Come si può rimuovere lo sperma dal corpo dopo il sesso?

Alcune persone potrebbero voler rimuovere lo sperma dalla vagina dopo il sesso, sia per ragioni igieniche che per cercare di prevenire una gravidanza. Tuttavia, una volta che lo sperma entra nella cervice attraverso il canale vaginale, non esiste un modo scientificamente provato per rimuoverlo.

Ci sono alcuni modi per pulire la vagina e le aree intorno ad essa in modo sicuro. Tuttavia, se qualcuno desidera evitare di rimanere incinta, dovrebbe consultare un medico appropriato.

In questo articolo, vediamo come pulire la vagina dopo il sesso e quanto sia efficace nel rimuovere lo sperma. Parliamo anche di come prevenire la gravidanza usando le opzioni di controllo delle nascite.

Tabella dei contenuti

Come pulire la vagina dopo il sesso

Il vagina è un canale flessibile che collega l’apertura vaginale alla cervice. La gente spesso confonde la vagina con la vulva, che è la parte esterna dei genitali femminili.

La vagina è autopulente e non c’è bisogno di pulirla immediatamente dopo il sesso. Tuttavia, questa potrebbe essere la preferenza di alcune persone.

Ci sono diversi modi possibili per pulire la vagina dopo il sesso. Il modo più diretto è quello di lavare delicatamente la zona vaginale con acqua calda.

Il Associazione americana per la salute sessuale (ASHA) raccomandano di usare sapone delicato e non profumato intorno alla zona vaginale. È meglio evitare saponi profumati perché possono causare irritazioni disturbando la livello di pH della vagina.

Alcune persone possono prendere in considerazione douching la vagina, il che implica spruzzare un getto d’acqua in essa con una doccia douche o una bottiglia. Tuttavia, i medici fanno non raccomandare fare la doccia in qualsiasi circostanza. La ricerca suggerisce che riduce il numero di batteri sani nella vagina, portando potenzialmente a vari problemi di salute.

Clicca qui per leggere di più su come pulire la vagina.

Si può rimuovere lo sperma?

Alcune persone possono voler rimuovere lo sperma dalla loro vagina dopo il sesso perché credono che sia più igienico o sperano che fare questo possa prevenire la gravidanza.

Lo sperma è una combinazione di fluidi che contiene vitamine, minerali e sperma. Sperma è la cellula riproduttiva maschile e quando si combina con un ovulo femminile, questo può portare alla gravidanza.

Lo sperma entra nell’utero all’interno minuti di eiaculazione. Lo sperma può vivere all’interno della vagina fino a 7 giorni. Una volta che lo sperma entra nell’utero, non esiste un modo scientificamente provato per rimuoverlo.

Tra pochi minuti e diverse ore dopo il rapporto sessuale, un po’ di liquido può uscire dalla vagina. Anche se una parte di questo può contenere sperma, sarà principalmente costituito da una miscela di proteine e vitamine provenienti dall’eiaculazione.

Anche se le prove aneddotiche suggeriscono che ci sono modi per rimuovere lo sperma dalla vagina, non ci sono prove scientifiche a sostegno di queste affermazioni. Alcune delle tecniche proposte includono:

    È efficace?

    Ci sono poche prove che suggeriscono che ci sia un modo efficace per rimuovere lo sperma dalla vagina.

    Se qualcuno sta cercando di rimuovere lo sperma dalla vagina per prevenire una gravidanza, dovrebbe contattare un medico. Il medico può essere in grado di prescrivere una contraccezione d’emergenza, come il Plan B.

    Plan B, chiamata anche la pillola del giorno dopo, funziona fermando l’ovaio dal rilasciare un uovo. È possibile prendere Plan B fino a 5 giorni dopo il sesso, ma prenderlo prima è più efficace.

    Come prevenire la gravidanza

    Per coloro che non desiderano rimanere incinta, ci sono diversi modi per prevenire la gravidanza. Le persone usano tipicamente metodi di controllo delle nascite ormonali e non ormonali, ma alcuni individui possono anche considerare metodi naturali o chirurgici per prevenire la gravidanza.

      Per saperne di più su queste opzioni di controllo delle nascite.

      Chiunque desideri prendere il controllo delle nascite dovrebbe discutere le opzioni con un medico per determinare quale opzione può essere migliore per loro. Alcune opzioni di controllo delle nascite sono più efficaci di altre nel prevenire la gravidanza. Tuttavia, l’unico modo garantito per evitare una gravidanza è l’astinenza.

      Riassunto

      Se qualcuno preferisce pulire la propria vagina e vulva dopo il sesso, il modo più sicuro per farlo è con sapone non profumato e acqua calda.

      Alcune persone sostengono che urinare, fare la doccia, il bagno o usare l’aceto può rimuovere lo sperma dalla vagina dopo il sesso. Tuttavia, una volta che lo sperma è entrato nella cervice, non esiste un modo scientificamente provato per rimuoverlo.

      Se qualcuno sta cercando di rimuovere lo sperma dalla vagina per evitare una gravidanza, dovrebbe contattare il proprio medico. Il medico potrebbe essere in grado di prescrivere una contraccezione d’emergenza per prevenire la gravidanza.

      Ci sono molti metodi ormonali, non ormonali, naturali e chirurgici per prevenire la gravidanza. Se qualcuno vuole prevenire la gravidanza, dovrebbe discutere con un medico quale metodo contraccettivo potrebbe essere migliore per lui.
      Effetti collaterali dello IUD Mirena: Impatto su umore, peso e altro

      Il dispositivo intrauterino (IUD) Mirena è un contraccettivo a lunga durata d’azione che funziona rilasciando una forma sintetica dell’ormone progesterone nell’utero. Alcuni degli effetti collaterali più comuni includono cambiamenti nel sanguinamento vaginale.

      Molte persone usano lo IUD Mirena e non hanno effetti indesiderati. La risposta può variare da persona a persona.

      In questo articolo, esaminiamo gli effetti collaterali comuni e rari di Mirena IUD e quanto tempo tendono a durare. Indaghiamo anche su come Mirena si confronta con altre forme di controllo delle nascite.

      Effetti collaterali dello IUD Mirena

      Di seguito sono riportati alcuni degli effetti collaterali più comuni e meno comuni del dispositivo Mirena.

      Effetti collaterali comuni

      Grandi studi suggeriscono che questi sono gli effetti collaterali più comuni dello IUD Mirena in persone che lo hanno usato per 5 anni:

      Effetto collaterale Prevalenza
      Sanguinamento imprevisto dall’utero 31.9%
      Diminuzione del sanguinamento dall’utero 23.4%
      Dolore addominale o pelvico 22.6%
      Nessun ciclo 18.4%
      Mal di testa o emicrania 16.3%
      Aumento del scarica 14.9%
      Mestruazioni più pesanti 11.9%
      Infiammazione o infezione della vulva e della vagina (vulvovaginite) 10.5%

      Subito dopo che il medico ha posizionato il Mirena IUD, ci possono essere effetti indesiderati, tra cui dolore, vertigini e sanguinamento. Questi dovrebbero scomparire entro alcuni giorni.

      Se questi problemi durano più a lungo, parlare con un medico, in quanto può significare che lo IUD non è nel posto giusto.

      Effetti collaterali meno comuni

      Questi effetti collaterali si sono verificati in 5-10% delle partecipanti agli studi sullo IUD Mirena:

      Effetti collaterali Prevalenza
      Dolore al seno 8.5%
      Dolore alla schiena 7.9%
      Cisti ovariche benigne 7.5%
      Acne 6.8%
      Dolore mestruale 6.4%
      Basso umore o depressione 6.4%

      Effetti collaterali non comuni

      Questi effetti indesiderati si sono verificati in meno del 5% delle partecipanti allo studio per un periodo di 5 anni:

        La PID può essere una complicazione più comune nelle persone con altri fattori di rischio per la malattia. Per esempio, può essere più probabile che si sviluppi in qualcuno con infezione a trasmissione sessuale (STI).

        Lo IUD Mirena causa un aumento di peso?

        Alcune persone riportano un aumento di peso durante l’uso del Mirena IUD. Tuttavia, la maggior parte degli studi non ha trovato un collegamento conclusivo tra gli IUD ormonali, come Mirena, e l’aumento di peso.

        A Studio del 2020 confrontando gli IUD ormonali con un’altra forma di contraccezione a base di solo progesterone, l’iniezione, ha riportato che le partecipanti che usavano l’iniezione aumentavano di peso mentre quelle con lo IUD no.

        Un altro Studio del 2020 hanno trovato risultati diversi. In una coorte diversa di donne, i ricercatori hanno studiato gli effetti dello IUD ormonale, dello IUD di rame e dell’impianto anticoncezionale sull’aumento di peso.

        Dopo 36 mesi, le utilizzatrici di IUD ormonali hanno guadagnato lo 0.72 chilogrammi (kg) in media. Dopo 60 mesi, questa cifra è salita all’1.52 kg – il doppio di quanto avevano guadagnato le partecipanti che usavano lo IUD di rame.

        Questo può indicare che l’ormone sintetico nel Mirena IUD porta ad un leggero aumento di peso. Tuttavia, molti fattori possono influenzare l’aumento di peso, tra cui l’età. I risultati dello studio non provano necessariamente che lo IUD provochi un aumento di peso.

        Il Mirena IUD può causare depressione?

        Alcune persone sperimentano cambiamenti di umore mentre usano la contraccezione ormonale. I dati suggeriscono che circa 6.4% delle persone che usano lo IUD Mirena sperimentano il basso umore o la depressione entro 5 anni.

        Tuttavia, vale anche la pena notare che alcune persone usano la contraccezione ormonale per gestire i cambiamenti di umore causati da condizioni come sindrome premestruale (PMS) e disturbo disforico premestruale (PMDD).

        Per le persone che sperimentano significativi cambiamenti di umore a causa delle fluttuazioni ormonali, un contraccettivo a lunga durata d’azione come il Mirena IUD può avere un effetto stabilizzante.

        Effetti collaterali e complicazioni molto rari

        In molto raro casi, le persone che usano il Mirena IUD sperimentano:

          Tutti questi sono problemi seri che richiedono attenzione medica immediata. Per esempio, se lo IUD perfora l’utero, la persona ha solitamente bisogno di un intervento chirurgico per recuperare il dispositivo.

          Se lo IUD perfora l’utero, non funziona più per prevenire la gravidanza, quindi la persona potrebbe aver bisogno di un diverso metodo di controllo delle nascite.

          Mirena è più del 99% efficace nel prevenire la gravidanza, ma se qualcuno rimane incinta mentre lo usa, ha un rischio maggiore di complicazioni come:

            Chiunque usi questo IUD e sospetti di essere incinta dovrebbe parlare immediatamente con un medico.

            Quanto durano gli effetti collaterali di Mirena? 

            In molti casi, gli effetti indesiderati dello IUD Mirena non sono a lungo termine. Secondo Planned Parenthood, gli effetti collaterali comuni come lo spotting tra le mestruazioni e i crampi in genere migliorano in 3-6 mesi.

