Come costruire una sana relazione romantica: 5 consigli

Qualunque sia la nostra opinione su San Valentino, per quelli di noi che sono interessati a perseguire relazioni romantiche, rimane una domanda chiave: Cosa rende una relazione sana? In questo articolo, vi diamo una panoramica di ciò che gli studi specialistici hanno trovato.

“Ho fatto una lista delle cose che non ti insegnano a scuola. Non ti insegnano ad amare qualcuno.”

Così scrive Neil Gaiman nel nono volume della serie a fumetti L’uomo di sabbia, “Le persone gentili.”

Infatti, non c’è una singola ricetta provata e vera per l’amore e le relazioni di successo che chiunque può insegnarci. Approcci diversi funzionano per partnership diverse, e non c’è motivo di cercare di arrivare con linee guida rigide per l’amore.

Tuttavia, i motivi per cui la qualità delle relazioni può deteriorarsi nel tempo – o perché le relazioni falliscono del tutto – tendono ad essere coerenti.

Molti ricercatori hanno studiato cosa spinge le persone a lasciare una relazione e cosa le spinge a rimanere insieme.

In questo articolo, vi diamo i nostri migliori consigli basati sulla ricerca su cosa cercare per costruire una relazione significativa, sana e felice.

1. Inizia la tua relazione con uno scopo

Prima di tutto, la ricerca suggerisce che ci può essere un po’ di verità nella frase “inizia come intendi andare avanti” quando si tratta di relazioni.

Studi recenti suggeriscono che, in molti casi, le persone che si frequentano finiscono per “cadere” in una relazione impegnata per un senso di inerzia, e le coppie possono finire per vivere insieme anche quando non sono sicure di appartenere alla coppia.

“[M]ale coppie, se non la maggior parte, scivolano dalla non convivenza alla convivenza prima di rendersi pienamente conto di ciò che sta accadendo; è spesso un processo non deliberativo e incrementale,” riporta I ricercatori dell’Università di Denver in Colorado.

Per esempio, qualcuno può finire per decidere di trasferirsi e, forse, alla fine, sposare il proprio partner semplicemente perché hanno già trascorso una quantità significativa di tempo insieme e stabilito un legame.

Questo può accadere – sostiene I ricercatori di incontri e relazioni Samantha Joel, Ph.D., e Prof. Paul Eastwick – anche quando uno o entrambi i partner sono convinti, all’inizio della loro relazione, di non essere necessariamente adatti l’uno all’altro.

Notizie mediche oggi ha parlato con Alex Psaila, supervisore clinico di Relate North and South West Sussex, un ente di beneficenza con sede nel Regno Unito che fornisce supporto e mediazione nelle relazioni. Gli abbiamo chiesto delle prime “bandiere rosse” che le persone potrebbero voler ricordare quando iniziano una nuova relazione.

L’amore cieco, ci ha detto, può impedire agli individui di riconoscere possibili problemi e scontri di personalità. Può anche farli pensare che – non importa quanto fastidiosi possano essere alcuni dei comportamenti del loro nuovo partner – questi probabilmente cambieranno con il tempo. Non è così, dice Psaila:

“Qualcuno entra in una relazione con l’idea che questa relazione sia difettosa o che non lo sia? Se siamo consapevoli che qualcosa [non è del tutto giusto], potremmo dire a noi stessi che ‘lo sistemeremo’ […] Per la maggior parte ‘essere innamorati’ è come Cupido – cieco – e sorvoliamo sulle potenziali difficoltà, volendo credere che passerà e che l’amore vincerà tutto.

Joel e il prof. Eastwick sostengono che se le persone si prendessero più tempo per fare un po’ di ricerca interiore – potenzialmente difficile – prima di impegnarsi in una relazione, potrebbero essere in grado di evitare di entrare in una situazione che si rivelerà insoddisfacente per entrambi i partner nel lungo periodo.

Dovremmo, cioè, iniziare nuove relazioni con un senso di scopo, pensando davvero a ciò che vogliamo e abbiamo bisogno, e se la persona che stiamo frequentando è veramente in grado di allinearsi con quei desideri e bisogni – e noi con i loro.

