Anemia perniciosa: Sintomi, trattamento e tipi

L’anemia perniciosa è una condizione autoimmune che porta ad una mancanza di globuli rossi. Una carenza di vitamina B-12 la causa.

Questo articolo spiega i sintomi della perniciosa anemia, e come si differenzia da altri tipi di anemia. Discute anche i trattamenti disponibili.

Sintomi

L’anemia perniciosa è una condizione rara che 0.1 per cento di persone si pensa di essere affetti da, con una maggiore occorrenza tra quelli oltre 60 anni di età.

Una persona con anemia perniciosa può sperimentare:

    Causa

    L’anemia perniciosa è un tipo di anemia, che è quando una persona non è in grado di fare abbastanza globuli rossi. L’anemia perniciosa è il risultato di un problema con il sistema immunitario.

    Quando una persona ha l’anemia perniciosa, il suo intestino non assorbe vitamina B-12 correttamente. Questo causa una carenza di vitamina B-12. Fino a 50 per cento degli adulti con una carenza di vitamina B-12 può avere un’anemia perniciosa.

    La gente trova la vitamina B-12 nei seguenti alimenti:

      Il corpo ha bisogno di vitamina B-12 per produrre globuli rossi. Essere carenti di vitamina B-12 significa che il corpo non è in grado di produrre abbastanza globuli rossi.

      I globuli rossi aiutano a trasportare l’ossigeno nel corpo, e il corpo ha bisogno di ossigeno per funzionare correttamente.

      Una mancanza di globuli rossi significa che i tessuti del corpo non ricevono abbastanza ossigeno. Questa carenza è ciò che causa i sintomi dell’anemia perniciosa.

      Anemia perniciosa vs. anemia da carenza di vitamina B-12

      L’anemia perniciosa è un tipo di anemia da vitamina B-12. È una condizione causata da un problema con il sistema immunitario.

      Ci sono altri tipi di anemia da carenza di vitamina B-12, che hanno cause diverse.

      Le cause dell’anemia da carenza di vitamina B-12 possono includere:

        Anemia megaloblastica

        L’anemia da carenza di vitamina B-12, compresa l’anemia perniciosa, è un tipo di anemia megaloblastica.

        Questo nome deriva dal tipo di globuli rossi o megaloblasti prodotti quando una persona è carente di vitamina B12. I megaloblasti sono un tipo di globuli rossi anormalmente grandi.

        Perché succede solo a certe persone?

        I medici pensano che l’anemia perniciosa sia dovuta a un problema del sistema immunitario.

        Una proteina chiamata fattore intrinseco aiuta una persona ad assorbire la vitamina B-12 nell’intestino. Lo stomaco produce il fattore intrinseco. Tuttavia, le persone con anemia perniciosa rilasciano un anticorpo per errore. Questo anticorpo attacca le cellule dello stomaco che producono il fattore intrinseco. Questa reazione autoimmune può ridurre o fermare la sua produzione.

        Una mancanza di fattore intrinseco significa che l’intestino non può assorbire la vitamina B-12 dal cibo. Il corpo non può produrre abbastanza globuli rossi senza avere abbastanza vitamina B-12.

        Diagnosi

        Un medico chiederà a una persona i suoi sintomi per diagnosticare l’anemia perniciosa.

        Possono anche chiedere informazioni su:

          Il medico può anche esaminare la persona. Possono anche effettuare dei test per raggiungere una diagnosi. Questi possono includere i seguenti esami del sangue:

            Il medico può anche effettuare un midollo osseo test. I due tipi di test del midollo osseo sono un’aspirazione o una biopsia. In entrambi i tipi, il medico cerca cellule del midollo osseo ingrandite, che sono un segno di anemia perniciosa.

            Opzioni di trattamento

            I medici trattano l’anemia perniciosa con una terapia sostitutiva a base di vitamina B-12, che viene somministrata tramite iniezioni di vitamina B-12.