            Nel frattempo, una persona potrebbe avere alcuni effetti collaterali di Mirena, come periodi più leggeri o nessuno. Ricerca suggerisce che questi sono di solito cambiamenti a lungo termine per le persone che li sperimentano mentre usano lo IUD.

            Complicazioni gravi, come la PID, si sviluppano tipicamente poco dopo che la persona inizia a usare lo IUD – spesso entro il primo mese. Questi problemi sono poco comuni.

            Parlare con un medico di qualsiasi sintomo grave o persistente che si verifica durante l’uso di Mirena IUD.

            Pro e contro dello IUD Mirena

            Lo IUD Mirena rilascia l’ormone levonorgestrel, una forma sintetica di progesterone. Il levonorgestrel agisce ispessendo il muco cervicale e assottigliando il rivestimento dell’utero, il che impedisce la gravidanza.

            Questo ormone sintetico può anche impedire l’ovulazione, anche se non sempre ha questo effetto.

            Il Mirena IUD ha diversi vantaggi chiave. Esso:

              Tuttavia, ci sono alcuni svantaggi, come il:

                Può essere necessario un po’ di tempo dopo che un medico rimuove lo IUD Mirena perché i periodi tornino alla normalità. Inoltre, alcune persone sperimentano un “Scontro Mirena,” che comporta cambiamenti di umore, sonno, peso e salute della pelle.

                Tuttavia, gli scienziati non hanno studiato questo fenomeno. La sua prevalenza e il legame preciso con la rimozione di Mirena non sono ancora chiari.

                Nel frattempo, vale la pena notare che gli IUD non proteggono una persona dalle IST. L’uso di un metodo di barriera, come i preservativi, durante l’attività sessuale è ancora importante.

                Confronto con altri contraccettivi

                Lo IUD Mirena funziona in modo simile ad altri tipi di controllo delle nascite a base di solo progesterone, tra cui:

                  Di conseguenza, tutti questi contraccettivi possono causare effetti collaterali simili.

                  Lo IUD Mirena può durare per 5 anni, quindi può essere un’opzione più conveniente che prendere una mini-pillola quotidiana o fare iniezioni periodiche.

                  Metodi non ormonali

                  Diversi tipi di controllo delle nascite non coinvolgono gli ormoni. Questi includono:

                    Questi possono essere migliori per le persone che hanno sperimentato gli effetti collaterali dei contraccettivi ormonali. Tuttavia, queste opzioni hanno diversi livelli di efficacia, e una persona può trovare l’uso di un diaframma, per esempio, meno conveniente.

                    Lo IUD di rame è l’unica forma di contraccezione reversibile a lunga durata d’azione che non prevede l’uso di ormoni. I preservativi sono l’unico metodo che può proteggere dalle MST.

                    Domande da porre al medico

                    Prima di ottenere uno IUD, chiedere al professionista sanitario:

                      Riassunto

                      Gli effetti collaterali più comuni dello IUD Mirena includono cambiamenti nel sanguinamento uterino, dolore addominale e mal di testa. Il basso umore e la depressione sono poco comuni ma possibili.

                      Chiunque abbia il Mirena IUD e sperimenti effetti indesiderati dovrebbe contattare un medico per un consiglio.

                      Quando si decide su un contraccettivo, può aiutare a soppesare le opzioni con un professionista sanitario esperto.
                      C’è un limite di peso del Plan B, ed è una preoccupazione?

                      Alcuni studi suggeriscono che l’ingrediente attivo di Plan B può funzionare meno efficacemente a dosi standard in persone con un peso corporeo di oltre 155 libbre (70.3 chilogrammi). Tuttavia, gli individui sopra questo peso corporeo possono ancora prenderlo.

                      Plan B contiene l’ormone levonorgestrel. Secondo le prove, Plan B One-Step può prevenire 84% di gravidanze dopo rapporti sessuali non protetti.

                      Il gruppo di sostegno Planned Parenthood raccomanda che le persone con un peso corporeo considerare altri metodi di contraccezione d’emergenza, come il dispositivo intrauterino di rame (IUD). Gli scienziati suggeriscono che questi sono altrettanto efficaci in tutte le persone, indipendentemente dal peso corporeo.

                      Plan B ha un limite di peso?

                      Plan B non ha un limite di peso che impedisce alle persone con un indice di massa corporea superiore (BMI) di prenderlo. È ancora sicuro da usare in individui con un peso corporeo superiore, e ridurrà ancora sostanzialmente la possibilità di gravidanza quando una persona lo usa entro 3 giorni di avere rapporti sessuali non protetti.

                      Tuttavia, Planned Parenthood raccomanda che le persone che pesano più di 155 libbre (lb), o 70.3 chilogrammi (kg), considerare altri metodi di contraccezione d’emergenza. Questo è dovuto agli studi che suggeriscono che il peso corporeo può influenzare il funzionamento del levonorgestrel a dosi standard.

                      Cosa dice la ricerca?

                      La ricerca ha trovato un’associazione tra l’avere un più alto BMI e un aumento del numero di gravidanze tra coloro che prendono levonorgestrel per prevenire la gravidanza.

                      A Studio del 2015 ha scoperto che, tra le persone che assumono contraccettivi di emergenza, la possibilità di rimanere incinta ha iniziato ad aumentare a pesi corporei di 155 lb (70.3 kg) ed è salito a un tasso di gravidanza del 6.4% a 176 lb (79.8 kg). Il tasso di gravidanza per gli individui di peso inferiore era 1.4%.

                      Inoltre, secondo un Revisione 2016, una persona ha circa il 6% di possibilità di concepire se fa sesso senza alcun contraccettivo, quindi questa differenza nel tasso di gravidanza è sostanziale. Un’altra analisi degli autori ha trovato che la probabilità di gravidanza era quattro volte più alta nelle persone con un BMI di 30 rispetto a quelle con BMI inferiore a 30.

                      Tuttavia, non tutte le ricerche hanno trovato differenze così significative nell’efficacia del levonorgestrel. A revisione 2017 di quattro studi randomizzati che hanno incluso 6.873 donne ha trovato che mentre i tassi di gravidanza differiva tra quelli con più alto e più basso BMI, il rischio era inferiore a questi studi precedenti.

                      I ricercatori hanno scoperto che dopo aver preso 1.5 milligrammi di levonorgestrel, le persone con un BMI di 30 o più avevano un tasso di gravidanza del 2%, rispetto a un tasso medio dell’1.2% in tutti i partecipanti.

                      Gli scienziati non sono sicuri del perché il peso corporeo sembra influenzare l’impatto del levonorgestrel – potrebbe riguardare la concentrazione di levonorgestrel nel sangue.

                      Questo ha spinto alcuni organizzazioni sanitarie per suggerire che i medici somministrano dosi più elevate di levonorgestrel alle persone sopra un certo peso. Tuttavia, non ci sono ancora ricerche che confermino che sia sicuro o efficace.

                      Questo significa che il Piano B non funziona? 

                      Plan B fornisce ancora una protezione significativa contro la gravidanza, indipendentemente dal peso corporeo. Anche gli studi che trovano una differenza nella sua efficacia trovano che il tasso di gravidanza complessivo è basso negli individui che lo usano correttamente.

                      Pertanto, se una persona con un BMI più alto ha preso Plan B per prevenire la gravidanza, c’è ancora un’alta possibilità che funzioni.

                      Altre opzioni per la contraccezione d’emergenza 

                      Il Piano B è una delle diverse opzioni per la contraccezione d’emergenza. Altre opzioni possono essere più efficaci nelle persone con un BMI più alto.

                      Ulipristal acetato

                      Simile al Plan B e ad altre pillole contenenti levonorgestrel, l’ulipristal acetato previene ovulazione, il che riduce le possibilità di gravidanza. C’è una marca di questo farmaco, che è Ella.

                      Ella è il tipo più efficace di pillola del giorno dopo e rimane altrettanto efficace nelle persone che pesano fino a 195 lb (88.4 kg). Tuttavia, a differenza del Plan B, Ella richiede la prescrizione di un medico o di un’infermiera.

                      Ella può anche contaminare il latte materno, il che significa che una persona che allatta deve scartare il proprio latte per circa 36 ore dopo averlo preso.

                      Per saperne di più sulla pillola del giorno dopo Ella.

                      IUD di rame

                      Lo IUD di rame è il metodo più efficace di contraccezione d’emergenza. A Revisione 2018 sostiene che è anche l’opzione più adatta a chi ha un IMC più alto, perché funziona altrettanto bene in persone di tutte le taglie.

                      Una spirale di rame è un piccolo dispositivo che un medico inserisce nell’utero di una persona. È sia un contraccettivo d’emergenza che una forma di controllo delle nascite a lunga durata d’azione.

                      Le persone possono usare IUD di rame, come Paraguard, entro 120 ore o 5 giorni, di avere rapporti sessuali non protetti. Una persona dovrà prendere un appuntamento con un operatore sanitario per il montaggio.

                      La procedura può causare qualche dolore o sanguinamento dopo l’inserimento, e lo IUD di rame può anche influenzare i periodi, rendendoli più pesanti. Tuttavia, questo non succede a tutti, e gli effetti collaterali possono diminuire nel tempo.

                      Le persone possono tenere lo IUD di rame fino a 12 anni prima di doverlo sostituire. Come contraccettivo generale, Paraguard è 99.9% efficace contro la gravidanza dal primo giorno.

                      Per saperne di più sulla spirale di rame.

                      Come puoi sapere se la contraccezione d’emergenza ha funzionato? 

                      La contraccezione orale di emergenza funziona impedendo l’ovulazione, mentre lo IUD di rame funziona rendendo il rivestimento dell’utero non ricettivo all’impianto. Anche se ci sono kit casalinghi per prevedere l’ovulazione, questi non forniscono un’indicazione affidabile se la contraccezione d’emergenza ha funzionato. L’unico modo affidabile per saperlo è fare un test di gravidanza quando è previsto il prossimo ciclo.

                      Per la maggior parte delle persone, questo significa fare un test di gravidanza circa 2 settimane dopo l’ovulazione. Un test di gravidanza negativo suggerisce ma non prova che la contraccezione d’emergenza ha funzionato.

                      Quando ottenere un consiglio medico

                      Una persona non ha bisogno di una prescrizione o del permesso di un medico per prendere Plan B. Tuttavia, è una buona idea parlare con un professionista medico se un individuo:

                        Riassunto 

                        Plan B è un contraccettivo di emergenza che contiene levonorgestrel. Alcune ricerche suggeriscono che un peso corporeo maggiore può ridurre l’efficacia delle dosi standard di levonorgestrel per prevenire la gravidanza. Tuttavia, mentre diversi studi hanno dimostrato questo, la misura in cui il peso corporeo influenza l’efficacia del levonorgestrel è sconosciuta.