“Le persone possono essere in grado di migliorare le loro traiettorie relazionali, di salute e di benessere scegliendo e investendo in modo più selettivo nelle nuove relazioni che sono giuste per loro e rifiutando quelle che non sono giuste per loro”, scrivono Joel e Prof. Eastwick.

2. Comunicare per risolvere i conflitti

Come per qualsiasi cosa, la comunicazione aperta è necessaria quando si tratta di costruire e mantenere una relazione sana.

E in una relazione a lungo termine, la comunicazione calma, aperta e costruttiva è essenziale quando si tratta di risolvere i conflitti, poiché nessun legame interpersonale è mai veramente libero da conflitti.

“Lo stress può sorgere nelle relazioni quando i partner sperimentano obiettivi, motivazioni e preferenze contrastanti”, scrivono i professori Nickola Overall e James McNulty in un studio recente sulla comunicazione durante il conflitto.

Le possibili ragioni per il conflitto in una relazione romantica possono variare ampiamente, e i professori Overall e McNulty citano aspettative non soddisfatte, difficoltà finanziarie, la distribuzione delle responsabilità, gli stili genitoriali e la gelosia, tra gli altri.

“I conflitti irrisolti e lo stress associato al conflitto mettono a rischio anche la relazione più soddisfacente. Inoltre, gestire e risolvere i conflitti è difficile, e può essere esso stesso una significativa fonte di stress”, notano.

Quindi qual è il modo migliore per comunicare quando si tratta di risolvere i conflitti in una relazione intima?

Secondo i ricercatori, dipende. Tuttavia, seppellire i propri sentimenti e le proprie perplessità, e nascondere rapidamente i disaccordi sotto il tappeto non aiuta, dicono.

I professori Overall e McNulty suggeriscono che è cruciale per le coppie valutare prima il contesto in cui è sorto il conflitto per decidere come affrontarlo al meglio.

Quando è in gioco una questione seria, spiegano i ricercatori, è importante per entrambi i partner esprimere i loro punti di vista opposti e negoziare la direzione del cambiamento.

Tuttavia, se la coppia è in disaccordo su questioni minori, o su questioni al di fuori del loro controllo, può essere più utile per loro riconoscere il problema ma esprimere reciprocamente convalida, affetto e perdono.

Psaila ha espresso una prospettiva simile a MNT. Le persone che mantengono relazioni sane e felici, dice, “dicono scusa e fanno riparazione [quando riconoscono di aver fatto qualcosa di male].”

Tuttavia, aggiunge Psaila, essi “non si aggrappano alla vergogna segreta e nascosta”, dopo una situazione discordante.

“Imparano dagli errori e sanno che la consapevolezza della loro vulnerabilità è un punto di forza. Possono e vogliono cercare aiuto e consigli da parenti fidati, amici, mentori (anche consulenti [addestrati]).

– Alex Psaila

Psaila nota anche che le persone che vogliono che la loro relazione prosperi mostrano anche l’apertura a ricevere supporto da un terapeuta professionista, non solo quando le cose vanno male, ma per essere sicuri di mantenere la rotta.

3. Trova il tempo per le attività di coppia

La vita a volte può impedirci di passare del tempo con le persone che amiamo, anche quando condividiamo uno spazio abitativo. Le esigenze del lavoro, per esempio, possono lasciarci poco tempo – e a volte poca energia – per fare qualcosa di piacevole con i nostri partner.

Eppure la ricerca mostra che le coppie che partecipano ad attività divertenti insieme possono anche trovare più facile rimanere insieme.

Per esempio, uno studio su MNT l’anno scorso ha suggerito che le coppie che trovano il tempo per fare giochi da tavolo insieme avevano anche una buona qualità della vita amorosa.

Lo studio ha trovato una semplice ragione per questa correlazione: I partner che hanno partecipato a queste attività divertenti insieme hanno visto un aumento di ossitocina, l'”ormone dell’amore”, così chiamato perché gioca un ruolo chiave nei comportamenti di legame.

