ADHD?

Età alla diagnosi

I Centers for Disease Control and Prevention (CDC) hanno riportato che, a partire dal 2016, circa 6.1 milione bambini dai 2 ai 17 anni negli Stati Uniti.S. avevano ricevuto una diagnosi di ADHD. Questa cifra includeva circa 388.000 bambini dai 2 ai 5 anni.

Prima del 2011, l’American Academy of Pediatrics (AAP) aveva solo linee guida per la diagnosi di ADHD nei bambini di età 6-12.

Nel 2011, hanno ampliato le loro linee guida per includere i bambini in età prescolare e gli adolescenti, ampliando la gamma per incorporare le età 4-18.

Alcuni bambini ricevono una diagnosi prima dei 4 anni. Tuttavia, non ci sono sintomi clinici linee guida per la diagnosi a questa età.

Sintomi nei bambini piccoli

Può essere difficile notare i sintomi dell’ADHD nei bambini più piccoli di 4 anni. Una breve capacità di attenzione, impulsività, capricci e alti livelli di attività sono comuni durante alcune fasi dello sviluppo. Molti bambini passano attraverso i “terribili due”, e non tutti hanno l’ADHD.

I bambini che sono molto attivi e hanno un sacco di energia – ma non ADHD – di solito possono concentrarsi quando necessario per le storie o per guardare attraverso libri illustrati. Sono anche in grado di mettere via i giocattoli o sedersi e fare un puzzle, per esempio.

I bambini con ADHD sono spesso incapaci di fare queste cose. Possono mostrare un comportamento estremo che interrompe le attività e le relazioni. Per una diagnosi di ADHD, un bambino deve mostrare questi comportamenti per almeno 6 mesi in più di un ambiente, come a casa e alla scuola materna.

I bambini piccoli con ADHD possono:

    Tuttavia, alcuni bambini con ADHD possono concentrarsi bene su cose che li interessano, come particolari giocattoli.

    Se un genitore o un caregiver pensa che il loro bambino stia mostrando un comportamento che è eccessivo e intenso, e se questo comportamento colpisce la vita familiare e si verifica frequentemente, dovrebbero parlare con il medico del loro bambino per una valutazione.

    Diagnosi

    Linee guida Le assicurazioni per la diagnosi dell’ADHD non coprono i bambini di 3 anni o più giovani.

    Tuttavia, ci sono prove che i medici stanno diagnosticando l’ADHD nei bambini più piccoli.

    I fattori che possono indurre un medico a sospettare l’ADHD a questa età includono

      L’indagine nazionale 2010-2011 sulla salute dei bambini negli Stati Uniti.S. ha scoperto che circa 194,000 bambini di età 2-5 avevano ricevuto una diagnosi di ADHD durante l’anno.

      Come fanno i medici a diagnosticare l’ADHD?

      Per diagnosticare l’ADHD in un bambino più grande, un medico può:

        Per diagnosticare l’ADHD nei bambini più grandi e negli adulti, un medico osservare e chiedere sulle caratteristiche, come:

          Che dire della diagnosi dei bambini più piccoli?

          Per i bambini più piccoli, può essere difficile sapere se soddisfano questi criteri.

          A volte, un problema di sviluppo, come un ritardo del linguaggio, può portare a una diagnosi errata di ADHD.

          Altre condizioni mediche possono causare sintomi simili, tra cui:

            I bambini in età prescolare o i neonati che mostrano sintomi di ADHD dovrebbero vedere uno specialista per una valutazione. Uno specialista pertinente può essere un logopedista, un pediatra dello sviluppo, uno psicologo o uno psichiatra. Possono aiutare un medico a fare una diagnosi accurata.

            Trattamento

            Ci sono linee guida per il trattamento dell’ADHD nei bambini dai 4 anni in su, ma attualmente non ci sono linee guida per il trattamento dell’ADHD nei bambini.

            Nei bambini di 4-5 anni, un medico potrebbe raccomandare:

            Terapia comportamentale: Un genitore o un insegnante potrebbe consegnare questo.