                        Planned Parenthood raccomanda che le persone con un peso corporeo superiore a 155 libbre (70.3 kg) usare o Ella o uno IUD di rame, piuttosto che Plan B. Tuttavia, questo non significa che gli individui sopra questo peso non possono prendere Plan B o che non funzionerà.

                        Nessun contraccettivo d’emergenza può prevenire il 100% delle gravidanze. Anche nelle persone con un peso corporeo inferiore, l’efficacia di Plan B è circa 84%. Gli individui che hanno dubbi sul fatto che Plan B sia adatto a loro dovrebbero parlare con un medico o un professionista della salute sessuale.
                        Sintomi dopo la rimozione di Mirena: Effetti collaterali e come affrontarli

                        Il dispositivo intrauterino (IUD) Mirena rilascia levonorgestrel, una forma sintetica di progesterone, nell’utero. Può rimanere in vigore fino a 5 anni.

                        Alcune persone usano la spirale Mirena IUD a lungo termine controllo delle nascite o come trattamento per sanguinamento mestruale pesante.

                        Dopo 5 anni, lo IUD Mirena smette di funzionare. A questo punto, un medico lo rimuoverà o sostituirà. Alcune persone possono avere dei sintomi dopo che un medico ha rimosso il dispositivo.

                        In questo articolo parleremo di cosa aspettarsi durante la rimozione di uno IUD Mirena, del perché un medico potrebbe aver bisogno di rimuoverlo e di come affrontare i sintomi che potrebbero svilupparsi dopo la rimozione.

                        Cosa succede durante la rimozione di Mirena?

                        La rimozione di uno IUD Mirena è una procedura rapida che in genere si svolge nell’ufficio di un medico.

                        Secondo Medico di famiglia americano, un medico tirerà delicatamente i fili attaccati al dispositivo usando una pinza ad anello per rimuovere lo IUD Mirena. Se un medico non riesce a trovare i fili, può usare ecografia per aiutare.

                        A volte, i medici sentono una certa resistenza quando cercano di rimuovere lo IUD.

                        Questo a volte accade perché la Mirena si è incastrata nell’utero. Se questo si verifica, il medico può utilizzare un dispositivo chiamato isteroscopio per vedere all’interno dell’utero, localizzare lo IUD, e poi rimuoverlo.

                        Se un medico deve usare un isteroscopio per rimuovere uno IUD, fornirà antidolorifici o anestetici per rendere la procedura più confortevole.

                        Sintomi dopo la rimozione di Mirena

                        Dopo che un medico rimuove lo IUD Mirena, una persona può sperimentare alcuni lievi dolore o sanguinamento. Questo può continuare per alcuni giorni.

                        Se un medico ha usato un isteroscopio per rimuovere lo IUD, la persona può anche sentire dei crampi e avere uno scarico sanguinolento per alcuni giorni dopo la procedura.

                        Le persone che vivono con l’epilessia possono sperimentare sequestro durante la rimozione.

                        Chiunque sviluppi febbre, brividi o forti emorragie dopo la rimozione dello IUD dovrebbe consultare immediatamente un medico.

                        Incidente Mirena

                        Alcune persone riferiscono di sperimentare un ‘crash Mirena’ dopo la rimozione del dispositivo. I medici non hanno definito l’incidente di Mirena nella letteratura medica, quindi la sua descrizione deriva da racconti personali.

                        Una teoria sul perché il Mirena crash accade è che la rimozione della IUD provoca un calo di progesterone o un squilibrio ormonale. Può essere necessario del tempo perché il corpo crei più.

                        A differenza dei sintomi a breve termine della rimozione di Mirena, un incidente di Mirena comporta sintomi psicologici, neurologici e fisici più duraturi, che potrebbero includere:

                          La gente riferisce che questi sintomi possono durare settimane o a volte mesi dopo che un medico ha rimosso la Mirena.

                          Tuttavia, i ricercatori non hanno ancora studiato il Mirena crash, i suoi potenziali sintomi, le sue cause, o come trattarlo.

                          Quando il medico dovrebbe rimuovere la Mirena?

                          Oltre a raggiungere la fine dei 5 anni, una persona potrebbe chiedere al proprio medico di rimuovere il Mirena per diversi altri motivi.

                          effetti collaterali indesiderati

                          A volte, gli IUD causano effetti collaterali. Se questi effetti collaterali diventano troppo dirompenti, una persona può chiedere al proprio medico di rimuovere lo IUD, in modo da poter provare un diverso metodo di controllo delle nascite.

                          Ecco gli effetti collaterali più comuni di Mirena, secondo il suo produttore.

                          Sistema del corpo Molto comune Comune
                          Sistema digestivo dolore allo stomaco
                          nausea
                          dolore pelvico
                          Sistema immunitario infezioni vaginali
                          Sistema muscolo-scheletrico mal di schiena
                          sistema nervoso mal di testa
                          depressione
                          bassa libido
                          nervosismo
                          Sistema riproduttivo sanguinamento anormale
                          disturbo mestruale
                          leggere mestruazioni
                          nessun periodo
                          Pelle acne
                          disturbi della pelle
                          Altro aumento di peso
                          dolore

                          Fertilità

                          Secondo il produttore, lo IUD Mirena è al 99.9% efficace nel prevenire la gravidanza fino a 5 anni. Le persone che vogliono provare a concepire avranno bisogno di un medico per rimuovere il loro IUD.

                          Espulsione dello IUD

                          A volte lo IUD Mirena si sposta spontaneamente dalla sua posizione nell’utero. Questo è chiamato espulsione. L’espulsione parziale o completa dello IUD può causare sanguinamento o dolore, ma alcune persone non avvertono alcun sintomo.

                          Secondo gli studi clinici, il tasso di espulsione è 4.5% in 5 anni.

                          Gravidanza

                          C’è un rischio molto basso di rimanere incinta mentre si usa il Mirena IUD. Tuttavia, se una persona rimane incinta mentre lo usa, un medico deve rimuovere immediatamente il dispositivo. Questo perché una persona che rimane incinta mentre usa Mirena è a rischio maggiore per:

                            Perforazione

                            Secondo il informazioni sulla prescrizione, uno IUD può perforare l’utero o la cervice, anche se questo è raro. Se una persona o un medico nota una perforazione, il medico deve localizzare lo IUD e rimuoverlo. In alcuni casi, la rimozione di uno IUD che ha causato una perforazione richiede un intervento chirurgico.

                            Malattia infiammatoria pelvica

                            I medici non raccomandano gli IUD, come il Mirena, alle persone con una storia di malattia infiammatoria pelvica (PID). La PID è una grave complicazione della malattia infiammatoria pelvica non trattata malattie sessualmente trasmissibili.

                            I medici rimuovono lo IUD Mirena se una donna ha una PID ricorrente, endometrite, o un’infezione pelvica che non risponde al trattamento.

                            Le persone che usano uno IUD devono segnalare quanto segue sintomi al loro medico:

                              Attinomicosi pelvica

                              Pelvico actinomicosi è un’infezione causata dal batterio Actinomyces. Secondo un articolo del Giornale canadese di malattie infettive e microbiologia medica, Actinomyces ha un basso potenziale di causare un’infezione in condizioni normali. Tuttavia, può portare a un’infezione durante l’inserimento di uno IUD.

                              Le persone con actinomicosi pelvica possono avere sintomi come:

                                Altre ragioni

                                I medici possono anche suggerire di rimuovere uno IUD se qualcuno ha una qualsiasi delle seguenti condizioni, secondo il informazioni sulla prescrizione:

                                  Come affrontare i sintomi

                                  La maggior parte delle persone che hanno sintomi dopo la rimozione di Mirena scoprono che sono lievi e migliorano da soli.

                                  Farmaci antidolorifici da banco (OTC) come ibuprofene (Advil) e acetaminofene (Tylenol) possono aiutare con qualsiasi dolore. Una persona può trovare utile portare con sé prodotti extra per l’igiene personale per gestire il sanguinamento.

                                  Le persone che sperimentano i crampi possono anche beneficiare di provare alcuni trattamenti complementari, come ad esempio yoga, attività fisica dolce, cuscinetti di calore o un bagno caldo.

                                  Altri usano rimedi a base di erbe per aiutare con i sintomi ormonali. Alcuni rimedi a base di erbe che possono aiutare con i sintomi ormonali includono:

                                    Tuttavia, alcune medicine a base di erbe possono interagire con i farmaci. Le persone che vogliono provare rimedi a base di erbe o hanno sintomi persistenti e inspiegabili dovrebbero parlare con un medico o un farmacista.

                                    Come gli IUD Mirena influenzano la fertilità

                                    Gli IUD possono mettere le persone a rischio di PID, che può contribuire a infertilità. Tuttavia, il più delle volte, gli IUD ormonali, come Mirena, non influenzano negativamente la fertilità.

                                    In uno studio, le persone a cui è stato rimosso lo IUD non hanno mostrato alcuna differenza nella fertilità rispetto alle persone che hanno usato altri metodi di controllo delle nascite per 12 mesi.

                                    Quando consultare un medico

                                    Mentre alcune persone sperimentano sintomi spiacevoli dopo la rimozione di Mirena, di solito sono temporanei. Tuttavia, se i sintomi non migliorano nel tempo, o peggiorano, una persona dovrebbe consultare il proprio medico.

                                    Cerca immediatamente aiuto se compare uno dei seguenti sintomi:

                                      I medici consigliano di non cercare di mascherare il dolore grave con i farmaci, in quanto potrebbe essere un segno che una persona ha bisogno di un trattamento medico.

                                      Sommario

                                      La rimozione di Mirena può causare sintomi come un leggero dolore, sanguinamento o crampi che possono durare qualche giorno. Gli antidolorifici OTC e i prodotti per l’igiene personale possono aiutare le persone a far fronte a breve termine.

                                      Alcune persone riportano sintomi neurologici, psicologici e fisici dopo la rimozione di Mirena. Le persone con sintomi che durano più di qualche giorno dovrebbero parlare con un medico.

                                      Controllo delle nascite a basso dosaggio: Efficacia, rischi ed effetti collaterali

                                      Il controllo delle nascite a basso dosaggio è un tipo di controllo delle nascite ormonale che contiene quantità inferiori di ormoni rispetto ad alcune vecchie pillole tradizionali.

                                      Per alcune persone, le pillole a basso dosaggio possono causare meno effetti collaterali e offrire più benefici per la salute rispetto alle pillole a dosaggio più elevato. Alcune pillole a basso dosaggio contengono entrambi estrogeni e progestinici, mentre altri contengono solo progestinici.

                                      In questo articolo, conoscere i tipi orali di basso dosaggio controllo delle nascite. Copriamo anche i rischi e gli effetti collaterali di questo tipo di farmaco.

                                      Tipi

                                      La maggior parte delle pillole anticoncezionali contengono una combinazione di estrogeni e progestinici.

                                      Il progestinico è una forma sintetica dell’ormone naturale progesterone. Insieme, i due ormoni regolano il ciclo mestruale e prevengono la gravidanza.

