Come lo stress influenza il cervello?

L’esposizione regolare allo stress può avere un impatto sulla nostra salute fisica e mentale, ma come fa effettivamente influenzare il nostro cervello? Un nuovo studio della Harvard Medical School risponde a questa domanda.

Stress – soprattutto quando lo sperimentiamo su base regolare – prende un pedaggio significativo sulla nostra mente e corpo.

Può farci sentire più irritabili e costantemente stanchi, e ha un impatto sulla nostra capacità di concentrazione.

Stress cronico può anche interferire con i nostri modelli di sonno, l’appetito e la libido, e può anche esacerbare una serie di condizioni di salute.

Questi includono diabete, malattia cardiaca, e problemi gastrointestinali.

Uno studio che Notizie mediche oggi coperto all’inizio di quest’anno, infatti, ha visto che anche piccoli livelli di stress possono aumentare la rischio di malattie croniche.

Quale impatto ha lo stress sul cervello in termini fisiologici e cognitivi? I ricercatori della Harvard Medical School di Boston, MA, hanno esplorato questa domanda e riportato la loro risposta nella rivista Neurologia.

L’ormone dello stress colpisce la memoria

Nel loro studio, i ricercatori hanno lavorato con partecipanti con un’età media di 49 anni e nessuna diagnosi di demenza.

Al basale, i ricercatori hanno chiesto ad ogni partecipante di sottoporsi ad un esame psicologico. Hanno anche valutato la memoria e le capacità di pensiero di ogni partecipante. Ai fini dello studio, hanno valutato nuovamente queste capacità dopo un periodo medio di 8 anni.

Inoltre, all’inizio dello studio, tutti i volontari hanno fornito campioni di sangue. Il team li ha raccolti al mattino, dopo un adeguato periodo di digiuno, in modo che i risultati delle analisi del sangue fossero accurati.

In particolare, i ricercatori erano interessati a misurare i livelli di cortisolo nel sangue dei partecipanti, che è un ormone rilasciato principalmente in risposta allo stress. Dopo aver valutato i livelli di cortisolo, i ricercatori hanno diviso i partecipanti in gruppi in base ai loro risultati.

Hanno classificato i partecipanti come aventi alti, medi o bassi livelli di cortisolo, dove i livelli medi corrispondevano al normale livello di cortisolo del 10.8-15.8 microgrammi per decilitro.

I ricercatori hanno scoperto che le persone con alti livelli di cortisolo nel sangue avevano una memoria molto più scarsa rispetto ai coetanei con livelli di cortisolo normali. È importante notare che la memoria compromessa era presente in questi individui anche prima di sintomi evidenti di perdita di memoria.

Questi risultati sono rimasti coerenti anche dopo che i ricercatori avevano aggiustato per i fattori modificanti rilevanti, come età, sesso, abitudine al fumo e indice di massa corporea (BMI).

“Il cortisolo influisce su molte funzioni diverse”, nota l’autore dello studio, il Dr. Justin B. Echouffo-Tcheugui, della Harvard Medical School, “quindi è importante studiare a fondo come alti livelli dell’ormone possano influenzare il cervello.”

È “importante trovare modi per ridurre lo stress

Inoltre, 2.018 partecipanti hanno accettato di sottoporsi Scansioni MRI, in modo che i ricercatori potessero misurare i loro volumi cerebrali. Questo ha permesso ai ricercatori di confermare che le persone con alti livelli di cortisolo tendevano anche ad avere volumi cerebrali totali più bassi.

Quelli nel gruppo ad alto cortisolo avevano un volume cerebrale totale medio di 88.5 per cento del volume cranico totale contro 88.7 per cento del volume cranico totale nelle persone con livelli regolari di cortisolo.

Per quanto riguarda i bassi livelli di cortisolo, i ricercatori non hanno trovato alcun legame tra questo e la memoria di una persona o il loro volume del cervello.

“La nostra ricerca ha rilevato la perdita di memoria e il restringimento del cervello nelle persone di mezza età prima che i sintomi cominciassero a manifestarsi”, dice il dott. Echouffo-Tcheugui.

“È quindi importante che le persone trovino il modo di ridurre lo stress, come dormire abbastanza, fare un moderato esercizio fisico, incorporare tecniche di rilassamento nella loro vita quotidiana, o chiedere al loro medico i loro livelli di cortisolo e prendere un farmaco per la riduzione del cortisolo se necessario.”

Dr. Justin B. Echouffo-Tcheugui

“È importante per i medici consigliare tutte le persone con livelli di cortisolo più alti”, aggiunge. Tuttavia, i ricercatori ammettono che il loro studio ha alcune limitazioni – come il fatto che hanno misurato solo una volta i livelli di cortisolo nel sangue dei partecipanti, che potrebbe non essere rappresentativo della loro esposizione a lungo termine a questo ormone.

Inoltre, fanno notare che la maggior parte dei partecipanti allo studio erano di origine europea, il che significa che i risultati potrebbero non riflettere accuratamente gli effetti dello stress su altre popolazioni.

Lascia un commento