Bolle vaginali: Cause, rimedi casalinghi e prevenzione

Un foruncolo vaginale è un grumo pieno di pus che si sviluppa all’esterno della vagina come risultato di un follicolo pilifero o di una ghiandola petrolifera bloccati.

Mentre foruncoli possono verificarsi in qualsiasi zona del corpo, si trovano comunemente fuori dalla vagina, sulle labbra o nella zona pubica.

Alcune persone possono usare il termine bolla e ascesso in modo intercambiabile per descrivere una bolla vaginale. Tuttavia, gli ascessi sono di solito infezioni cutanee più profonde dei foruncoli.

Alcune condizioni della pelle possono essere simili a un foruncolo vaginale. Mentre la maggior parte guarirà da sola, altri possono richiedere attenzione medica per evitare un peggioramento dell’infezione.

Tabella dei contenuti

Fatti veloci sui foruncoli vaginali:

    Quali sono le cause?

    Ci sono una varietà di condizioni e fattori che possono causare bolle vaginali.

    Organismi infettivi

    I foruncoli possono essere causati da batteri, come Stafilococco aureo, Escherichia coli, e Chlamydia trachomatis.

    Condizioni della pelle

    Una condizione della pelle che può causare bolle vaginali è la follicolite, che si verifica quando i batteri infettano un follicolo pilifero.

    Questa infezione è spesso un effetto collaterale dell’irritazione causata dalla rasatura o dalla ceretta dei peli della zona pubica. Un bernoccolo può essere doloroso e iniziare piccolo, ma può crescere più grande e diventare un bubbone.

    Cisti

    Un’altra causa comune di un foruncolo vaginale è una ghiandola di Bartholin cisti. Questo tipo di cisti è causato da un’infezione delle ghiandole di Bartholin, che si trovano sotto la pelle vicino all’apertura vaginale. Queste ghiandole possono bloccarsi, causando la formazione di una ciste o di una protuberanza rotonda e dura. Se la cisti si infetta, può causare la formazione di una bolla.

    Infezioni trasmesse sessualmente

    Infezioni sessualmente trasmesse e i piercing genitali possono anche essere cause di bolle vaginali.

    Le donne con la pelle grassa o quelle con la crescita dei peli pubici più spessi sono più a rischio di ascessi vaginali, secondo Il Royal Women’s Hospital.

    Rimedi casalinghi

    Ci sono una serie di rimedi casalinghi che una donna può provare. Questi includono:

    Applicare una compressione calda (non calda)

    Fai scorrere un panno morbido sotto l’acqua calda e applica l’impacco caldo sul foruncolo vaginale per 10-15 minuti. Questo può causare la fuoriuscita di pus dal foruncolo. Una persona non dovrebbe spremere il bubbone.

    Usare un bagno sitz

    Un bagno sitz può essere acquistato online o nella maggior parte delle farmacie come un anello di plastica che può essere riempito con acqua calda e posto sopra una tazza del water. Un’altra opzione è quella di sedersi in un bagno poco profondo riempito con acqua tiepida.

    Mantenere l’area pulita e asciutta

    Lavare la bolla con sapone antibatterico, pulire il sapone usando acqua pulita da una bottiglia spray, e asciugare la zona interessata delicatamente con un panno morbido. Evitare di strofinare o toccare la bolla. Lavare sempre le mani con acqua e sapone prima di pulire o applicare qualsiasi prodotto topico antibiotico unguenti per la zona.

    Indossare biancheria intima traspirante

    Biancheria intima pulita e di cotone può permettere alla pelle di “respirare.” Le donne dovrebbero evitare di indossare biancheria intima stretta che può sfregare contro il foruncolo e infiammarlo.

    Prendere antidolorifici da banco

    Se il foruncolo è leggermente doloroso, la donna può prendere un antidolorifico da banco, come l’acetaminofene o l’ibuprofene. Se questi farmaci non controllano il dolore, la donna dovrebbe consultare il suo medico.

    Trattamenti casalinghi da evitare

    Così come alcuni trattamenti casalinghi possono essere benefici, ce ne sono altri che possono essere irritanti o causare ulteriori danni.

    Una donna non dovrebbe mai tentare di pungere o spremere un foruncolo vaginale da sola. Se l’area è drenante, dovrebbe coprirla con una benda pulita e asciutta.

    Dovrebbe anche evitare di usare lozioni, salviette per bambini o unguenti molto profumati.

    Quando consultare un medico

    Se il foruncolo non risponde ai trattamenti casalinghi o ai farmaci da banco o sembra peggiorare invece di migliorare, la donna dovrebbe consultare un medico.

    Una donna dovrebbe anche cercare un trattamento se osserva qualsiasi segno di infezione, come pus striato di sangue o il foruncolo o la pelle circostante è calda al tatto. La donna deve anche vedere il suo medico se sviluppa qualsiasi segno di un’infezione sistemica, come febbre.

    Trattamenti medici

    Drenare il foruncolo è efficace per i foruncoli più gravi. Un medico può applicare una pomata antibiotica e applicare una benda sterile per dare tempo al foruncolo di guarire.

    Le bolle che sono più profonde nella pelle o che mostrano segni di cellulite, un’infezione batterica che colpisce gli strati interni della pelle e lo strato di grasso, può richiedere un trattamento con antibiotici per via orale o endovenosa (IV). Il tipo di antibiotico prescritto dipende dalla natura e dalla gravità dell’infezione della persona.

    Possono essere prevenute

    Cambiare frequentemente la biancheria intima e praticare un’ottima igiene può aiutare a prevenire i foruncoli vaginali.

    Mantenere l’area pulita lavando il corpo e la zona vaginale almeno una volta al giorno con sapone antibatterico.

    Il lavaggio regolare delle mani può anche aiutare a ridurre l’esposizione batterica.

    Tuttavia, praticare un’igiene accurata non garantisce che una donna non sviluppi un foruncolo vaginale.

    Altri consigli preventivi includono:

      Se una donna sperimenta bolle vaginali croniche, dovrebbe parlare con il suo medico di ulteriori opzioni preventive. Per esempio, un medico può prescrivere controllo delle nascite pillole per ridurre la quantità di ormoni produttori di olio che possono contribuire alle infezioni.

      Prospettiva

      Idealmente, un foruncolo si ridurrà di dimensioni nel corso di una settimana. Se il foruncolo vaginale di una donna non migliora con i trattamenti casalinghi, dovrebbe consultare un medico per evitare che l’infezione si diffonda più profondamente.
      Cos’è una doccia? Usi, sicurezza e alternative

      Una doccia è un dispositivo utilizzato per introdurre un getto d’acqua all’interno di una parte del corpo in modo che possa essere lavato. La doccia viene fatta per ragioni mediche o igieniche.

      Molte donne usano una doccia per cercare di sbarazzarsi dell’odore vaginale e credono che questo aiuti a mantenere pulita la vagina.

      Mentre come molti come 1 donna su 5 tra i 15 e i 44 anni si pensa di praticare la lavanda vaginale regolarmente, può avere conseguenze spiacevoli e persino pericolose.

      Fatti veloci su docce e lavande:

        Perché si usano le docce?

        What is a douche <br class=Credito immagine: Shattonbury~commonswiki, 2004
        ” class=”css-1jytyml”/>

        L’uso principale della doccia è per le donne di lavare la vagina.

        La lavanda vaginale consiste nel riempire una bottiglia o un sacchetto d’acqua e spruzzarla verso l’alto nella vagina.

        Le donne a volte scelgono di mescolare l’acqua con altri liquidi, come l’aceto, o di acquistare prodotti per la doccia che possono contenere ingredienti, come bicarbonato di sodio, iodio, antisettici o profumi.

        Le donne dichiarano di usare la doccia per i seguenti motivi

          Nonostante questo, la doccia non ha dimostrato di raggiungere nessuno di questi obiettivi.

          La doccia è sicura?

          Il Collegio americano di ostetricia e ginecologia afferma che le donne non dovrebbero usare lavande.

          La flora vaginale è i batteri presenti nella vagina. Questo mantiene la vagina sana e previene le infezioni. La vagina di una donna è “autopulente” e può mantenere il corretto equilibrio di pH senza interferenze.

          Il lavaggio può rimuovere i batteri buoni dalla vagina. L’uso di una doccia può cambiare il suo equilibrio di pH, permettere che i batteri cattivi si moltiplichino e che si verifichino infezioni, irritazioni, pelle ruvida e complicazioni più gravi.

          Rischi della lavanda vaginale

          La lavanda vaginale può causare più danni che benefici. Il potenziale di complicazioni, alcune delle quali possono essere gravi, dipende dalle ragioni per cui una donna decide di fare la doccia.

          Gravidanza

          La doccia non è una forma valida di contraccezione. Tuttavia, usare una doccia può rendere più difficile per una donna che sta cercando di concepire.

          Inoltre, le donne che fanno la doccia regolarmente possono avere una gravidanza più complicata.

          Le donne incinte possono sperimentare:

            Infezioni

            C’è un malinteso comune che la lavanda vaginale possa aiutare a prevenire le infezioni vaginali o a liberarsene. Tuttavia, è vero il contrario.

            Fare la doccia regolarmente può aumentare le possibilità di una donna di sviluppare un’infezione vaginale. L’alterazione dell’equilibrio naturale del pH della vagina può provocare infezioni da lievito e vaginosi batterica.

            Infatti, le donne che fanno la doccia sono cinque volte più probabile sviluppare la vaginosi rispetto a quelle che non lo fanno.

            Usare una doccia quando un’infezione è già presente è anche più probabile che peggiori e si diffonda ad altre parti del sistema riproduttivo.

            Malattia infiammatoria pelvica (PID)

            Malattia infiammatoria pelvica o PID è solitamente causato da un’infezione trasmessa sessualmente. Colpisce gli organi riproduttivi e può ridurre le possibilità di una donna di rimanere incinta.

            Le donne che fanno la doccia regolarmente aumentano il loro rischio di PID 73 per cento.

            Cervicite

            La cervicite si verifica quando la cervice si irrita o si infiamma e può causare prurito, dolore e perdite vaginali. È un’altra condizione che di solito si contrae tramite un’infezione trasmessa sessualmente. Tuttavia, anche la lavanda vaginale aumenta il rischio.

            Mentre un odore vaginale naturale e alcune perdite vaginali sono entrambi perfettamente sani, è essenziale essere consapevoli dei segni e dei sintomi di un problema più serio.

            I segni a cui prestare attenzione includono:

              Se una donna si accorge di uno qualsiasi dei casi di cui sopra, è consigliabile chiedere consiglio a un medico.

              La lavanda vaginale è necessaria?

              La vagina di una donna è autopulente e si libera da sola di sperma, sangue mestruale e altri fluidi corporei. La pulizia con una doccia o qualsiasi metodo di pulizia dirompente o di hashish è probabile causare danni alla vagina, che in alcuni casi, potrebbe essere grave.

              Una donna che è preoccupata per odore vaginale o scarico anormale dovrebbe contattare il suo medico per discutere il problema. Usare una doccia per eliminare queste preoccupazioni potrebbe mascherare i problemi sottostanti e potrebbe portare a complicazioni più gravi se non trattate.

              Alternative alla lavanda vaginale

              Mantenere la vagina pulita è semplice. Il modo più semplice è lavarsi con acqua quando si fa il bagno o la doccia. Si può usare un detergente non profumato o uno progettato per uso vaginale che non sconvolga il naturale equilibrio del pH della vagina.

              Quando ci si lava, una persona dovrebbe trattenere delicatamente le pieghe esterne della vagina e risciacquare o spruzzare con acqua.

              Non strofinare la zona ed evitare di far entrare il sapone o i detergenti nella vagina. Se usando un lavaggio, l’individuo dovrebbe assicurarsi di risciacquare accuratamente dopo e tamponare delicatamente con un asciugamano pulito.

              Prevenire l’odore vaginale

              Mentre la vagina ha un odore naturale, per alcune donne l’odore sembra sgradevole o imbarazzante.

              L’odore vaginale di ogni donna è diverso, e attività come il sesso e l’esercizio possono cambiare l’odore della vagina.

              Ci sono modi per ridurre l’odore vaginale in modo sicuro. Questi sono:

                Seguendo i consigli di cui sopra, l’equilibrio del pH e i batteri buoni nella vagina dovrebbero rimanere indisturbati e le infezioni e gli odori sono meno probabili.
                Interruzione e inizio delle mestruazioni: Cause e quando consultare un medico

                Alcune persone possono sperimentare periodi che iniziano come previsto, poi si fermano e iniziano di nuovo. Irregolarità occasionali nel ciclo mestruale non sono insolite e possono essere dovute a fattori di stile di vita e fluttuazioni ormonali. In alcuni casi, i periodi irregolari possono essere un segno di squilibri ormonali o di una condizione di salute sottostante.

                Una mestruazione dura tipicamente per 5 giorni ma può variare da 2-7 giorni. Il flusso mestruale di un individuo è solitamente più pesante durante il primo 2 giorni delle mestruazioni.

                Continua a leggere per saperne di più su periodi irregolari, cosa può causarli e quando consultare un medico.

                Che cosa significa?

                Il ciclo mestruale è tipicamente 28 giorni ma può variare tra 21-35 giorni. Un ciclo mestruale irregolare è un ciclo che è più breve o più lungo del solito o comporta un flusso più leggero o più pesante.

                Le irregolarità mestruali possono anche comportare un leggero sanguinamento o “spotting” tra i periodi.

                I periodi irregolari sono comuni, con 14-25% delle persone che hanno cicli mestruali irregolari. Possono anche sperimentare sintomi spiacevoli, come crampi mestruali.

                Perché potrebbe accadere?

                Ogni persona avrà un ciclo mestruale e un periodo leggermente diverso. Lievi variazioni di flusso, durata e sintomi di solito non sono nulla di cui preoccuparsi.

                Sangue mestruale consiste in sangue e tessuto del rivestimento dell’utero. Questo rivestimento è l’endometrio.

                Il ruolo dell’endometrio è quello di ricevere e nutrire un uovo fecondato. Con il progredire del ciclo della persona, l’endometrio diventa più spesso. Se un uovo non viene fecondato, l’endometrio si stacca. Il sangue e il tessuto mestruale passano poi attraverso la cervice ed escono dalla vagina.

                A volte, il tessuto mestruale può bloccare la cervice, impedendo o limitando l’uscita del sangue e dei tessuti dal corpo. Questo blocco può creare una pausa nel periodo di una persona. Una volta eliminato il blocco, le mestruazioni riprenderanno normalmente.

                Le mestruazioni possono anche cambiare di mese in mese a causa di:

                  Cambiamenti nei livelli ormonali

                  I livelli ormonali cambiano durante un periodo, e questo può influenzare il flusso mestruale.

                  All’inizio delle mestruazioni, i livelli degli ormoni estrogeni e progesterone calo. Questo fornisce un segnale per l’endometrio per iniziare a spargere, e per il periodo di iniziare.

                  Verso la fine del periodo, i livelli di estrogeni cominciano a salire di nuovo. L’aumento dei livelli di estrogeni causa l’ispessimento del tessuto mestruale. Questo cambiamento ormonale può influenzare il flusso mestruale.

                  Condizioni che possono causare periodi irregolari

                  Alcune condizioni mediche possono causare squilibri ormonali che possono interrompere o interferire con le mestruazioni. Le seguenti condizioni possono provocare periodi irregolari:

                  Sindrome dell’ovaio policistico

                  Sindrome dell’ovaio policistico (PCOS) è uno squilibrio di ormoni che colpisce le ovaie e ovulazione.

                  La causa esatta della PCOS è sconosciuta. Tuttavia, alti livelli di ormoni maschili come androgeni e testosterone può giocare un ruolo.

                  Le femmine che hanno la PCOS possono avere un ciclo mestruale irregolare. Possono anche mancare le mestruazioni, o scoprire che le loro mestruazioni si fermano del tutto.

                  Altri sintomi della PCOS includono:

                    I fattori dello stile di vita possono aiutare una persona a gestire la PCOS e a bilanciare i suoi livelli ormonali. Gli esempi includono:

                      Alcuni farmaci possono anche aiutare a bilanciare i livelli ormonali e ridurre i sintomi della PCOS.

                      Endometriosi

                      Endometriosi avviene quando l’endometrio cresce al di fuori dell’utero.

                      L’endometriosi può influenzare il flusso mestruale e può causare sintomi dolorosi durante le mestruazioni. Una persona può anche sperimentare spotting tra le mestruazioni.

                      L’endometriosi può verificarsi come risultato del tessuto mestruale che passa attraverso le tube di Falloppio e in altre parti del corpo. Altre cause possono includere:

                        I sintomi dell’endometriosi possono includere:

                          I farmaci antidolorifici da banco (OTC) possono aiutare ad alleviare i sintomi lievi dell’endometriosi. Il controllo ormonale delle nascite può aiutare a gestire i sintomi.

                          Altri tipi di farmaci ormonali possono essere necessari per chi sta cercando di rimanere incinta.

                          In casi gravi, una persona può aver bisogno di un intervento chirurgico per trattare la sua endometriosi.

                          Quando vedere un medico

                          I periodi irregolari occasionali sono comune, in particolare per le adolescenti che hanno recentemente avuto il loro primo periodo.

                          Alcuni fattori dello stile di vita, come stress, anche la dieta e l’esercizio fisico possono influenzare il ciclo mestruale di una persona.

                          Le persone dovrebbero vedere il loro medico o ginecologo se notano qualsiasi dei seguenti casi:

                            Le persone dovrebbero anche vedere un medico se sperimentano uno dei seguenti sintomi:

                              Può essere utile per una persona tenere traccia del proprio ciclo mestruale e dei sintomi che sperimenta. Possono quindi trasmettere queste informazioni per informare la diagnosi del medico.

                              Un medico può richiedere esami del sangue per controllare i livelli ormonali e può anche effettuare un esame pelvico. Se il medico sospetta una condizione di salute sottostante, può anche richiedere un’analisi ecografia delle ovaie.

                              Riassunto

                              I periodi irregolari non sono sempre motivo di preoccupazione. I periodi che si fermano e il riavvio sono spesso il risultato di normali fluttuazioni ormonali durante le mestruazioni.

                              Una persona dovrebbe vedere un medico o un ginecologo se queste irregolarità si verificano con ogni periodo, o se si verificano altri sintomi. Un medico può controllare i livelli ormonali e può eseguire altri test diagnostici per determinare la causa dei periodi irregolari.
                              Spotting al posto delle mestruazioni? Scopri perché succede qui

                              Lo spotting è un leggero sanguinamento associato al ciclo mestruale. Una serie di fattori, tra cui la pillola anticoncezionale, la gravidanza, e diversi problemi di salute, può causare.

                              Una persona potrebbe usare un tampone o non avere bisogno di prodotti mestruali per lo spotting che è leggero o poco frequente. Chiunque abbia spotting invece di un periodo può voler fare un test di gravidanza.

                              Se lo spotting o qualsiasi altra irregolarità mestruale sono persistenti, contattare un medico. Questo è particolarmente importante se ci sono altri sintomi, come il dolore, se ci sono stati più di tre periodi mancati di fila, o se qualsiasi sanguinamento avviene dopo l’inizio della menopausa.

                              Questo articolo descrive cos’è lo spotting, cosa lo causa e quando consultare un medico.

                              Cos’è lo spotting? 

                              Lo spotting è una piccola quantità di sangue versato durante il ciclo mestruale, ma non abbastanza per essere considerato un periodo.

                              Un periodo medio comporta tipicamente 2-3 cucchiai di sangue mestruale versato in 4-5 giorni. Lo spotting implica molto meno sangue.

                              A volte segnala l’inizio di un periodo, ma lo spotting può verificarsi durante tutto il ciclo. Lo spotting può anche essere un indicatore precoce di gravidanza, un segno di stress o un sintomo di diversi problemi di salute.

                              Cosa causa lo spotting? 

                              I medici considerano lo spotting al posto delle mestruazioni una “irregolarità mestruale”, ma queste non sono esattamente rare. In effetti, 14-25% delle donne in età riproduttiva hanno periodi irregolari.

                              Alcune cause di spotting includono:

                              Pillole anticoncezionali

                              È non insolito per le persone che hanno spotting quando prendono controllo delle nascite pillole, soprattutto nei primi mesi di utilizzo. Una persona può, per esempio, avere spotting se sta prendendo pillole di solo progestinico o pillole che forniscono le stesse quantità di ormoni ogni giorno.

                              Per saperne di più sugli effetti collaterali della pillola anticoncezionale clicca qui.

                              Gravidanza

                              Lo spotting durante il primo trimestre non è raro e non indica necessariamente un problema. Succede per 15-25% di persone incinte.

                              Inoltre, alcune persone hanno sanguinamento da impianto quando l’uovo fecondato si incorpora nel rivestimento dell’utero, e questo può apparire come spotting.

                              Chiunque abbia spotting invece di un periodo può voler fare un test di gravidanza.

                              Per saperne di più sulla gravidanza, clicca qui.

                              Stress

                              Stress mentale e fisico può alterare il rilascio di ormoni e influenzare le vie di regolazione mestruale. Questo potrebbe portare allo spotting.

                              Se lo stress diventa difficile da gestire, considera di contattare un medico. Un piano di trattamento potrebbe comprendere farmaci, tecniche di gestione dello stress o una combinazione.

                              Per saperne di più sullo stress, clicca qui.