                                      Le pillole anticoncezionali a basso dosaggio sono disponibili in due forme. Le pillole combinate usano sia estrogeni che progestinici, ma forniscono dosi inferiori di estrogeni rispetto alle pillole tradizionali. Le pillole di soli progestinici contengono solo progesterone sintetico.

                                      Controllo delle nascite combinato a basso dosaggio

                                      Le pillole combinate contengono 10-35 microgrammi (mcg) di estrogeni, mentre le pillole a più alto dosaggio contengono 50 mcg o più.

                                      I medici raramente prescrivono pillole combinate ad alto dosaggio perché le pillole a basso dosaggio funzionano altrettanto bene e causano meno effetti collaterali. Sono disponibili numerose marche e forme generiche di pillole combinate.

                                      Alcune marche di pillole combinate includono:

                                        Le persone di solito prendono 21 pillole attive seguite da una pausa di 7 giorni o 7 pillole senza ormoni. Di solito avranno il loro periodo durante la settimana senza ormoni.

                                        Controllo delle nascite a basso dosaggio con soli progestinici

                                        Un pacchetto di pillole di solo progestinico, o minipillole, contiene 28 pillole attive. È fondamentale prendere la pillola alla stessa ora ogni giorno. Quando le persone prendono le minipillole secondo questo programma, sono altrettanto efficace come pillole combinate.

                                        Un medico può raccomandare le pillole di solo progestinico per le persone che stanno allattando o che si avvicinano menopausa. Le persone che non possono tollerare gli estrogeni possono anche usare una minipillola.

                                        Circa il 40 per cento delle persone che usano le pillole di solo progestinico continuano ad ovulare. Questo significa che queste pillole influenzano il corpo in altri modi per prevenire la gravidanza.

                                        La minipillola è anche disponibile sia in forma generica che di marca. Alcuni nomi di marca di pillole a base di solo progestinico includono:

                                          Vantaggi

                                          Il controllo delle nascite a basso dosaggio può essere un’opzione migliore per le persone che sperimentano effetti collaterali intollerabili da alte dosi di estrogeni.

                                          Controllo delle nascite a basso dosaggio offre anche alcuni benefici per la salute, compreso:

                                            La minipillola può anche essere utile per le persone che non possono prendere le pillole tradizionali contenenti estrogeni.

                                            Rischi

                                            Il controllo delle nascite combinato a basso dosaggio dovrebbe essere altrettanto efficace come controllo delle nascite contenente livelli di estrogeni più elevati.

                                            È essenziale prendere la pillola anticoncezionale alla stessa ora ogni giorno e non saltare una dose. Non prendere le pillole allo stesso tempo può aumentare il rischio di gravidanza. Questo rischio è più alto con le minipillole.

                                            Il controllo delle nascite a basso dosaggio presenta meno rischi per la salute rispetto al controllo delle nascite che utilizza alti livelli di estrogeni. Questo perché alte dosi di estrogeni hanno maggiori probabilità di causare effetti collaterali.

                                            Gli estrogeni aumentano leggermente il rischio di problemi di salute del cuore e possono aumentare pressione sanguigna. Molto raramente, può causare un coagulo di sangue a formarsi in una vena, di solito nella gamba, che si chiama trombosi venosa profonda (DVT).

                                            Il coagulo di sangue può staccarsi e viaggiare in altre aree del corpo, causando potenzialmente un’embolia pericolosa per la vita.

                                            Il rischio di problemi di salute cardiovascolare legati agli estrogeni è maggiore nelle persone che:

                                              Le persone che usano un controllo delle nascite a basso dosaggio hanno meno probabilità di quelle che usano pillole ad alto contenuto di estrogeni di avere problemi di salute del cuore.

                                              L’uso a lungo termine del controllo ormonale delle nascite può aumentare leggermente il rischio di alcuni tipi di cancro, tra cui quello al seno e al collo dell’utero.

                                              Tuttavia, alcune ricerche mostra che il rischio di cancro cervicale nelle persone che usano il controllo delle nascite scende dopo 10 anni di utilizzo. Vale anche la pena notare che il il rischio di cancro alle ovaie è inferiore in persone che hanno usato il controllo delle nascite.

                                              Alcuni altri rischi I prodotti di controllo delle nascite a basso dosaggio includono:

                                                il rischio di sviluppare questi problemi dipende da molti fattori, tra cui lo stile di vita e la storia medica familiare. Quindi è importante discutere i rischi e i benefici dei contraccettivi orali con un operatore sanitario.

                                                Gli effetti collaterali

                                                Gli effetti collaterali sono comuni con tutte le pillole anticoncezionali ormonali, anche se alcune persone riportano meno effetti collaterali con le pillole a base di progestinico.

                                                Gli effetti collaterali più comuni includono:

                                                  Molte persone trovano che gli effetti collaterali scompaiono dopo pochi mesi, man mano che il corpo si adatta ai nuovi ormoni.

                                                  Quando cambiare metodo di controllo delle nascite

                                                  Trovare la giusta forma di controllo delle nascite è un processo di prove ed errori. Molte persone trovano che il controllo ormonale delle nascite riduce il dolore dei crampi mestruali e regola il ciclo mestruale.

                                                  Tuttavia, è comune dover provare diversi tipi o marche di pillola prima di trovarne una con effetti collaterali gestibili. Alcune persone trovano che non sono in grado di tollerare il controllo ormonale delle nascite in qualsiasi forma.

                                                  Sono disponibili molte opzioni non ormonali, tra cui la rame dispositivo intrauterino (IUD), preservativi, diaframma e lubrificanti spermicidi. Se le persone sono interessate alla contraccezione permanente, possono discutere le opzioni chirurgiche con un medico.

                                                  Le persone possono anche parlare con un medico per cambiare tipo di controllo delle nascite quando gli effetti collaterali sono intollerabili o i rischi sembrano troppo grandi.

                                                  Cambiare tipo di controllo delle nascite potrebbe essere utile per le persone che sono:

                                                    Takeaway

                                                    Numerose opzioni sicure ed efficaci possono prevenire la gravidanza. Contraccettivi ormonali sono circa il 91 per cento efficaci con l’uso tipico, che è imperfetto. Con un uso perfetto, sono più del 99% efficaci.

                                                    Le persone che vogliono evitare la gravidanza possono prendere in considerazione l’aggiunta di un metodo contraccettivo di riserva, come i preservativi.

                                                    Il metodo di controllo delle nascite più adatto può variare man mano che una persona invecchia o sperimenta cambiamenti nella sua salute o nei suoi livelli ormonali. Il monitoraggio degli effetti collaterali è particolarmente vitale per le persone che usano il controllo delle nascite per ragioni diverse dalla prevenzione della gravidanza.

                                                    È meglio parlare con un medico di tutte le opzioni di controllo delle nascite. È essenziale essere chiari su qualsiasi effetto collaterale e sollevare qualsiasi dubbio o preoccupazione.
                                                    Che aspetto ha lo spotting? Identificazione

                                                    Lo spotting è un leggero sanguinamento che può verificarsi tra le mestruazioni. Molti fattori possono causare lo spotting, ma di solito non è un motivo di preoccupazione.

                                                    Quando le persone sperimentano il sanguinamento vaginale in momenti diversi dalle normali mestruazioni, i medici si riferiscono a questo come sanguinamento intermestruale. Lo spotting tende a verificarsi tra le mestruazioni e può accadere a qualsiasi età dopo pubertà.

                                                    Lo spotting è un sanguinamento molto leggero dalla vagina. Si differenzia dal leggero sanguinamento all’inizio e alla fine delle mestruazioni.

                                                    Diverse condizioni, infezioni e farmaci possono scatenare lo spotting. Anche se la maggior parte delle ragioni per lo spotting sono lievi, alcune possono essere gravi.

                                                    Questo articolo esplora le potenziali cause dello spotting, e guarda quando una persona dovrebbe vedere un medico.

                                                    Come identificare lo spotting

                                                    Le persone di solito si accorgono di spotting se vedono una piccola quantità di sangue sulla carta igienica dopo essersi puliti. Possono anche osservare alcune gocce di sangue sulla loro biancheria intima.

                                                    Se una persona ha spotting, la quantità di sangue perso non è sufficiente a coprire un salvaslip o un assorbente.

                                                    Cosa causa lo spotting?

                                                    Diversi fattori possono causare lo spotting, come ad esempio:

                                                    Controllo delle nascite

                                                    Alcune forme di controllo delle nascite elencare lo spotting come effetto collaterale, tra cui

                                                      Lo spotting è più comune nei primi mesi di utilizzo di un nuovo metodo di contraccezione ormonale. L’emorragia di solito va via senza intervento.

                                                      Gravidanza

                                                      Lo spotting a volte si verifica durante la gravidanza. Intorno a 25% di persone sperimentano qualche forma di sanguinamento o spotting quando sono incinte.

                                                      Durante il primo trimestre, lo spotting può essere dovuto a:

                                                        Lo spotting pesante durante la gravidanza può indicare una perdita di gravidanza. Altri sintomi di perdita di gravidanza possono includere:

                                                          Lo spotting pesante può anche essere un segno di una gravidanza ectopica. I medici chiamano una gravidanza ectopica quando il feto cresce al di fuori dell’utero, di solito nelle tube di Falloppio. Una persona con questa condizione ha bisogno di assistenza medica immediata.

                                                          Una gravidanza ectopica può causare:

                                                            Spotting o sanguinamento più tardi nella gravidanza può essere un segno di andare in travaglio o una complicazione, e una persona dovrebbe consultare un medico. Se l’emorragia è pesante, dovrebbero andare immediatamente all’ospedale per il parto.

                                                            Menopausa e perimenopausa

                                                            Quando le persone smettono di avere le mestruazioni, i medici si riferiscono a questo come menopausa. Questo tende a svilupparsi a 45-55 anni di età.

                                                            Gli anni che precedono la menopausa sono noti come perimenopausa, che può durare fino a 10 anni.

                                                            Durante la perimenopausa e la menopausa, i cambiamenti ormonali possono avere un impatto sul ciclo mestruale, con conseguente spotting.

                                                            Infezioni sessualmente trasmesse

                                                            Alcuni infezioni sessualmente trasmesse (STI), compreso clamidia e gonorrea, può scatenare sanguinamento vaginale tra le mestruazioni. Le MST possono facilmente diffondersi tra i partner sessuali e portare a gravi complicazioni.

                                                            Altri sintomi di MST includono:

                                                              Le persone che contraggono la clamidia o la gonorrea dovranno parlare con un medico, che di solito può trattare queste condizioni con antibiotici.

                                                              Cancro cervicale

                                                              A volte, lo spotting può indicare cancro cervicale, che si sviluppa quando si formano cellule cancerose nella cervice.

                                                              Altri sintomi di questa condizione potrebbero includere:

                                                                Quando consultare un medico

                                                                Spesso, non c’è nulla di cui preoccuparsi con lo spotting, e andrà via senza trattamento. Se persiste per alcuni mesi o più, una persona dovrebbe parlare con un medico.

