Coaguli di sangue dopo il parto: Sintomi, trattamento e quando consultare un medico

Dopo il parto, è normale per una donna sperimentare sanguinamento e passare alcuni coaguli di sangue come l’utero si contrae e diventa più piccolo.

Durante questo periodo di recupero, il corpo della donna inizia il processo di ripristino dello stato pre-gravidanza e si prepara all’allattamento.

In questo articolo, guardiamo che tipo di sanguinamento da aspettarsi dopo il parto e quando vedere un medico.

Coaguli di sangue dopo la nascita

Ci sono due tipi di coaguli di sangue che le donne possono sperimentare dopo il parto:

    Mentre alcuni sanguinamenti e coaguli sono da aspettarsi, una donna dovrebbe parlare con un medico di coaguli eccessivi o grandi, di sanguinamenti insolitamente pesanti o di qualsiasi sintomo preoccupante.

    È anche fondamentale conoscere i segni di un coagulo di sangue pericoloso all’interno di una vena.

    Il sangue sano può coagulare o attaccarsi insieme per aiutare a prevenire un eccessivo sanguinamento da un taglio o una ferita.

    Quando il corpo si libera della placenta dopo il parto, il sangue può accumularsi all’interno dell’utero e formare coaguli. Nelle prime 24 ore, quando il flusso di sangue è il più alto, molte donne passano uno o più grandi coaguli.

    Quando una donna è incinta, il suo corpo produce più fattori di coagulazione del sangue, che aiutano a prevenire il sanguinamento eccessivo durante il parto. Tuttavia, questo mette anche una donna a più alto rischio di sviluppare un coagulo di sangue pericoloso all’interno di una vena.

    Secondo l’American Heart Association, il rischio di una donna di sviluppare uno di questi coaguli è più di 10 volte più alto che normale nelle 6 settimane dopo il parto.

    Un altro studio mostra che questo rischio può essere anche fino a 22 volte di più durante questo periodo. Il rischio di questi coaguli torna alla normalità dopo 18 settimane dal parto.

    Cosa aspettarsi dopo il parto

    Il normale scarico del rivestimento uterino dopo il parto è chiamato lochia. È composto da sangue, muco, altri tessuti e alcuni batteri.

    La maggior parte delle donne trova che il loro flusso di lochia è più pesante nei primi 1 o 3 giorni dopo il parto e diventa gradualmente più leggero nelle settimane successive.

    Ogni donna è diversa, ma la maggior parte delle donne può aspettarsi:

      Le donne non dovrebbero usare assorbenti o mettere qualcosa nella vagina per almeno 6 settimane dopo il parto. Alcune donne potrebbero aver bisogno di aspettare più a lungo.

      Le donne dovrebbero in genere vedere il loro medico o ostetrica da 4 a 6 settimane dopo il parto per un controllo. Una donna potrebbe aver bisogno di vedere il suo medico prima se ha avuto complicazioni o ha avuto un parto cesareo.

      Segni di un pericoloso coagulo di sangue

      Se si forma un coagulo di sangue in una vena dopo il parto, il corpo potrebbe non essere in grado di dissolverlo. A volte, questo coagulo può liberarsi all’interno della vena e viaggiare verso il polmone, noto come un embolia polmonare.

      Molto meno comune è la formazione di un coagulo nelle arterie del cuore o del cervello, che può portare ad un attacco di cuore o ictus.

      Poiché una donna ha un rischio particolarmente alto di sviluppare coaguli di sangue in vena dopo il parto, dovrebbe essere consapevole di qualsiasi potenziale segno che potrebbe indicare un coagulo pericoloso per la vita.

      Segni e sintomi di un coagulo pericoloso includono:

        Alcune donne sono a più alto rischio di avere uno di questi coaguli. Altri fattori di rischio includono:

          Si possono prevenire i coaguli di sangue??

          Il passaggio di alcuni coaguli di sangue nella lochia è normale dopo il parto e non può essere evitato.

          Tuttavia, ci sono modi per aiutare a prevenire complicazioni da coaguli di sangue pericolosi per la vita all’interno del corpo. Questi includono:

            Emorragia post-partum o sanguinamento eccessivo

            L’emorragia post-partum o il sanguinamento eccessivo dopo il parto può verificarsi per una serie di motivi. Un’emorragia continua può portare a una perdita di sangue grave e pericolosa per la vita.

            L’emorragia post-partum è una complicazione significativa per le donne che partoriscono in tutto il mondo, anche se la mortalità sta diminuendo nel tempo.

            Le ragioni includono tipicamente:

              Dopo che una donna ha partorito, il suo utero può essere controllato regolarmente dai suoi medici e infermieri per assicurarsi che si stia contraendo e diventando più piccolo. Se l’utero si sente morbido e floscio, o la donna sta sanguinando eccessivamente, sono necessarie cure mediche di emergenza.

              Il trattamento per l’emorragia post-partum può includere:

                Quando consultare un medico

                Con così tanti cambiamenti che avvengono nel corpo di una donna dopo il parto, può essere difficile sapere cosa è normale. Le donne incinte dovrebbero parlare con un operatore sanitario su che tipo di sanguinamento aspettarsi. Possono anche discutere eventuali fattori di rischio che potrebbero avere per sviluppare pericolosi coaguli interni.

                In generale, qualsiasi sintomo insolito, coaguli eccessivi o grandi, sanguinamento pesante, segni di un coagulo in una vena e sensazione di malessere sono motivi per parlare con un medico o un’ostetrica.

                Lascia un commento