            Un medico inietterà un’iniezione di vitamina B-12 nei muscoli di una persona. Le iniezioni vengono somministrate su base giornaliera o settimanale fino a quando i livelli di vitamina B-12 tornano alla normalità.

            Le pillole orali di vitamina B-12 sono un trattamento meno utilizzato. A Revisione 2016, tuttavia, li ha trovati per essere un’alternativa efficace alla vitamina B-12 colpi. Ha anche notato che le persone potrebbero preferire l’assunzione di pillole.

            È meglio per le persone discutere le varie opzioni con il loro medico che può raccomandare il trattamento più appropriato per ogni persona.

            I sintomi possono iniziare a migliorare pochi giorni o settimane dopo l’inizio del trattamento.

            Quali sono le complicazioni?

            L’anemia perniciosa mette ulteriori stress sul cuore di una persona. Questo perché deve lavorare di più per pompare il sangue ossigenato nel corpo.

            Lo stress aggiuntivo sul cuore può causare:

              Takeaway

              Con il giusto trattamento, i sintomi dell’anemia perniciosa possono essere ben gestiti.

              Poiché l’anemia perniciosa è una condizione autoimmune, le persone possono aver bisogno di un trattamento per tutta la vita per controllare i sintomi.

              I medici possono trattare la carenza di vitamina B-12. Tuttavia, non esiste ancora una cura per la reazione del sistema immunitario che provoca questa carenza.
              Perché l’anemia da carenza di ferro è comune tra gli anziani?

              L’anemia da carenza di ferro è una condizione in cui il corpo non ha abbastanza globuli rossi sani a causa di una carenza di ferro. È comune tra gli adulti più anziani, con possibili cause tra cui carenze nutrizionali, perdita di sangue, assunzione di alcuni farmaci e scarso assorbimento.

              Il corpo usa ferro nella produzione di globuli rossi (RBC), che trasportano l’ossigeno nel corpo. Senza ferro sufficiente, una persona può non essere in grado di produrre abbastanza RBC sani per soddisfare le esigenze del corpo. Il risultato può essere anemia da carenza di ferro, che può causare sintomi come affaticamento, debolezza e mancanza di respiro.

              Una persona riceve tipicamente il ferro dalla sua dieta. Tuttavia, una carenza alimentare o l’incapacità del corpo di utilizzare correttamente il ferro può portare all’anemia da carenza di ferro. Questa condizione è comune tra gli adulti più anziani a causa di molteplici fattori che possono influenzare il modo in cui il corpo ottiene o utilizza il ferro alimentare.

              In questo articolo, discutiamo la prevalenza di anemia da carenza di ferro negli anziani e spieghiamo come trattare e gestire la condizione.

              Perché si verifica spesso negli adulti più anziani?

              L’anemia da carenza di ferro è relativamente comune nelle popolazioni che invecchiano. Una ricerca del 2018 nota che a seconda della popolazione in questione, 12-47% degli adulti più anziani svilupperà una qualche forma di anemia.

              Altre prove notano che l’anemia è più frequente in età avanzata, potenzialmente colpendo circa 17% della popolazione di età superiore ai 65 anni. La ricerca suggerisce anche che l’anemia da carenza di ferro, in particolare, rappresenta circa un terzo di casi di anemia negli adulti più anziani.

              Anche se alcuni casi di anemia da carenza di ferro possono essere lievi, l’anemia negli adulti più anziani può contribuire a una serie di esiti negativi, tra cui degenze ospedaliere più lunghe e persino la mortalità. Di conseguenza, i medici lavoreranno per diagnosticare e trattare anche i casi lievi di anemia.

              Più fattori sottostanti possono giocare un ruolo nell’anemia da carenza di ferro, più di uno dei quali può contribuire alla diagnosi di una persona. Questi possono includere:

              Assunzione di dieta

              Un basso apporto dietetico di ferro può causare sintomi se il corpo non riceve abbastanza ferro per ricostituire i globuli rossi sani. Le persone che seguono certe diete, come i vegani, o coloro che non mangiano consapevolmente abbastanza alimenti ricchi di ferro possono avere un aumentato rischio di anemia.