                                                                Durante la gravidanza, una persona che pensa di avere una gravidanza ectopica o che sta sperimentando una perdita di gravidanza dovrebbe cercare immediatamente assistenza medica.

                                                                Le persone dovrebbero anche cercare cure mediche urgenti se hanno qualsiasi sanguinamento più tardi nella gravidanza che non riguarda il sesso o il travaglio.

                                                                Lo spotting legato alla menopausa tende a fermarsi senza intervento. Chiunque trovi che i sintomi della menopausa o della perimenopausa interferiscano con la vita quotidiana dovrebbe parlare con il proprio medico.

                                                                Le IST, come la clamidia e la gonorrea, possono portare a gravi complicazioni, tra cui infertilità. Chiunque creda di avere una MST dovrebbe contattare un medico per il trattamento.

                                                                Il cancro cervicale può essere pericoloso per la vita. Coloro che sperimentano i sintomi del cancro cervicale dovrebbero vedere il loro medico il più presto possibile.

                                                                Riassunto

                                                                Lo spotting è una forma di sanguinamento vaginale. Si verifica tra le mestruazioni ed è così leggero che non dovrebbe coprire un salvaslip o un assorbente.

                                                                La maggior parte delle persone nota lo spotting come alcune gocce di sangue sulla biancheria intima o sulla carta igienica quando si pulisce.

                                                                Nella maggior parte dei casi, lo spotting non dovrebbe causare preoccupazione. Spesso, i cambiamenti ormonali dovuti al controllo delle nascite, alla gravidanza o alla menopausa possono scatenarla.

                                                                A volte, soprattutto nelle ultime fasi della gravidanza, lo spotting può indicare una complicazione. In persone che non sono incinte, lo spotting può essere un segno di una MST o di un cancro cervicale.

                                                                Chiunque sia preoccupato per lo spotting dovrebbe parlare con un medico.
                                                                Supposte vaginali: Come usarle e cosa aspettarsi

                                                                Le supposte vaginali sono trattamenti medici solidi, di forma ovale, che vengono inseriti nella vagina con un applicatore di plastica. Diventano liquidi all’interno della vagina quando si riscaldano alla temperatura del corpo.

                                                                Una supposta vaginale fornisce un sollievo mirato da condizioni che colpiscono la vagina. Essi tendono anche ad essere ad azione rapida a causa del loro rapido assorbimento.

                                                                Questo articolo fornisce una guida passo dopo passo su come usare le supposte vaginali. Dà anche uno sguardo a quando le persone possono usare le supposte vaginali, con informazioni su cosa aspettarsi in ogni caso.

                                                                Usare le supposte vaginali: Passo dopo passo

                                                                La seguente guida passo dopo passo mostra il modo corretto di preparare e usare le supposte vaginali.

                                                                Suggerimenti aggiuntivi

                                                                Prevenire le perdite

                                                                  Garantire la dose corretta

                                                                    Se una persona salta una dose, dovrebbe aspettare fino al momento della loro prossima dose programmata prima di inserire di nuovo la supposta.

                                                                    Per cosa sono usate le supposte vaginali?

                                                                    Le supposte vaginali possono aiutare nel trattamento delle infezioni fungine e della secchezza vaginale.

                                                                    Le supposte contraccettive sono un altro tipo di supposta vaginale che alcune persone hanno usato come forma di controllo delle nascite.

                                                                    Le supposte impiegheranno diverso tempo per funzionare, a seconda del loro scopo. La dimensione e la composizione chimica di una supposta determinano anche la velocità con cui si dissolve.

                                                                    Controllo delle nascite

                                                                    Le supposte contraccettive contengono uno spermicida che agisce per prevenire la gravidanza in due modi:

                                                                    Le persone dovrebbero inserire la supposta nella vagina almeno 10 minuti prima del sesso. Facendo così si lascia abbastanza tempo al farmaco di sciogliersi, permettendo allo spermicida di disperdersi.

                                                                    Secondo Genitorialità pianificata, Il 18% delle donne che usano supposte contraccettive rimarrà incinta ogni anno nonostante l’uso corretto. Con un uso imperfetto, questa cifra può raggiungere il 28%.

                                                                    Infezioni da lievito

                                                                    Un’infezione vaginale da lievito, che è anche conosciuta come vaginosi candidosi, è una condizione comune. L’infezione è dovuta all’organismo Candida albicans.

                                                                    La gente può trattare le infezioni vaginali del lievito con entrambe le supposte del over-the-counter (OTC) e le supposte naturali.

                                                                    supposte OTC

                                                                    Alcuni farmaci antifungini sono disponibili sia come creme che come supposte, come il clotrimazolo e il miconazolo. Questi sono disponibili in diverse forze e sono disponibili per l’acquisto al banco.

                                                                    A seconda della forza, il farmaco può spesso richiedere tra 3 e 7 giorni per eliminare un’infezione esistente. Le supposte di solito richiedono meno dosaggi rispetto alle creme e tendono a fornire prima il sollievo dei sintomi.

                                                                    Un medico può prescrivere un ciclo di 14 giorni di supposte per infezioni da lievito più gravi o complicate.

                                                                    Quando si usano le supposte vaginali per un’infezione da lievito, è essenziale completare il corso raccomandato anche se i sintomi scompaiono prima di finire tutto il farmaco.

                                                                    Supposte naturali

                                                                    Per molti decenni, le persone hanno usato supposte di acido borico come trattamento alternativo per le infezioni vaginali ricorrenti da lievito. Questi sono anche disponibili al banco nella maggior parte dei negozi di salute e online.

                                                                    A Documento di revisione del 2011 ha studiato l’efficacia dell’acido borico nel trattamento della candidosi vaginale ricorrente. In 14 studi, il numero di donne guarite dall’infezione variava dal 40 al 100 per cento.

                                                                    A più recente studio di laboratorio del 2018 ha scoperto che l’acido borico funziona limitando la crescita di Candida albicans e Candida glabrata ceppi che sono diventati resistenti al trattamento farmacologico convenzionale.

                                                                    supposte di acido borico può essere particolarmente utile per le persone i cui sintomi di candidosi vaginale non migliorano dopo un corso esteso di trattamento convenzionale.

                                                                    Secchezza vaginale

                                                                    La secchezza vaginale può colpire persone di qualsiasi età, ma è più comune tra quelle in fase di transizione menopausa. Alcune supposte possono aiutare a mantenere l’umidità vaginale e livelli di pH sani.

                                                                    Supposte ormonali

                                                                    A recente studio clinico ha suggerito che le supposte ormonali potrebbero essere un trattamento efficace per la secchezza vaginale, in particolare tra le donne che non possono assumere la terapia ormonale sostitutiva (TOS).

                                                                    In 12 settimane, 325 donne hanno preso una supposta ormonale chiamata Prasterone, e 157 donne hanno preso una placebo.

                                                                    Alla fine delle 12 settimane, le donne che hanno preso il farmaco hanno mostrato miglioramenti significativi nella secchezza vaginale rispetto a quelle che hanno ricevuto il placebo.

                                                                    Il prasterone sembra funzionare localmente all’interno delle cellule vaginali, causando così pochi effetti collaterali.

                                                                    Supposte di vitamina E

                                                                    Un altro studio recente ha scoperto che un corso di 12 settimane di vitamina Le supposte E potrebbero essere utili per trattare la secchezza vaginale e altri sintomi di atrofia vaginale.

                                                                    Il piccolo studio ha confrontato l’efficacia delle supposte di vitamina E e di una crema vaginale, contenente l’ormone estrogeni, tra 52 donne.

                                                                    Entrambi i trattamenti hanno offerto un miglioramento significativo dei sintomi dopo 4 settimane, anche se la crema agli estrogeni è stata la più efficace.

                                                                    Ma la vitamina E può essere più lenta a funzionare rispetto alla crema agli estrogeni, poiché non ci sono state differenze significative tra i due trattamenti a 8 e 12 settimane.

                                                                    Per le donne che sono sensibili alla terapia ormonale, le supposte di vitamina E potrebbero essere un’alternativa adatta e più sicura.

                                                                    Takeaway

                                                                    Le supposte vaginali per la contraccezione tendono ad essere meno efficaci dei metodi più comuni di controllo delle nascite.

                                                                    Tuttavia, le supposte vaginali per il trattamento delle infezioni da lievito e della secchezza vaginale sono generalmente considerate sicure ed efficaci. In molti casi, possono anche fornire un sollievo più veloce e più mirato rispetto ai farmaci orali, insieme a meno effetti collaterali.

                                                                    L’uso delle supposte vaginali è abbastanza semplice e dovrebbe causare solo un minimo disagio. Quando si applicano, le persone potrebbero voler provare le diverse posizioni per determinare quale funziona meglio per loro.
                                                                    IUD e il tuo periodo: Lo influenza e cosa aspettarsi

                                                                    Un dispositivo intrauterino (IUD) è un contraccettivo fisico che si trova all’interno dell’utero. Gli IUD sono una forma di controllo delle nascite altamente efficace e a lungo termine.

                                                                    Ci sono due tipi di IUD, cioè ormonale e non ormonale. Entrambi i tipi prevengono la gravidanza rilasciando sostanze nel tratto riproduttivo femminile. Gli IUD ormonali rilasciano ormoni sintetici, mentre gli IUD non ormonali rilasciano piccole quantità di rame.

                                                                    Gli IUD possono influenzare il periodo di una persona in diversi modi. Entrambi i tipi di IUD possono causare sanguinamenti pesanti o irregolari subito dopo l’inserimento.

                                                                    Eventuali ulteriori cambiamenti mestruali e sintomi che una donna sperimenta dipenderanno principalmente dal tipo di IUD. Quelle che hanno uno IUD ormonale possono sperimentare periodi più leggeri o periodi irregolari. Quelli con uno IUD di rame possono sperimentare un sanguinamento più pesante del solito.

                                                                    Questo articolo descrive come i due tipi di IUD possono influenzare le mestruazioni di una persona. Forniamo anche informazioni importanti per coloro che stanno pensando di cambiare controllo delle nascite metodi.

                                                                    Perché gli IUD influenzano le mestruazioni?

                                                                    Le persone possono sperimentare vari cambiamenti alle loro mestruazioni a seconda del tipo di IUD che stanno usando.

                                                                    IUD ormonali

                                                                    Uno IUD ormonale rilascia una forma sintetica di progesterone chiamato levonorgestrel nell’utero.

                                                                    La presenza del levonorgestrel aiuta a prevenire la gravidanza. Lo fa nei seguenti modi:

                                                                      Gli IUD ormonali possono ridurre i sintomi delle mestruazioni, come le perdite prolungate o le perdite di sangue periodi pesanti.

                                                                      Le mestruazioni si verificano quando l’endometrio si stacca ed esce dal corpo attraverso la vagina. Poiché il levonorgestrel assottiglia l’endometrio, c’è meno di questo materiale da spargere, quindi i periodi possono essere più leggeri e più brevi.

