Cosa sapere sulla chirurgia di fusione spinale per la scoliosi

La scoliosi è il termine medico per indicare una curvatura laterale della colonna vertebrale. La chirurgia di fusione spinale (SFS) per la scoliosi fonde due o più vertebre insieme per aiutare a raddrizzare la colonna vertebrale e prevenire il progredire della curvatura.

La maggior parte delle persone affette da scoliosi non ha bisogno di un intervento chirurgico e molte non richiedono alcun trattamento. I medici in genere riservano la chirurgia alle persone con scoliosi particolarmente gravi o a quelle che sviluppano la condizione nell’infanzia. Senza trattamento, questi casi possono progredire e causare alcune complicazioni di salute, come dolore cronico, mobilità ridotta e danni al cuore e ai polmoni.

Questo articolo descrive come la SFS colpisce la scoliosi, quando i medici raccomandano l’intervento e se è un’opzione di trattamento sicura ed efficace. Fornisce anche informazioni sulla procedura, comprese le fasi di preparazione e recupero. Infine, elenchiamo alcune opzioni di trattamento alternative per la scoliosi.

Cosa fa la SFS per la scoliosi?

La colonna vertebrale è composta da singole ossa chiamate vertebre. Sostiene la parte superiore del corpo e protegge il midollo spinale e le radici nervose.

Scoliosi è una condizione caratterizzata da una curvatura laterale della colonna vertebrale. La SFS comporta la fusione di più vertebre per formare un unico osso. Questo riduce la curva, impedendo alla curvatura della scoliosi di progredire.

Ricevere la SFS non sempre corregge completamente la curva nella colonna vertebrale di una persona, ma di solito può ridurla a 25 gradi o meno. Il grado in cui un chirurgo può correggere la curva dipende da quanto è flessibile la colonna vertebrale.

A Revisione 2015 non ha trovato studi recenti che confrontino la fusione spinale chirurgica con altri trattamenti per la scoliosi grave. Questo suggerisce che i ricercatori non sanno con certezza quanto sia efficace la SFS rispetto ad altri trattamenti.

Quando i medici lo raccomandano?

Medici tipicamente riserva SFS per le persone che hanno una curva spinale superiore a 40 gradi. Circa 0.L’1% della popolazione ha una curvatura spinale di 40 gradi o superiore, quindi la chirurgia è rara.

La chirurgia di solito ha successo. Tuttavia, anche se il rischio di complicazioni chirurgiche è basso, le complicazioni può essere grave. Come tale, è importante che una persona parli con un medico dei potenziali rischi e benefici della chirurgia.

Ne vale la pena? 

Ci sono poche prove scientifiche per determinare se una persona dovrebbe scegliere di avere la SFS.

A Studio del 2018 di fusione della colonna vertebrale lombare non ha trovato alcuna prova recente che supporti o contesti i benefici della SFS per la scoliosi o altre condizioni mediche. Allo stesso modo, un studio del 2015 non ha trovato studi recenti che confrontino la fusione spinale con altri interventi per la scoliosi.

Tuttavia, i medici raccomandano tipicamente la chirurgia per i casi più gravi di scoliosi. Lo fanno perché questi casi possono essere disabilitanti, causando problemi come:

    Le complicazioni gravi sono più probabile si verifica in persone che sviluppano la scoliosi in giovane età o come complicazione di altre malattie.

    Rischi

    La maggior parte dei casi di SFS ha successo e non comporta gravi complicazioni. Tuttavia, alcuni rischi potenziali includere:

      Secondo un Studio del 2018, il tasso di mortalità per le persone che hanno subito un intervento chirurgico alla colonna vertebrale lombare dal 2003-2012 è stato dello 0.105% per le fusioni semplici e 0.321% per fusioni complesse. Tra tutti coloro che hanno subito un intervento chirurgico alla colonna vertebrale lombare, i maschi, i neri e coloro che hanno più di 65 anni hanno un rischio di mortalità maggiore.