Karen Melton, Ph.D., e i suoi colleghi – che hanno condotto lo studio sui giochi da tavolo – notano che, affinché l’attività di una coppia porti al picco di ossitocina, è probabile che debba coinvolgere l’interazione tra i partner.

Semplicemente partecipare a un evento insieme ma non interagire, per esempio, potrebbe non avere lo stesso effetto di legame.

I ricercatori hanno anche scoperto che il fattore novità ha influenzato la quantità di ossitocina rilasciata: Le coppie che hanno organizzato la loro attività divertente in un posto nuovo fuori dalla loro casa hanno visto una maggiore spinta di “ormone dell’amore” rispetto a quelli che hanno giocato a casa.

Il risultato? Fare cose divertenti, idealmente in ambienti nuovi e non familiari, potrebbe aiutare a mantenere la qualità della relazione.

4. Ritagliarsi il proprio spazio

Anche se passare del tempo di qualità con i propri cari è essenziale, è almeno altrettanto importante passare del tempo di qualità da soli – e permettere ai partner di fare lo stesso.

“Un rapporto sano è un po’ come inspirare e poi espirare”, ha spiegato Psaila per MNT.

“C’è un ciclo di vicinanza e distanza, di avvicinamento, anche di fusione e separazione, individuazione, [creazione di un] senso di sé […] Entrambi sono importanti. Se il rapporto è troppo distante – poca vicinanza – allora l’idea di cercare questo altrove sorgerà (forse mascherato come sentirsi abbandonati e non amati),” ha notato.

Eppure troppa vicinanza può far sentire una relazione come una trappola e, portato all’estremo – se un partner isola gradualmente il suo “altro significativo” da amici, famiglia e attività che gli piacciono – potrebbe anche essere un segno di abuso emotivo.

“Se la relazione è troppo stretta, persino soffocante, allora la coppia [diventa] fusa e c’è poco spazio per l’esplorazione e la crescita, per altre interazioni, per sentire la mancanza della persona amata e desiderare di tornare, portando nuove idee ed energia nella relazione.

– Alex Psaila

5. Mostrare attenzione e apprezzamento

Mentre le coppie sono all’inizio della loro relazione, nella fase di “luna di miele”, i partner si ricoprono di affetto e parole di apprezzamento.

Ma spesso, con il passare del tempo, i partner possono iniziare a darsi l’un l’altro per scontato e dimenticare di mostrare lo stesso tipo di ammirazione che avevano una volta.

Secondo un studio del 2017, uno dei motivi principali per cui le coppie a lungo termine si separano è che uno dei partner non mostrava più abbastanza affetto e attenzione all’altro.

E un studio del 2018 ha scoperto che i giovani adulti – di età compresa tra i 18 e i 29 anni – che hanno percepito che il loro partner ha messo uno sforzo simile nell’iniziare le conversazioni di testo hanno anche riportato una maggiore soddisfazione di relazione.

Altre ricerche ha mostrato che le donne che hanno riferito di essere soddisfatte nelle loro relazioni romantiche hanno anche riferito che i loro partner apprezzavano il loro corpo. E, hanno riferito una maggiore soddisfazione con la loro vita sessuale.

Infine, anche se i regali materiali non sono una misura dell’amore in qualsiasi relazione, alcuni studi hanno dimostrato che quando un partner può e offre regali, questo può contribuire alla soddisfazione del rapporto se fatto correttamente.

ricerca dell’anno scorso suggerisce che perché un regalo aumenti la soddisfazione del rapporto, deve essere ben pensato. I regali che offriamo agli altri, spiegano i ricercatori, possono riflettere l’immagine che loro hanno di se stessi o l’immagine che noi abbiamo di loro.

Se le due cose non coincidono, allora è probabile che il regalo che scegliamo sarà deludente per chi lo riceve. Ma, dicono i ricercatori, se conosciamo bene i nostri partner, riusciremo a scegliere un regalo che si adatta veramente alla loro personalità e ai loro hobby – e si rifletterà positivamente sulla nostra relazione.

Non importa come si sceglie di mostrare il vostro affetto, però, esprimendo il vostro apprezzamento del vostro altro significativo – e non solo il giorno di San Valentino – è una scommessa sicura quando si tratta di mantenere la qualità del rapporto.