                                                                      Attualmente, ci sono quattro tipi di IUD ormonali disponibili negli Stati Uniti. Ognuno di essi contiene lo stesso tipo di ormone ma funziona per periodi di tempo diversi:

                                                                        Gli IUD che funzionano più a lungo contengono le maggiori quantità di levonorgestrel. Più alti sono i livelli di questo ormone all’interno dello IUD, più è probabile che l’utente sperimenti periodi più leggeri o nessun periodo.

                                                                        IUD di rame

                                                                        A differenza di uno IUD ormonale, uno IUD di rame non impedisce ovulazione. Gli IUD di rame funzionano impedendo allo sperma di raggiungere e fecondare un ovulo.

                                                                        Nel caso improbabile che si verifichi la fecondazione, lo IUD di rame impedisce all’ovulo di impiantarsi nell’endometrio.

                                                                        Alcune persone possono sperimentare sanguinamenti più pesanti e periodi più lunghi con uno IUD di rame.

                                                                        Altri potenziali effetti collaterali che i medici possono associare agli IUD di rame sono:

                                                                          Gli effetti collaterali dovrebbero risolversi entro 2-3 mesi di ricevere lo IUD di rame.

                                                                          Scopri di più sulle differenze tra questi due tipi di IUD qui.

                                                                          Cosa aspettarsi

                                                                          Con così tante variabili da considerare, è quasi impossibile prevedere come un individuo risponderà a un particolare IUD.

                                                                          Possono essere necessarie diverse settimane o mesi prima che il corpo si adatti a un nuovo IUD. Durante questa fase di adattamento, un individuo può sperimentare:

                                                                            Adattarsi a uno IUD ormonale

                                                                            Le persone possono aspettarsi un sanguinamento più leggero e meno periodi una volta che si adattano ad uno IUD ormonale. Intorno a 1 donna su 5 possono non avere alcuna mestruazione dopo il periodo di adattamento.

                                                                            Adattarsi a uno IUD di rame

                                                                            Il sanguinamento pesante dovrebbe diminuire circa 3 mesi dopo aver ricevuto uno IUD di rame.

                                                                            Poiché gli IUD di rame non interrompono l’ovulazione, le persone possono aspettarsi di avere periodi regolari.

                                                                            Quando consultare un medico

                                                                            Sia gli IUD ormonali che quelli in rame possono causare spiacevoli effetti collaterali quando un medico inserisce uno IUD e dopo.

                                                                            Le persone possono provare dolore temporaneo, sanguinamento o vertigini subito dopo aver ricevuto uno IUD. Le persone dovrebbero contattare il loro medico se questi sintomi durano più a lungo di 30 minuti.

                                                                            Alcune donne possono scoprire che il loro corpo espelle o rigetta uno IUD. In alcuni casi, una parte dello IUD potrebbe staccarsi dall’utero o perforare la parete uterina. Se questo accade, un medico deve rimuoverlo il più presto possibile.

                                                                            Anche se raro, le persone possono rimanere incinte con uno IUD. Questo può portare a gravi complicazioni di salute, come gravidanza ectopica e infezioni.

                                                                            In generale, le persone che hanno uno IUD dovrebbero consultare un medico se sperimentano:

                                                                              Cambiare gli anticoncezionali

                                                                              Le persone che desiderano cambiare il loro controllo delle nascite possono discutere le loro opzioni con un medico. Un medico valuterà il rischio individuale di sviluppare effetti collaterali avversi. Alcuni fattori che il medico può prendere in considerazione sono:

                                                                                Il rischio di avere una gravidanza indesiderata aumenta quando una persona cambia metodo di controllo delle nascite. I medici cercano di evitare lacune nella protezione sovrapponendo il nuovo contraccettivo a un metodo anticoncezionale precedente.

                                                                                Le persone dovrebbero considerare di usare preservativi o qualche altra forma di contraccezione di riserva fino a quando il nuovo controllo delle nascite non fa effetto.

                                                                                Takeaway

                                                                                Gli IUD sono opzioni di controllo delle nascite sicure ed efficaci. Gli IUD prevengono la gravidanza rilasciando ormoni o una piccolissima quantità di rame nel sistema riproduttivo femminile.

                                                                                Le persone che hanno uno IUD ormonale possono avere un sanguinamento mestruale più leggero e meno mestruazioni. D’altra parte, coloro che hanno uno IUD di rame possono sperimentare sanguinamenti pesanti durante i primi mesi.

                                                                                Anche se raro, è possibile per un individuo con uno IUD rimanere incinta. Chiunque avverta sintomi di gravidanza può prendere un test di gravidanza e dovrebbero contattare immediatamente il loro medico. Rimanere incinta con uno IUD può aumentare il rischio di gravi complicazioni.

                                                                                Chiunque stia pensando di cambiare il controllo delle nascite può parlare con il proprio medico. Un medico spesso raccomanderà una contraccezione di riserva fino a quando il nuovo controllo delle nascite avrà effetto.
                                                                                Crampi dopo l’inserimento e la rimozione dello IUD: Durata e sollievo

                                                                                Molte persone riportano lievi crampi dopo che un medico inserisce o rimuove un dispositivo intrauterino (IUD). Una piccola percentuale di persone riferisce un dolore significativo.

                                                                                A Studio 2013 ha scoperto che il 17% delle donne che non avevano mai partorito e l’11% di quelle che avevano partorito hanno riportato un dolore che ha richiesto la gestione del dolore dopo Inserimento dello IUD.

                                                                                Oltre al dolore iniziale che può verificarsi immediatamente dopo l’inserimento e la rimozione, alcune persone possono sperimentare lievi crampi che durano più a lungo. Questi crampi possono potenzialmente continuare per diversi giorni o settimane dopo la procedura. Tuttavia, dovrebbe migliorare costantemente e non dovrebbe essere abbastanza grave da interferire con il funzionamento quotidiano.

                                                                                In questo articolo, esaminiamo perché l’inserimento e la rimozione dello IUD possono causare crampi e discutiamo i possibili trattamenti e rimedi domestici.

                                                                                L’inserimento dello IUD può causare crampi?

                                                                                Durante l’inserimento di uno IUD, un medico o un altro operatore sanitario metterà uno speculum nella vagina per rendere più facile vedere la cervice. Il medico può iniettare una soluzione anestetizzante nella cervice per alleviare il disagio. Successivamente, si inserirà lo IUD attraverso la cervice nell’utero.

                                                                                Ognuno di questi passaggi può causare crampi o dolore.

                                                                                La cervice deve aprirsi leggermente per accogliere lo IUD. L’apertura della cervice può essere potenzialmente la parte più dolorosa della procedura. Molte persone riportano crampi simili a quelli che possono verificarsi intorno alle mestruazioni, ma alcuni dicono che i crampi sono peggiori di quelli relativi a un periodo.

                                                                                Dopo l’inserimento dello IUD, alcune persone possono continuare ad avere crampi. I crampi possono verificarsi per diverse ragioni, tra cui:

                                                                                  Durata dei crampi

                                                                                  I crampi gravi dovrebbero diminuire poco dopo l’inserimento dello IUD. Molte persone trovano che i crampi sono migliorati nel momento in cui il medico rimuove lo speculum.

                                                                                  Leggeri crampi e spotting possono a volte persistere per settimane o addirittura mesi. Tuttavia, i crampi di solito scompaiono entro 3-6 mesi, secondo Planned Parenthood. Se i crampi durano più a lungo, o se i crampi gravi durano per più di 1-2 giorni dopo l’inserimento, è importante contattare un operatore sanitario per un consiglio.

                                                                                  Come influisce uno IUD sulle mestruazioni?

                                                                                  Le persone che scelgono uno IUD di rame piuttosto che uno ormonale possono sperimentare periodi più pesanti e crampi più intensi, specialmente nel periodo della gravidanza 3 mesi dopo l’inserimento. Per la maggior parte delle persone, questi sintomi migliorano con il tempo.

                                                                                  Lo IUD ormonale, che rilascia ormoni simili a quelli di controllo delle nascite pillole anticoncezionali, possono aiutare con periodi pesanti e crampi. Alcune persone notano che i loro periodi scompaiono completamente o diventano poco più che spotting. Uno IUD ormonale può essere una buona scelta per le persone con periodi molto pesanti o dolorosi.

                                                                                  Per saperne di più su come uno IUD può influenzare i periodi qui.

                                                                                  Trattamento e rimedi casalinghi

                                                                                  A 2015 revisione Cochrane ha valutato la ricerca precedente sui metodi per ridurre il dolore durante l’inserimento dello IUD. Molti medici raccomandano che le persone prendano farmaci antinfiammatori non steroidei (FANS), come l’ibuprofene, prima dell’inserimento dello IUD. Tuttavia, la revisione ha trovato che anche se il naprossene (Aleve) ha ridotto leggermente il dolore, la maggior parte dei FANS non ha aiutato con il dolore.

                                                                                  Anche la lidocaina 2% in gel e il misoprostolo (Cytotec) non sono riusciti ad alleviare il dolore legato allo IUD. Alcuni metodi di gestione del dolore che hanno funzionato includono:

                                                                                    Poca ricerca ha valutato metodi efficaci per gestire i crampi dopo l’inserimento o la rimozione dello IUD. Poiché questo dolore è simile a quello dei crampi mestruali, una persona può scoprire che le stesse strategie aiutano ad alleviare il dolore e il disagio.

                                                                                    Alcuni approcci da provare includono:

                                                                                      Alcuni studi suggeriscono che olio di pesce integratori possono aiutare con crampi, secondo Dr. Kirtly Parker Jones, dal dipartimento di ostetricia e ginecologia dell’Università dello Utah Health.

                                                                                      Gli integratori di olio di pesce possono essere efficaci solo quando una persona li prende a dosaggi relativamente alti, e possono funzionare meglio quando una persona li prende con vitamina B-12.

                                                                                      Un medico sarà in grado di offrire consigli sulle opzioni di integratori e sui dosaggi sicuri.

                                                                                      La rimozione dello IUD può causare crampi?

                                                                                      Rimozione dello IUD è simile all’inserimento dello IUD, tranne che invece di inserire qualcosa nella cervice, un medico tira il filo dello IUD per rimuoverlo.

                                                                                      Alcune persone sentono i crampi durante la rimozione perché tirando il filo si fa pressione sulla cervice. La cervice deve aprirsi leggermente per permettere l’uscita dello IUD, il che può anche causare disagio. Mentre i crampi possono durare per alcuni minuti dopo la rimozione, di solito vanno via rapidamente.

                                                                                      La rimozione dello IUD può irritare la cervice e causare un leggero spotting per un giorno o due. Tuttavia, né il sanguinamento pesante né il dolore intenso sono normali dopo la rimozione.

                                                                                      Se una persona sperimenta forti crampi o dolore per più di qualche ora dopo la rimozione dello IUD, questo può segnalare un’infezione, un problema con la cervice o un altro problema.