                              Menopausa

                              Alcuni anni prima della menopausa, spotting e altre irregolarità mestruali possono verificarsi. Dopo i primi sintomi, il corpo può impiegare circa 4 anni per passare alla menopausa.

                              Dopo che una persona è entrata in menopausa, dovrebbe contattare un medico per qualsiasi sanguinamento o spotting.

                              Per saperne di più sulla menopausa, clicca qui.

                              Problemi alla tiroide

                              La tiroide è una ghiandola a forma di farfalla nel collo, e i suoi ormoni giocano un ruolo ruolo importante nella regolazione di diversi processi corporei, comprese le mestruazioni.

                              Quando i livelli di ormone tiroideo sono troppo alti o bassi, i periodi possono essere irregolari e ci possono essere spotting.

                              Per diagnosticare il problema, un medico richiede un esame del sangue per controllare i livelli di questi ormoni. Il trattamento mira a bilanciare i livelli e ad alleviare i sintomi.

                              Per saperne di più sui disturbi tiroidei, clicca qui.

                              Sindrome dell’ovaio policistico

                              Alcuni sintomi della sindrome dell’ovaio policistico (PCOS) includono periodi mancanti e spotting, così come l’aumento di peso, acne, e la crescita indesiderata dei capelli.

                              I ricercatori non hanno ancora determinato cosa causa la PCOS. Mentre non esiste una cura, ci sono modi per gestire la maggior parte dei sintomi e aiutare a concepire, se necessario.

                              Scopri di più sulla PCOS qui.

                              Cancro

                              Secondo l’American Cancer Society, 90% di donne con cancro endometriale sanguinano tra le mestruazioni e sperimentano il sanguinamento dopo essere entrate in menopausa. Anche il dolore pelvico e la perdita di peso sono sintomi.

                              Scopri di più sul cancro endometriale qui.

                              Spotting e sanguinamento vaginale insolito possono anche essere sintomi di cancro cervicale. Inoltre, alcune persone provano dolore durante il sesso, dolore pelvico, e scarico insolito, che può essere sanguinolento.

                              Per saperne di più sul cancro cervicale, clicca qui.

                              Qual è la fonte del sanguinamento?

                              Durante le mestruazioni, il corpo rilascia sangue e tessuto dal rivestimento uterino. Lascia l’utero attraverso la cervice ed esce dal corpo attraverso l’apertura vaginale.

                              Con lo spotting, tuttavia, la fonte del sangue può variare, a seconda della causa. Per esempio, se lo spotting è un sintomo di cancro cervicale, il sangue proviene dalla cervice, non dalla parete uterina.

                              Quando vedere un medico

                              Una vasta gamma di fattori può causare lo spotting, e il problema potrebbe essere benigno o richiedere attenzione medica.

                              Una persona dovrebbe parlare con un medico se sperimentare:

                                Riassunto

                                I cicli mestruali variano da persona a persona, e lo spotting non è raro. Una serie di fattori, tra cui lo stress, la gravidanza precoce e alcuni problemi di salute possono causare.

                                Se lo spotting persiste e accompagna altri sintomi, come il dolore pelvico, parla con un medico. È anche importante fare questo se qualsiasi spotting si verifica dopo l’inizio della menopausa.

                                Trattamento delle cisti ovariche a casa: 8 modi naturali per alleviare i sintomi

                                Le cisti ovariche sono masse non cancerose che crescono sulle ovaie. Molte cisti non causano sintomi, ma altre possono essere dolorose o rendere più pesanti le mestruazioni.

                                Le donne che sospettano di avere cisti ovariche dovrebbero consultare un medico prima di provare qualsiasi trattamento casalingo, poiché è essenziale diagnosticare la causa del ciste.

                                Un forte dolore causato da una ciste ovarica può indicare che si è rotta o ha danneggiato l’ovaio o le tube di Falloppio. La rottura di una cisti può essere un’emergenza medica.

                                In questo articolo, esaminiamo una varietà di rimedi casalinghi per trattare i sintomi di una cisti ovarica, così come le opzioni di trattamento medico e quando vedere un medico.

                                Cosa sono le cisti ovariche?

                                Le cisti ovariche sono sacche piene di liquido che crescono sull’ovaio di una donna. Sono relativamente diffusi e solitamente innocui. Molte donne non hanno alcun sintomo, e circa un terzo di donne mestruate hanno una ciste ovarica in un dato momento.

                                I due tipi più comuni di cisti ovariche sono:

                                  Nessuno di questi tipi di cisti di solito causa sintomi e in genere scompaiono da soli.

                                  Un altro tipo di cisti ovarica, una benigna tumore, cresce lentamente e, in rari casi, può diventare canceroso.

                                  Le donne con una condizione chiamata sindrome dell’ovaio policistico (PCOS) spesso hanno cisti follicolari multiple. La PCOS è una sindrome che causa squilibri ormonali. Alcune donne con PCOS non ovulano o ovulano solo raramente.

                                  A volte una cisti cresce così tanto da attorcigliare l’ovaio. Questo può danneggiare l’ovaio o le tube di Falloppio, o anche causare emorragie pericolose per la vita. Questo tipo di cisti richiede un trattamento immediato per prevenire danni permanenti all’ovaio. A volte, un chirurgo potrebbe dover rimuovere l’ovaia se è troppo danneggiata.

                                  Otto trattamenti casalinghi

                                  A meno che una cisti sia molto grande o cresca rapidamente, il medico di solito consiglia un’attesa vigile. Questo significa aspettare di vedere se la cisti va via senza trattamento.

                                  Un medico può eseguire diversi ultrasuoni nel corso di alcuni mesi per monitorare la cisti e assicurarsi che scompaia o non si ingrandisca.

                                  Il trattamento casalingo non può far sparire la cisti. Invece, l’obiettivo è quello di trattare tutti i sintomi e gestire il dolore. Per esempio, molte donne con cisti ovariche sperimentano un dolore più significativo durante le mestruazioni, quindi il trattamento delle cisti ovariche a casa spesso si concentra sulla gestione dolore mestruale.

                                  Alcune delle strategie più efficaci includono:

                                  1. Farmaci da banco

                                  Farmaci antinfiammatori non steroidei (FANS), come l’ibuprofene, possono trattare il dolore causato dalle cisti ovariche, così come i crampi mestruali.

                                  Le donne che non ottengono sollievo dai FANS dovrebbero contattare il loro medico, poiché il dolore intenso può indicare una grave complicazione.

                                  In alcuni casi, un medico può prescrivere diversi farmaci antidolorifici, come il co-codamol, che contiene codeina.

                                  2. Massaggio

                                  Il dolore di una cisti ovarica può causare la tensione dei muscoli circostanti. Questo può essere particolarmente scomodo durante le mestruazioni. Massaggiare la parte bassa della schiena, le cosce, i glutei e lo stomaco può aiutare a sciogliere i muscoli tesi e ridurre il dolore.

                                  3. Esercizio e stretching

                                  L’esercizio e lo stretching possono anche aiutare ad alleviare il dolore legato alle cisti ovariche. Può anche aiutare con la tensione muscolare. Alcune donne ottengono sollievo da un esercizio intenso come la corsa, mentre altre preferiscono lo stretching dolce e yoga.

                                  L’esercizio fisico può sostenere la salute peso corporeo nelle donne con PCOS. Anche senza perdita di peso, l’esercizio fisico può ridurre il dolore rafforzando i muscoli. Può prevenire lo sviluppo di ulteriori cisti e aiutare a combattere resistenza all’insulina.

                                  4. Calore

                                  Il calore aumenta il flusso sanguigno, aiutando a ridurre il dolore. Prova ad applicare un cuscinetto riscaldante o una bottiglia di acqua calda avvolta in un asciugamano sullo stomaco o sulla parte bassa della schiena per circa 20 minuti. È sicuro ripeterlo più volte al giorno, purché il tampone non sia abbastanza caldo da bruciare la pelle. Non dormire con un cuscinetto riscaldante.

                                  5. Tecniche di rilassamento

                                  Stress e ansia può peggiorare il dolore. Tecniche di rilassamento, come la meditazione, lo yoga e la respirazione profonda, possono aiutare ad alleviare l’ansia e ridurre l’intensità del dolore. Queste tecniche possono anche aiutare una persona a gestire il dolore a lungo termine e migliorare la salute generale.

                                  6. Dispositivo TENS

                                  La stimolazione elettronica transcutanea dei nervi (TENS) fornisce un piccolo e sicuro segnale elettrico ai nervi. Questo segnale può cambiare il modo in cui i nervi rispondono al dolore, aiutando sia il dolore delle mestruazioni che quello delle cisti ovariche. I dispositivi TENS sono disponibili da banco, ma un medico può anche prescriverne uno.

                                  7. Perdita di peso

                                  Se una donna è in sovrappeso, perdere peso può aiutare il suo corpo a regolare meglio gli ormoni, a prevenire lo sviluppo di altre cisti e a migliorare i sintomi del dolore e stanchezza. È difficile perdere peso con la PCOS, quindi cercate di non scoraggiarvi, perché potrebbe volerci del tempo.

                                  8. Cambiamenti nella dieta

                                  Molte donne con PCOS sono resistenti all’insulina. Questo può portare a diabete, rendere la gravidanza più difficile e causare un aumento di peso.

                                  Una vasta gamma di cambiamenti nella dieta può aiutare, ma poiché la ricerca non indica una dieta specifica per la PCOS, una donna può avere bisogno di provare e sbagliare per trovare ciò che funziona meglio per lei.

                                  Poiché le donne con PCOS possono avere resistenza all’insulina, potrebbe essere utile ridurre l’assunzione di zucchero. Lo zucchero si trova in un’ampia varietà di alimenti, tra cui carboidrati come il pane e la pasta.

                                  Un medico può controllare il sangue di una persona per vedere se è a rischio di sviluppare il diabete. Scegliere di mangiare cibi sani e integrali aiuterà una persona a mantenere il proprio peso entro un range sano.

                                  Altri modi per trattare le cisti ovariche

                                  A meno che le cisti non stiano crescendo o causando sintomi, il trattamento medico potrebbe non essere necessario.

                                  I trattamenti medici per le cisti ovariche includono:

                                    Un medico potrebbe aver bisogno di monitorare regolarmente un tumore benigno in crescita. A volte, un medico può suggerire di rimuovere il tumore anche se non è canceroso o non causa sintomi.

                                    Quando consultare un medico

                                    Solo un medico può diagnosticare una ciste ovarica e determinare se è sicuro trattarla a casa. Le donne che pensano che potrebbero avere cisti ovariche o PCOS dovrebbero vedere un ginecologo. Chiederanno informazioni sulla storia medica della donna e possono eseguire un’ecografia o un’analisi del sangue.

                                    In rari casi, una cisti ovarica può diventare un’emergenza medica. La rottura di una cisti può causare un dolore intenso e insopportabile e un forte sanguinamento. Una donna con una cisti rotta può anche avere vertigini, nausea o vomito insieme al dolore pelvico. Se questo si verifica, dovrebbero chiamare immediatamente un medico o andare in ospedale.

                                    Prospettive

                                    Le cisti ovariche sono comuni, e la maggior parte sono innocue e vanno via col tempo. Anche quando persistono, il trattamento è sicuro e affidabile e può evitare che le cisti causino seri danni.

                                    Il trattamento domestico per le cisti ovariche non farà sparire le cisti, ma può alleviare qualsiasi dolore o disagio. Le donne dovrebbero essere attente a qualsiasi cambiamento dei sintomi e non dovrebbero mai ignorare un forte dolore pelvico.

                                    Con una corretta gestione domestica e cure mediche, una cisti ovarica può essere poco più di un inconveniente temporaneo.

                                    .
                                    Come pulire la vagina: Come farlo in modo sicuro e cosa evitare

                                    La vagina è un organo autopulente che non richiede speciali prodotti di pulizia. Non ha nemmeno bisogno di prodotti per la pulizia.

                                    Alcune persone potrebbero voler pulire la vulva, che è la parte esterna dei genitali che circonda l’ingresso della vagina. Fare questo può aiutare molte persone a sentirsi più pulite e, di conseguenza, più sicure di sé.

                                    In questo caso, dovrebbero pulire delicatamente le labbra della vulva. Una pulizia eccessiva può avere effetti negativi.

                                    I tentativi di pulire la vagina con lavande o prodotti simili possono causare l’infiammazione e alterano il pH vaginale.

                                    In questo articolo, discutiamo l’anatomia della vagina, come pulire la vulva in modo sicuro, e quali metodi di pulizia evitare.

                                    La differenza tra la vagina e la vulva

                                    La vagina è la parte interna dei genitali femminili.

                                    La vulva si riferisce alla parte esterna, che comprende strutture come il clitoride, le grandi labbra e le piccole labbra, e l’apertura vaginale.

                                    La vagina è un organo interno e, come gli altri organi interni, non richiede pulizia.

                                    Una colonia complessa di batteri buoni e altri microbi aiuta a mantenere la vagina sana. Il lavaggio, specialmente con saponi o lavaggi aggressivi, può squilibrare il pH vaginale, aumentare il rischio di infezioni e di odori sgradevoli.

                                    La vagina ha bisogno di pulizia? 

                                    La vagina e la vulva producono una varietà di fluidi che sono importanti per la salute generale.

                                    Le persone non dovrebbero cercare di eliminare tutti gli odori vaginali lavando la vagina. Una vagina sana ha naturalmente un leggero odore.

                                    Il lavaggio della vagina non rimuoverà nemmeno le infezioni vaginali. In alcuni casi, può addirittura peggiorare. L’uso di saponi aggressivi può seccare il delicato tessuto vaginale, causando piccole lacerazioni che rendono più facile ai batteri pericolosi infettare la vagina.

                                    Rischi

                                    La ricerca trova costantemente che il lavaggio della vagina aumenta il rischio di una vasta gamma di problemi di salute.

                                    A Studio del 2013 di donne egiziane che usavano spesso la doccia ha scoperto che la pratica aumenta il rischio di travaglio pretermine e di malattia infiammatoria pelvica.

                                    Il douching è correlato ad un rischio maggiore di numerosi effetti negativi sugli esiti della gravidanza, tra cui:

                                      Altri rischi dei metodi di pulizia vaginale come la doccia

                                        Anche se una persona può pulire la propria vulva, la sua vicinanza alla vagina significa che qualsiasi prodotto di pulizia può entrare nella vagina. I prodotti di pulizia aggressivi possono anche irritare la vulva.

                                        Come pulire la vulva in modo sicuro

                                        La vagina è un organo autopulente e la gente non ha bisogno di pulirla. La doccia regolare non è necessaria.

                                        Le persone possono contribuire a mantenere l’area pulita e sana:

                                          Per pulire la vulva, le persone possono lavare la zona esterna con acqua calda. Se lo desiderano, possono usare un sapone delicato e non profumato. In seguito, si dovrebbe sciacquare accuratamente la vulva e poi tamponare la zona per asciugarla.

                                          È importante non mettere il sapone nella vagina, e non è necessario usare saponi che i produttori hanno specificamente etichettato come per i genitali.

                                          Strategie di pulizia da evitare 

                                          Per evitare infezioni, dolore e irritazione, è importante non usare i seguenti prodotti:

                                            Vaporizzazione vaginale

                                            Alcuni siti di salute alternativa sostengono il vapore vaginale, che comporta la seduta su un bagno di vapore con una varietà di erbe.

                                            Queste erbe presumibilmente puliscono la vagina e migliorano la salute dell’utero.

                                            Ci sono poche prove che suggeriscono che il vapore vaginale sia efficace. Il vapore non può penetrare il tessuto vaginale o raggiungere qualsiasi punto vicino all’utero.

                                            Inoltre, le erbe possono irritare il tessuto della vagina o della vulva, e il vapore molto caldo può causare gravi ustioni.

                                            Secondo una Articolo 2019, una donna ha tentato di usare il vapore vaginale per ridurre un prolasso vaginale. Come risultato, ha subito ustioni di secondo grado.

                                            Quando vedere un medico

                                            Una persona dovrebbe vedere un medico se sperimenta un improvviso cambiamento di odore vaginale, soprattutto se l’odore è molto forte.

                                            Un odore di pesce spesso segnala BV. La pulizia frequente non farà sparire l’odore e potrebbe addirittura peggiorare l’infezione.

                                            I sintomi di un’infezione vaginale da lievito, o mughetto, possono includere:

                                              Se una persona ha BV, è probabile che noti i seguenti sintomi:

                                                Riassunto

                                                Non vi è alcuna ragione medica per pulire la vagina.

                                                Douching e altri metodi di pulizia possono causare più danni che benefici, e ci sono poche prove che suggeriscono che puliscono la vulva o la vagina di una persona in modo efficace e senza rischi.

                                                Se una persona desidera pulire la propria vulva, dovrebbe usare acqua calda e forse un sapone delicato se lo desidera.

                                                Se una persona sperimenta uno scarico insolito o un odore vaginale sgradevole, dovrebbe consultare un medico. Questi sono tra i primi segni di un’infezione, che richiederà un trattamento.
                                                Cos’è una coppetta mestruale? Pro, contro e come usarne uno

                                                Mentre le coppette mestruali sono state in giro per molti anni, sono diventate popolari solo di recente.

                                                Una coppetta mestruale è una piccola coppetta a forma di campana che una persona può inserire nella propria vagina per raccogliere il sangue mestruale durante un periodo.

                                                Sono fatti di silicone, gomma o plastica di grado medico e sono solitamente riutilizzabili. Le persone semplicemente svuotano la coppetta, la lavano con acqua e sapone, e la inseriscono di nuovo.

                                                Alcune marche sono usa e getta, così una persona può buttarle via dopo ogni uso o ciclo mestruale.

                                                Una persona può indossare una coppetta riutilizzabile per un massimo di 6-12 ore prima di doverla rimuovere e lavare. Chiunque abbia un flusso mestruale più pesante potrebbe aver bisogno di svuotare la sua coppa più frequentemente.

                                                In questo articolo, saperne di più sulle coppe mestruali, compresi i pro, i contro e come utilizzare uno.

                                                Pro

                                                Ci sono molti vantaggi nell’uso di una coppetta mestruale, tra cui:

                                                  Contro

                                                  Inserire e rimuovere una coppetta mestruale può essere disordinato quando una persona sta usando per la prima volta. Alcune persone si sentono schizzinose o a disagio per il loro sangue mestruale. Usare una coppetta può non essere una buona opzione in questo caso.

                                                  Una coppetta mestruale può anche risultare scomoda se una persona non la inserisce correttamente o se sta usando la misura sbagliata.

                                                  Inoltre, una persona con un flusso molto pesante o che frequentemente ottiene coaguli nel loro sangue mestruale può sperimentare alcune perdite.

                                                  Alcune persone sono preoccupate di contrarre sindrome da shock tossico (TSS), che è un’infezione che a volte si sviluppa dopo l’uso prolungato di tamponi.

                                                  Tuttavia, la TSS è estremamente rara quando si usano coppette mestruali o tamponi. Usare la coppetta come previsto e svuotarla e lavarla frequentemente può aiutare a ridurre il rischio di infezioni.

                                                  Come inserire e utilizzare una coppetta mestruale

                                                  Ci sono due parti principali di una coppetta mestruale: la coppetta e un gambo sottile nella parte inferiore per facilitare la rimozione.

                                                  Prima di usare una coppetta per la prima volta, è importante leggere attentamente le indicazioni sulla confezione e lavarla o sterilizzarla di conseguenza.

                                                  È meglio lavarsi bene le mani con acqua e sapone prima di inserire o rimuovere una coppetta mestruale.

                                                  Per inserirla, piegare la parte superiore della coppa e spingerla nella vagina, puntandola verso la parte bassa della schiena. Alcune persone trovano l’inserimento più facile quando sono accovacciate. Altre preferiscono stare in piedi, a volte con un piede sollevato, sul bordo della vasca da bagno, per esempio.

                                                  Piegare correttamente la coppetta può sembrare complicato all’inizio, ma ci sono diversi metodi da provare. Alcune delle pieghe più popolari includono:

                                                    Una volta che il bordo della coppetta è dentro, continuare a spingere la coppetta nella vagina fino a quando l’intera coppetta e il gambo sono dentro.

                                                    La coppa dovrebbe “aprirsi”, impedendo la fuoriuscita del sangue mestruale. Per garantire questo, tenere la coppetta per la base (non il gambo) e ruotarla di un cerchio completo, o 360 gradi.

                                                    Alcune persone fanno scorrere il dito lungo il bordo della tazza per assicurarsi che sia nel posto giusto e che si sia aperta correttamente.

                                                    Quando è al posto giusto, la maggior parte delle persone non la sente e può dimenticare che è lì.

                                                    Come rimuovere una coppetta mestruale

                                                    Per rimuovere la coppa, una persona può abbassarsi leggermente, come se stesse avendo un movimento intestinale. Alcune persone trovano utile usare i muscoli vaginali per spingere la coppa più in basso.

                                                    Usando l’indice e il pollice, raggiungere la vagina e afferrare il gambo della coppa, tirandolo delicatamente verso il basso. Pizzicare la base della coppetta per rompere l’aspirazione e rimuoverla dalla vagina. Cercare di tenere la coppetta in posizione verticale per evitare la fuoriuscita di sangue.

                                                    Alcune persone trovano difficile sentire la coppa o il gambo. Non preoccupatevi – una coppetta mestruale non può perdersi nella vagina.

                                                    Può essere utile fare una pausa e riprovare tra qualche minuto, soprattutto se la persona si sente ansiosa o frustrata.