            Farmaci: Se i sintomi non migliorano con la terapia comportamentale, e soprattutto se sono da moderati a gravi, un medico può raccomandare metilfenidato cloridrato (Ritalin) e altri farmaci stimolanti.

            Il medico controllerà il dosaggio e lo cambierà, se necessario, per assicurare che il bambino sperimenti il massimo beneficio e il minor numero possibile di effetti collaterali.

            È importante notare che il U.S. FDA (Food and Drug Administration) non hanno approvato l’uso di questo farmaco nei bambini sotto i 6 anni, a causa di una mancanza di prove che sia sicuro o efficace.

            La FDA nota che i farmaci stimolanti possono avere effetti collaterali, tra cui il rallentamento della crescita di un bambino.

            Trattamento precoce per i bambini

            Il sito CDC raccomandano la formazione dei genitori e la terapia comportamentale per i bambini piccoli. Come primo passo, dicono che la terapia del comportamento:

              Il terapeuta lavorerà con il bambino per aiutarlo ad imparare:

                Quando il bambino è abbastanza grande per frequentare l’asilo o la scuola, i genitori o chi si prende cura di lui dovrebbero chiedere alla scuola la possibilità di un supporto educativo.

                Che dire dei farmaci?

                Nel 2014, un funzionario del CDC ha presentato un rapporto, affermando che oltre 10.000 bambini piccoli di età compresa tra 2-3 anni possono ricevere farmaci per l’ADHD in modi che non soddisfano le linee guida stabilite nel U.S.

                Il salute mentale Il cane da guardia Citizens Commission on Human Rights ha raccolto dati che suggeriscono che il numero di bambini che ricevono il trattamento per l’ADHD e altri problemi di salute mentale negli Stati Uniti è in aumento.S. può essere più alto di questo.

                Si dice che oltre ai 10.000 bambini che ricevono farmaci per l’ADHD:

                  Hanno anche scoperto che tra i bambini di 1 anno o più giovani:

                    I dati di cui sopra indicano che i bambini e i neonati possono essere sovramedicalizzati.

                    Non ci sono linee guida per il trattamento di bambini o neonati con ADHD. Tuttavia, linee guida per i bambini un po’ più grandi suggeriscono di provare la terapia comportamentale prima di usare i farmaci.

                    Inoltre, uno studio riporta che quasi 50 per cento dei partecipanti bambini di età inferiore a 3 anni e che ricevono farmaci psicotropi non sono stati monitorati ogni 3 mesi.

                    Questo suggerisce che i bambini e i neonati possono prendere farmaci per l’ADHD fino a 6 mesi alla volta senza che i medici ne controllino gli effetti.

                    Il AAP chiamare ai medici di soppesare i rischi di somministrare farmaci per l’ADHD a bambini molto piccoli contro il danno potenziale di ritardare la diagnosi e il trattamento.

                    Prospettiva

                    Gli esperti non sono d’accordo sul fatto che il crescente numero di diagnosi di ADHD tra i.S. bambini in età prescolare è utile o dannoso.

                    Alcuni preoccupazione che i medici stanno sovradiagnosticando la condizione e che i bambini ricevono farmaci in età troppo giovane. D’altra parte, una diagnosi precoce può significare che un bambino riceve aiuto più rapidamente.

                    Può essere difficile diagnosticare un bambino con ADHD prima dell’età di 4-5 anni, soprattutto perché non ci sono criteri diagnostici specifici per bambini e neonati.

                    Se i genitori o gli assistenti sospettano che un bambino abbia l’ADHD, dovrebbero chiedere consiglio a un medico.

                    Il medico escluderà prima altre condizioni. Se, dopo una valutazione, un medico dà a un bambino una diagnosi di ADHD, offrirà consigli e sostegno e informerà il caregiver sulla terapia comportamentale.

                    Se il medico suggerisce farmaci, alcuni caregiver potrebbero voler considerare un secondo parere prima di iniziare questo trattamento.

                    Con un trattamento appropriato, è possibile gestire i sintomi dell’ADHD.

                    Lascia un commento