      Preparazione

      Prima dell’intervento, una persona incontrerà un chirurgo per discutere la procedura. Durante questo incontro, la persona sarà probabilmente sottoposta a quanto segue:

        La notte prima dell’intervento, una persona dovrà tipicamente evitare cibo e bevande. Dovrebbero seguire i consigli del loro chirurgo su quando iniziare il digiuno.

        Il giorno dell’intervento, una persona incontrerà un anestesista. Poco prima della procedura, l’anestesista somministrerà una combinazione di farmaci per aiutare una persona a dormire durante l’intervento.

        Procedura

        Durante la procedura, un chirurgo incide la schiena con un bisturi, tagliando strati di pelle e muscoli. Il chirurgo spingerà il muscolo da parte per accedere alle vertebre.

        Successivamente, viene inserito un innesto osseo, che è un osso artificiale che si attacca alle vertebre. Il chirurgo posiziona l’innesto osseo tra le ossa che richiedono la fusione. Con il tempo, le vertebre e l’innesto osseo crescono insieme. Un chirurgo inserirà delle barre di metallo per tenere la spina dorsale in posizione fino a quando le ossa si fondono.

        L’intervento chirurgico di solito richiede circa 4-8 ore, o a volte più lungo. Una persona può avere un epidurale dopo l’intervento per aiutare ad alleviare il dolore. Si sveglieranno in una sala di recupero senza memoria della procedura.

        Recupero

        La SFS è un intervento importante, quindi una persona dovrebbe aspettarsi di avere un po’ di dolore in seguito. In genere dovranno rimanere in ospedale per diversi giorni per il monitoraggio.

        Una persona dovrebbe essere in grado di camminare immediatamente dopo l’intervento. Tuttavia, sarà probabilmente necessario evitare sollevamenti pesanti e attività fisiche impegnative per circa 6 mesi seguito della procedura. Alcune persone hanno bisogno di terapia fisica per sostenere il loro recupero, e la maggior parte avrà bisogno di prendere farmaci antidolorifici.

        Dopo l’intervento, la porzione di schiena fusa rimarrà rigida, ma non dovrebbe essere così rigida da impedire il tipico movimento. A parte questo cambiamento, la chirurgia non dovrebbe comportare altre limitazioni a lungo termine dell’attività.

        Altri approcci alla scoliosi 

        La scoliosi da lieve a moderata di solito non richiede un trattamento. Invece, un medico monitorerà la curvatura per vedere se cambia o peggiora.

        La chirurgia non è l’unica opzione di trattamento e potrebbe non essere la scelta migliore. Altre opzioni includere:

          Tuttavia, la terapia fisica, lo yoga, il pilates, le cure chiropratiche e l’agopuntura non hanno buone ricerche a sostegno della loro efficacia nell’aiutare la scoliosi.

          Il bracing è uno dei trattamenti più comuni per i casi meno gravi di scoliosi che richiedono un trattamento. Tuttavia, questa è efficace solo per le persone che stanno ancora crescendo.

          Riassunto

          La scoliosi è il termine medico per una curvatura laterale della colonna vertebrale. Il grado di curvatura può essere minore o grave. I casi minori possono non richiedere alcun trattamento. Tuttavia, i casi gravi possono essere dolorosi e disabilitanti e causare altre complicazioni per la salute.

          L’intervento di fusione spinale comporta la fusione di due o più vertebre per correggere la curvatura spinale. I medici in genere riservano questo trattamento alle persone con scoliosi più estreme. L’obiettivo è quello di prevenire il rischio di gravi complicazioni. Tuttavia, non ci sono prove scientifiche recenti che confrontino la fusione spinale con altri interventi per la scoliosi, e i medici non possono dire con certezza quanto bene funzioni l’intervento rispetto ad altri trattamenti.

          La chirurgia per la scoliosi non è senza rischi. Una persona dovrebbe parlare con un medico dei potenziali rischi e benefici prima di decidere se procedere con il trattamento. Possono anche chiedere al medico eventuali opzioni di trattamento alternative.

          Lascia un commento