                                                    Pulizia di una coppetta mestruale

                                                    Mantenere una coppetta mestruale pulita è essenziale. Ogni volta che una persona la toglie, dovrebbe lavare subito la tazza con acqua e sapone.

                                                    È anche una buona idea far bollire la coppetta in acqua per 5-10 minuti tra ogni ciclo mestruale.

                                                    Per evitare che la coppa tocchi i lati o il fondo della pentola e bruci, una persona potrebbe mettere la sua coppa dentro una frusta di metallo. Questa precauzione non è necessaria con alcune marche.

                                                    Può essere difficile svuotare e pulire accuratamente una coppetta in un bagno pubblico.

                                                    In questo caso, una persona può lavarsi le mani prima di entrare nel bagno, poi rimuovere la tazza e usare un pezzo di carta igienica per pulirla prima di reinserirla. Alcune persone portano una bottiglietta d’acqua per sciacquare la tazza sul water.

                                                    Assicurarsi di pulire bene la coppetta alla prossima occasione.

                                                    Riassunto

                                                    Una coppa mestruale può essere una grande opzione per l’igiene del periodo, soprattutto se una persona non vuole più utilizzare assorbenti o tamponi.

                                                    Leggere sempre le istruzioni sulla confezione e acquisire familiarità con la coppetta prima di provarla per la prima volta. Potrebbero essere necessari diversi tentativi per capire come usare la coppetta, quindi la pazienza e la perseveranza sono fondamentali.

                                                    Ci sono decine di marche e tipi di coppette mestruali disponibili per l’acquisto nei negozi e online.
                                                    Dolore da ovulazione: Sintomi e quando vedere un medico

                                                    Una minoranza di persone prova un dolore improvviso e acuto durante l’ovulazione. Conosciuto anche come dolore mittelschmerz, non significa che qualcosa non va. Tuttavia, è facile scambiare altri dolori addominali per dolori da ovulazione, quindi chiunque avverta qualsiasi sintomo di dolore pelvico dovrebbe consultare un medico.

                                                    Ovulazione si verifica quando un follicolo in un’ovaia si rompe, rilasciando un uovo. L’uovo alla fine viaggia lungo le tube di Falloppio verso l’utero.

                                                    La maggior parte dei ricercatori pensare dolore mittelschmertz è dovuto al gonfiore o rottura del follicolo. Il dolore può durare da poche ore a qualche giorno.

                                                    A Studio del 2013 Su un campione di 55 donne è emerso che il 35% provava dolore a metà del ciclo, mentre il 16.6 per cento di loro sperimentano il dolore su un lato del corpo.

                                                    I medici non sanno perché alcune persone sperimentano il dolore dell’ovulazione e altre no, ma non ci sono prove che sia un segno di un problema serio.

                                                    Sintomi del dolore da ovulazione

                                                    Il dolore pelvico è comune. Una revisione del 2014 della ricerca precedente ha trovato che tra 5.7 e 26.6 per cento di donne in tutto il mondo hanno dolori pelvici cronici.

                                                    Può essere difficile dire la differenza tra il dolore da ovulazione e altri tipi di dolore, specialmente se le persone non seguono i loro cicli mestruali o non sanno quando avviene l’ovulazione.

                                                    Alcuni sintomi del dolore da ovulazione includono:

                                                      Il dolore può essere acuto o sordo. Può sembrare una sensazione lancinante o un crampo. Il Mittelschmerz non è tipicamente abbastanza grave da causare allarme. Il dolore di solito si verifica da solo; se accade insieme ad altri sintomi, tuttavia, probabilmente ha un’altra causa.

                                                      I segni che il dolore potrebbe essere dovuto a qualcosa di diverso dall’ovulazione includono:

                                                        Altre cause di dolore pelvico

                                                        Molte altre condizioni possono causare dolore pelvico, compreso il dolore pelvico intorno al momento dell’ovulazione. Alcune delle cause più comuni includono:

                                                        Sindromi da rilassamento pelvico

                                                        Sindromi da rilassamento pelvico, che sono comuni in coloro che hanno partorito e nelle donne anziane, si verificano quando i muscoli della pelvi si indeboliscono. Causano un dolore cronico che può anche risultare in un dolore alla schiena o allo stomaco.

                                                        Disturbi urinari

                                                        A infezione del tratto urinario può colpire l’uretra, la vescica o i reni. Può rendere la minzione molto dolorosa, causare sangue nelle urine, e anche causare febbre e dolore alla schiena.

                                                        Il dolore al basso ventre, soprattutto se il dolore si verifica con il dolore urinario, può significare che c’è un’infezione del tratto urinario.

                                                        Endometriosi

                                                        Endometriosi è una condizione che fa sì che il tessuto che riveste l’utero si presenti in altre aree del corpo. Provoca dolore pelvico cronico nel punto in cui si è sviluppato il tessuto endometriale.

                                                        Molte persone con endometriosi sperimentano intensi crampi mestruali o periodi molto pesanti. Altre hanno dolore durante tutto il loro ciclo o molto mestruazioni irregolari.

                                                        Crampi mestruali

                                                        I crampi subito prima o durante le mestruazioni non sono dolori da ovulazione.

                                                        Molte donne sperimentano crampi mestruali. Se il dolore è lieve e non interferisce con le attività quotidiane, probabilmente non c’è da preoccuparsi e il trattamento non è solitamente necessario.

                                                        Tuttavia, il dolore intenso o il dolore che è peggiorato costantemente con ogni periodo richiede l’attenzione di un medico.

                                                        Costipazione

                                                        Costipazione può causare una serie di sensazioni dolorose o insolite nello stomaco o nella pelvi.

                                                        Una persona che non ha avuto un movimento intestinale in diversi giorni, o che si è sforzata di avere un movimento intestinale, può avere costipazione.

                                                        La stitichezza cronica può anche essere un segno di una condizione medica sottostante.

                                                        Appendicite

                                                        Appendicite si verifica quando l’appendice si infetta. Può essere molto pericoloso senza trattamento. Il dolore di solito inizia al centro dello stomaco e può andare e venire. In genere, il dolore si sposta verso la parte inferiore destra dell’addome per diverse ore e diventa molto intenso.

                                                        Chiunque sospetti di avere un’appendicite dovrebbe consultare immediatamente un medico.

                                                        Gravidanza ectopica

                                                        Un gravidanza ectopica si verifica quando un ovulo fecondato si impianta in un luogo diverso dall’utero.

                                                        Una gravidanza ectopica non può continuare. Se il medico non rimuove l’ovulo fecondato, la tuba di Falloppio potrebbe rompersi, il che potrebbe avere un grave impatto sulla fertilità o addirittura essere fatale.

                                                        Il dolore su un lato del corpo in ritardo nel ciclo, specialmente se un periodo è in ritardo, potrebbe essere un segno di una gravidanza ectopica. Se il dolore peggiora per diversi giorni o si sviluppa la febbre, consultare immediatamente un medico.

                                                        Rottura di una cisti ovarica o torsione ovarica

                                                        La maggior parte cisti ovariche vanno via da sole. A volte, però, si rompono o danneggiano l’ovaio.

                                                        Una torsione ovarica avviene quando l’ovaia si attorciglia intorno alla tuba di Falloppio. Può causare pericolose emorragie e possibilmente causare la morte dell’ovaia.

                                                        La rottura di una ciste ovarica o la torsione ovarica è un’emergenza medica. Il dolore è intenso e inesorabile e può verificarsi in qualsiasi momento del ciclo mestruale.

                                                        Problemi gastrointestinali

                                                        A volte può essere difficile distinguere il dolore allo stomaco da quello pelvico.

                                                        Molti problemi di stomaco e intestinali possono causare dolore, incluso il dolore su un lato del corpo. I problemi con il pancreas o il fegato spesso causano dolore nella parte superiore destra dello stomaco.

                                                        Altri problemi gastrointestinali, come diverticolite, un’infezione o un altro grave problema all’intestino può anche causare dolore allo stomaco.

                                                        Molte persone sviluppano anche altri sintomi accanto al dolore, come:

                                                          Quando consultare un medico

                                                          Consultare un medico per l’ovulazione o il dolore pelvico se:

                                                            Andare al pronto soccorso se:

                                                              Rimedi casalinghi

                                                              Il dolore da ovulazione è solitamente lieve e non richiede trattamento. Coloro che trovano il dolore troppo intenso possono provare uno dei seguenti rimedi casalinghi:

                                                                Questi rimedi delicati sono adatti a persone che non hanno problemi di salute o preoccupazioni. Chiunque abbia il dubbio che il suo dolore non sia dovuto al mittelschmerz dovrebbe parlare con un medico.

                                                                Takeaway

                                                                Il dolore da ovulazione è comune e non è un segno di un problema specifico. Molte persone non sono sicure di quando ovulano, il che rende facile confondere il mittelschmerz con altri tipi di dolore.

                                                                Una visita ad un medico può aiutare a diagnosticare la causa, oltre ad offrire rassicurazione a coloro che temono che il dolore da ovulazione possa segnalare un problema serio.
                                                                4 pillole di equilibrio del pH per promuovere la salute vaginale: Prodotti e altro

                                                                La vagina ha un livello di pH inferiore a 4.5, il che significa che è leggermente acido. Livelli di pH più alti permettono a batteri e lieviti di prosperare all’interno della vagina, e questo può portare a infezioni batteriche e da lieviti.

                                                                Le pillole per l’equilibrio del pH sono prodotti che contengono i batteri lactobacilli. Questi sono batteri “buoni” che aiutano a mantenere i livelli di pH vaginale sotto 4.5, prevenire le infezioni vaginali.

                                                                Questo articolo discute i livelli di pH vaginale in modo più dettagliato e i sintomi di uno squilibrio del pH vaginale. Esploriamo anche i prodotti che una persona può trovare utile e offriamo consigli su quando parlare con un medico.

                                                                Link veloci

                                                                  Il sesso e il genere esistono su spettri. Questo articolo userà i termini “maschio”, “femmina” o entrambi per riferirsi al sesso assegnato alla nascita. .

                                                                  Come scegliere i migliori probiotici per bilanciare i livelli di pH vaginale

                                                                  Alcuni fattori da considerare quando si cercano probiotici per bilanciare i livelli di pH vaginale sono:

                                                                    Come abbiamo scelto

                                                                    Su Notizie mediche oggi, scegliamo i prodotti in base ai seguenti criteri:

                                                                      Roundup delle migliori pillole per l’equilibrio del pH

                                                                      Si prega di notare che l’autore di questo articolo non ha provato questi prodotti. Tutte le informazioni presentate sono puramente basate sulla ricerca e corrette al momento della pubblicazione.

                                                                      Notizie mediche oggi segue un rigoroso processo di selezione e controllo dei prodotti. Per saperne di più qui.

                                                                      Le migliori pillole di equilibrio del pH per la gravidanza: Flora Bloom Probiotics per le donne

                                                                      Prezzo: Circa $24.99

                                                                      Conta: 60 capsule

                                                                      Flora Bloom Probiotics for Women è un prodotto vegetariano che contiene quattro diverse specie di lactobacillus. Il prodotto sostiene di:

                                                                        Il prodotto contiene D-mannosio ed estratto di mirtillo rosso, che a quanto pare aiuta a sostenere la salute delle vie urinarie. È anche privo di colori artificiali, lattosio, glutine, aromi e conservanti.

                                                                        L’azienda consiglia di prendere due capsule al giorno.

                                                                        Pro e contro

                                                                        Le capsule di Flora Boom sono sicure da usare durante la gravidanza e l’allattamento. Alcuni clienti hanno notato che il prodotto ha un effetto lassativo, il che significa che può beneficiare coloro che soffrono di stitichezza.

                                                                        Tuttavia, un cliente ha scritto di aver avuto una reazione allergica dopo aver usato il prodotto Flora Boom. Hanno sviluppato un gonfiore facciale che è peggiorato il giorno seguente.

                                                                        NEGOZIA ORA

                                                                        Le migliori pillole per l’equilibrio del pH facili da inghiottire: AZO Equilibrio Femminile Completo

                                                                        Prezzo: Intorno a $28.96

                                                                        Conta: 30 capsule

                                                                        AZO Complete Feminine Balance è un probiotico non aromatizzato che aiuta a bilanciare il pH vaginale entro 7 giorni. Le capsule sono prive di glutine e non contengono organismi geneticamente modificati (OGM).

                                                                        Il prodotto è sicuro anche per le persone incinte. Gli individui possono prendere una capsula al giorno.

                                                                        Pro e contro

                                                                        Il prodotto ha molte recensioni positive su Amazon, con diverse persone che riferiscono che le capsule sono facili da ingoiare. Alcuni affermano anche che le persone possono notare miglioramenti entro pochi giorni.

                                                                        Tuttavia, il prodotto potrebbe non funzionare per tutti e non ha risolto i problemi di odore in alcuni individui.

                                                                        NEGOZIA ORA

                                                                        Le migliori pillole organiche per l’equilibrio del pH: Giardino della vita Dr. Probiotici formulati

                                                                        Prezzo: Circa $31.99

                                                                        Conta: 30 capsule

                                                                        Giardino della vita Dr. I probiotici formulati presentano formulazioni per sostenere la salute della vagina, del tratto digestivo e del sistema immunitario. Il supplemento contiene due specie di lattobacilli per la salute vaginale: L. reuteri e L. fermentum.

                                                                        Il prodotto è adatto a persone che seguono diete vegetariane ed è privo di latticini e glutine. Il prodotto ha anche certificazioni senza carbonio e biologiche.

                                                                        Gli individui possono prendere una capsula al giorno, con o senza pasti.

                                                                        Pro e contro

                                                                        Giardino della Vita Dr. I probiotici formulati possono essere utili per le persone che hanno sindrome dell’ovaio policistico e non può assumere prodotti contenenti soia.

                                                                        Alcuni individui affermano che le capsule hanno aiutato ad alleviare la loro stitichezza al punto che hanno potuto smettere di prendere i loro farmaci di prescrizione. Tuttavia, le persone dovrebbero consultare un medico prima di interrompere qualsiasi farmaco da prescrizione.

                                                                        Secondo le critiche negative, la bottiglia di plastica ha un odore chimico e le capsule hanno un forte odore. Molti acquirenti hanno anche scritto che la bottiglia non contiene tutte le 30 capsule.

                                                                        NEGOZIA ORA

                                                                        Le migliori pillole vegane per l’equilibrio del pH: HUM Festa Privata

                                                                        Prezzo: Intorno a $26

                                                                        Conta: 30 capsule

                                                                        Le capsule vegane di HUM Private Party sostengono di aiutare a sostenere un pH vaginale sano mentre promuovono la salute del tratto urinario. Le capsule sono prive di colori artificiali, aromi, conservanti, OGM e soia.

                                                                        I produttori sostengono che una persona può aspettarsi di vedere i risultati entro 4-6 settimane.

                                                                        L’etichetta afferma che le persone possono prendere una capsula al giorno, con o senza pasti.

                                                                        Pro e contro

                                                                        Molte persone raccomandano il HUM Private Party per quelli con infezioni del tratto urinario. Tuttavia, potrebbe essere necessario un po’ di tempo perché gli individui notino miglioramenti nei loro sintomi.

                                                                        Alcune persone hanno riportato i seguenti problemi di salute dopo aver usato il prodotto HUM:

                                                                          NEGOZIA ORA

                                                                          Tabella di confronto

                                                                          La tabella qui sotto mostra come i prodotti selezionati differiscono l’uno dall’altro:

                                                                          Flora Bloom Probiotics per donne AZO Equilibrio femminile completo Giardino della vita Dr. Probiotici formulati HUM Partito Privato
                                                                          Caratteristica distintiva del prodotto sicuro da usare durante la gravidanza le capsule sono facili da inghiottire le capsule sono organiche le capsule sono vegane
                                                                          Numero di capsule 60 30 30 30
                                                                          Come prendere due capsule al giorno una capsula al giorno una capsula al giorno, con o senza cibo una capsula al giorno con o senza cibo
                                                                          Prezzo intorno a $24.99 intorno a $28.96 circa $31.99 intorno a $26
                                                                          Valutazione Amazon 4.4 stelle 4.6 4.7 stelle 4.5 stelle

                                                                          Perché sono necessari livelli equilibrati di pH vaginale

                                                                          I batteri lactobacilli vivono all’interno della vagina. Aiutano a mantenere i livelli di pH vaginale sotto il 4.5, che aiuta a prevenire le infezioni batteriche e di lievito.

                                                                          Secondo un articolo 2016, lattobacilli producono anche acido lattico, che aiuta a prevenire la crescita di altri tipi di batteri.

                                                                          Le persone con livelli di pH equilibrati possono notare uno scarico vaginale da chiaro a bianco che può apparire giallo quando si asciuga sulle loro mutande. Durante ovulazione, lo scarico aumenta e può avere una consistenza elastica.

                                                                          I seguenti fattori possono alterare l’equilibrio del pH vaginale:

                                                                            Per saperne di più sull’equilibrio del pH vaginale.

                                                                            A proposito dell’equilibrio del pH maschile

                                                                            Balanite è il termine medico per l’infiammazione e l’irritazione della punta del pene dovuta a un’infezione batterica o fungina. La condizione può causare sintomi:

                                                                              Una revisione del 2021 nota che balanite è una condizione comune che colpisce 3-11% dei maschi. Le possibili cause includono:

                                                                                Come i probiotici influenzano i livelli di pH

                                                                                I probiotici sono promozione della salute batteri e lieviti vivi che sono disponibili sotto forma di integratori alimentari.

                                                                                I probiotici possono aiutare a ripristinare l’equilibrio naturale dei batteri in tutto il corpo. Questo potrebbe aiutare a riequilibrare i livelli di pH vaginale e combattere le infezioni vaginali.

                                                                                Una meta-analisi del 2019 nota che i probiotici possono prevenire i batteri associati a vaginosi batterica (BV) dalla crescita all’interno della vagina. Tuttavia, sono necessarie ulteriori ricerche per confermare questo effetto.

                                                                                I sintomi che i livelli di pH vaginale possono essere fuori equilibrio

                                                                                Secondo la American College Of Obstetricians and Gynecologists, BV o infezioni da lievito può verificarsi a causa di uno squilibrio batterico all’interno della vagina. Questo squilibrio ha associazioni con un aumento dei livelli di pH vaginale che fa sì che la vagina diventi meno acida.

                                                                                Alcuni sintomi che possono indicare un’infezione vaginale includono:

                                                                                  Quando parlare con un medico

                                                                                  Le persone dovrebbero consultare un medico se sperimentano sintomi vaginali persistenti o in peggioramento nonostante l’assunzione di un integratore probiotico o un altro trattamento da banco.

                                                                                  Un medico può anche controllare il livello di pH vaginale e determinare se un individuo ha un’infezione.

                                                                                  Domande frequenti

                                                                                  Alcune domande frequenti sui livelli di pH vaginale includono:

                                                                                  Come faccio a correggere il mio equilibrio di pH?

                                                                                  Alcuni rimedi naturali che possono aiutare a riequilibrare il pH vaginale includono:

                                                                                    Come fai a sapere se il tuo equilibrio di pH è sbilanciato?

                                                                                    Uno squilibrio nel pH vaginale può causare i seguenti sintomi:

                                                                                      Quale vitamina è buona per l’equilibrio del pH?

                                                                                      Un vecchio studio del 2006 indagato gli effetti di topici vitamina C sui livelli di pH vaginale nelle donne con un alto pH vaginale. Hanno scoperto che la vitamina C può avere un effetto duraturo nell’abbassare i livelli di pH vaginale.

                                                                                      Che cosa altera l’equilibrio del pH di una persona?

                                                                                      I seguenti fattori possono alterare i livelli di pH vaginale:

                                                                                        Sommario

                                                                                        La vagina ha un livello di pH naturale inferiore a 4.5, un ambiente leggermente acido che aiuta a proteggere dalle infezioni batteriche e di lievito.

                                                                                        Uno squilibrio del pH vaginale può verificarsi a causa della doccia, dell’uso di salviette vaginali o deodoranti, o di rapporti sessuali senza preservativo. Tali squilibri possono provocare infezioni vaginali, che possono causare diversi sintomi, tra cui irritazione vaginale, perdite vaginali insolite e un odore sgradevole.

                                                                                        Le persone che sperimentano i sintomi di un’infezione vaginale possono prendere in considerazione l’assunzione di probiotici per aiutare a riequilibrare i livelli di pH vaginale. Questi prodotti sono disponibili per l’acquisto online. Chiunque sperimenti sintomi persistenti o in peggioramento dovrebbe parlare con il proprio medico per una diagnosi definitiva e un trattamento appropriato.
                                                                                        Vaginosi batterica (BV) farmaci: Opzioni, effetti collaterali e altro

                                                                                        La vaginosi batterica (BV) è un’infezione vaginale. Gli antibiotici possono aiutare a trattare la condizione e ridurre i sintomi. Alcuni antibiotici possono causare effetti collaterali, e alcuni farmaci BV hanno avvertenze dalla Food and Drug Administration (FDA).

                                                                                        I Centri per il controllo e la prevenzione delle malattie (CDC) riferiscono che BV è il più comune condizione vaginale in quelli di età compresa tra 15 e 44 anni.

                                                                                        Questo articolo discute i diversi farmaci disponibili per BV, gli antibiotici che i medici possono prescrivere e le domande frequenti che le persone possono avere per un medico che tratta BV.

                                                                                        Cos’è la BV?