                                                                                      Quando vedere un medico

                                                                                      Prima dell’inserimento dello IUD, una persona potrebbe voler parlare con un medico delle opzioni per minimizzare il dolore. Un medico può anche raccomandare antidolorifici per i crampi postprocedura.

                                                                                      È importante vedere un medico se:

                                                                                        Mentre i crampi sono normali, uno IUD non dovrebbe causare dolore prolungato o grave.

                                                                                        Riassunto

                                                                                        Gli IUD sono più che 99% efficaci, secondo Planned Parenthood, e sono anche completamente reversibili.

                                                                                        Gli IUD possono essere una scelta ideale per le persone che vogliono evitare la gravidanza senza preoccuparsi di pillole, preservativi, iniezioni o altri metodi. Per molte persone, uno IUD dura per diversi anni. Uno IUD può anche impedire una gravidanza nelle persone che ottengono uno IUD ormonale entro 5 giorni di fare sesso non protetto.

                                                                                        Un professionista sanitario esperto può consigliare lo IUD giusto e le strategie di gestione del dolore adatte. Se i crampi sono intensi, chiedi a un operatore sanitario delle opzioni per alleviare il dolore.
                                                                                        Cosa devo fare se perdo una pillola anticoncezionale?

                                                                                        Le pillole anticoncezionali sono progettate per essere prese ogni giorno – quindi cosa dovrebbe fare una persona se ne perde una dalla confezione?

                                                                                        Può essere facile perdere una pillola in una borsa o giù per lo scarico. Se questo accade, la migliore linea d’azione dipende dal tipo di pillola.

                                                                                        In questo articolo, discutiamo ciò che una persona dovrebbe fare se perdono una combinazione o progestinico solo controllo delle nascite pillola. Esploriamo anche come la mancanza di una pillola può influenzare i tassi di gravidanza e le condizioni mediche.

                                                                                        Cosa fare se si perde una pillola combinata

                                                                                        Le pillole combinate contengono entrambi estrogeni e progestinico.

                                                                                        Le pillole combinate sono disponibili in confezioni da 21 o 28 giorni, che hanno istruzioni leggermente diverse:

                                                                                          Se una persona perde una pillola, dovrebbe chiamare il proprio medico e chiedere una confezione sostitutiva il prima possibile. Nel frattempo, il medico può offrire i seguenti consigli:

                                                                                            Se una persona perde una pillola e sono passate meno di 48 ore da quando ha preso l’ultima pillola, il Centers for Disease Control and Prevention (CDC) raccomandare:

                                                                                              Se una persona ha perso solo una pillola ed è tornata immediatamente a un dosaggio regolare, di solito non è necessario utilizzare metodi alternativi di contraccezione, come i preservativi. Tuttavia, è meglio usarle se ci sono dubbi.

                                                                                              Tornare a un dosaggio affidabile di controllo delle nascite diventa più difficile se una persona ha saltato due o più dosi, o se sono passate più di 48 ore dall’ultima dose.

                                                                                              Se questo è il caso, una persona dovrebbe:

                                                                                                Cosa fare se si perde una pillola di solo progestinico

                                                                                                Le pillole di solo progestinico sono anche chiamate POP o mini-pillole. Una persona deve prenderle nello stesso periodo di 3 ore ogni giorno per prevenire la gravidanza.

                                                                                                Le pillole a base di soli progestinici fanno effetto più rapidamente delle pillole combinate, in genere entro circa 2 giorni, ma gli effetti svaniscono anche più rapidamente. Questo significa che c’è meno margine di errore.

                                                                                                Se una persona manca la sua finestra di 3 ore, e sono passate 27 ore o più dalla sua ultima dose, la CDC raccomandare:

                                                                                                  Possibili effetti sulla gravidanza e condizioni mediche

                                                                                                  Se una persona prende le pillole anticoncezionali correttamente, sono 99 per cento efficace per prevenire la gravidanza. La pillola è molto meno efficace se una persona non segue le istruzioni. L’uso tipico generalmente si traduce in un 9 per cento tasso di fallimento.

                                                                                                  Una persona può ancora rimanere incinta mentre prende la pillola. Questo può avvenire di proposito o per caso.

                                                                                                  Molti si chiedono se gli ormoni della pillola possono influenzare il feto. A studio del 2016, che ha esaminato più di 880.000 nati vivi in Danimarca, non ha riportato alcun legame tra pillole anticoncezionali e anomalie di nascita.

                                                                                                  Le dosi mancanti della pillola anticoncezionale o l’assunzione troppo distanziata possono anche provocare un’emorragia non programmata, che può essere fastidiosa.

                                                                                                  È importante notare che alcune persone prendono la pillola anticoncezionale per motivi diversi dalla contraccezione. La pillola anticoncezionale può anche aiutare a trattare condizioni mediche, tra cui:

                                                                                                    Se una persona che prende la pillola anticoncezionale per gestire la PCOS o l’endometriosi perde una pillola o salta una dose, dovrebbe seguire i consigli pertinenti del CDC di cui sopra.

                                                                                                    La PCOS è un disturbo endocrino strettamente legato agli squilibri ormonali. Colpisce circa 10 per cento delle donne in età fertile, ed è associata a un’ampia varietà di problemi di salute.

                                                                                                    Nelle persone con PCOS, la pillola anticoncezionale può aiutare a ridurre:

                                                                                                      Per le persone con endometriosi, la pillola anticoncezionale ormonale può aiutare a ridurre il dolore e rendere i periodi più leggeri, più brevi e più regolari.

                                                                                                      Perdere una pillola o mancare una dose può causare un leggero aumento di questi sintomi. Durerà fino a quando il dosaggio non sarà tornato in carreggiata.

                                                                                                      Outlook

                                                                                                      Come ogni farmaco, le pillole anticoncezionali funzionano meglio se una persona segue le istruzioni del medico. Nel caso di queste pillole, si tratta di prenderne una al giorno.

                                                                                                      La pillola è 99 per cento efficace nel prevenire la gravidanza se una persona la prende correttamente, ma dopo aver tenuto conto dell’errore umano, è solo 91 per cento efficace.

                                                                                                      Se una persona ha saltato una pillola e si sta chiedendo cosa fare, Planned Parenthood’s quiz informativo può fornire informazioni sulle opzioni e i passi successivi.

                                                                                                      La migliore guida dipende da:

                                                                                                        Gli operatori sanitari possono fornire consigli personalizzati.
                                                                                                        Gli IUD possono causare aumento di peso e quali sono gli effetti collaterali?

                                                                                                        Gli IUD sono una delle forme più efficaci di contraccezione. Sono generalmente sicure ma possono avere effetti collaterali. Alcune persone possono sperimentare un aumento di peso mentre usano uno IUD.

                                                                                                        In questo articolo, vediamo come funzionano gli IUD e se possono causare un aumento di peso. Discutiamo anche la sicurezza e l’efficacia degli IUD, i loro pro e contro, i metodi alternativi di contraccezione, e consigli generali sulla gestione del peso.

                                                                                                        Cos’è uno IUD?

                                                                                                        Un dispositivo intrauterino (IUD) è un metodo contraccettivo a lungo termine. Questo piccolo dispositivo si trova all’interno dell’utero e previene la gravidanza impedendo allo sperma di raggiungere l’ovulo e di fecondarlo.

                                                                                                        Ci sono due tipi principali di IUD:

                                                                                                          Un’infermiera o un medico inserisce lo IUD attraverso la vagina e nell’utero. Questa è una procedura facile e veloce che non ha bisogno di un anestetico.

                                                                                                          Tuttavia, l’inserimento dello IUD può causare un po’ di dolore, crampi o vertigini. Il medico può offrire alla persona dei farmaci prima della procedura per aiutarla in questo senso.

                                                                                                          Uno IUD non ormonale inizia a proteggere dalla gravidanza immediatamente. Uno IUD ormonale protegge dalla gravidanza a partire da 7 giorni dopo l’inserimento.

                                                                                                          IUD e aumento di peso

                                                                                                          La comunità medica non ha fatto abbastanza ricerche scientifiche per capire se gli IUD causano un aumento di peso. Gli studi esistenti non mostrano un chiaro legame tra uso di contraccettivi e aumento di peso.

                                                                                                          Questa è un’area difficile da studiare perché i ricercatori avrebbero bisogno di confrontare un grande gruppo di persone che usano lo IUD con un grande gruppo che usa un contraccettivo placebo. Un placebo sembra esattamente come la cosa reale ma non fa nulla. I ricercatori usano i placebo per testare i farmaci.

                                                                                                          Comprensibilmente, molte persone non vogliono prendere parte a uno studio a lungo termine utilizzando un controllo delle nascite che non protegge dalla gravidanza.

                                                                                                          Alcune persone hanno riferito di aver guadagnato peso usando un contraccettivo ormonale, mentre altre riferiscono di aver perso peso. Di conseguenza, molti contraccettivi ormonali elencano sia l’aumento che la perdita di peso come possibili effetti collaterali.

                                                                                                          I ricercatori sono generalmente d’accordo sul fatto che è improbabile che i contraccettivi ormonali portino ad un significativo aumento di peso. Quando le persone invecchiano, spesso aumentano gradualmente di peso. Una persona può collegare il suo aumento di peso all’uso di contraccettivi, ma potrebbe essere dovuto a un aumento naturale del grasso corporeo o dei muscoli.

                                                                                                          Ognuno è diverso. C’è un delicato equilibrio di ormoni nel corpo, e tutto ciò che li influenza può causare cambiamenti evidenti.

                                                                                                          Alcuni ricerca suggerisce che sposarsi o andare a vivere con un partner può essere collegato all’aumento di peso. Questi eventi della vita possono coincidere con l’inizio dell’uso dello IUD.

                                                                                                          Naturalmente, anche le persone che sono single, non sposate o che non vivono con un partner usano gli IUD. Queste persone possono anche riportare un aumento di peso, e i ricercatori devono condurre più studi sui possibili legami tra aumento di peso e stato di relazione.

                                                                                                          Gli IUD sono sicuri ed efficaci?

                                                                                                          Lo IUD è più del 99% efficace nel prevenire la gravidanza. Questo significa che se 100 persone usassero uno IUD per 1 anno, meno di una rimarrebbe incinta.

                                                                                                          Altre forme di contraccezione sono spesso meno efficaci perché le persone possono commettere errori quando le usano; per esempio, dimenticando di prendere una pillola anticoncezionale o non mettendo correttamente il preservativo.

                                                                                                          Lo IUD non protegge da infezioni trasmesse sessualmente (IST). Una persona potrebbe voler usare un metodo contraccettivo aggiuntivo, come un preservativo, per proteggersi dalle MST.

                                                                                                          C’è la possibilità che uno IUD possa causare un’infezione nella pelvi, che può accadere se i batteri entrano nell’utero durante l’inserimento dello IUD.