              Scopri i piani di dieta per la carenza di ferro.

              Altre carenze vitaminiche

              Anche con una dieta ricca di ferro, una persona che manca di altre importanti vitamine può ancora essere a rischio di sviluppare un’anemia da carenza di ferro. Carenze di vitamine B – come ad esempio vitamina B12 o vitamina B9, che è anche chiamato acido folico o folato – sono anche abbastanza comuni e può colpire assorbimento del ferro.

              Malassorbimento

              Se il corpo non può utilizzare correttamente il ferro – per esempio, a causa di un disturbo gastrointestinale – anche un elevato apporto di ferro può non essere sufficiente a bilanciare i livelli di ferro. Problemi di salute che influenzano l’assorbimento del ferro possono, quindi, causare anemia da carenza di ferro come problema secondario.

              Bassa eritropoietina

              Eritropoietina (EPO) è un ormone che i reni producono. EPO aiuta a stimolare la produzione e la riparazione di RBC. Le condizioni che potrebbero influenzare i livelli di EPO possono anche portare all’anemia da carenza di ferro. Queste condizioni includono quelle che colpiscono i reni e i disturbi ormonali.

              Sanguinamento

              Un’emorragia può far sì che una persona perda abbastanza globuli rossi sani da sviluppare l’anemia. Il sanguinamento esterno può verificarsi quando la pelle invecchia e diventa più sottile, rendendo più probabili tagli e graffi. Questi tagli e graffi possono anche richiedere più tempo per guarire.

              Condizioni che causano emorragia interna, come ulcere o problemi allo stomaco o all’intestino, possono ridurre il numero di RBC sani nel corpo e portare all’anemia da carenza di ferro. Un trauma o una ferita possono a volte causare anche un’emorragia interna nascosta, con conseguente perdita di sangue.

              Alcuni farmaci o combinazioni di farmaci possono anche aumentare il rischio di emorragie interne, in particolare con un uso prolungato. Le persone in cura medica che hanno bisogno di test regolari possono essere sottoposte a prelievi di sangue molto frequenti, che potrebbero contribuire al problema.

              Complessivamente, il sanguinamento può essere un fattore che contribuisce alla perdita di RBC e all’anemia in molte persone. Ricerca del 2018 nota che il sanguinamento da farmaci e condizioni sottostanti è la causa più frequente di anemia da carenza di ferro nelle persone anziane.

              Farmaci

              Diversi farmaci possono potenzialmente alterare la conta dei globuli rossi. I farmaci che influenzano i reni o gli ormoni possono causare squilibri nei composti chiave e compromettere la creazione di RBC.

              I farmaci che influenzano l’assorbimento digestivo possono rendere difficile per il corpo elaborare il ferro o altre vitamine importanti, come le vitamine del gruppo B. Alcuni farmaci, tra cui farmaci chemioterapici, può colpire il midollo osseo, che è responsabile della produzione di RBC sani. Le combinazioni di alcuni farmaci possono anche avere effetti sconosciuti che potrebbero alterare il modo in cui il corpo produce o utilizza i RBC.

              Si consiglia alle persone di controllare i possibili effetti collaterali di un farmaco e discutere la possibilità che un farmaco causi sintomi di anemia da carenza di ferro con un medico.

              H. pylori infezione

              Alcune infezioni possono causare problemi con il modo in cui il corpo usa il ferro. Una ricerca del 2019 nota che Helicobacter pylori le infezioni sono comuni nelle popolazioni che invecchiano, colpendo fino a 50% di coloro che hanno più di 60 anni. Complicazioni da H. pylori le infezioni possono includere l’anemia.

              Malattie croniche

              Le condizioni croniche possono causare vari problemi nel corpo, potenzialmente influenzando i RBC o altri sistemi coinvolti nella produzione o nell’uso dei RBC. Alcuni esempi includono:

                I medici prenderanno in considerazione possibili condizioni sottostanti quando faranno una diagnosi.