                                                                                        BV si verifica quando c’è uno squilibrio della flora vaginale, che sono i tipi di batteri che vivono naturalmente all’interno della vagina.

                                                                                        BV può verificarsi in chiunque abbia una vagina, ma secondo ricerca del 2020, una persona può essere ad un rischio maggiore di sviluppare BV se:

                                                                                          La ricerca menziona anche che le persone con BV possono avere una maggiore possibilità di contrarre un infezione a trasmissione sessuale (STI).

                                                                                          Sintomi di BV

                                                                                          La BV a volte può andare via da sola. Tuttavia, il CDC raccomanda che coloro che hanno sintomi di BV contattino un medico per ricevere una diagnosi e un piano di trattamento.

                                                                                          Alcuni sintomi di BV possono includono:

                                                                                            Quando consultare un medico

                                                                                            Una persona potrebbe considerare di contattare un medico se ha insolite perdite vaginali, una febbre, o entrambe.

                                                                                            Solo 30% dei casi di BV si risolvono senza trattamento medico. Potrebbe essere una buona idea parlare con un professionista della salute il più presto possibile. Una persona dovrebbe farlo se i suoi sintomi non migliorano entro poche settimane.

                                                                                            Non è raro che BV ritorni dopo circa 3 mesi, in tal caso, l’operatore sanitario può raccomandare un ciclo di trattamento più lungo.

                                                                                            Senza trattamento, BV può aumentare il rischio di contrarre un’IST, causare complicazioni di gravidanza o entrambi.

                                                                                            E ‘importante consultare un medico se i sintomi peggiorano durante il trattamento BV, o se il farmaco provoca effetti collaterali.

                                                                                            Diagnosi

                                                                                            Per diagnosticare BV, un medico o un altro operatore sanitario può:

                                                                                              Poi raccomandano un approccio al trattamento basato sui risultati del test.

                                                                                              Opzioni di farmaci

                                                                                              Le forme di farmaci antibiotici che i medici possono prescrivere per le persone con BV sono:

                                                                                                Si prega di notare che l’autore di questo articolo non ha provato nessuno di questi prodotti. Tutte le informazioni presentate qui sono puramente basate sulla ricerca.

                                                                                                Notizie mediche oggi segue un rigoroso processo di selezione e controllo dei prodotti. Per saperne di più qui.

                                                                                                Metronidazolo

                                                                                                Il metronidazolo è disponibile sotto forma di compresse, capsule o gel.

                                                                                                La FDA ha emesso un avviso di scatola nera che indica che il metronidazolo ha causato il cancro in studi condotti su ratti e topi. Di conseguenza, la FDA consiglia che gli operatori sanitari dovrebbero prescrivere questo farmaco solo se altri farmaci non hanno funzionato, soprattutto se una persona è incinta.

                                                                                                Le persone possono prendere metronidazolo compresse (Flagyl) due volte al giorno per 7 giorni o prendere una singola compressa come dose unica.

                                                                                                Alcuni effetti collaterali associati al metronidazolo orale includono:

                                                                                                  Secondo il FDA, Le persone che prendono il metronidazolo non dovrebbero consumare alcol mentre prendono il farmaco o per almeno 1 giorno dopo la fine del trattamento. La FDA menziona che il consumo di alcol durante l’assunzione di metronidazolo può causare:

                                                                                                    Metronidazolo gel

                                                                                                    Una persona può anche usare il metronidazolo come gel, che viene applicato alla vagina attraverso un applicatore. Il Regno Unito Servizio Sanitario Nazionale (NHS) afferma di usare questa forma di metronidazolo ogni giorno per 5 notti.

                                                                                                    Inoltre, l’NHS menziona che una persona non dovrebbe avere rapporti sessuali mentre usa il gel.

                                                                                                    Un medico potrebbe non raccomandare questo gel se l’individuo è mestruazioni.

                                                                                                    Il FDA afferma che il gel di metronidazolo può causare:

                                                                                                      Clindamicina

                                                                                                      Clindamicina ferma o rallenta la crescita dei batteri.

                                                                                                      Clindamicina viene fornito come una crema, e medici possono prescrivere se i sintomi di una persona continuano a tornare o non migliorano con metronidazolo.

                                                                                                      Clindamicina viene fornito come un singolo, pre-riempito applicatore contenente 5 grammi (g) del farmaco che una persona inserisce nella loro vagina ogni notte per un massimo di 7 giorni.

                                                                                                      Il CDC suggerisce che le persone evitino di usare preservativi in lattice e gomma durante il trattamento e per 5 giorni dopo l’uso. Questo perché la clindamicina crema contiene olio minerale che può indebolire il lattice preservativi o diaframmi.

                                                                                                      Secondo MedlinePlus, la clindamicina vaginale non tratta l’irritazione da un’infezione da lievito o STI.

                                                                                                      Gli studi sull’efficacia della clindamicina hanno dimostrato che 88% dei partecipanti allo studio non hanno sperimentato alcun sintomo di BV 1-2 settimane dopo aver usato la crema.

                                                                                                      Tuttavia, gli effetti collaterali della clindamicina in crema possono includere:

                                                                                                        Tinidazolo

                                                                                                        Il tinidazolo è disponibile come compressa monodose.

                                                                                                        A 2014 studio controllato randomizzato afferma che prendere 2 g di tinidazolo una volta al giorno per 2 giorni è efficace quanto prendere 500 mg di compresse di metronidazolo due volte al giorno per 7 giorni.

                                                                                                        Lo studio afferma anche che il tinidazolo causa meno effetti collaterali.

                                                                                                        Alcuni effetti collaterali associati al tinidazolo includono:

                                                                                                          Domande frequenti

                                                                                                          Di seguito sono riportate le risposte alle domande più comuni sui farmaci per la BV.

                                                                                                          Qual è il miglior farmaco per BV?

                                                                                                          I migliori farmaci per BV sono antibiotici topici o orali. Ognuno richiede una prescrizione da parte di un professionista sanitario.

                                                                                                          È possibile ottenere i farmaci BV al banco?

                                                                                                          No. Gli antibiotici per BV sono disponibili solo con una prescrizione.

                                                                                                          Una persona può anche considerare di seguire queste misure preventive per aiutare a ridurre le possibilità di sviluppare BV:

                                                                                                            Posso trattare BV senza antibiotici?

                                                                                                            Una persona potrebbe considerare l’uso di prodotti naturali per trattare BV, come:

                                                                                                              BV può tornare dopo i farmaci?

                                                                                                              Secondo una ricerca del 2018, una persona può sviluppare nuovamente BV dopo poche settimane. Su metà di coloro che hanno avuto BV sperimentare nuovamente i sintomi dopo 1 anno dalla prima infezione.

                                                                                                              In questi casi, il medico può raccomandare un piano di trattamento diverso.

                                                                                                              Questa ricerca afferma anche che, poiché gli antibiotici influenzano tutti i batteri vaginali, l’uso di antibiotici per trattare BV può portare a un’infezione vaginale da lievito. Questo si verifica in circa 10% di coloro che prendono clindamicina o metronidazolo.

                                                                                                              I sintomi di un’infezione da lievito includono perdite vaginali bianche e grumose o prurito e rossore vaginale.

                                                                                                              Per saperne di più sui sintomi dell’infezione da lievito qui.

                                                                                                              Il mio partner ha bisogno di un trattamento per la BV se l’ho avuta?

                                                                                                              Il CDC spiega che i partner con un pene non hanno bisogno di ricevere un trattamento per BV. Tuttavia, quelli con BV possono diffondere l’infezione ai partner sessuali che hanno vagine.

                                                                                                              Riassunto

                                                                                                              BV si verifica quando c’è uno squilibrio di batteri nella vagina. BV non sempre causa sintomi, ma se si verificano, una persona può rivolgersi a un medico per ricevere una diagnosi e iniziare un ciclo di trattamento.

                                                                                                              Un medico può prescrivere antibiotici per trattare BV. Se gli antibiotici non sono efficaci, un medico può raccomandare un altro piano di trattamento.

                                                                                                              Quelli con BV non possono acquistare farmaci senza una prescrizione. Tuttavia, una persona può considerare l’utilizzo di rimedi casalinghi per trattare BV e potenzialmente ridurre le probabilità di BV in via di sviluppo.
                                                                                                              Ovaie ingrossate: Sintomi, cause e trattamento

                                                                                                              Le ovaie sono due piccoli organi a forma di uovo nel sistema riproduttivo femminile. Producono cellule uovo e rilasciano anche gli ormoni progesterone ed estrogeni, che sono vitali per l’ovulazione, la gravidanza e lo sviluppo delle caratteristiche sessuali femminili.

                                                                                                              Anche se le loro dimensioni possono variare naturalmente da persona a persona, le ovaie possono anche ingrandirsi per diversi motivi.

                                                                                                              Anche se alcune cause di ovaie ingrossate sono innocue, come ovulazione, altri possono richiedere un trattamento.

                                                                                                              Questo articolo esaminerà i sintomi, le cause e il trattamento delle ovaie ingrossate.

                                                                                                              Sintomi

                                                                                                              Mentre le ovaie ingrossate non sempre causano sintomi, le persone con questa condizione possono sperimentare:

                                                                                                                A volte, le ovaie possono diventare così ingrossate che una persona o un medico può sentire l’ovaia nella pelvi, ma questo non è spesso il caso.

                                                                                                                Quando qualcuno ha sintomi che potrebbero indicare ovaie ingrossate o un’altra condizione ovarica, un medico è probabile che raccomandi un ecografia.

                                                                                                                Un’ecografia utilizza onde sonore per creare immagini degli organi pelvici. I medici possono fare l’ecografia attraverso l’addome (transaddominale) o inserire la sonda nella vagina (transvaginale).

                                                                                                                Cause

                                                                                                                Le ovaie allargate hanno molte cause potenziali, tra cui:

                                                                                                                Ovulazione

                                                                                                                L’ovulazione è quando un’ovaia rilascia un uovo per la fecondazione. Durante l’ovulazione, le ovaie possono essere iperstimolate dagli ormoni e possono allargarsi temporaneamente.

                                                                                                                Le ovaie allargate possono essere più probabili durante l’ovulazione se una persona sta prendendo farmaci per la fertilità.

                                                                                                                Sindrome dell’ovaio policistico (PCOS)

                                                                                                                La PCOS è una condizione comune in cui uno squilibrio ormonale causa piccole cisti svilupparsi sulle ovaie.

                                                                                                                Le persone con PCOS possono sperimentare periodi irregolari e potrebbe essere difficile rimanere incinta, poiché le ovaie potrebbero non rilasciare regolarmente le uova. La PCOS può anche causare un aumento di peso e la crescita di peli in eccesso sul corpo.

                                                                                                                Edema ovarico

                                                                                                                Questa rara condizione si verifica quando il liquido si accumula nel tessuto ovarico. La maggior parte delle volte, le ovaie edema si verifica in una sola ovaia.

                                                                                                                Edema ovarico possono verificarsi a causa della torsione ovarica parziale, che blocca il flusso sanguigno e impedisce il drenaggio del liquido linfatico. Come risultato, il fluido si accumula e l’ovaio si allarga.

                                                                                                                Torsione ovarica

                                                                                                                La torsione ovarica si riferisce all’ovaio che diventa parzialmente o completamente ruotato intorno ai tessuti di supporto. È un’emergenza medica.

                                                                                                                La torsione ovarica interrompe il flusso di sangue alle ovaie e può causare nausea, dolore pelvico e vomito. Richiede un rapido intervento chirurgico per correggere la rotazione e ripristinare il flusso sanguigno.

                                                                                                                tumori benigni o cisti

                                                                                                                Le ovaie sono soggette a diversi tipi di crescita benigna, o non cancerosa, o cisti. Questi includono teratomi cistici maturi, fibrocomi e cistoadenoma.

                                                                                                                Le cisti sono comuni e di solito si risolvono senza trattamento.

                                                                                                                Cancro alle ovaie

                                                                                                                Cancro ovarico si verifica quando le cellule cancerose crescono sulle ovaie. È più comune dopo menopausa.

                                                                                                                I sintomi del cancro alle ovaie sono aspecifici e includono dolore pelvico, gonfiore e affaticamento.

                                                                                                                Un medico prenderà in considerazione la storia medica di una persona, i sintomi e le immagini ad ultrasuoni prima di testare per il cancro ovarico. Una biopsia può diagnosticare definitivamente la malattia.

                                                                                                                Ovaie ingrossate e gravidanza

                                                                                                                Le ovaie possono apparire ingrandite durante la gravidanza a causa di un luteoma. Un luteoma è una crescita benigna sulle ovaie che si verifica solo durante la gravidanza.

                                                                                                                I medici non sono sicuri del perché alcune donne sviluppano luteomi mentre altre no, ma credono che l’aumento dei livelli ormonali durante la gravidanza possa giocare un ruolo.

                                                                                                                La maggior parte dei luteomi non causa sintomi. Un medico di solito ne rileva uno durante un’ecografia di routine o quando si esegue un parto cesareo.

                                                                                                                Le donne che hanno luteomi durante la prima metà della loro gravidanza tendono a sperimentare sintomi più gravi e possono anche richiedere un intervento chirurgico per rimuovere le crescite.

                                                                                                                I possibili sintomi dei luteomi includono difficoltà ad urinare, alti livelli di testosterone, e virilizzazione, che è la comparsa di caratteristiche tipicamente maschili, come una voce più profonda e una maggiore peluria del corpo.

                                                                                                                I luteomi di solito si risolvono dopo che una donna partorisce, quindi i medici cercano di evitare l’intervento chirurgico quando possibile.

                                                                                                                Trattamenti

                                                                                                                Il trattamento per le ovaie ingrossate dipenderà dalla causa sottostante.

                                                                                                                Per esempio, i passi per gestire la PCOS possono includere:

                                                                                                                  I trattamenti per il cancro alle ovaie possono includere la rimozione delle ovaie e di qualsiasi tessuto circostante che la malattia colpisce.

                                                                                                                  Un medico può anche raccomandare chemioterapia uccidere cancro cellule e trattamenti con radiazioni per ridurre le dimensioni dei tumori prima di rimuoverli.

                                                                                                                  Le ovaie ingrossate legate al ciclo mestruale non richiedono un trattamento a meno che non causino sintomi fastidiosi.

                                                                                                                  Takeaway

                                                                                                                  Le ovaie ingrossate possono avere molteplici cause, la maggior parte delle quali non porta a problemi a lungo termine.

                                                                                                                  Le persone che avvertono dolore pelvico e gonfiore o cambiamenti nelle loro abitudini intestinali e vescicali dovrebbero visitare un medico. Una varietà di trattamenti può aiutare a ridurre i sintomi.
                                                                                                                  Cervicite: Sintomi, cause, trattamenti e rimedi naturali

                                                                                                                  La cervicite è un’infiammazione della cervice. Ma quali sono i sintomi e le cause di questa condizione? E può essere trattato naturalmente?

                                                                                                                  La cervice è uno stretto passaggio che collega l’utero e la vagina. Ogni mese, il sangue mestruale esce dall’utero attraverso la cervice e nella vagina. Quando una donna ha un bambino, la cervice si espande per permettere al bambino di muoversi nel canale del parto.

                                                                                                                  Se qualcosa irrita la cervice e si infiamma, la condizione si chiama cervicite. Questo articolo esplora i sintomi, le cause e i trattamenti, compresi i rimedi naturali per questa condizione.

                                                                                                                  Sintomi

                                                                                                                  I sintomi della cervicite possono includere:

                                                                                                                    Alcune donne possono non avvertire alcun sintomo quando hanno la cervicite. La cervicite grave può portare a uno scarico vaginale denso, giallo o verde che assomiglia a pus.

                                                                                                                    Cause

                                                                                                                    I casi di cervicite possono essere lievi o gravi. La cervicite è spesso causata da un infezione trasmessa sessualmente (STI), come ad esempio:

                                                                                                                      Altre cause di cervicite includono:

                                                                                                                        La cervicite può essere acuta o cronica. La cervicite acuta è tipicamente causata da un’infezione ed è meglio trattata medicalmente.

                                                                                                                        La cervicite cronica non è tipicamente causata da un’infezione. I sintomi possono essere più lievi ma durare più a lungo. Alcune persone potrebbero voler trattare la cervicite cronica a casa, usando rimedi naturali che integreranno i trattamenti medici.

                                                                                                                        Tuttavia, è essenziale discutere questa strategia con un operatore sanitario per garantire che la persona riceva il trattamento corretto.

                                                                                                                        Trattamenti medici

                                                                                                                        I medici prescrivono comunemente antibiotici come trattamento per la cervicite. Questi farmaci aiutano ad eliminare l’infezione, il che aiuta a trattare i sintomi.

                                                                                                                        Se la cervicite è causata da una MST, il medico può consigliare il miglior corso di trattamenti. Le MST sono spesso trattabili con antibiotici.

                                                                                                                        Se un corpo estraneo sta irritando la cervice, un medico rimuoverà l’oggetto e può prescrivere antibiotici.

                                                                                                                        Opzioni di trattamento naturale

                                                                                                                        La cervicite acuta causata da un’infezione è meglio trattata dal punto di vista medico, poiché è essenziale eliminare l’infezione.

                                                                                                                        Se una donna ha una cervicite cronica con sintomi lievi, può scegliere di usare rimedi casalinghi per aiutare ad alleviare i sintomi.

                                                                                                                        Una persona dovrebbe sempre usare i rimedi casalinghi insieme ai trattamenti medici. Non sono destinati a sostituirli.

                                                                                                                        I rimedi domestici che possono aiutare a trattare la cervicite includono:

                                                                                                                          È una buona idea cercare una diagnosi e il consiglio di un medico prima di decidere un trattamento. Questi trattamenti alternativi hanno bisogno di ulteriori studi in quanto non sono considerati il trattamento di prima linea per la cervicite o le infezioni vaginali in questo momento.

                                                                                                                          I rimedi casalinghi che supportano la salute vaginale e cervicale e possono prevenire la cervicite includono:

                                                                                                                            Diagnosi

                                                                                                                            Se una donna pensa di avere la cervicite, è una buona idea vedere un medico per ottenere una diagnosi completa.

                                                                                                                            Il medico effettuerà un esame pelvico per esaminare la cervice e può prendere un tampone. Questo aiuta il medico a raccogliere cellule e fluidi. Queste possono essere testate per anomalie o esaminate al microscopio.

                                                                                                                            Per arrivare a una diagnosi completa, il medico può anche testare per le IST. Il trattamento di queste può guarire la l’infiammazione.

                                                                                                                            Complicazioni

                                                                                                                            Se non trattata, la cervicite può portare a complicazioni. Questi possono includere:

                                                                                                                              Prospettive

                                                                                                                              La cervicite è tipicamente trattabile. I trattamenti casalinghi e le strategie di prevenzione dovrebbero essere usati insieme, non al posto del trattamento medico.

                                                                                                                              La cervicite acuta causata da infezioni è meglio trattata medicalmente per evitare complicazioni.

                                                                                                                              Se qualcuno pensa di avere la cervicite, dovrebbe parlare con il proprio medico.
                                                                                                                              Corpo luteo: Funzione, formazione e cisti

                                                                                                                              Il corpo luteo è una massa di cellule che si forma in un’ovaia ed è responsabile della produzione dell’ormone progesterone durante l’inizio della gravidanza.

                                                                                                                              Il ruolo del corpo luteo dipende dal fatto che la fecondazione avvenga o meno.

                                                                                                                              A volte, cisti possono formarsi in un corpo luteo, che può portare a sintomi dolorosi. Queste cisti possono andare via da sole, ma alcune possono richiedere un trattamento.

                                                                                                                              In questo articolo, esaminiamo il ruolo del corpo luteo e come si forma. Diamo anche un’occhiata a cosa succede quando si formano le cisti del corpo luteo e cosa si può fare.

                                                                                                                              Cos’è il corpo luteo?

                                                                                                                              Durante ovulazione, un uovo viene rilasciato da un follicolo dominante. Dopo il rilascio dell’uovo e la successiva fecondazione, il follicolo si chiude e forma il cosiddetto corpo luteo. Questa massa di cellule aiuta a produrre l’ormone progesterone durante l’inizio della gravidanza.

                                                                                                                              Il corpo luteo continuerà a produrre progesterone fino a quando il feto non produrrà livelli adeguati per sostenere la gravidanza, il che di solito avviene tra le 7 e le 9 settimane di gravidanza.

                                                                                                                              Il progesterone è essenziale durante l’inizio della gravidanza perché:

                                                                                                                                Il corpo luteo è sostenuto e mantenuto dall’ormone della gravidanza gonadotropina corionica umana o HCG. Il corpo luteo inizia a diminuire di dimensioni a circa 10 settimane di gravidanza.

                                                                                                                                Quando la fecondazione o l’impianto non si verificano, il corpo luteo inizierà a rompersi. Questo provoca un calo di estrogeni e i livelli di progesterone, portando all’inizio di un altro periodo mestruale.

                                                                                                                                Il corpo luteo e il ciclo mestruale

                                                                                                                                Gli ormoni giocano un ruolo importante nella normale regolazione mestruale nelle donne.

                                                                                                                                Oltre al progesterone e agli estrogeni, altri ormoni essenziali per l’ovulazione sono l’ormone luteinizzante e l’ormone follicolo-stimolante.

                                                                                                                                Questi ormoni sono responsabili dell’ovulazione e della preparazione dell’utero per l’impianto di un uovo fecondato.

                                                                                                                                Un tipico ciclo mestruale si verifica ogni 25-36 giorni, quando il corpo si prepara per l’ovulazione e la gravidanza.