                                                                                                          I sintomi di un’infezione pelvica includono dolore, crampi e indolenzimento nella parte inferiore della pancia. Una persona può anche avere un febbre, sentire freddo o avere difficoltà a respirare. Chiunque avverta questi sintomi dovrebbe consultare un medico perché l’infezione di solito richiede un trattamento.

                                                                                                          E’ possibile ma improbabile che uno IUD scivoli fuori. Se lo IUD viene fuori, una persona dovrebbe usare un’altra forma di controllo delle nascite fino a quando non può vedere un medico.

                                                                                                          Uno IUD può perforare la parete dell’utero, anche se questo è molto improbabile. Se lo IUD penetra nella parete, può essere piuttosto doloroso e causare un aumento del sanguinamento. Un medico potrebbe dover rimuovere lo IUD chirurgicamente.

                                                                                                          Pro, contro ed effetti collaterali degli IUD

                                                                                                          Come tutte le forme di contraccezione, lo IUD ha vantaggi e svantaggi. Ognuno è diverso, e uno IUD può causare effetti collaterali per alcune persone ma non per altre.

                                                                                                          I vantaggi degli IUD includono

                                                                                                            Gli svantaggi degli IUD includono:

                                                                                                              L’inserimento di uno IUD può causare dolore, mal di schiena o crampi per alcuni giorni. Gli effetti collaterali possono includere:

                                                                                                                Gli effetti collaterali dovrebbero andare via dopo pochi mesi, ma possono durare più a lungo. Se gli effetti collaterali non migliorano o continuano per molto tempo, parla con un’infermiera o un medico per un consiglio.

                                                                                                                Ci sono molte forme alternative di contraccezione. A volte, una persona può aver bisogno di provare alcuni tipi diversi prima di trovarne uno che sia adatto a lei e che non causi fastidiosi effetti collaterali.

                                                                                                                Alternative agli IUD

                                                                                                                Ci sono molte forme di contraccezione alternative allo IUD. Ogni individuo può avere priorità diverse per il suo controllo delle nascite. Per esempio, una persona può dare la priorità all’attenuazione del sanguinamento mestruale pesante o alla prevenzione delle MST.

                                                                                                                L’impianto anticoncezionale è efficace quanto lo IUD nel prevenire la gravidanza e dura fino a 3 anni.

                                                                                                                È disponibile anche una vasta gamma di pillole contraccettive. Le persone che hanno sperimentato effetti collaterali da altre forme di contraccezione potrebbero considerare di provare diverse pillole anticoncezionali.

                                                                                                                Consigli generali per gestire il peso

                                                                                                                Mettere su un po’ di peso è spesso una parte naturale dell’invecchiamento. Ma l’aumento di peso può avere un impatto sulla salute e sul benessere. I Centri per il controllo e la prevenzione delle malattie (CDC) hanno un calcolatrice dell’indice di massa corporea che può aiutare una persona a scoprire se ha un peso sano.

                                                                                                                Mantenere un peso sano funziona meglio attraverso cambiamenti a lungo termine alla dieta e allo stile di vita. Alcuni consigli per uno stile di vita sano:

                                                                                                                  Il CDC raccomandare che ogni settimana le persone dovrebbero puntare a fare:

                                                                                                                    Takeaway

                                                                                                                    Gli IUD sono un metodo sicuro ed efficace di contraccezione. Gli studi non hanno mostrato un chiaro legame tra l’uso di contraccettivi e l’aumento di peso, ma sono necessarie ulteriori ricerche.

                                                                                                                    Ci sono molte forme diverse di controllo delle nascite, ognuna con i suoi pro e contro. Se una persona non è soddisfatta o ha dubbi sul suo attuale metodo contraccettivo, dovrebbe parlare con il proprio medico per discutere di opzioni alternative.
                                                                                                                    NuvaRing: usi, vantaggi e rischi

                                                                                                                    Il NuvaRing è la marca di un tipo di anello vaginale. È un anello di plastica flessibile che rilascia gli ormoni estrogeni e il progesterone dopo essere stato inserito nella vagina, vicino alla cervice.

                                                                                                                    Il rilascio di questi ormoni impedisce alle ovaie di produrre uova.

                                                                                                                    Intorno a 1.5 milioni le donne di tutto il mondo usano il dispositivo come mezzo di contraccezione e ci sono state 44 milioni di prescrizioni per esso negli Stati Uniti dal 2004 al 2014.

                                                                                                                    NuvaRing non protegge da HIV e altri infezioni trasmesse sessualmente (IST), e non è adatto a tutte le donne.

                                                                                                                    Come funziona?

                                                                                                                    Il NuvaRing è un anello piccolo e flessibile che è facile da inserire e rimuovere.

                                                                                                                    Deve essere posizionato correttamente nella vagina per essere efficace. Una volta inserito, dovrebbe rimanere in posizione e non spostarsi.

                                                                                                                    Funziona rilasciando estrogeni e progesterone.

                                                                                                                    Questi ormoni impediscono agli ovuli di lasciare le ovaie e rendono il muco cervicale più spesso in modo che gli spermatozoi non possano raggiungere gli ovuli.

                                                                                                                    Il dispositivo viene normalmente indossato per 3 settimane, e poi viene rimosso per consentire le mestruazioni. Un periodo mestruale regolare inizierà tipicamente entro 2 o 3 giorni dopo la rimozione. Dopo 7 giorni, può essere inserito un nuovo anello.

                                                                                                                    Normalmente, se una donna inserisce un anello entro i primi 5 giorni dall’inizio delle mestruazioni, è immediatamente protetta. Se le mestruazioni durano più di 5 giorni, l’anello può essere inserito anche in questo periodo.

                                                                                                                    Se una donna inserisce l’anello dopo 5 giorni, dovrà aspettare altri 7 giorni per essere protetta. In questo caso, si dovrebbe usare un preservativo o uno spermicida fino all’inizio della protezione.

                                                                                                                    È meglio parlare ad un medico circa i tempi.

                                                                                                                    Un cappuccio cervicale, un diaframma o una spugna non dovrebbero essere utilizzati, in quanto possono influenzare il posizionamento dell’anello. È sicuro usare un preservativo con un Nuvaring. Il preservativo è raccomandato per prevenire l’HIV e altre malattie sessualmente trasmissibili.

                                                                                                                    Quando una donna smette di usare il dispositivo, può diventare subito incinta, anche se normalmente ci vogliono da 1 a 2 mesi perché il ciclo mestruale ritorni come prima.

                                                                                                                    Una donna che ha avuto in precedenza periodi irregolari possono scoprire che questo disturbo dura fino a 6 mesi

                                                                                                                    Inseriscono un NuvaRing

                                                                                                                    Per inserire un NuvaRing:

                                                                                                                    Vantaggi

                                                                                                                    Si dice che NuvaRing sia 99 per cento efficace se usato correttamente. Questo significa che è efficace come la pillola contraccettiva.

                                                                                                                    È facile da usare e l’utente non deve pensarci ogni giorno.

                                                                                                                    Finché viene inserito al momento giusto, funziona immediatamente.

                                                                                                                    Rischi ed effetti collaterali

                                                                                                                    NuvaRing è un mezzo contraccettivo efficace, ma l’utente deve seguire le istruzioni. Intorno a 9 per cento di utenti rimangono incinte ogni anno perché non lo fanno.

                                                                                                                    Ci può essere un po’ di disagio quando l’anello viene usato per la prima volta, mentre il corpo si abitua ai cambiamenti ormonali. Questi possono includere sanguinamento tra le mestruazioni, tenerezza del seno e nausea. Dovrebbero scomparire dopo da 2 a 3 mesi dell’uso.

                                                                                                                    Considerazioni sulla salute rendono gli ormoni combinati inadatti ad alcune donne.

                                                                                                                    problemi di coagulazione del sangue

                                                                                                                    Il dispositivo secerne ormoni che possono causare cambiamenti nel sistema di coagulazione del sangue. L’uso può causare il sangue a coagulare più facilmente, quindi non è adatto per le donne con una storia di coagulazione del sangue.

                                                                                                                    Le donne non dovrebbero usare il NuvaRing se:

                                                                                                                      Il fumo aumenta gravemente il rischio di gravi effetti collaterali cardiovascolari nelle donne che usano un contraccettivo combinato come il NuvaRing.

                                                                                                                      Il produttore avverte le donne a non usarlo se fumano sigarette e sono più di 35 anni di età.

                                                                                                                      Nel 2011, l’U.S. Food and Drug Administration (FDA) pubblicato uno studio che dimostra che NuvaRing potrebbe aumentare il rischio di coaguli di sangue del 56% e che 40 pazienti sono morti in seguito all’uso dell’anello. Questo è superiore al rischio che si corre assumendo una pillola di estrogeni a basso dosaggio per il controllo delle nascite.

                                                                                                                      I produttori hanno affrontato oltre 730 cause legali a causa di complicazioni di coagulazione del sangue che hanno provocato amputazioni, embolie polmonari, ictus e morte.

                                                                                                                      Altri effetti avversi

                                                                                                                      Altri rischi associati a NuvaRing, includono:

                                                                                                                        Altre condizioni che non dovrebbe essere usato con includono grave emicrania mal di testa, malattie del fegato o tumori al fegato, malattie cardiovascolari, inspiegabili emorragie vaginali, cancro al seno o altri tipi di cancro che sono sensibili ai cambiamenti ormonali. Non deve essere usato se la donna può essere incinta.

                                                                                                                        Gli effetti avversi includono:

                                                                                                                          L’anello può anche scivolare fuori o causare disagio.

                                                                                                                          Planned Parenthood suggerisce che NuvaRing può aiutare a proteggere contro una serie di condizioni, tra cui acne, assottigliamento delle ossa, mestruazioni pesanti e dolorose e alcune infezioni.

                                                                                                                          Tuttavia, il produttore, Merck, avverte che può peggiorare l’acne e il dolore mestruale.

                                                                                                                          Merck dice anche che alcune donne possono sperimentare un abbassamento della libido o del desiderio sessuale. Tuttavia, non dover pensare alla contraccezione può anche aiutare una donna a sentirsi più rilassata riguardo al sesso.

                                                                                                                          Interazioni tra farmaci

                                                                                                                          Proprio come altre opzioni ormonali di controllo delle nascite, alcuni farmaci possono interagire con NuvaRing, rendendolo meno efficace

                                                                                                                          Questi includono:

                                                                                                                            Se i farmaci a base di olio sono regolarmente utilizzati nella vagina per le infezioni fungine, questo può aumentare i livelli di ormoni. Non ridurrà l’efficacia dell’anello, ma potrebbe avere effetti a lungo termine che non sono ancora noti.

                                                                                                                            E’ importante parlare con un operatore sanitario prima di usare questa forma di contraccezione.

                                                                                                                            I produttori incoraggiano chiunque sperimenti un effetto collaterale negativo a informare la FDA.

                                                                                                                            NuvaRing può costare tra $0 e $80 un mese da usare. È necessaria una prescrizione e può essere coperto da assicurazione sanitaria.

                                                                                                                            Lascia un commento