Diabete di tipo 2 e declino cognitivo: Uno studio trova un legame

Il diabete di tipo 2 è una condizione cronica che colpisce la produzione di insulina del corpo e i livelli di zucchero nel sangue. Una nuova ricerca, tuttavia, suggerisce che la portata di questa condizione può essere più ampia di quanto si pensasse in precedenza, come gli scienziati trovano un legame tra diabete di tipo 2 e declino cognitivo oltre 5 anni.

Michele Callisaya, dall’Università della Tasmania a Hobart, Australia, ha guidato la nuova ricerca. Callisaya e i suoi colleghi hanno deciso di indagare se ci fosse un’associazione tra diabete di tipo 2, da un lato, e l’atrofia cerebrale e il declino cognitivo, dall’altro.

Inoltre, nel caso in cui i ricercatori hanno trovato una tale connessione, hanno voluto scoprire se c’era una relazione causale sottostante.

I ricercatori hanno reclutato 705 persone di età compresa tra 55 e 90 anni dal cosiddetto studio Cognition and Diabetes in Older Tasmanians e hanno preso misure del cervello e della cognizione dei partecipanti.

A conoscenza degli autori, questo è il primo studio per confrontare sia la cognizione e le dimensioni del cervello tra le persone con e senza diabete di tipo 2. I risultati appare in Diabetologia, la rivista dell’Associazione europea per lo studio del diabete.

Il diabete di tipo 2 è legato al declino cognitivo

Del numero totale di partecipanti, 348 avevano il diabete di tipo 2, e 357 non avevano la condizione. Callisaya e colleghi hanno usato Scansioni MRI per esaminare il volume ventricolare e totale del cervello, che sono entrambi marcatori di atrofia cerebrale.

I ricercatori hanno anche misurato la funzione cognitiva globale e la funzione cognitiva attraverso sette domini a tre diversi punti di tempo oltre 4.6 anni.

Callisaya e colleghi hanno aggiustato i risultati per “età, sesso, istruzione e fattori di rischio vascolare”, tra cui fumo, eventi cardiovascolari, come infarto, ictus, o ipertensione, così come alta colesterolo e indice di massa corporea (BMI).

L’analisi ha rivelato forti associazioni tra diabete di tipo 2 e declino cognitivo – cioè un declino della memoria verbale e fluidità verbale.

I ricercatori hanno anche applicato un “test di mediazione” per vedere se “l’atrofia cerebrale spiegava le associazioni tra diabete di tipo 2 e declino cognitivo”.” Tuttavia, non hanno trovato alcuna prova che il tasso al quale il cervello atrofizzato aveva alcun impatto sull’associazione tra diabete e funzione cognitiva.

Inoltre, l’analisi non ha trovato alcuna differenza nel tasso al quale il cervello si è ridotto tra persone con e persone senza diabete, anche se le persone con diabete hanno avuto una maggiore atrofia del cervello all’inizio dello studio.

Perché il declino cognitivo può portare alla demenza

Infine, mentre le persone senza diabete hanno mostrato un leggero aumento della fluidità verbale nel corso dello studio, quelle con diabete hanno mostrato un declino.

“Tale declino cognitivo accelerato”, scrivono gli autori, “può contribuire alle difficoltà esecutive nelle attività quotidiane e nei comportamenti di salute – come la conformità ai farmaci.”

Tale scarsa aderenza ai trattamenti, per esempio, può a sua volta “influenzare male la futura salute vascolare e il declino cognitivo, e possibilmente un’insorgenza anticipata della demenza in quelli con diabete di tipo 2”, suggeriscono gli autori.

Attualmente, 1 su 3 anziani negli Stati Uniti “muore con Alzheimer o un altro demenza,”Secondo l’Alzheimer’s Association, e quasi 6 milioni di persone vivono attualmente con questa condizione.

Callisaya e i suoi colleghi concludono:

“Nelle persone anziane che vivono in comunità, il diabete di tipo 2 è associato a un declino della memoria verbale e della fluidità in circa 5 anni, ma l’effetto del diabete sull’atrofia cerebrale può iniziare prima, per esempio nella mezza età.”

“Se questo è il caso”, continuano, “entrambi gli interventi farmacologici e stile di vita per prevenire l’atrofia cerebrale in persone con T2D potrebbe essere necessario iniziare prima di età avanzata.”

Lascia un commento