                                                                                                                                Ci sono tre fasi del ciclo mestruale:

                                                                                                                                Fase follicolare

                                                                                                                                La fase follicolare del ciclo mestruale inizia il primo giorno delle mestruazioni di una donna, all’inizio del sanguinamento mestruale e dura fino all’ovulazione. Questa fase dura tipicamente da 13-14 giorni.

                                                                                                                                Durante la fase follicolare, il corpo secerne l’ormone follicolo-stimolante per indurre la produzione di follicoli ovarici che contengono uova. Uno di questi follicoli si svilupperà in un follicolo maturo capace di essere fecondato, che è conosciuto come il follicolo dominante.

                                                                                                                                Il follicolo dominante secerne estrogeni, che non solo rompe i follicoli non dominanti, ma stimola anche l’utero ad iniziare l’ispessimento del suo rivestimento in preparazione all’impianto dell’uovo. Causa anche l’aumento dell’ormone luteinizzante che è responsabile dell’ovulazione.

                                                                                                                                Fase ovulatoria

                                                                                                                                La fase ovulatoria inizia circa il 14° giorno del ciclo mestruale di una donna. Durante questo periodo, l’ormone luteinizzante aumenta, stimolando ulteriormente l’ovaio a rilasciare l’uovo dal follicolo dominante.

                                                                                                                                In genere, questa fase dura da 16 a 32 ore e porta all’ovulazione.

                                                                                                                                Fase luteale

                                                                                                                                La fase luteale del ciclo mestruale è il momento in cui il corpo si prepara per l’impianto di un uovo fecondato. Quando un follicolo ovarico rilascia un uovo durante la fase ovulatoria, il follicolo aperto si chiude, formando quello che viene chiamato corpo luteo.

                                                                                                                                Il corpo luteo è responsabile della produzione dell’ormone progesterone, che stimola l’utero a ispessirsi ancora di più in preparazione all’impianto di un uovo fecondato.

                                                                                                                                L’ormone estrogeno è anche elevato durante questo periodo per preparare l’utero per l’impianto.

                                                                                                                                Se non ci sono uova fecondate da impiantare nel rivestimento uterino ispessito, il corpo elimina il rivestimento durante il sanguinamento mestruale a causa dei bassi livelli di estrogeni e progesterone, e il ciclo inizia di nuovo.

                                                                                                                                Cos’è una cisti del corpo luteo?

                                                                                                                                A volte, il corpo luteo può riempirsi di liquido. Questo accumulo provoca quella che viene chiamata una cisti del corpo luteo, che è un tipo di funzionale cisti ovarica.

                                                                                                                                Nella maggior parte dei casi, le cisti del corpo luteo vanno via da sole senza trattamento. Le cisti del corpo luteo possono scomparire in poche settimane o richiedere fino a tre cicli mestruali per scomparire del tutto.

                                                                                                                                Alcune donne che sviluppano queste cisti possono sperimentare sintomi, come:

                                                                                                                                  Alcune donne possono sperimentare una cisti scoppiata, che può causare forti dolori e possibilmente emorragie interne.

                                                                                                                                  Le cisti più grandi possono causare la torsione dell’ovaio su se stesso (torsione ovarica) che può influenzare negativamente il flusso di sangue all’ovaio interessato.

                                                                                                                                  A volte, la ciste del corpo luteo può rimanere oltre le prime fasi della gravidanza. Se questo accade, la ciste ha il potenziale per causare problemi. Un ostetrico monitorerà come appropriato e farà riferimento a specialisti come necessario.

                                                                                                                                  Diagnosi di una cisti ovarica

                                                                                                                                  Mentre alcune cisti ovariche possono essere sentite durante un esame pelvico, altre non possono.

                                                                                                                                  Un ostetrico può effettuare alcuni test diagnostici per valutare e diagnosticare le cisti ovariche, tra cui:

                                                                                                                                    Alcuni medici possono eseguire dei test per controllare i livelli di alcune sostanze nel sangue che servono a rilevare cancro alle ovaie, come il cancro test dell’antigene 125 (CA 125).

                                                                                                                                    Questi test sono molto probabilmente richiesti se la ciste è solida e si pensa che la persona sia ad alto rischio di cancro ovarico. Tuttavia, i livelli di CA 125 possono essere elevati in condizioni non cancerose, come endometriosi, anche.

                                                                                                                                    Trattamento delle cisti

                                                                                                                                    Spesso le cisti del corpo luteo si risolvono senza trattamento. Tuttavia, ci sono momenti in cui il trattamento è necessario.

                                                                                                                                    Alcune opzioni di trattamento per le cisti ovariche includono:

                                                                                                                                      Un medico deciderà se il trattamento è necessario in base alle dimensioni della cisti, ai sintomi che può causare e all’età della persona.

                                                                                                                                      Se una ciste non sta causando alcun sintomo, il medico spesso aspetterà di vedere come progrediscono le cose piuttosto che iniziare qualsiasi forma di trattamento.

                                                                                                                                      Riassunto

                                                                                                                                      Il corpo luteo aiuta a produrre gli ormoni di cui il corpo ha bisogno durante le prime fasi della gravidanza. È una parte vitale della fertilità che permette il verificarsi della gravidanza.

                                                                                                                                      Le cisti possono talvolta formarsi se il corpo luteo si riempie di liquido. Se qualcuno sperimenta uno qualsiasi dei sintomi associati a una cisti del corpo luteo che non è causato da un’altra condizione, dovrebbe parlare con un medico.

                                                                                                                                      Queste cisti possono causare sintomi dolorosi, ma nella maggior parte dei casi, andranno via nel tempo senza trattamento.
                                                                                                                                      Vertigini prima delle mestruazioni: Cause e trattamenti

                                                                                                                                      I capogiri prima delle mestruazioni non sono tipici. Un certo numero di fattori può aumentare il rischio che una persona ne soffra. Questi includono alti livelli di progesterone, alcune condizioni mediche e il disturbo disforico premestruale.

                                                                                                                                      Vertigini può ancheo essere un sintomo precoce di gravidanza.

                                                                                                                                      Pochi studi hanno indagato questo sintomo, quindi i medici non sanno quanto sia comune o perché alcune persone lo sperimentano mentre altre no.

                                                                                                                                      Le condizioni che possono causare vertigini prima delle mestruazioni non sono tipicamente pericolose per la vita. Pertanto, avere questo sintomo non significa necessariamente che qualcosa non va.

                                                                                                                                      Tuttavia, poiché questo sintomo non è comune, una persona dovrebbe consultare il proprio medico se lo sperimenta.

                                                                                                                                      Il monitoraggio dei sintomi attraverso diversi cicli mestruali può aiutare una persona a identificare la causa specifica.

                                                                                                                                      Cause

                                                                                                                                      Poche ricerche recenti hanno indagato direttamente cosa potrebbe causare le vertigini prima delle mestruazioni, o confrontato le persone che hanno questo sintomo con quelle che non lo hanno.

                                                                                                                                      Di seguito sono riportate alcune potenziali spiegazioni per questo sintomo.

                                                                                                                                      Problemi al sistema vestibolare

                                                                                                                                      Il sistema vestibolare aiuta una persona a sentirsi in equilibrio, in modo da potersi muovere con facilità e conoscere la propria posizione nello spazio.

                                                                                                                                      I disturbi vestibolari, che spesso colpiscono l’orecchio interno, possono causare nausea, vertigini e persino problemi a camminare.

                                                                                                                                      Un piccolo corpo di ricerca suggerisce che alcune persone con disturbi vestibolari sperimentano sintomi più pronunciati prima del loro periodo.

                                                                                                                                      Malattia di Ménière è una condizione vestibolare comune.

                                                                                                                                      Un studio più vecchio della malattia di Ménière suggerisce che i cambiamenti nella distribuzione dei fluidi nel corpo prima delle mestruazioni possono anche cambiare la distribuzione dei fluidi nell’orecchio interno. Questo può causare vertigini.

                                                                                                                                      Un piccolo Studio del 2009 di donne sane hanno riscontrato differenze nel sistema vestibolare durante i giorni precedenti le mestruazioni.

                                                                                                                                      Tuttavia, la ricerca non è conclusiva. Gli scienziati devono fare più ricerche per determinare come i cambiamenti nel ciclo mestruale potrebbe influenzare il sistema vestibolare.

                                                                                                                                      Cambiamenti nei livelli di progesterone

                                                                                                                                      Dopo l’ovulazione, i livelli di progesterone aumentare costantemente. Poi scendono proprio prima che una persona abbia le mestruazioni.

                                                                                                                                      I cambiamenti nei livelli di progesterone possono aumentare l’intensità dei sintomi premestruali.

                                                                                                                                      Secondo il Società di endocrinologia, le persone che hanno vertigini più gravi sindrome premestruale (PMS) i sintomi possono essere più sensibili agli effetti del progesterone.

                                                                                                                                      Trattamenti con il progesterone a volte causano le persone a sentirsi stordite o assonnate. Le persone in terapia con progesterone possono notare più vertigini prima del loro periodo.

                                                                                                                                      Spostamenti di pressione sanguigna

                                                                                                                                      L’aumento della pressione sanguigna può causare vertigini. La ricerca suggerisce che progesterone, che aumenta nella seconda metà del ciclo mestruale prima di un periodo, può cambiare la pressione sanguigna.

                                                                                                                                      Questo cambiamento è correlato alla sindrome premestruale, per cui le persone che riferiscono i sintomi della sindrome premestruale possono avere maggiori probabilità di avere un aumento della pressione sanguigna prima delle mestruazioni.

                                                                                                                                      A Studio del 2016 ha scoperto che pressione sanguigna diastolica – il numero di pressione sanguigna inferiore – era 3.2 punti in più nella seconda metà del ciclo mestruale tra le persone che hanno riportato una grave sindrome premestruale.

                                                                                                                                      C’è una ricerca molto limitata su questa teoria. Gli scienziati dovrebbero condurre molti altri studi per indagare la potenziale associazione tra PMS e pressione sanguigna.

                                                                                                                                      Gravidanza

                                                                                                                                      Le vertigini sono un sintomo comune della gravidanza, anche all’inizio della gravidanza. I cambiamenti nella pressione sanguigna possono scatenare le vertigini, e con il progredire della gravidanza, l’utero può rallentare l’afflusso di sangue al cervello.

                                                                                                                                      Può essere un segno di gravidanza in una persona che non sperimenta tipicamente vertigini prima delle mestruazioni.

                                                                                                                                      Se i sintomi persistono e una persona non ha le mestruazioni o le mestruazioni sono diverse dal solito, potrebbe essere incinta e potrebbe prendere in considerazione un test di gravidanza.

                                                                                                                                      Disturbo disforico premestruale

                                                                                                                                      Disturbo premestruale disforico (PMDD) è un tipo di sindrome premestruale estrema che può sconvolgere la vita quotidiana di una persona prima o durante le mestruazioni.

                                                                                                                                      Le persone con PMDD sperimentano una vasta gamma di sintomi, tra cui forti crampi, vertigini, vomito, e l’emicrania. Se i sintomi premestruali di una persona sono molto intensi, il PMDD potrebbe essere il colpevole.

                                                                                                                                      Diagnosi

                                                                                                                                      Per diagnosticare la causa di vertigini che si verificano prima di un periodo, un medico può chiedere a una persona di monitorare i loro sintomi per vedere se ci sono correlazioni tra vertigini e la loro dieta, stile di vita, o altri fattori.

                                                                                                                                      Un operatore sanitario prenderà anche un’anamnesi dettagliata.

                                                                                                                                      Alcuni altri test possono includere:

                                                                                                                                        Il trattamento

                                                                                                                                        Poiché le vertigini prima delle mestruazioni sono relativamente poco comuni, non esiste un trattamento specifico. Tuttavia, se una condizione medica sottostante sta causando questo sintomo, un medico può raccomandare un trattamento per quella condizione.

                                                                                                                                        farmaci antinausea può aiutare con la malattia di Ménière. Alcune persone trovano anche sollievo da cambiamenti nella dieta, in particolare una dieta a basso contenuto di sale.

                                                                                                                                        Una varietà di trattamenti può aiutare a gestire PMDD. Un medico può raccomandare cambiamenti nello stile di vita, compreso l’esercizio fisico, antidepressivi, o farmaci per sintomi specifici, come gli antidolorifici per crampi mestruali.

                                                                                                                                        Anche senza una diagnosi, può essere possibile gestire le vertigini prima di un periodo. Una persona dovrebbe chiedere a un medico di farmaci antinausea o farmaci per la cinetosi, che possono alleviare i sintomi.

                                                                                                                                        Rimedi casalinghi

                                                                                                                                        Nessun rimedio casalingo specifico può curare le vertigini che si verificano prima di un periodo, ma alcune strategie può ridurre il rischio di gravi vertigini. Essi includono:

                                                                                                                                          Una persona dovrebbe anche evitare di guidare o fare altre attività potenzialmente pericolose quando ha le vertigini.

                                                                                                                                          Quando consultare un medico

                                                                                                                                          Le vertigini prima delle mestruazioni non sono un’emergenza a meno che una persona non abbia altri sintomi, come intorpidimento, dolore al petto o confusione. Se una persona ha questi sintomi, dovrebbe cercare immediatamente aiuto medico.

                                                                                                                                          Tuttavia, se le vertigini si verificano prima di ogni periodo, una persona dovrebbe comunque vedere un medico. È anche importante vedere un medico se una persona non ha le mestruazioni, perché questo può indicare gravidanza.

                                                                                                                                          Quando si parla con un medico, una persona dovrebbe condividere tutti i sintomi e una storia medica completa, anche se alcuni sintomi sembrano non correlati o irrilevanti.

                                                                                                                                          Dopo aver consultato un medico, una persona dovrebbe cercare ulteriori cure se:

                                                                                                                                            Riassunto

                                                                                                                                            Le vertigini possono essere spaventose e possono rendere difficile svolgere le attività quotidiane o il lavoro.

                                                                                                                                            Alcuni trattamenti possono aiutare, ma trovare il giusto trattamento dipende dall’identificazione della causa sottostante alle vertigini.

                                                                                                                                            Se una persona sperimenta vertigini prima delle mestruazioni, dovrebbe considerare di parlare con un medico per trovare le giuste opzioni di trattamento per loro.
                                                                                                                                            Pericoli della coppetta mestruale: Sicurezza, rischi e benefici

                                                                                                                                            Le coppette mestruali sono dispositivi che raccolgono internamente il sangue mestruale. A differenza dei tamponi, non assorbono il sangue ma lo raccolgono in una coppa di silicone o di plastica morbida. Con un uso corretto, sono sicuri da usare.

                                                                                                                                            Tuttavia, simile ai tamponi, le coppette mestruali hanno alcuni rischi potenziali, in particolare se una persona non li usa correttamente.

                                                                                                                                            Questo articolo esamina alcuni dei potenziali pericoli dell’uso delle coppette mestruali.

                                                                                                                                            Le coppette mestruali sono pericolose? 

                                                                                                                                            Nella maggior parte dei casi, le coppette mestruali non sono pericolose, finché le persone seguono le istruzioni dei produttori.

                                                                                                                                            Una revisione sistematica in The Lancet ha esaminato 43 studi sulla sicurezza delle coppette mestruali, che hanno coinvolto 3.319 partecipanti in totale. I ricercatori hanno concluso che le coppette mestruali sono un modo sicuro di gestire i periodi.

                                                                                                                                            Non ci sono anche prove che suggeriscono che le coppette mestruali sono più pericolose di altri prodotti per il periodo interno, come gli assorbenti.

                                                                                                                                            Rischi potenziali

                                                                                                                                            Anche se molte persone usano le coppette mestruali senza sperimentare alcuna complicazione, ci sono alcuni rischi potenziali al loro utilizzo. Molti di questi rischi sono simili a quelli dell’uso di altri prodotti mestruali interni.

                                                                                                                                            I ricercatori hanno identificato i seguenti rischi:

                                                                                                                                              Perdite

                                                                                                                                              Come con qualsiasi altro prodotto mestruale, le coppette mestruali possono perdere durante l’uso. La perdita è più probabile se la coppetta è piena o non si adatta bene.

                                                                                                                                              Svuotare la coppetta regolarmente e usarne una che si adatta bene riduce la possibilità di perdite. Una coppetta mestruale che si adatta bene creerà un “sigillo” intorno alla parete vaginale, e non si muoverà molto durante il giorno.

                                                                                                                                              Dolore e lesioni minori

                                                                                                                                              L’inserimento di qualsiasi oggetto nella vagina può causare dolore o piccole ferite. Una persona ha maggiori probabilità di sperimentare questi problemi se inserisce una coppetta mestruale in modo approssimativo, ha le unghie lunghe, o usa una coppetta troppo grande.

                                                                                                                                              La revisione completa in Il Lancet solo trovato cinque persone (0.15% delle partecipanti) che hanno sperimentato dolore grave o lesioni durante l’utilizzo di una coppetta mestruale. I ricercatori suggeriscono che questo potrebbe essere dovuto a differenze nell’anatomia o alla posizione errata della coppa.

                                                                                                                                              Eruzioni cutanee e reazioni allergiche

                                                                                                                                              Qualsiasi prodotto può causare un’allergia cutanea o una reazione allergica. In rari casi, questo può anche verificarsi in persone che usano coppette mestruali. Il Lancet revisione trovata solo sei casi (0.18% del totale) dove le coppette hanno causato una reazione allergica o un’eruzione cutanea.

                                                                                                                                              Poiché i materiali che le aziende utilizzano per fare le coppette mestruali possono variare, alcune persone possono trovare che alcune marche funzionano meglio di altre.

                                                                                                                                              Problemi urinari

                                                                                                                                              L’inserimento di qualsiasi oggetto nella vagina può irritare l’uretra e introdurre batteri nel tratto urinario. Un piccolo numero di persone trova che questo si verifica quando usano le coppette mestruali.

                                                                                                                                              Inoltre, in rari casi, la coppetta può spingere contro l’uretra e bloccarla, portando a problemi di minzione.

                                                                                                                                              The Lancet revisione identificata nove persone (0.27%) con sintomi urinari, tre dei quali hanno sviluppato idronefrosi – una grave condizione che causa il gonfiore nel rene quando l’urina non può uscire.

                                                                                                                                              Le scansioni mediche hanno mostrato che in tutti e tre questi casi, la coppetta mestruale non era nella posizione corretta, che può essere stata la causa.

                                                                                                                                              Slittamento o espulsione dello IUD

                                                                                                                                              Alcune prove suggeriscono che le coppette mestruali possono sloggiare gli IUD, il che può significare che non sono più efficaci per prevenire la gravidanza. The Lancet ha riferito che l’uso della coppetta mestruale ha portato a uno IUD che si è staccato o è uscito dalla vagina in 13 partecipanti (0.39% del numero totale).

                                                                                                                                              Tuttavia, l’espulsione dello IUD si verifica naturalmente in circa una persona su 20, con o senza l’uso di coppette mestruali. Si verifica comunemente durante un periodo, quindi non è possibile confermare che la coppetta mestruale era la causa diretta dell’espulsione.

                                                                                                                                              A studio del 2012 ha scoperto che il rischio di espulsione dello IUD non era più alto quando le persone usavano assorbenti, tamponi o coppette mestruali.

                                                                                                                                              Tuttavia, le persone che usano uno IUD potrebbero voler evitare le coppette mestruali se sono preoccupate del potenziale rischio di espulsione.

                                                                                                                                              Infezioni

                                                                                                                                              The Lancet La revisione non ha trovato prove che le coppette mestruali pongono un aumento del rischio di infezione rispetto ad altri prodotti del periodo. Alcuni degli studi inclusi hanno indicato che le coppette hanno meno probabilità di causare infezioni rispetto ai tamponi o agli assorbenti.

                                                                                                                                              Tuttavia, c’è ancora un piccolo rischio di infezione quando si usano le tazze, che aumenta se una persona non tiene pulita la sua tazza.

                                                                                                                                              Sindrome da shock tossico

                                                                                                                                              La sindrome da shock tossico (TSS) è un’infezione batterica grave e potenzialmente pericolosa per la vita che un ceppo di Stafilococco aureo provoca. È più comunemente associato con i tamponi, ma in casi molto rari, si verifica anche in persone che usano le coppette mestruali.

                                                                                                                                              Alcuni sostenitori delle coppette mestruali citano ricerche più vecchie come prova che la TSS si verifica solo quando le persone usano internamente materiali altamente assorbenti, come quelli che si trovano nei tamponi. Tuttavia, più ricerca recente mostra che la TSS è possibile anche nelle utilizzatrici di coppette mestruali.

                                                                                                                                              Secondo gli autori della revisione in Il Lancet, il rischio di TSS è basso.

                                                                                                                                              Coppette mestruali vs. assorbenti e tamponi

                                                                                                                                              Rispetto ai tamponi e agli assorbenti, le coppette mestruali sono:

                                                                                                                                                73% di utilizzatori di coppette mestruali in Il Lancet voleva continuare a usare questi prodotti dopo la fine degli studi.

                                                                                                                                                Può richiedere più tempo per imparare ad usare le coppette mestruali. Una persona può avere bisogno di provare diverse coppette prima di trovare quella giusta per loro.

                                                                                                                                                Alcune persone hanno difficoltà ad usare le coppette mestruali. In alcuni casi, questo è dovuto a differenze di anatomia o a condizioni come il vaginismo, che causa dolore quando una persona cerca di inserire oggetti nella vagina. Un ginecologo può essere in grado di aiutare con questo problema.