Tuttavia, anche se si mette in tutto lo sforzo che si può raccogliere in una relazione romantica, a volte, non funzionerà, e questo dovrebbe necessariamente essere un motivo di rammarico.

Se una relazione non vi fa sentire felici, sicuri e apprezzati, potrebbe essere il momento di rivolgere la vostra attenzione a voi stessi e investire di più in qualche amor proprio prima di decidere come o se ricominciare con qualcuno di nuovo.
Narcisista sessuale: Definizione, segni e complicazioni

Il narcisismo sessuale è quando una persona ha una visione irrealistica della propria sessualità. Possono sperimentare un senso gonfiato di sex appeal e un’idea esagerata delle loro capacità sessuali. Possono anche preoccuparsi solo della propria soddisfazione sessuale. Questi tratti possono rendere difficile mantenere relazioni sane.

A narcisista sessuale è una persona che possiede tratti narcisistici, come il diritto, la bassa empatia o la superiorità, in un contesto sessuale. Possono costringere e manipolare gli altri per soddisfare i propri bisogni fisici e sessuali e possono non curarsi dei desideri o delle preoccupazioni degli altri. Per questo motivo, alcuni possono anche riferirsi al narcisismo sessuale come diritto sessuale.

Questo articolo parlerà del narcisismo sessuale, incluso come si differenzia da disturbo narcisistico di personalità (NPD), i modelli di relazione problematici che può causare, e quali opzioni di trattamento sono disponibili.

Narcisismo sessuale definizione

Il narcisismo sessuale si riferisce a un modello di interazione sessuale egocentrica che coinvolge tratti narcisistici che appaiono solo nel comportamento sessuale di qualcuno e negli atteggiamenti verso il sesso. In genere comporta tendenze a sfruttare gli altri, una mancanza di empatia per gli altri, sentimenti di superiorità e un eccessivo bisogno di ammirazione.

Gran parte della ricerca iniziale indagare il narcisismo sessuale è nato da studi che hanno identificato chiari modelli di credenze egocentriche, comportamenti disfunzionali e aggressione sessuale.

Sintomi 

I ricercatori hanno sviluppato il scala del narcisismo sessuale per evidenziare importanti componenti del narcisismo che sono tipicamente attivi nei domini sessuali. Questi modelli di comportamento di solito includono:

    Oltre a quanto sopra, i narcisisti sessuali possono anche mostrare le seguenti caratteristiche:

      Narcisismo sessuale vs. NPD

      NPD è un disturbo di personalità del gruppo B, nel senso che le persone con questa condizione possono avere difficoltà a regolare le loro emozioni e il loro comportamento. In particolare, una persona con NPD può sperimentare emozioni intense e fluttuanti e un’eccessiva preoccupazione per il prestigio, il potere e l’adeguatezza personale.

      Mentre il narcisismo sessuale e la NPD possono sembrare simili, sono diversi. Cioè, il narcisismo sessuale non è un disturbo di personalità né un salute mentale condizione. Invece, si riferisce a tratti di narcisismo che appaiono solo nei comportamenti sessuali. Le persone possono mostrare tratti di narcisismo sessuale senza soddisfare i criteri diagnostici per NPD.

      Inoltre, mentre una persona con tratti di NPD può mostrare tratti narcisistici nelle sue relazioni sessuali, questi tratti appariranno anche in altre aree della sua vita e non solo nella sua vita sessuale. In realtà, le persone con NPD possono non mostrare tratti narcisistici in un contesto sessuale, poiché i criteri diagnostici per NPD non coinvolgono il comportamento sessuale di una persona.

      Inoltre, la ricerca nota un’associazione tra narcisismo sessuale e comportamenti sessualmente aggressivi, come l’aggressione sessuale e la coercizione. Tuttavia, attualmente nessuna prova indica che il narcisismo da solo possa aumentare la probabilità di questi comportamenti sessuali aggressivi.

      Modelli di relazione problematici 

      Se una persona pensa di avere una relazione con un narcisista sessuale, ci sono modelli di comportamento di cui essere a conoscenza, tra cui:

        Convincere un potenziale narcisista sessuale a chiedere aiuto può aggravare il suo comportamento, poiché potrebbe non percepire di avere un problema e potrebbe tentare di dare la colpa ad altri.

