Asfissia: Definizione, cause, trattamento e altro

L’asfissia si verifica quando il corpo non riceve abbastanza ossigeno. Questo compromette la normale respirazione e può causare l’incoscienza di una persona. Può anche portare alla morte.

Continua a leggere per saperne di più sull’asfissia, incluse alcune cause, sintomi, fattori di rischio e tecniche di prevenzione.

Cos’è l’asfissia?

Quando una persona respira normalmente, prende l’ossigeno nei polmoni. I polmoni poi passano l’ossigeno nel flusso sanguigno, dove passa nei tessuti del corpo.

Anoxia è il termine tecnico per una mancanza di ossigeno. Se il cervello non riceve abbastanza ossigeno, può far perdere conoscenza in pochi secondi. Se una persona non riceve ossigeno entro pochi minuti, possono verificarsi danni irreversibili al cervello o la morte.

Per saperne di più sull’anossia clicca qui.

Provoca

Le cause dell’asfissia possono variare, ma di solito si verifica a causa di una ferita, della respirazione di sostanze chimiche o di un blocco delle vie respiratorie.

Alcune cause più specifiche di asfissia includono:

Asma

Asma è una condizione polmonare che a volte può rendere difficile la respirazione. Se una persona ha un grave attacco d’asma, potrebbe non essere in grado di far entrare abbastanza ossigeno nei polmoni. Senza intervento, questo può portare all’asfissia.

Strangolamento

Lo strangolamento può far sì che l’aria non entri più nei polmoni. Può anche bloccare il flusso di sangue al cervello. Si verifica quando una mano, una legatura o un altro oggetto stringe la gola di una persona.

Oggetto estraneo

Se una persona si ritrova un oggetto estraneo incastrato in gola, può causarne il soffocamento. Se il soffocamento è grave, la persona può essere incapace di inalare ossigeno.

Anafilassi

Anafilassi è una grave reazione allergica. Durante l’anafilassi, il sistema immunitario rilascia sostanze chimiche che causano lo shock del corpo. Questo processo può causare il restringimento delle vie respiratorie e può causare il gonfiore della gola. Senza un trattamento di emergenza, una persona può soffocare.

Annegamento

L’annegamento si verifica quando una persona ha problemi di respirazione a causa dell’inalazione di acqua. Durante l’annegamento, il liquido entra attraverso la bocca e il naso della persona, tagliando la fornitura di ossigeno del corpo.

L’annegamento è uno dei top 10 cause di morte tra i bambini e i giovani.

asfissia chimica

L’asfissia chimica si verifica quando una persona inala una sostanza chimica che interferisce con l’assunzione di ossigeno o l’uso.

Un esempio di asfissia chimica è avvelenamento da monossido di carbonio. Se una persona respira il monossido di carbonio si mescola ai globuli rossi che trasportano l’ossigeno nel corpo. Se una persona inala troppo monossido di carbonio, il sangue diventa incapace di trasportare l’ossigeno. Questo può causare il soffocamento e la morte delle cellule degli organi vitali.

Sintomi

Un studio più vecchio nota i sintomi dell’asfissia come:

    Una persona che sperimenta l’asfissia può anche avere le labbra blu o una leggera sfumatura blu sulla pelle. Ciò è dovuto ai bassi livelli di ossigeno nel loro sangue.

    Trattamento

    A seconda della causa specifica dell’asfissia, il trattamento può variare. Alcuni trattamenti per l’asfissia includono la rianimazione cardiopolmonare (CPR) e l’ossigenoterapia.

    Se qualcuno diventa incosciente a causa dell’asfissia, il suo cuore può smettere di battere. Quando una persona fa la RCP, essenzialmente assume il ruolo del cuore e dei polmoni, aiutando il sangue e l’ossigeno a muoversi nel corpo.

    Durante l’ossigenoterapia, una persona indossa una maschera su naso e bocca o solo un tubo nel naso. La maschera o il tubo è collegato a una bombola che fornisce aria contenente più ossigeno del solito.

    Prevenzione

    La prevenzione dell’asfissia può anche variare a seconda della causa. Questa sezione esaminerà alcune tecniche di prevenzione contro alcune cause di asfissia.

      Fattori di rischio

      I seguenti gruppi possono essere a maggior rischio di soffocamento:

        Asfissia durante il parto

        I medici si riferiscono all’asfissia durante la nascita come asfissia perinatale. Si verifica quando il neonato non riceve abbastanza ossigeno prima, durante o dopo il parto. Questo può causare loro di sviluppare danni al cervello, problemi di respirazione, o insufficienza d’organo.

        Secondo il Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS), è una delle cause più comuni di morte nei neonati.

        A revisione sistematica guardando i potenziali fattori di rischio per l’asfissia perinatale nota che i seguenti possono mettere un neonato a più alto rischio:

          Il rischio può anche dipendere dal numero di gravidanze che una persona ha avuto prima di quella attuale.

          Alcuni altri motivi per cui l’asfissia perinatale può verificarsi includere:

            L’asfissia perinatale è complessa e può essere difficile da prevedere e prevenire. Il trattamento dipenderà dalla salute generale del bambino, dalla gravità della condizione e dalla sua tolleranza ai farmaci.

            Durante il parto, se l’equipe sanitaria ritiene che ci sia un rischio di asfissia perinatale, può fornire alla persona che partorisce ossigeno supplementare o effettuare un parto cesareo.

            Se il bambino non respira dopo la nascita, può richiedere ventilazione assistita e farmaci. Questo per aiutarli a respirare e per controllare la loro pressione sanguigna.

            Asfissia autoerotica

            Asfissia autoerotica si riferisce ad un atto sessuale in cui una persona taglia la sua fornitura di ossigeno per aumentare la gratificazione sessuale.

            Le persone che ci provano tendono ad usare un oggetto per provocare l’asfissia. Per esempio, possono legare una corda stretta intorno al collo mentre si masturbano. Questo blocca il flusso di sangue al cervello e può creare una sensazione piacevole, che può intensificare un orgasmo.

            Non provare mai l’asfissia autoerotica. Comporta un grande rischio e può portare alla morte.

            Riassunto

            L’asfissia è un’alterazione della respirazione che si verifica quando l’ossigeno nel corpo è insufficiente. Questo si traduce in una diminuzione dell’apporto di ossigeno al cervello e può causare l’incoscienza o la morte di una persona.

            Alcune condizioni e situazioni possono mettere qualcuno a più alto rischio di asfissia, come soffocamento, annegamento, asma o anafilassi.

            Lascia un commento