Cos’è un oncologo? Tutto quello che devi sapere

Un oncologo è un medico specializzato nella diagnosi e nel trattamento del cancro. Essi agiscono come il fornitore primario di assistenza sanitaria per le persone con il cancro per coordinare e gestire il loro trattamento.

L’American Cancer Society prevede circa 1.8 milioni di euro nuove diagnosi di cancro nel 2020.

Il cancro rimane una delle principali cause di morte negli Stati Uniti, ma i tassi di sopravvivenza continuano a migliorare grazie ai progressi nella rilevazione del cancro, nel trattamento e nella gestione.

Le persone con il cancro in genere lavorano con un team di fornitori di assistenza sanitaria, tra cui infermieri, dietisti, patologi e oncologi.

Continua a leggere per saperne di più sugli oncologi, compresi i diversi tipi di oncologia, alcuni metodi che gli specialisti usano per trattare il cancro e altro ancora.

Tipi

Gli oncologi sono specializzati in una delle tre principali aree dell’oncologia: medica, chirurgica o radioterapia. Le seguenti sezioni esaminano queste aree in modo più dettagliato.

Oncologia medica

Gli oncologi medici sono specializzati nel trattamento e nella gestione del cancro utilizzando metodi non chirurgici, come ad esempio:

    Le persone che ricevono trattamenti per il cancro vedranno più spesso un oncologo medico. Gli oncologi medici di solito agiscono come il principale fornitore di assistenza sanitaria per le persone con il cancro, secondo il Istituto Nazionale del Cancro.

    Coordinano i piani di trattamento del cancro e monitorano da vicino le persone per gli effetti collaterali. Gli oncologi medici seguono anche le persone dopo che hanno completato il loro trattamento.

    Oncologia chirurgica

    Gli oncologi chirurgici sono chirurghi specializzati nella diagnosi, nel trattamento e nella gestione del cancro.

    Molte persone con sospetto di cancro vedranno prima un oncologo chirurgico. Dopo che un medico di base trova prove di cancro, riferirà la persona a un oncologo per un’ulteriore valutazione.

    Gli oncologi chirurgici possono confermare le diagnosi di cancro e determinare il tipo di intervento stadio del cancro.

    Per fare questo, gli oncologi chirurgici eseguono biopsie, che comporta la rimozione di un piccolo campione di tessuto anormale ed esaminarlo per cercare cellule tumorali.

    Gli oncologi chirurgici possono raccomandare diverse opzioni di trattamento in base alle informazioni che raccolgono da biopsie, test di imaging e altri lavori di laboratorio. Se una biopsia rivela cellule tumorali nel campione di tessuto, un oncologo chirurgico può rimuovere il tumore e i tessuti circostanti.

    Radioterapia oncologica

    Un oncologo delle radiazioni è specializzato nel fornire una radioterapia esterna e interna alle persone con il cancro.

    La radioterapia esterna utilizza fasci di fotoni ad alta energia per uccidere le cellule tumorali e ridurre i tumori. La radioterapia interna è un trattamento sistemico che comporta l’ingestione, l’iniezione o l’impianto di un materiale radioattivo, come lo iodio radioattivo.

    Una persona può ricevere la radioterapia da sola o in combinazione con un altro tipo di trattamento del cancro. Per esempio, possono ricevere la radioterapia per ridurre un tumore prima di subire un intervento chirurgico per rimuoverlo.

    Altre specialità dell’oncologia

    Gli oncologi possono specializzarsi nel trattamento di tumori che colpiscono popolazioni specifiche o parti del corpo. Alcuni esempi di specialità oncologiche includono:

      Cosa fanno gli oncologi?

      Una persona di solito vede un oncologo se il suo medico di base sospetta che abbia il cancro.

      Un medico di base può utilizzare la risonanza magnetica e la TAC, nonché gli esami del sangue per confermare la diagnosi. Se questi test rivelano segni di cancro, raccomandano che la persona visiti un oncologo.

      Durante il primo appuntamento, l’oncologo può eseguire un esame fisico e ordinare ulteriori esami del sangue, test di imaging o biopsie. Usano questi test per determinare il tipo e lo stadio del cancro, che li aiuta a identificare le migliori opzioni di trattamento di una persona.

      Un oncologo può presentare la persona ad altri specialisti come parte del team di trattamento. Possono anche fornire un calendario generale del trattamento.

      Il tipo esatto di trattamento che una persona riceve dipende da il tipo e lo stadio del cancro. Per esempio, una persona che ha uno o più tumori può vedere un oncologo chirurgico per una biopsia.

      Gli oncologi trattano il cancro allo stadio iniziale e i tumori non invasivi con la chirurgia o la radioterapia. I tumori avanzati che si sono già diffusi in diverse aree del corpo possono richiedere la chemioterapia e altri trattamenti sistemici.

      Gli oncologi non solo diagnosticano il cancro, ma possono anche somministrare trattamenti e monitorare da vicino la progressione della malattia. Per esempio, gli oncologi chirurgici possono eseguire biopsie e rimuovere il tessuto canceroso, mentre gli oncologi radiologi possono somministrare diverse forme di radioterapia per distruggere le cellule tumorali e ridurre i tumori.

      Una persona può aspettarsi di lavorare con un oncologo medico durante tutto il corso del suo trattamento del cancro.

      Dopo che una persona finisce il trattamento, parteciperà a regolari appuntamenti di follow-up con il suo oncologo medico. Durante questi appuntamenti, l’oncologo medico può eseguire test per controllare i segni di eventuali problemi fisici o emotivi legati al trattamento del cancro della persona.

      Condizioni che trattano

      Gli oncologi possono trattare tutti i tipi di cancro. Alcuni oncologi si specializzano nella somministrazione di terapie specifiche, come la radioterapia, la chemioterapia o la chirurgia. Altri oncologi si concentrano sul trattamento di tumori specifici dell’organo, come:

        Istruzione richiesta

        I medici devono soddisfare specifici requisiti di istruzione ed esperienza per diventare un oncologo autorizzato. I requisiti di istruzione per gli oncologi includono una laurea di 4 anni e 4 anni di formazione presso una scuola medica accreditata.

        La maggior parte delle persone non inizia la formazione in oncologia fino a quando non hanno finito la scuola medica. L’oncologia è una sottospecialità della medicina interna.

        Dopo la laurea dalla scuola medica, i futuri oncologi devono completare un programma di residenza – tipicamente in medicina interna o chirurgia generale – seguito da una borsa di studio nel loro sottocampo oncologico scelto.

        Riassunto

        Un oncologo è un medico specializzato nella diagnosi, nel trattamento e nella gestione del cancro.

        Gli oncologi possiedono le conoscenze altamente specializzate necessarie per diagnosticare e trattare il cancro. Molti oncologi affinano ulteriormente la loro pratica specializzandosi in alcuni tipi di cancro o trattamenti per il cancro.

        Un medico di base può indirizzare qualcuno a un oncologo per ulteriori test o trattamenti. Una persona può aspettarsi di lavorare con un gruppo di professionisti sanitari mentre riceve il trattamento.

        Lascia un commento