Disturbo bipolare: Il meccanismo del cervello potrebbe essere la chiave per la prevenzione

Gli scienziati hanno scoperto che molti fratelli di persone con disturbo bipolare, che dovrebbero essere essi stessi suscettibili ad esso, sono resi resistenti da un meccanismo adattivo del cervello, caratterizzato da livelli più elevati di attività in una rete cerebrale collegata con la cognizione.

Le persone con disturbo bipolare sono soggetti a un’estrema cambiamenti d’umore, dal sentirsi “su di giri” al sentirsi assolutamente “giù.” Essi sperimentano anche fluttuazioni anormali nei loro livelli di energia, che possono portare a modelli di attività interrotti.

Negli Stati Uniti, la prevalenza annuale del disturbo bipolare tra gli adulti è di circa 2.6 per cento, secondo il National Institute of Mental Health (NIMH).

Il NIMH identifica tre fattori principali che mettono le persone a rischio di disturbo bipolare: fattori genetici, fattori ambientali e cambiamenti nel cervello.

Parenti di primo grado di persone con disturbo bipolare hanno un rischio 13 volte maggiore di sviluppare il disturbo stesso, alcuni studi suggeriscono. Tuttavia, molti fratelli di persone con disturbo bipolare non sviluppano se stessi, anche se, geneticamente, sono ad un rischio così alto.

Ora, un team di ricercatori della Icahn School of Medicine al Mount Sinai di New York City, NY, guidato dal Dr. Sophia Frangou, ha cercato di rivelare la ragione dietro la resilienza dei fratelli al disturbo, e vedere se questo potrebbe aiutare a sviluppare migliori interventi preventivi.

Questo nuovo studio si basa su ricerche precedenti condotte dal team di scienziati negli ultimi anni. Come il dott. Frangou ha dichiarato per Notizie mediche oggi, “Negli ultimi 5 anni, abbiamo fornito la prova che il cervello di individui ad alto rischio per il disturbo bipolare mostra cambiamenti adattivi (legati alla resilienza) in individui che rimangono bene nonostante il loro rischio genetico.”

“Questo articolo estende questa ricerca per dimostrare che questi cambiamenti adattivi sono anche rilevabili nell’architettura funzionale di base del cervello di individui resilienti.”

Dr. Sophia Frangou

Il loro risultati sono stati riportati oggi nel Giornale americano di psichiatria e sono disponibili online.

Resilienza legata alla connettività DMN

I ricercatori hanno usato il funzionale MRI per esaminare l’attività cerebrale di 78 persone con diagnosi di disturbo bipolare, così come 64 dei loro fratelli che non avevano sviluppato il disturbo, e 41 partecipanti sani che non erano legati a nessun altro nella coorte.

È stato trovato che il cervello dei fratelli ha esibito iperconnettività nella rete sensorimotoria, che sono le regioni del cervello interessate a percepire le sensazioni e coordinare il movimento. Questo era coerente con i risultati di ricerca precedente.

Ciò che era più interessante era che iperconnettività è stato notato anche nella rete di modalità predefinita (DMN) dei fratelli monitorati, che ha controbilanciato l’attività anomala nella rete sensorimotoria. iperconnettività DMN era assente nel cervello dei partecipanti con disturbo bipolare, suggerendo che questo era ciò che ha reso i loro fratelli resistenti alla condizione.

La DMN è un’aggiunta abbastanza nuova al vocabolario neuroscientifico, quindi definizioni coerenti possono essere difficili da trovare. Tuttavia, in termini generali, potrebbe essere caratterizzato come una rete di regioni del cervello che interagire con l’altro anche quando altre regioni del cervello sono a riposo.

Come il dott. Frangou ha spiegato per MNT, “La DMN è considerata la spina dorsale funzionale del cervello. Questa rete è più attiva durante il pensiero spontaneo e rappresenta la configurazione di base del cervello.”

“Il DMN”, aggiunge, “contribuisce e facilita i cambiamenti nella configurazione funzionale quando passiamo da pensieri spontanei a pensieri legati a un compito. Lo studio mostra quindi che la resilienza è associata a cambiamenti adattivi del cervello nella rete centrale del cervello.”

Potenziale di attingere ai “cambiamenti adattivi del cervello

Il team spera che la loro scoperta possa aprire nuove strade per la ricerca sui rispettivi meccanismi cerebrali che promuovono o sono resistenti al disturbo bipolare.

Se l’attività più forte nel DMN è ciò che concede alcuni fratelli di persone con disturbo bipolare la loro resistenza al disturbo, poi sperano che, scoprendo le specifiche di questo meccanismo, possono essere in grado di migliorare la plasticità sia del DMN e le reti sensorimotorie in individui inclini al disturbo bipolare.

“Abbiamo uno studio di ricerca attivo per verificare se possiamo usare semplici esercizi mentali basati su computer per ripristinare l’architettura funzionale del cervello nei pazienti e negli individui ad alto rischio,” Dr. Frangou ha detto MNT.

Ha aggiunto che il team ha piena fiducia nei risultati del loro studio attuale e che, andando avanti, sono ansiosi di scoprire quando questo meccanismo adattivo del cervello viene messo in moto nei fratelli delle persone con disturbo bipolare.

Dr. Frangou conclude: “I risultati dello studio sono molto solidi perché abbiamo un campione di grandi dimensioni e i risultati riflettono i cambiamenti adattivi del cervello che abbiamo dimostrato in un altro campione indipendente. Quello che dobbiamo fare dopo è tracciare questi cambiamenti adattivi lungo la durata della vita per scoprire quando questi cambiamenti adattivi sono osservabili per la prima volta.”

Lascia un commento