                Condizioni infiammatorie

                Alcune condizioni possono causare un’infiammazione cronica nel corpo. A seconda del tipo e dell’area dell’infiammazione, può interferire con le funzioni corporee, come la produzione di RBC. Chiunque abbia una condizione infiammatoria cronica o altri problemi che portano a una lunga durata infiammazione possono considerare di contattare un medico per discutere il loro rischio.

                Sintomi

                I sintomi dell’anemia variano tra gli individui, ma alcuni sintomi comuni includono:

                  Le persone con la pelle chiara possono anche notare che la loro pelle diventa più pallida o leggermente gialla.

                  Diagnosi

                  I medici diagnosticare anemia utilizzando esami del sangue.

                  A emocromo completo (CBC) test possono aiutare a misurare i diversi tipi di cellule del sangue e altri componenti del sangue, come l’emoglobina, che è una proteina che trasporta l’ossigeno. Un basso conteggio dell’emoglobina può indicare un basso conteggio di RBC e anemia.

                  I medici possono anche somministrare un test del volume cellulare imballato (PCV) per misurare livelli di ematocrito. Il livello di ematocrito è la percentuale di RBC nel sangue. Un test PCV può aiutare a mostrare che una persona ha troppo pochi RBC, il che può indicare un’anemia.

                  Oltre agli esami del sangue, i medici possono usare i test di follow-up per controllare altri importanti fattori legati all’anemia. Possono eseguire un Proteina C-reattiva test per cercare marcatori di infiammazione o una conta dei reticolociti per valutare la produzione del midollo osseo. Inoltre, possono controllare:

                    Trattamento

                    I medici possono raccomandare diversi metodi per trattare l’anemia a seconda della causa sottostante e della gravità. Il trattamento può variare in ogni caso, poiché più fattori possono contribuire alla condizione.

                    Un medico può iniziare la persona su ferro supplementare, sotto forma di farmaci, ferro alimentare o ferro per via endovenosa, per aumentare i loro livelli di ferro.

                    Se una condizione sottostante è responsabile dell’anemia, il medico cercherà di trattare questa condizione. Questo può risolvere l’anemia o aiutarli a trovare altre cause sottostanti.

                    Se il medico sospetta che un farmaco o una combinazione di farmaci stia causando l’anemia, può raccomandare farmaci alternativi, se disponibili. In alternativa, potrebbero suggerire altri modi per gestire l’anemia fino a quando la persona può uscire dal farmaco.

                    Gestione e consigli

                    Una persona con anemia da carenza di ferro dovrà assicurarsi di ottenere sufficiente ferro e altri nutrienti chiave nella sua dieta.

                    I suggerimenti per fare questo includono:

                      Quando contattare un medico

                      Qualsiasi adulto anziano che sta sperimentando i sintomi che possono indicare l’anemia da carenza di ferro, come l’affaticamento e la mancanza di respiro, dovrebbe considerare di contattare un medico per una diagnosi.

                      Gli individui con condizioni di base che possono influenzare l’assorbimento del ferro possono voler discutere con il loro medico su come ridurre il rischio di carenza di ferro.

                      Sommario

                      L’anemia da carenza di ferro è comune nelle popolazioni anziane, e molteplici fattori possono giocare un ruolo nel suo sviluppo. Le potenziali cause di anemia da carenza di ferro in questo gruppo di età includono la perdita di sangue, carenze nutrizionali, farmaci, condizioni sottostanti e malassorbimento.

                      Gli individui che sperimentano i sintomi di anemia da carenza di ferro dovrebbero considerare di contattare un medico per una diagnosi. Il medico dovrebbe essere in grado di consigliare come aumentare l’assunzione di ferro nella dieta o trattare le condizioni sottostanti che possono influenzare l’assorbimento del ferro.

                      Lascia un commento