                                                                                                                                                Le persone con gravi lesioni vaginali e quelle che hanno appena partorito non dovrebbero inserire nulla nella vagina.

                                                                                                                                                Come utilizzare una coppetta mestruale in modo sicuro

                                                                                                                                                Prima di usare una coppetta mestruale per la prima volta:

                                                                                                                                                Per inserire una coppetta mestruale:

                                                                                                                                                Una persona può indossare la coppetta per 8-12 ore alla volta. Dovrebbero poi svuotarla e sciacquarla accuratamente prima di reinserirla di nuovo.

                                                                                                                                                È importante non indossare mai una coppetta per più di 12 ore alla volta senza svuotarla e lavarla, anche se non è piena.

                                                                                                                                                Per rimuovere la coppetta mestruale:

                                                                                                                                                Dopo ogni periodo è finito, una persona dovrebbe sterilizzare la tazza di nuovo prima di riporla in un contenitore pulito fino al prossimo periodo. Non dovrebbero mai condividere le coppette mestruali con altri.

                                                                                                                                                Le coppette mestruali influenzano la verginità?

                                                                                                                                                Il termine “vergine” descrive qualcuno che non ha avuto rapporti sessuali pene-in-vagina. È un costrutto sociale piuttosto che uno stato biologico.

                                                                                                                                                Utilizzo di una coppetta mestruale non significa che una persona ha perso la verginità. Tuttavia, questi articoli possono occasionalmente aprire l’imene, che è un sottile pezzo di tessuto che alcune persone hanno intorno alla loro apertura vaginale.

                                                                                                                                                Anche se una coppetta mestruale o un tampone allungano l’imene, questo non significa che una persona non sia più vergine.

                                                                                                                                                Riassunto 

                                                                                                                                                Le coppette mestruali sono sicure da usare, finché una persona segue le linee guida di sicurezza. Non ci sono prove che siano più pericolose dei tamponi.

                                                                                                                                                Raramente, le coppette mestruali possono causare dolore, problemi urinari o infezioni. Se questo si verifica, è importante smettere di usare il prodotto e parlare con un medico o un ginecologo.
                                                                                                                                                Si può fermare in modo sicuro il dolore mestruale per sempre? Per saperne di più, clicca qui

                                                                                                                                                Il dolore mestruale può verificarsi prima o durante il periodo mestruale di una donna. L’intensità del dolore può variare da un lieve disagio a forti crampi.

                                                                                                                                                Ci sono modi per trattare o fermare il dolore mestruale.

                                                                                                                                                Tuttavia, per fermare definitivamente il dolore mestruale, potrebbe essere necessario provare diversi trattamenti o opzioni di assistenza domiciliare prima di trovare una soluzione che funzioni. Questo è particolarmente vero se il dolore mestruale è il risultato di una condizione di salute sottostante.

                                                                                                                                                Questo articolo discuterà ciò che causa il dolore mestruale e guardare alcune opzioni di trattamento e rimedi casalinghi che potrebbero fermare in modo permanente.

                                                                                                                                                Cosa causa il dolore mestruale, e posso fermarlo per sempre?

                                                                                                                                                Durante il periodo mensile di una donna ciclo mestruale, il rivestimento dell’utero, o endometrio, si ispessisce per permettere una gravidanza. Le mestruazioni, note anche come mestruazioni, si verificano quando il corpo si libera di questo rivestimento a causa dell’assenza di una gravidanza.

                                                                                                                                                Affinché l’endometrio si liberi, i muscoli uterini si stringono e si rilassano in modo irregolare. Questo movimento aiuta il rivestimento uterino a staccarsi, permettendogli di passare attraverso la cervice e di uscire attraverso la vagina.

                                                                                                                                                Tuttavia, queste contrazioni dei muscoli uterini possono causare disagio. Questo disagio può variare da lievi a crampi estremamente dolorosi. Il dolore associato alle mestruazioni è noto come dismenorrea.

                                                                                                                                                Secondo l’American College of Obstetrics and Gynecologists (ACOG), più della metà di coloro che hanno le mestruazioni prova dolore mestruale per 1-2 giorni ogni mese.

                                                                                                                                                Le condizioni di salute sottostanti possono anche causare dolore mestruale. Le donne che ricevono un trattamento per queste condizioni possono scoprire che il loro dolore mestruale diminuisce o si ferma completamente.

                                                                                                                                                A seconda della causa del dolore mestruale di qualcuno, può essere possibile fermare il dolore ciclico in modo permanente. Coloro che soffrono di mestruazioni dolorose dovrebbero parlare con il loro medico di quali trattamenti sono più adatti a loro.

                                                                                                                                                Trattamenti clinici che potrebbero fermare il dolore mestruale per sempre

                                                                                                                                                Ognuno reagisce in modo diverso ai farmaci, quindi i metodi che funzionano per alcune donne potrebbero non funzionare per altre. Tuttavia, ci sono vari trattamenti clinici che un medico può suggerire per aiutare a fermare il dolore mestruale in modo permanente.

                                                                                                                                                Le seguenti sezioni esamineranno alcuni di questi trattamenti in modo più dettagliato.

                                                                                                                                                Contraccezione ormonale

                                                                                                                                                La contraccezione ormonale è disponibile in molte forme, tra cui compresse orali, iniezioni e dispositivi inseriti.

                                                                                                                                                Contraccettivi orali

                                                                                                                                                I contraccettivi orali funzionano usando ormoni per impedire alle ovaie di rilasciare un uovo. Le pillole contraccettive orali sono disponibili in due varietà diverse:

                                                                                                                                                  Entrambe le forme di contraccettivo orale può aiutare fermare il dolore delle mestruazioni. Perché i contraccettivi orali siano efficaci, le donne devono prenderli ogni giorno.

                                                                                                                                                  I contraccettivi orali possono anche causare ad alcune femmine di avere più leggero e regolare periodi. Quindi, se una donna scopre che i contraccettivi orali non fermano il dolore delle mestruazioni, può prendere sopprimere completamente le mestruazioni invece.

                                                                                                                                                  Tuttavia, dovrebbero sempre parlare con il loro medico prima di cambiare il modo in cui prendono le loro pillole anticoncezionali.

                                                                                                                                                  Dispositivi progestinici

                                                                                                                                                  Il progestinico è una forma sintetica dell’ormone progesterone. Ci sono diversi tipi di un dispositivo a base di solo progestinico che può aiutare a fermare il dolore mestruale. Questi sono i seguenti:

                                                                                                                                                    Chiunque desideri rimanere incinta e allo stesso tempo prevenire i dolori mestruali dovrebbe discutere di metodi alternativi con il proprio medico.

                                                                                                                                                    Trattamento delle condizioni di salute sottostanti

                                                                                                                                                    A volte, i forti dolori mestruali sono il risultato di una condizione di salute sottostante. In questi casi, ricevere un trattamento per la condizione può aiutare ad alleviare il dolore mestruale.

                                                                                                                                                    Endometriosi

                                                                                                                                                    L’endometriosi è una condizione che si verifica quando il tessuto che riveste l’utero comincia a crescere in aree esterne alla cavità uterina. Questo tessuto sanguina e si gonfia in concomitanza con le mestruazioni mensili.

                                                                                                                                                    Alcuni sintomi dell’endometriosi includono:

                                                                                                                                                      Trattamento

                                                                                                                                                      Gli operatori sanitari possono trattare l’endometriosi in una varietà di modi, tra cui:

                                                                                                                                                        Per saperne di più sull’endometriosi, clicca qui.

                                                                                                                                                        Fibromi uterini

                                                                                                                                                        I fibromi uterini sono tumori benigni che nascono dal muscolo e dal tessuto fibroso dell’utero. Sono molto comuni. I fibromi sono il più delle volte non cancerosi e possono essere piccoli come un seme di mela o grandi come un pompelmo.

                                                                                                                                                        Anche se la maggior parte dei fibromi non causa sintomi, chi li ha può sperimentare:

                                                                                                                                                          Trattamento

                                                                                                                                                          Per trattare i fibromi uterini, un medico può considerare diverse opzioni, tra cui:

                                                                                                                                                            Scopri di più sui fibromi uterini qui.

                                                                                                                                                            Adenomiosi

                                                                                                                                                            L’adenomiosi è una condizione in cui il tessuto endometriale che solitamente riveste la cavità uterina inizia a crescere all’interno delle pareti dell’utero.

                                                                                                                                                            Qualcuno con adenomiosi può sperimentare:

                                                                                                                                                              Trattamento

                                                                                                                                                              Alcuni metodi di controllo delle nascite e soppressori ormonali possono aiutare a gestire i sintomi dell’adenomiosi. Tuttavia, l’unico modo per curare l’adenomiosi è sottoporsi a un’isterectomia.

                                                                                                                                                              Per saperne di più sull’adenomiosi clicca qui.

                                                                                                                                                              Rimedi casalinghi che possono fermare il dolore mestruale

                                                                                                                                                              Antidolorifici chiamati farmaci antinfiammatori non steroidei (FANS) può aiutare ad alleviare il dolore delle mestruazioni.

                                                                                                                                                              FANS da banco, come aspirina e ibuprofene, può anche ridurre dolore da crampi mestruali e prevenire la nausea e diarrea.

                                                                                                                                                              A seconda della gravità del dolore mestruale di qualcuno, i FANS possono essere in grado di fermare completamente il dolore. Tuttavia, avrebbero bisogno di prendere un FANS durante ogni periodo per fornire sollievo dal dolore.

                                                                                                                                                              Per saperne di più sui rimedi casalinghi per alleviare il dolore mestruale, clicca qui.

                                                                                                                                                              Metodi ad azione rapida per fermare il dolore

                                                                                                                                                              Questi metodi potrebbero non essere in grado di fermare il dolore mestruale in modo permanente, ma possono funzionare rapidamente.

                                                                                                                                                              femmine che preferirebbero un sollievo dal dolore ad azione rapida per i loro dolori mestruali può provare:

                                                                                                                                                                Prevenire il dolore mestruale

                                                                                                                                                                Quando è possibile, prevenire il dolore mestruale prima che inizi è un buon metodo per gestire il ciclo mestruale. Le femmine possono essere in grado di farlo facendo alcuni cambiamenti nella dieta o smettendo di fumare.

                                                                                                                                                                Fare cambiamenti nella dieta

                                                                                                                                                                Uno studio 2018 ha scoperto che le persone che mangiavano grandi quantità di cibi zuccherati, salati e grassi avevano maggiori probabilità di avere dolori mestruali. Una persona che vuole fermare o alleviare il dolore mestruale può trarre beneficio dalla riduzione dell’assunzione di questi tipi di alimenti.

                                                                                                                                                                Altre ricerche nota che gli studenti con diete vegetariane e quelli che mangiavano più frutta e verdura sperimentavano meno dolori mestruali.

                                                                                                                                                                Smettere di fumare

                                                                                                                                                                Secondo uno studio del 2020, le persone che fumavano sigarette erano 1.45 volte più probabile di provare dolore mestruale rispetto a coloro che non lo facevano. Pertanto, smettere di fumare può aiutare a ridurre il dolore mestruale.

                                                                                                                                                                Quando contattare un medico

                                                                                                                                                                Le femmine dovrebbero parlare con il proprio medico per i loro dolori mestruali:

                                                                                                                                                                  Riassunto

                                                                                                                                                                  Per coloro che vorrebbero fermare il loro dolore mestruale in modo permanente, un medico può raccomandare diversi percorsi di trattamento.

                                                                                                                                                                  Se una donna pensa che i problemi di salute sottostanti potrebbero essere la causa del suo dolore mestruale, o il dolore è spesso grave, dovrebbe parlare con il suo medico.
                                                                                                                                                                  I reggiseni fanno abbassare il seno, uno studio di 15 anni conclude

                                                                                                                                                                  Pessario: Tipi e modalità d’uso

                                                                                                                                                                  Un pessario è un dispositivo che può aiutare a sostenere gli organi pelvici e tenerli in posizione. Un utente lo inserisce attraverso la vagina per gestire i sintomi del prolasso degli organi pelvici.

                                                                                                                                                                  Un prolasso degli organi pelvici si verifica quando i muscoli e i tessuti che sostengono gli organi pelvici non sono più in grado di farlo. Questo può accadere perché i muscoli sono danneggiati o deboli.

                                                                                                                                                                  Una persona può usare un pessario per trattare il prolasso degli organi pelvici o avere un intervento chirurgico.

                                                                                                                                                                  Questo articolo esamina i diversi tipi di pessario disponibili, come usarli e quando consultare un medico.

                                                                                                                                                                  Tipi di pessari 

                                                                                                                                                                  Non ci sono prove a sostegno dell’uso di un tipo specifico di pessario per alcuni tipi di prolasso.

                                                                                                                                                                  Invece, i medici lavorano con gli individui per rivedere le opzioni. Da lì, la scelta di un pessario è un processo di tentativi ed errori, quindi è importante dire all’operatore sanitario come si sente il pessario e quanto bene funziona.

                                                                                                                                                                  Il tipo di pessario dipende dalla gravità del prolasso di una persona, se ha un utero, la sua attività sessuale e incontinenza urinaria.

                                                                                                                                                                  Ci sono quattro fasi di prolasso degli organi pelvici:

                                                                                                                                                                    La maggior parte i pessari sono in silicone. Questo materiale impedisce al pessario di assorbire le secrezioni vaginali, il che impedisce alla vagina di seccarsi o di sviluppare odori.

                                                                                                                                                                    Il silicone può anche rendere un pessario più facile da pulire.

                                                                                                                                                                    Alcuni tipi specifici di pessari includono:

                                                                                                                                                                    Pessari di supporto

                                                                                                                                                                    È possibile indossare pessari di supporto nella maggior parte dei contesti, anche durante il rapporto sessuale. Secondo un analisi 2016, L’uso di un pessario non influisce negativamente sulla funzione sessuale.

                                                                                                                                                                    Questi funzionano bene per coloro che hanno un prolasso degli organi pelvici di stadio 1 o 2 e comprendono:

                                                                                                                                                                    Anello pessario

                                                                                                                                                                    È facile da inserire ma non aiuta con l’incontinenza urinaria.

                                                                                                                                                                    Pessario a leva

                                                                                                                                                                    Un pessario a leva funziona bene per i prolassi di stadio 1 e 2, così come per un utero retroverso. Non tratta l’incontinenza.

                                                                                                                                                                    Gehrung

                                                                                                                                                                    I pessari Gehrung possono modellarsi alla forma del corpo. Funzionano bene per i prolassi di stadio 1 e 2 ma non trattano l’incontinenza.

                                                                                                                                                                    Anello per l’incontinenza

                                                                                                                                                                    Progettato per l’incontinenza, questo pessario funziona estremamente bene per i prolassi di stadio 1 e 2, ma meno bene per i gradi superiori. Può migrare all’interno della vagina.

                                                                                                                                                                    Marland

                                                                                                                                                                    Un pessario Marland può trattare l’incontinenza.

                                                                                                                                                                    Pessari a riempimento spaziale

                                                                                                                                                                    I pessari riempitivi sono ideali per trattare gradi superiori di prolasso e incontinenza.

                                                                                                                                                                    Questi funzionano bene per coloro che hanno un prolasso degli organi pelvici allo stadio 3 o 4 e includono:

                                                                                                                                                                    Gellhorn

                                                                                                                                                                    Questi sono ideali per coloro che non sono più sessualmente attivi. Tuttavia, alcune persone potrebbero trovarli difficili da rimuovere. Il pessario è concavo e attaccato ad uno stelo.

                                                                                                                                                                    Ciambella

                                                                                                                                                                    Questo pessario può alleviare i sintomi del cistocele e rettocele prolasso ma è anche difficile da rimuovere. Questo pessario ha la forma di un anello spesso.

                                                                                                                                                                    Cubo

                                                                                                                                                                    Una persona dovrebbe togliere questo pessario durante il sesso. I pessari a cubo a volte causano un cattivo odore. Questo pessario è a forma di cubo.

                                                                                                                                                                    Come usare un pessario 

                                                                                                                                                                    Un medico o un altro operatore sanitario può aiutare con le istruzioni per l’inserimento.

                                                                                                                                                                    Inserimento e rimozione

                                                                                                                                                                    Il modo corretto di inserire un pessario varia da persona a persona.

                                                                                                                                                                    Alcune possono trovare utile stare con una gamba sola su un water o uno sgabello. È anche possibile inserire un pessario stando seduti o sdraiati sulla schiena con le gambe aperte.

                                                                                                                                                                    Lavarsi sempre le mani prima e dopo l’inserimento del dispositivo. Piegare il pessario a metà e inserirlo di nuovo nella vagina fino a quando è comodo. Il pessario si dispiega in una posizione di sostegno.

                                                                                                                                                                    Per rimuovere il pessario, lavarsi le mani e inserire un dito nella vagina. Agganciarlo sotto l’anello del pessario e tirare delicatamente. Il pessario si piegherà leggermente e uscirà.

                                                                                                                                                                    Se una persona è preoccupata di rimuovere un pessario, può legare un lungo pezzo di filo interdentale al pessario per aiutarla a tirarlo fuori.

                                                                                                                                                                    Manutenzione

                                                                                                                                                                    Una persona può rimuovere il suo pessario a sua discrezione. Tuttavia, i fornitori raccomandano che una persona lavi il suo pessario quotidiano.

                                                                                                                                                                    Utilizzare un sapone delicato e acqua calda, assicurandosi di sciacquare via tutto il sapone. Attendere che il pessario sia completamente asciutto prima di reinserirlo.

                                                                                                                                                                    Applicare estrogeni o un acidificante può aiutare ridurre la possibilità di infezioni.

                                                                                                                                                                    Le persone dovrebbero andare da un medico ogni 3-6 mesi controllare la presenza di ulcere. Se si è verificata un’ulcera, una persona non dovrebbe indossare il pessario finché non è guarita.

                                                                                                                                                                    Applicazione del pessario

                                                                                                                                                                    Quando un pessario si adatta correttamente, non dovrebbe far male, e una persona non dovrebbe sentirlo.

                                                                                                                                                                    Il pessario non si adatta se:

                                                                                                                                                                      Per controllare l’aderenza, un medico può suggerire di tenere premuto come se si avesse un movimento intestinale. I pessari che si adattano bene dovrebbero rimanere al loro posto.

                                                                                                                                                                      Mantenendo gli organi pelvici al loro posto, il pessario può alleviare i sintomi dell’incontinenza.

                                                                                                                                                                      Quando consultare un medico

                                                                                                                                                                      Alcuni segnali che una persona potrebbe aver bisogno di un pessario includono:

                                                                                                                                                                        Consultare un medico per un aiuto con un pessario se:

                                                                                                                                                                          Riassunto

                                                                                                                                                                          Il prolasso degli organi pelvici è un problema medico serio che può causare dolore. Per coloro che vogliono evitare l’intervento chirurgico o che non sono idonei alla chirurgia, un pessario può offrire sollievo.

                                                                                                                                                                          L’uso di un pessario può richiedere un po’ di pratica. Una persona dovrebbe continuare a provare se l’inserimento del dispositivo è difficile all’inizio.

                                                                                                                                                                          Possono essere necessari alcuni tentativi ed errori per ottenere la giusta misura e il giusto pessario, quindi comunicare con un fornitore di assistenza sanitaria circa il dispositivo, ed essere onesti su eventuali sintomi sgradevoli o problemi di misura.

                                                                                                                                                                          Amenorrea: Tipi, cause e trattamento

                                                                                                                                                                          L’amenorrea è quando le mestruazioni sono assenti durante gli anni riproduttivi, tra la pubertà e la menopausa.

                                                                                                                                                                          Non è una malattia e non significa che una persona sia infertile, ma può essere un segno di un problema di salute che ha bisogno di attenzione.

                                                                                                                                                                          Intorno a pubertà, iniziano le mestruazioni, e poi si verificano normalmente circa una volta al mese fino all’età di 50 anni. In questo periodo, le mestruazioni si fermano del tutto, come menopausa inizia.

                                                                                                                                                                          Durante la gravidanza, anche le mestruazioni si fermano, ed è comune che si fermino anche durante l’allattamento.

                                                                                                                                                                          Se le mestruazioni non si verificano in momenti in cui le persone normalmente si aspettano, questo è amenorrea.

                                                                                                                                                                          Tipi di amenorrea

                                                                                                                                                                          Ci sono due tipi di amenorrea: primaria e secondaria.

                                                                                                                                                                            Amenorrea primaria

                                                                                                                                                                            L’amenorrea primaria è quando le mestruazioni non iniziano durante la pubertà.

                                                                                                                                                                            Secondo la Istituti Nazionali di Sanità, se le mestruazioni non iniziano entro l’età di 16 anni, la persona dovrebbe cercare aiuto medico.

                                                                                                                                                                            L’amenorrea primaria è rara. Negli Stati Uniti, colpisce meno di 0.1 per cento di individui.

                                                                                                                                                                            Amenorrea secondaria

                                                                                                                                                                            Questo è quando le mestruazioni iniziano, ma poi cessano di verificarsi.

                                                                                                                                                                            Questo è normale durante la gravidanza o l’allattamento, ma può anche significare che c’è un problema.

                                                                                                                                                                            In U.S., si pensa che l’amenorrea secondaria colpisca circa 4 per cento delle donne durante la loro vita.