        Se un partner mostra un comportamento abusivo, arrabbiato o violento, è consigliabile sviluppare un piano di sicurezza. Le risorse sono disponibili per aiutare. Le persone possono contattare il Linea diretta nazionale per la violenza domestica chiamando 1.800.799.SAFE (7233) o il messaggio 88788. Potrebbero anche voler cercare l’aiuto di un amico fidato o di un membro della famiglia per un ulteriore supporto.

        Trattamento per il narcisismo sessuale 

        Attualmente non esiste una cura, un trattamento o un farmaco per trattare l’NPD, i tratti narcisistici o il narcisismo sessuale nello specifico. Tuttavia, psicoterapia può essere benefico e permettere alle persone di capire il loro comportamento, gestire le emozioni e assumersi la responsabilità delle loro azioni. Può anche aiutarli a costruire autostima e relazioni più sane.

        Anche se non ci sono molte ricerche che indagano sul trattamento del narcisismo sessuale, parlare con un terapeuta può essere un approccio utile per le persone con NPD. Anche se le condizioni sono diverse, questo suggerirebbe che la psicoterapia può essere efficace anche per le persone con narcisismo sessuale.

        Ricerca indica che alcuni tratti narcisistici possono diminuire con l’età, suggerendo che non è uno stato fisso dell’essere e il cambiamento è possibile. Questo indica che con l’intervento terapeutico, i modi in cui un narcisista sessuale si relaziona e interagisce con gli altri possono migliorare.

        Tuttavia, può essere molto difficile per un narcisista sessuale iniziare una terapia, poiché non sempre vedono un problema nel loro comportamento. Se una persona sospetta di avere una relazione con qualcuno che ha narcisismo sessuale, può considerare di lavorare con un terapeuta o un consulente per imparare strategie che possono aiutare la relazione, se vogliono continuarla. La terapia può anche fornire il supporto necessario se una persona decide di lasciare la relazione.

        Complicazioni e problemi a lungo termine 

        Il narcisismo sessuale può rendere le relazioni estremamente difficili e potrebbe prendere un pedaggio psicologico sia su quelli con tratti narcisistici che sui potenziali partner. Molte persone possono anche vedere questi tratti come indesiderabili, il che potrebbe rendere difficile per la persona con tratti narcisistici formare relazioni significative al di fuori di un contesto sessuale.

        Mentre un narcisista sessuale può apparire affascinante, sicuro di sé e pieno di fiducia, questi comportamenti esteriori nascondono tipicamente una bassa autostima. La scarsa fiducia e l’alta sensibilità a ciò che percepiscono come critica possono rendere molto difficile per loro cercare aiuto.

        Il narcisismo sessuale può anche causare problemi di salute a lungo termine. A Studio del 2012 suggerisce che il asse ipotalamo-ipofisi-surrene (HPA) è cronicamente attivo nelle persone con tratti narcisistici. L’asse HPA è un complesso percorso neuroendocrino che gioca un ruolo importante nella risposta del corpo a stress.

        Oltre a peggiorare la salute mentale, l’attivazione cronica dell’HPA può aumentare il livello di ormoni dello stress come cortisolo nel corpo, il che può aumentare il rischio di malattia cardiovascolare.

        Riassunto

        Il narcisismo sessuale si riferisce a tratti narcisistici che sono prevalenti solo nella vita sessuale di una persona. Comporta tipicamente comportamenti di diritto sessuale, sfruttamento sessuale, una mancanza di empatia sessuale, e un senso grandioso della propria abilità sessuale.

        Questo può causare difficoltà nelle relazioni, poiché ci sono legami tra narcisismo sessuale e infedeltà, aggressione sessuale e abuso sessuale. Può essere difficile per i narcisisti sessuali cercare aiuto, ma le prove suggeriscono che la terapia può aumentare le capacità empatiche e aiutare a costruire relazioni significative.
        La dipendenza dal sesso è un disturbo mentale legittimo

        Lascia un commento