                                                                                                                                                                            Un periodo mancante non è di solito un segno di un problema di salute, anche se molte persone chiederanno un test di gravidanza se questo accade.

                                                                                                                                                                            Un medico considererà l’amenorrea secondaria se un individuo:

                                                                                                                                                                              Cause dell’amenorrea

                                                                                                                                                                              La causa sarà probabilmente diversa per l’amenorrea primaria e secondaria.

                                                                                                                                                                              Amenorrea primaria

                                                                                                                                                                              Una causa comune di amenorrea primaria è una storia familiare di mestruazioni ritardate. Tuttavia, a volte c’è un problema genetico.

                                                                                                                                                                              Le condizioni genetiche che possono impedire alle ovaie di funzionare correttamente sono:

                                                                                                                                                                                Un difetto di Müllerian è una malformazione degli organi riproduttivi. L’utero e le tube di Falloppio non si formano come dovrebbero.

                                                                                                                                                                                Ci può essere un problema strutturale relativo ai genitali che è presente dalla nascita. Occasionalmente, l’utero e le tube di Falloppio possono mancare. A volte, ci sono problemi di fusione, in cui le tube non si uniscono correttamente.

                                                                                                                                                                                Nell’agenesia mülleriana, o sindrome di Mayer-Rokitansky-KusterHauser (MRKH), le ovaie, i seni e il clitoride si formano correttamente, ma non c’è apertura vaginale, e la cervice e l’utero possono non essere formati correttamente.

                                                                                                                                                                                In questo caso, lo sviluppo riproduttivo non seguirà il modello normale, e le mestruazioni potrebbero non essere possibili.

                                                                                                                                                                                Amenorrea secondaria

                                                                                                                                                                                Le mestruazioni possono fermarsi per una serie di motivi.

                                                                                                                                                                                Questi includono:

                                                                                                                                                                                  Quando l’IMC scende sotto 19, il rischio di sviluppare amenorrea secondaria aumenta significativamente.

                                                                                                                                                                                  Perdita di peso, esercizio fisico e stress

                                                                                                                                                                                  Una grave perdita di peso può derivare da una malattia fisica o da un disturbo alimentare.

                                                                                                                                                                                  L’esercizio fisico rigoroso può causare amenorrea secondaria. È comune tra i corridori competitivi di lunga distanza e i ballerini professionisti.

                                                                                                                                                                                  Gravi sconvolgimenti emotivi o stress estremo possono anche causare l’interruzione delle mestruazioni di una donna.

                                                                                                                                                                                  Farmaci

                                                                                                                                                                                  Alcuni farmaci, come i contraccettivi a base di solo progesterone e un certo numero di psicofarmaci possono causare l’interruzione delle mestruazioni.

                                                                                                                                                                                  Altri farmaci che influenzano le mestruazioni sono:

                                                                                                                                                                                    Condizioni di salute a lungo termine

                                                                                                                                                                                    L’amenorrea può anche derivare da una malattia a lungo termine, come:

                                                                                                                                                                                      Problemi ipofisari o una tiroide poco attiva possono portare a uno squilibrio ormonale, e questo può portare a problemi mestruali.

                                                                                                                                                                                      Queste potrebbero essere dovute a:

                                                                                                                                                                                        Sintomi

                                                                                                                                                                                        Il sintomo principale è la mancanza di mestruazioni.

                                                                                                                                                                                        Tuttavia, a seconda della causa, possono verificarsi altri sintomi.

                                                                                                                                                                                        Questi includono:

                                                                                                                                                                                          In quelli con amenorrea primaria, ci può essere una mancanza di sviluppo del seno.

                                                                                                                                                                                          Chiunque sperimenti questi sintomi dovrebbe consultare un medico.

                                                                                                                                                                                          Diagnosi

                                                                                                                                                                                          L’amenorrea è un sintomo, non una malattia. Il medico cercherà di scoprire perché non ci sono le mestruazioni.

                                                                                                                                                                                          Amenorrea primaria

                                                                                                                                                                                          Se una persona non ha iniziato ad avere le mestruazioni all’età di 16 anni, il medico può chiedere informazioni sulla sua storia familiare ed effettuare una serie di test.

                                                                                                                                                                                          Questi includono test per valutare i livelli dei seguenti ormoni:

                                                                                                                                                                                            Eseguiranno anche un esame fisico.

                                                                                                                                                                                            Amenorrea secondaria

                                                                                                                                                                                            Una diagnosi di amenorrea secondaria si concentrerà sulla causa sottostante al problema.

                                                                                                                                                                                            Prima di effettuare qualsiasi test, il medico può fare domande per scoprire:

                                                                                                                                                                                              Possono quindi raccomandare una serie di test, a seconda della causa che sembra essere.

                                                                                                                                                                                              Questi possono includere:

                                                                                                                                                                                                I test di imaging possono includere:

                                                                                                                                                                                                    Trattamento

                                                                                                                                                                                                    Il trattamento dipenderà dalla causa.

                                                                                                                                                                                                    Amenorrea primaria

                                                                                                                                                                                                    Il trattamento per l’amenorrea primaria può iniziare con una vigile attesa, a seconda dell’età della persona e del risultato del test di funzionalità ovarica. Se c’è una storia familiare di mestruazioni tardive, le mestruazioni possono iniziare in tempo.

                                                                                                                                                                                                    Se ci sono problemi genetici o fisici che coinvolgono gli organi riproduttivi, può essere necessario un intervento chirurgico. Questo non garantisce, tuttavia, che si verifichino cicli mestruali normali.

                                                                                                                                                                                                    Amenorrea secondaria

                                                                                                                                                                                                    Questo dipenderà dalla causa sottostante.

                                                                                                                                                                                                    Fattori dello stile di vita: Se la persona ha fatto esercizio fisico eccessivo, un cambiamento del piano di esercizio o della dieta può aiutare a stabilizzare il ciclo mensile.

                                                                                                                                                                                                    Stress: Se lo stress emotivo o mentale è un problema, la consulenza può aiutare.

                                                                                                                                                                                                    Eccessiva perdita di peso: Questo può accadere per diversi motivi. La persona potrebbe aver bisogno di un regime di aumento di peso supervisionato professionalmente. Se un disordine alimentare è una possibilità, il trattamento può includere un regime di aumento di peso e sessioni di consulenza con uno psichiatra e un nutrizionista o dietista.

                                                                                                                                                                                                    Alcune condizioni di salute possono causare la perdita di peso. Un medico può fare un test per questi fattori e offrire un trattamento appropriato.

                                                                                                                                                                                                    Tiroide sottoattiva: Se le mestruazioni si fermano a causa di una tiroide poco attiva, il medico può prescrivere un trattamento con tiroxina, un ormone tiroideo.

                                                                                                                                                                                                    Sindrome dell’ovaio policistico (PCOS): Il medico suggerirà un trattamento appropriato. Se la PCOS ha portato ad un eccesso di peso, possono raccomandare una dieta per perdere peso.

                                                                                                                                                                                                    Insufficienza ovarica precoce: Terapia ormonale sostitutiva (TOS) può causare il ritorno delle mestruazioni.

                                                                                                                                                                                                    Menopausa: La menopausa inizia intorno ai 50 anni, ma a volte può iniziare già a 40 anni. La storia familiare può influire su questo.

                                                                                                                                                                                                    Se la menopausa inizia presto, c’è un rischio maggiore di osteoporosi. La persona può avere bisogno di un trattamento per prevenire questa complicazione.

                                                                                                                                                                                                    Takeaway

                                                                                                                                                                                                    Le mestruazioni possono fermarsi per una serie di motivi. Non significa necessariamente che una persona è sterile e non potrà mai concepire.

                                                                                                                                                                                                    Se le mestruazioni regolari cessano per 3 mesi o più, o se le mestruazioni irregolari cessano per almeno 6 mesi, la persona dovrebbe consultare un medico.

                                                                                                                                                                                                    In molti casi, il trattamento è disponibile.
                                                                                                                                                                                                    Dolore mestruale (dismenorrea): Tipi, cause e trattamenti

                                                                                                                                                                                                    Il dolore mestruale, o dismenorrea, si riferisce al dolore e ai crampi che si verificano durante o intorno alle mestruazioni. Secondo una revisione del 2014, ovunque tra il 16-91% delle persone che hanno le mestruazioni sperimentano la dismenorrea, con il 2-29% che sperimenta il dolore grave.

                                                                                                                                                                                                    Queste statistiche provengono da Revisioni epidemiologiche.

                                                                                                                                                                                                    Il dolore mestruale può essere un lieve inconveniente, o può essere una grave malattia che colpisce la capacità di una persona di svolgere le attività quotidiane. Il livello e la durata del dolore possono anche cambiare nel tempo.

                                                                                                                                                                                                    In questo articolo, esamineremo i tipi e le cause del dolore mestruale, come le persone possono ridurlo e quando è il momento di cercare aiuto.

                                                                                                                                                                                                    Cos’è il dolore mestruale? 

                                                                                                                                                                                                    Il dolore mestruale è un dolore che si verifica appena prima o durante il periodo mestruale.

                                                                                                                                                                                                    L’esperienza del dolore mestruale di ogni persona è diversa, ma può causare:

                                                                                                                                                                                                      Alcune persone anche sperimentare sintomi digestivi insieme al dolore mestruale, come ad esempio:

                                                                                                                                                                                                        Altri sintomi associati alla dismenorrea includono irritabilità e mal di testa. Il dolore mestruale e i crampi possono variare da lievi a intensi.

                                                                                                                                                                                                        Tipi di dolore mestruale

                                                                                                                                                                                                        Ci sono due tipi di dolore mestruale: primario e secondario.

                                                                                                                                                                                                        Dismenorrea primaria

                                                                                                                                                                                                        La dismenorrea primaria si verifica come risultato delle sole mestruazioni. Questo significa che un’altra condizione non lo causa.

                                                                                                                                                                                                        I ricercatori credono che le prostaglandine siano la causa della dismenorrea primaria. Le prostaglandine sono sostanze simili agli ormoni che controllano infiammazione.

                                                                                                                                                                                                        All’inizio delle mestruazioni, il corpo rilascia prostaglandine. Questo innesca contrazioni nell’utero, spingendo il rivestimento dell’utero a liberarsi.

                                                                                                                                                                                                        Queste contrazioni sono più forti durante i primi 2 giorni delle mestruazioni. Ma prima dell’inizio delle mestruazioni, progesterone i livelli calano, il che potrebbe anche causare un aumento delle prostaglandine prima dell’inizio del periodo.

                                                                                                                                                                                                        La quantità di prostaglandine che il corpo rilascia è correlata all’intensità di queste contrazioni, e quindi alla gravità del dolore mestruale. Le persone con dismenorrea primaria spesso hanno anche periodi più lunghi e pesanti.

                                                                                                                                                                                                        Alcuni fattori di rischio possono contribuire alla condizione, tra cui

                                                                                                                                                                                                          Dismenorrea secondaria

                                                                                                                                                                                                          La dismenorrea secondaria si verifica come risultato di un’altra condizione medica. Esempi di condizioni che possono causare dismenorrea secondaria includono:

                                                                                                                                                                                                            È possibile per una persona avere una dismenorrea primaria e poi sviluppare una dismenorrea secondaria, peggiorando il dolore esistente.

                                                                                                                                                                                                            Come sbarazzarsi del dolore mestruale 

                                                                                                                                                                                                            Ci sono una serie di approcci che le persone possono provare per ridurre il dolore mestruale. Le strategie di coping possono ridurre il dolore attuale, mentre altre possono aiutare a ridurre la probabilità di dismenorrea in generale.

                                                                                                                                                                                                            Affrontare il dolore mestruale

                                                                                                                                                                                                            Alcune strategie che possono aiutare ad alleviare il dolore mestruale quando si verifica include:

                                                                                                                                                                                                              Prevenire il dolore mestruale

                                                                                                                                                                                                              Alcuni approcci che possono ridurre o aiutare a prevenire la dismenorrea includono:

                                                                                                                                                                                                              Riposo e riduzione dello stress

                                                                                                                                                                                                              Alcune ricerche suggeriscono che lo stress può aumentare la probabilità o la gravità del dolore mestruale e della sindrome premestruale.

                                                                                                                                                                                                              Un vecchio sondaggio nazionale del 2008 in Ungheria ha trovato che le femmine in ambienti di lavoro più stressanti sperimentato più grave dolore mestruale, in particolare quelli con bassa sicurezza del lavoro e una mancanza di sostegno da parte dei colleghi.

                                                                                                                                                                                                              Può essere difficile evitare lo stress, ma imparare a gestirlo può aiutare. Le idee per questo includono:

                                                                                                                                                                                                                Per saperne di più sullo stress, le sue cause e come gestirlo, clicca qui.

                                                                                                                                                                                                                Controllo delle nascite

                                                                                                                                                                                                                Alcune forme di ormonali controllo delle nascite può aiutare a ridurre la gravità del dolore mestruale. Alcune forme possono anche fermare del tutto le mestruazioni. Esempi di metodi che possono fare questo includono la pillola, l’impianto e l’iniezione.

                                                                                                                                                                                                                Gli IUD ormonali possono anche ridurre o fermare le mestruazioni, ma il processo di inserimento può causare crampi. Le persone con condizioni che possono causare dismenorrea, come la PID, potrebbero voler evitare gli IUD ormonali.

                                                                                                                                                                                                                Esercizio

                                                                                                                                                                                                                A Studio clinico del 2018 ha scoperto che l’esercizio fisico regolare ha un impatto sul dolore mestruale. Su 70 studenti, quelli che hanno fatto 30 minuti di esercizio aerobico tre volte a settimana hanno visto una riduzione dei sintomi di dismenorrea dopo 8 settimane.

                                                                                                                                                                                                                Ma questo studio era piccolo e si concentrava solo sulle femmine più giovani. Altri studi hanno concluso che non c’è associazione tra l’esercizio fisico e la riduzione del dolore mestruale.

                                                                                                                                                                                                                Gestire le condizioni sottostanti

                                                                                                                                                                                                                In caso di dismenorrea secondaria, identificare e gestire la causa è essenziale per ridurre il dolore mestruale. Per esempio, una persona con una crescita uterina o endometriosi può beneficiare di un intervento chirurgico per rimuovere le escrescenze che causano dolore.

                                                                                                                                                                                                                L’impatto del dolore mestruale e le barriere al trattamento

                                                                                                                                                                                                                La dismenorrea è una condizione comune che ha un impatto significativo sulla salute pubblica.

                                                                                                                                                                                                                Un grande studio del 2019 condotto nei Paesi Bassi ha scoperto che durante un periodo di 4 mesi, quasi 14% delle intervistate che hanno saltato il lavoro o la scuola a causa delle mestruazioni. Infatti, 3.4% ha perso la scuola o il lavoro in ogni ciclo mestruale o quasi.

                                                                                                                                                                                                                Nonostante questo, le persone con dismenorrea possono avere difficoltà a ricevere cure mediche. Questo è in parte dovuto alla convinzione che i periodi dolorosi sono normali. Un’altra componente è il pregiudizio come risultato di sessismo, razzismo e altre fonti di pregiudizio.

                                                                                                                                                                                                                Secondo un Rassegna della letteratura del 2018, le donne hanno maggiori probabilità di sperimentare condizioni di dolore cronico rispetto agli uomini. Ma i medici sono anche più propensi a dare la colpa di quel dolore a una malattia mentale o a un malingaggio, con conseguente “lotta” per le donne per essere credute.

                                                                                                                                                                                                                Questo può portare le persone a non essere in grado di ottenere una diagnosi o un trattamento. Per esempio, un vecchio articolo nota che mentre circa il 10% delle donne ha l’endometriosi, ci vuole 8-12 anni in media per ottenere una diagnosi.

                                                                                                                                                                                                                Queste barriere sono ancora più significative per le donne di colore. Diversi studi mostrano che i medici sono meno propensi a prescrivere farmaci antidolorifici alle donne nere, mentre uno studio del 2016 ha mostrato che 47% degli specializzandi e degli studenti di medicina hanno sottovalutato il dolore nelle persone di colore.

                                                                                                                                                                                                                Essere consapevoli di queste barriere è importante sia per gli operatori sanitari che per le pazienti, che possono evitare di cercare aiuto per il dolore grave dopo esperienze negative con i medici.

                                                                                                                                                                                                                Quando cercare aiuto 

                                                                                                                                                                                                                Mentre il dolore mestruale lieve è comune, nessuno dovrebbe sopportare un dolore grave o debilitante. Una persona dovrebbe parlare con un medico se:

                                                                                                                                                                                                                  Le persone dovrebbero anche parlare con un medico se hanno periodi dolorosi insieme ad altri sintomi, come:

                                                                                                                                                                                                                    Se una persona ha difficoltà a ottenere una diagnosi, ci sono le cose che possono fare per difendere se stessi. Per esempio:

                                                                                                                                                                                                                    Alcune persone possono sentire un beneficio dall’avere qualcun altro che le accompagni agli appuntamenti per un supporto.

                                                                                                                                                                                                                    Riassunto

                                                                                                                                                                                                                    Il dolore mestruale, o dismenorrea, è una condizione comune che può abbassare la qualità della vita di una persona. Le cure domiciliari possono trattare dolori mestruali lievi o occasionali. Ma se una persona ha mestruazioni gravi e dirompenti, è importante che i medici indaghino la causa e trattino il dolore, quando possibile.
                                                                                                                                                                                                                    Temperatura corporea basale: Perché monitorarla se voglio rimanere incinta?

                                                                                                                                                                                                                    La temperatura corporea basale è la temperatura del corpo a riposo. Durante l’ovulazione, la BBT aumenta leggermente. Tracciare la BBT per diversi mesi può aiutare una persona a prevedere quando ovulerà e avrà più probabilità di rimanere incinta.

                                                                                                                                                                                                                    Una femmina è più probabile per rimanere incinta 2-3 giorni prima dell’ovulazione, il giorno in cui avviene, e 12-24 ore dopo.

                                                                                                                                                                                                                    Se una persona vuole concepire, può seguire il suo BBT per alcuni mesi per capire quando l’ovulazione si verifica di solito nel suo ciclo mestruale. Una persona può pianificare di fare sesso durante il suo periodo più fertile per aumentare le probabilità di rimanere incinta.

                                                                                                                                                                                                                    Questo articolo spiega cos’è il BBT e le ragioni per seguirlo. Discute anche il periodo più fertile di una donna e come prevederlo usando il metodo BBT.

                                                                                                                                                                                                                    Il sesso e il genere esistono su uno spettro. Questo articolo userà i termini “maschio”, “femmina” o entrambi per riferirsi al sesso assegnato alla nascita. .

                                                                                                                                                                                                                    Cos’è la temperatura corporea basale?

                                                                                                                                                                                                                    La BBT è la temperatura corporea più bassa che si verifica dopo il riposo. Nella maggior parte delle persone, un cambiamento di 0.5-1F° si verificherà dopo l’ovulazione.

                                                                                                                                                                                                                    Se una persona vuole usare il metodo BBT per il rilevamento della temperatura, dovrebbe misurare la propria temperatura alla stessa ora ogni giorno, come prima cosa dopo il risveglio. È importante prendere la temperatura prima di alzarsi dal letto, mangiare, bere, fare sesso o fare qualsiasi altra cosa.

                                                                                                                                                                                                                    Perché tenerne traccia?

                                                                                                                                                                                                                    Ci sono circa 6 giorni ogni mese in cui una donna può concepire. Se una persona sta cercando di rimanere incinta, può essere utile sapere quando sta ovulando.

                                                                                                                                                                                                                    La BBT è solitamente più bassa nei giorni che precedono l’ovulazione. Dopo l’ovulazione, aumenterà di nuovo entro 24 ore e rimarrà elevata.

                                                                                                                                                                                                                    Una persona può registrare le sue letture giornaliere su un grafico per rendere le differenze facili da individuare. I cambiamenti di temperatura sono molto lievi, quindi un termometro che misura almeno i decimi di grado è il metodo più accurato.

                                                                                                                                                                                                                    Per saperne di più sull’ovulazione, clicca qui.

                                                                                                                                                                                                                    Quando è più probabile che tu rimanga incinta?

                                                                                                                                                                                                                    Una persona ciclo mestruale inizia il primo giorno delle mestruazioni e tipicamente dura circa 28 giorni, anche se questo può variare tra 21-40 giorni.

                                                                                                                                                                                                                    L’ovulazione si verifica circa 2 settimane prima dell’inizio del mestruazioni, metà del ciclo di una persona. Una persona è molto probabilmente concepire il giorno dell’ovulazione, 2-3 giorni prima o 12-24 ore dopo. Questo è intorno ai giorni 10-16 del ciclo mestruale.

                                                                                                                                                                                                                    Lo sperma di un maschio può vivere per 3-5 giorni nel tratto riproduttivo di una donna. Se una donna fa sesso con un uomo senza usare un metodo di barriera qualche giorno prima dell’ovulazione, lo sperma può fecondare l’uovo e possono rimanere incinte.

                                                                                                                                                                                                                    Quando hai meno probabilità di rimanere incinta?

                                                                                                                                                                                                                    Una volta che si verifica l’ovulazione e l’ovaio rilascia un uovo, lo sperma ha 12-24 ore per fecondarlo prima che muoia o che il corpo lo riassorba. Dopo questo periodo, la gravidanza ha meno probabilità di verificarsi fino al prossimo ciclo mestruale.

                                                                                                                                                                                                                    Scopri di più sul concepimento qui.

                                                                                                                                                                                                                    Come prevedere quando si ovula

                                                                                                                                                                                                                    Per la maggior parte delle donne, 97-98°F (36.1-36.6°C) è un tipico BBT prima dell’ovulazione. Dopo che un’ovaia rilascia un uovo, la BBT sale.

                                                                                                                                                                                                                    Durante l’ovulazione, la BBT aumenterà a 0.5-1°F in media a 97-98°F (36.1-36.6°C) e rimangono più alti fino alla fine del ciclo mestruale. I giorni più fertili di una femmina sono 2-3 giorni prima che la BBT aumenti.

                                                                                                                                                                                                                    Tracciando il loro BBT per diversi mesi, una persona può identificare i modelli che li aiuteranno a prevedere quando ovuleranno e ottimizzare la loro possibilità di concepire.

                                                                                                                                                                                                                    Può essere difficile interpretare un grafico BBT all’inizio. Un professionista medico o una clinica di pianificazione familiare può aiutare con questo.

                                                                                                                                                                                                                    Rischi

                                                                                                                                                                                                                    Il metodo BBT non è completamente affidabile per i seguenti motivi:

                                                                                                                                                                                                                      Fattori che possono influenzare la BBT

                                                                                                                                                                                                                      Fattori esterni possono influenzare le letture della BBT, tra cui:

                                                                                                                                                                                                                        Come misurare il BBT

                                                                                                                                                                                                                        Una persona dovrebbe misurare la propria temperatura corporea prima cosa ogni mattina al risveglio – prima di mangiare, bere, fare sesso o qualsiasi altra attività.

                                                                                                                                                                                                                        Per misurare il BBT, una persona può usare un termometro digitale o BBT che misura in decimi di grado.

                                                                                                                                                                                                                        Una persona può registrare la lettura di ogni giorno su un grafico. Questo può essere su carta, un’applicazione o online. Una volta che una persona ha tracciato alcuni mesi di letture BBT, possono studiare il modello per identificare il momento del ciclo in cui il loro BBT sale.

                                                                                                                                                                                                                        Un aumento del BBT indica che l’ovulazione si è già verificata, quindi una persona può provare a tempo il sesso nei giorni prima che l’aumento di temperatura si verifica per le migliori possibilità di rimanere incinta.

                                                                                                                                                                                                                        Termometri

                                                                                                                                                                                                                        Prendere un BBT richiede un termometro che misura in decimi o centesimi di grado. Molti sono disponibili come termometri digitali, o una persona può acquistare uno speciale termometro BBT.

                                                                                                                                                                                                                        Qui sotto ci sono esempi di termometri:

                                                                                                                                                                                                                          Riassunto

                                                                                                                                                                                                                          La BBT è la temperatura più bassa che si verifica dopo il riposo. Durante l’ovulazione, il BBT di una donna aumenta leggermente.

                                                                                                                                                                                                                          Il monitoraggio del BBT per diversi mesi può indicare quando l’ovulazione si verifica di solito all’interno del ciclo mestruale di una persona. Se una persona vuole rimanere incinta, può pianificare di fare sesso durante i suoi giorni più fertili.

                                                                                                                                                                                                                          Fattori esterni possono influenzare la BBT, come il consumo di alcol, il fumo, la malattia o il fatto di non effettuare la lettura della BBT subito dopo il risveglio.

                                                                                                                                                                                                                          Per prendere letture BBT, una persona può utilizzare un termometro digitale che misura a decimi o centesimi di grado.
                                                                                                                                                                                                                          Flora vaginale: storia, impatto sulla salute e mantenimento

                                                                                                                                                                                                                          La flora vaginale si riferisce al microecosistema di diverse specie di batteri che sono presenti nella vagina. Questi batteri aiutano a mantenere l’ambiente ideale per mantenere la vagina sana ed evitare le infezioni. Sostenere un pH ideale e promuovere i lattobacilli – un tipo di batteri buoni – sono essenziali per la salute ginecologica.

                                                                                                                                                                                                                          Questo articolo discute il delicato equilibrio di batteri nella vagina, la sua importanza per la salute di una persona, e ciò che qualcuno può fare per mantenere o ripristinare.

                                                                                                                                                                                                                          Il sesso e il genere esistono su spettri. Questo articolo userà i termini “maschio”, “femmina” o entrambi per riferirsi al sesso assegnato alla nascita. .

                                                                                                                                                                                                                          Cos’è la flora vaginale?

                                                                                                                                                                                                                          La flora vaginale si riferisce alle diverse specie di batteri che vivono nel tratto vaginale.

                                                                                                                                                                                                                          Secondo un Articolo 2016, anche se gli scienziati hanno identificato oltre 250 specie batteriche, un microbioma vaginale sano consiste principalmente di Lactobacillus.

                                                                                                                                                                                                                          Lactobacilli aiutano a mantenere il pH sano della vagina.

                                                                                                                                                                                                                          Inoltre, questi batteri producono anche acido lattico, che può aiutare a prevenire che specie meno benefiche crescano e colonizzino la vagina.

                                                                                                                                                                                                                          Un neonato inizia a colonizzare i batteri della vagina dei genitori naturali se hanno un parto vaginale. In seguito, il latte materno fornisce più specie batteriche al bambino.

                                                                                                                                                                                                                          Durante le fasi riproduttive della vita di una donna, gli ormoni promuovono la crescita di oltre 120 specie di Lattobacilli nella vagina.

                                                                                                                                                                                                                          Nelle femmine che non hanno iniziato mestruazioni e quelli che sono in postmenopausa, una mancanza di estrogeni significa che la flora vaginale è composta principalmente da flora cutanea e intestinale. Tuttavia, la Lattobacilli possono essere presenti nella vagina.

                                                                                                                                                                                                                          La flora vaginale e il pH possono variare in base alla razza e alla genetica di una persona.

                                                                                                                                                                                                                          A 2021 articolo di revisione suggerisce che le differenze nei microbiomi vaginali potrebbero verificarsi a causa di:

                                                                                                                                                                                                                            Sono necessarie ulteriori ricerche per capire le differenze nei microbiomi vaginali.

                                                                                                                                                                                                                            Storia

                                                                                                                                                                                                                            Il Articolo 2016 nota che l’ostetrica e ginecologo Albert Döderlein fu il primo a spiegare l’importanza dei batteri nella vagina. Nel 1892, descrisse il bacillo vaginale come un lungo bacillo gram-positivo presente nelle secrezioni vaginali.

                                                                                                                                                                                                                            Döderlein e i suoi colleghi hanno spiegato come i batteri vaginali producono acido lattico, che inibisce altre specie patogene, mantenendo così la salute della vagina.

                                                                                                                                                                                                                            Da allora, l’articolo afferma che più scienziati hanno proposto diversi modi per classificare i diversi tipi di flora:

                                                                                                                                                                                                                              Utilizzando i progressi tecnologici come il sequenziamento genomico, gli scienziati ora comprendono le diverse specie di batteri che vivono nella vagina.

                                                                                                                                                                                                                              Importanza per la salute

                                                                                                                                                                                                                              Il delicato equilibrio della diversità batterica può determinare la salute della vagina di qualcuno.

                                                                                                                                                                                                                              Ricerca suggerisce che il microbiota sbilanciato può portare a infezioni vulvovaginali, come BV e candidosi vulvovaginale.

                                                                                                                                                                                                                              Secondo un revisione del 2018, c’è un’associazione tra BV e un aumento del rischio di MST e altre infezioni, come malattia infiammatoria pelvica. Inoltre, per chi è incinta, BV può causare un travaglio pretermine o un parto.

                                                                                                                                                                                                                              Inoltre, la revisione suggerisce un legame tra la diminuzione Lactobacillus dominanza e il fallimento di fecondazione in vitro (IVF) e la perdita della gravidanza.

                                                                                                                                                                                                                              Oltre ai batteri, la flora vaginale include lieviti.

                                                                                                                                                                                                                              In una vagina sana, la Candida la specie esiste come forma di lievito. Se questo tipo di fungo si moltiplica, si può causare candidosi vulvovaginale. Le persone possono riferirsi a questo come un infezione vaginale del lievito, e i sintomi possono includere prurito vaginale, dolore e perdite vaginali atipiche.

                                                                                                                                                                                                                              Mantenere e ripristinare la flora vaginale

                                                                                                                                                                                                                              Garantire una sana diversità batterica nella vagina è la chiave per la sua salute, e ci sono diversi fattori da considerare per prevenire la disbiosi, o flora squilibrata.

                                                                                                                                                                                                                              Dieta e nutrizione

                                                                                                                                                                                                                              Un fattore importante da considerare è la dieta e alimentazione. Per esempio, un revisione 2020 suggerisce che la Candida, il lievito che causa le comuni infezioni vaginali, è altamente flessibile ai cambiamenti nella dieta.

                                                                                                                                                                                                                              Un altro 2020 revisione spiega che l’intestino e la vagina comunicano per via incrociata e che i ceppi batterici possono trasferirsi dall’intestino alla vagina, stimolando il sistema immunitario.

                                                                                                                                                                                                                              Per questo motivo, sostenere la flora sia nell’intestino che nella vagina è benefico per la salute vaginale.

                                                                                                                                                                                                                              Per esempio, un 2020 revisione indica che il consumo di probiotico Lactobacillus può aiutare a ripristinare e mantenere la flora vaginale. Tuttavia, i dati sono contrastanti per quanto riguarda la differenza che i probiotici possono fare sulla flora vaginale e sono necessarie ulteriori ricerche.

                                                                                                                                                                                                                              Secondo un diverso Rassegna 2020, le diete ricche di nutrienti, come vitamine e minerali, sono associate al benessere vaginale, compresa una riduzione di BV e papillomavirus umano (HPV).

                                                                                                                                                                                                                              Al contrario, le diete carenti di queste sostanze nutritive e troppo grasso e zucchero hanno conseguenze negative sulla salute vaginale.

                                                                                                                                                                                                                              Per saperne di più su come la dieta può migliorare la salute vaginale di una persona.

                                                                                                                                                                                                                              Stress

                                                                                                                                                                                                                              A revisione 2018 suggerisce che lo stress può avere effetti negativi sulla salute vaginale.

                                                                                                                                                                                                                              La recensione spiega che gli ormoni dello stress, come il cortisolo, diminuiscono l’abbondanza di flora benefica Lactobacilli, che causano infiammazione e peggiorare i sintomi dell’infezione vaginale.

                                                                                                                                                                                                                              Una persona può considerare quanto segue per aiutare a ridurre lo stress:

                                                                                                                                                                                                                                Per saperne di più su come trattare e gestire lo stress.

                                                                                                                                                                                                                                Fumo

                                                                                                                                                                                                                                Ricerca suggerisce che il fumo ha un effetto dannoso sulla flora vaginale. Quando gli scienziati confrontano quelli che fumano con quelli che non lo fanno, hanno scoperto che il tabacco sembra diminuire i lattobacilli e aumentare i batteri patogeni.

                                                                                                                                                                                                                                Una persona che fuma può desiderare di smettere per aiutare a mantenere la sua flora vaginale.

                                                                                                                                                                                                                                Per saperne di più su come smettere di fumare.

                                                                                                                                                                                                                                Attività sessuale

                                                                                                                                                                                                                                I rapporti sessuali o altre attività sessuali possono introdurre batteri che possono interrompere l’equilibrio della flora vaginale, che porta a BV. Una ragione per cui questo può accadere è che lo sperma è alcalino, che può disturbare il pH della vagina.

                                                                                                                                                                                                                                Una persona può essere più probabile sviluppare BV se hanno rapporti sessuali con un nuovo partner o hanno più partner sessuali.

                                                                                                                                                                                                                                Attività sessuale può anche innescare candidosi vulvovaginale.

                                                                                                                                                                                                                                È importante notare che la BV e la candidosi vulvovaginale non sono IST.

                                                                                                                                                                                                                                Per aiutare a prevenire l’interruzione della flora vaginale durante l’attività sessuale, una persona può desiderare di utilizzare metodi di barriera di protezione, come preservativi o dighe dentali.

                                                                                                                                                                                                                                Il trattamento medico è disponibile per ripristinare l’equilibrio della flora vaginale. Gli antibiotici possono trattare BV e una persona può usare farmaci da banco, come i pessari, per trattare la candidosi vulvovaginale.

                                                                                                                                                                                                                                Per saperne di più sulle infezioni da lievito dopo il sesso.

                                                                                                                                                                                                                                Douching

                                                                                                                                                                                                                                Douching è il lavaggio o la pulizia della vagina con acqua o altri fluidi.

                                                                                                                                                                                                                                Il Ufficio per la salute delle donne (OWH) consiglia alla gente di non fare la doccia perché può cambiare l’equilibrio della flora e l’acidità naturale nella vagina.

                                                                                                                                                                                                                                OWH spiega che c’è un collegamento con la lavanda vaginale e alcuni problemi di salute, tra cui BV, irritazione vaginale e malattia infiammatoria pelvica.

                                                                                                                                                                                                                                La vagina è autopulente e non richiede alcun prodotto di pulizia. Tuttavia, alcune persone possono desiderare di pulire la vulva usando acqua calda e sapone delicato e non profumato.

                                                                                                                                                                                                                                Scopri di più sulla pulizia della vagina qui.

                                                                                                                                                                                                                                Riassunto

                                                                                                                                                                                                                                Flora, tra cui Lactobacillus, proteggere la vagina dalle infezioni.

                                                                                                                                                                                                                                BV e la candidosi vulvovaginale sono condizioni comuni che hanno come causa principale una flora squilibrata. Seguire una dieta sana, pratiche sessuali sicure ed evitare lo stress e il fumo sono strategie che una persona può utilizzare per ridurre il rischio di sviluppare queste condizioni.

                                                                                                                                                                                                                                Inoltre, è essenziale che le persone non eseguano la lavanda vaginale perché questo sconvolge l’equilibrio dei batteri sani.
                                                                                                                                                                                                                                Rete vaginale: Chirurgia, problemi e rischi

                                                                                                                                                                                                                                L’inserimento della rete transvaginale è un’opzione di trattamento per il prolasso degli organi pelvici o l’incontinenza urinaria da sforzo. Tuttavia, ci sono state alcune preoccupazioni per quanto riguarda la sicurezza della rete vaginale.

                                                                                                                                                                                                                                La rete vaginale può aiutare a rafforzare una parte indebolita della vagina, sostenere gli organi caduti o prevenire perdite di urina.

                                                                                                                                                                                                                                Questo articolo esamina i tipi di rete vaginale, i benefici e i rischi potenziali, la controversia intorno al trattamento e le opzioni alternative.

                                                                                                                                                                                                                                Il sesso e il genere esistono su uno spettro. Questo articolo userà i termini “maschio”, “femmina” o entrambi per riferirsi al sesso assegnato alla nascita. .

                                                                                                                                                                                                                                Che cos’è?

                                                                                                                                                                                                                                La rete transvaginale è un impianto di rete naturale o sintetica che gli operatori sanitari usano per rafforzare un’area indebolita della vagina. L’inserimento di una rete transvaginale è una procedura chirurgica.

                                                                                                                                                                                                                                Il Fondazione per la cura dell’urologia nota che le persone possono avere un impianto di rete transvaginale se hanno un prolasso degli organi pelvici (POP) o incontinenza urinaria da stress (SUI).

                                                                                                                                                                                                                                Il POP si verifica quando i muscoli e i legamenti che circondano gli organi pelvici si indeboliscono e cadono fuori posto.

                                                                                                                                                                                                                                La SUI è una condizione in cui l’urina fuoriesce durante i movimenti fisici, come quando si tossisce, si starnutisce o si ride.

                                                                                                                                                                                                                                Scopo

                                                                                                                                                                                                                                Una rete transvaginale può aiutare sostenere la parete vaginale nelle persone con POP.

                                                                                                                                                                                                                                Quelli con SUI possono avere una fasciatura a rete in posizione. Un chirurgo posizionerà una rete attraverso la vagina per sostenere l’uretra, il tubo che trasporta l’urina fuori dal corpo dalla vescica.

                                                                                                                                                                                                                                Un’imbracatura allevia la pressione sulla vescica, il che può aiutare a prevenire la fuoriuscita di urina.

                                                                                                                                                                                                                                Tipi

                                                                                                                                                                                                                                Ci sono diversi tipi di mesh vaginali, compreso:

                                                                                                                                                                                                                                  Benefici e rischi

                                                                                                                                                                                                                                  Una rete transvaginale può aiutare rafforzare una parte indebolita della vagina, fornire supporto e aiutare a riportare gli organi interessati nella loro posizione normale. Tuttavia, ci sono dei rischi di cui essere consapevoli.

                                                                                                                                                                                                                                  Rischi potenziali di mesh vaginale includono:

                                                                                                                                                                                                                                    Altre possibili complicazioni possono includere:

                                                                                                                                                                                                                                      Controversie

                                                                                                                                                                                                                                      C’è qualche controversia intorno alla rete transvaginale e se è un metodo di trattamento sicuro per POP o SUI.

                                                                                                                                                                                                                                      Nel 2019, la Amministrazione degli alimenti e dei farmaci (FDA) ha emesso un comunicato stampa per vietare la produzione, la vendita e la distribuzione di reti chirurgiche vaginali per il trattamento del POP.

                                                                                                                                                                                                                                      La FDA ha dichiarato che Boston Scientific e Coloplast, due produttori di rete vaginale, non hanno dimostrato abbastanza sicurezza o efficacia nei loro prodotti.

                                                                                                                                                                                                                                      La FDA ha ritenuto che questa azione fosse necessaria dopo le crescenti segnalazioni di effetti collaterali negativi derivanti dall’uso della rete transvaginale per il trattamento del POP.

                                                                                                                                                                                                                                      Il Società Uroginecologica Americana (AUGS) dichiara di sostenere l’uso della rete transvaginale in alcune situazioni, dove è l’opzione di trattamento più appropriata.

                                                                                                                                                                                                                                      Opzioni di trattamento alternative

                                                                                                                                                                                                                                      Le opzioni di trattamento alternative alla rete transvaginale includono:

                                                                                                                                                                                                                                      Pessari

                                                                                                                                                                                                                                      Un pessario è un dispositivo in silicone che si inserisce nella vagina per sostenere gli organi che sono caduti fuori posto. Un pessario può anche fare pressione sull’uretra per prevenire la perdita di urina.

                                                                                                                                                                                                                                      Intorno a Il 50-80% delle donne può usare con successo un pessario, indipendentemente dall’età, dalla storia medica o dalla gravità della loro condizione.

                                                                                                                                                                                                                                      Le persone possono scegliere di avere un pessario per trattare il POP o il SUI, e può essere adatto a coloro che:

                                                                                                                                                                                                                                        I pessari possono non essere adatti alle persone con:

                                                                                                                                                                                                                                          Per saperne di più sui diversi tipi di pessario clicca qui.

                                                                                                                                                                                                                                          Terapia del pavimento pelvico

                                                                                                                                                                                                                                          Un altro trattamento alternativo alla rete vaginale è la terapia del pavimento pelvico. La terapia del pavimento pelvico comporta esercizi specifici che rafforzare i muscoli del pavimento pelvico.

                                                                                                                                                                                                                                          Le persone potrebbero voler lavorare con un fisioterapista che offre un allenamento del pavimento pelvico.

                                                                                                                                                                                                                                          Altre opzioni

                                                                                                                                                                                                                                          Tecniche come il biofeedback e la stimolazione elettrica possono anche aiutare a migliorare la funzione dei muscoli del pavimento pelvico e trattare il POP e il SUI.

                                                                                                                                                                                                                                          Altri trattamenti possono includere:

                                                                                                                                                                                                                                            Ci sono anche alternative chirurgiche, come:

                                                                                                                                                                                                                                              Cosa dovrebbe fare una persona se ha dei dubbi sulla sua rete pelvica?

                                                                                                                                                                                                                                              Se le persone hanno sintomi di complicazioni da mesh vaginale, dovranno parlare con un operatore sanitario.

                                                                                                                                                                                                                                              Un medico può effettuare esami, come i test di imaging, per verificare eventuali problemi con la rete transvaginale.

                                                                                                                                                                                                                                              Nelle persone che hanno preoccupazioni circa la sicurezza della loro rete ma nessun sintomo avverso, non c’è bisogno di rimuovere la rete.

                                                                                                                                                                                                                                              La chirurgia per rimuovere la rete può causare sintomi indesiderati ed è inutile a meno che non ci sia un problema medico.

                                                                                                                                                                                                                                              Riassunto

                                                                                                                                                                                                                                              La rete transvaginale è un impianto sintetico o naturale di rete nella vagina per trattare POP o SUI. La rete transvaginale può aiutare a sostenere gli organi caduti, rafforzare una parete vaginale indebolita o prevenire perdite di urina.

                                                                                                                                                                                                                                              C’è stata qualche controversia che circonda l’uso della rete transvaginale, e la FDA ha vietato a due produttori di vendere dispositivi di rete chirurgica a causa delle preoccupazioni sulla loro sicurezza ed efficacia.

                                                                                                                                                                                                                                              Altre organizzazioni, come l’AUGS, hanno dichiarato che la rete vaginale può essere un’opzione di trattamento adatta in alcune circostanze.

                                                                                                                                                                                                                                              Le persone possono discutere i potenziali benefici e rischi della chirurgia della rete vaginale e altre opzioni di trattamento con un professionista sanitario.
                                                                                                                                                                                                                                              Le donne attraenti tendono ad avere livelli di estrogeni più alti

                                                                                                                                                                                                                                              Lascia un commento