Eczema pediatrico: Cause, sintomi e trattamenti

L’eczema è una condizione della pelle molto comune nei neonati e nei bambini e in genere si traduce in chiazze di pelle secca, pruriginosa e infiammata. Le prime lesioni cutanee possono comparire prima che i bambini abbiano 6 mesi, ma l’eczema si verifica più comunemente prima dei 5 anni.

Eczema si riferisce ad un non contagioso gruppo di condizioni della pelle che causa pelle infiammata, irritata e spesso pruriginosa, con dermatite atopica essendo il tipo che più comunemente colpisce i bambini. La condizione di solito si infiamma dopo l’esposizione a un fattore scatenante che irrita la pelle. Anche se l’eczema pediatrico spesso non è una condizione medica grave, i sintomi possono causare dolore, disagio e interrompere il sonno.

Mentre molti casi di eczema possono scomparire durante l’infanzia, alcuni possono persistere in età adulta. Inoltre, molte persone che sperimentano la condizione come un bambino possono continuare a sviluppare allergie alimentari o ambientali.

Questo articolo discute l’eczema nei bambini, i possibili fattori scatenanti e le opzioni di trattamento disponibili.

Cos’è l’eczema?

Eczema è il nome di un gruppo di condizioni non contagiose che fa sì che la pelle diventi secca, pruriginosa, infiammata o abbia un aspetto simile a un’eruzione cutanea. L’eczema è comune nei bambini – un Studio del 2018 suggerisce che è la più comune condizione della pelle dell’infanzia, mentre altri dati indicano che colpisce circa un trimestre di bambini negli Stati Uniti.

Molte persone usano spesso la parola “eczema” quando si riferiscono alla dermatite atopica, il tipo di eczema che più comunemente colpisce i bambini. Il termine “atopico” si riferisce a condizioni che coinvolgono il sistema immunitario, mentre la dermatite si riferisce infiammazione della pelle.

L’eczema è diverso nelle diverse età?

L’aspetto dell’eczema varia leggermente nei diversi gruppi di età. Mentre la condizione può svilupparsi su qualsiasi area della pelle a qualsiasi età, è più probabile comparire in certe zone a seconda dell’età della persona.

Neonati

Nei bambini, l’eczema si forma tipicamente sul cuoio capelluto e sul viso, in particolare sulle guance, e spesso si presenta come un’eruzione secca, cruda e squamosa. Può anche apparire su gomiti e ginocchia. I sintomi di prurito possono andare e venire, e in alcuni casi, la pelle può ribollire e piangere liquido.

I neonati raramente sviluppano la dermatite atopica nella zona del pannolino, poiché la pelle rimane tipicamente troppo umida. A eruzione da pannolino è più probabile che derivi da un irritante dermatite da contatto.

Bambini

Quando l’eczema si sviluppa nei bambini tra i 2 anni di età e la pubertà, inizia tipicamente come macchie pruriginose e squamose in aree come le pieghe dei gomiti e delle ginocchia. Può anche verificarsi sul collo, polsi, caviglie, e la piega tra le natiche e le gambe.

Nel corso del tempo, la pelle può cambiare aspetto, diventando irregolare, scolorita e più spessa, il che può comportare che la pelle diventi persistentemente pruriginosa.

Cause, fattori scatenanti e di rischio

I ricercatori sono ancora insicuro della causa esatta dell’eczema pediatrico. Tuttavia, il Accademia americana di allergia, asma e immunologia suggerisce che può derivare dalla “perdita” della barriera cutanea. Questo può portare all’essiccazione della pelle, rendendola più incline all’irritazione e all’infiammazione. Fattori che possono contribuire allo sviluppo dell’eczema nei bambini includono:

    L’evidenza evidenzia anche un link tra allergie ed eczema nei bambini più piccoli. Molti esperti si riferiscono alla progressione delle condizioni allergiche come la marcia atopica. Esso tipicamente inizia con la dermatite atopica e allergie alimentari nell’infanzia, poi si sviluppa in asma allergica e rinite allergica nell’infanzia.

    Il Accademia Americana di Dermatologia nota che i bambini afroamericani e asiatici americani sono più inclini a sviluppare l’eczema rispetto ai bambini bianchi. Inoltre, i bambini con molto pelle scura può ricevere una diagnosi tardiva, o addirittura non riceverla affatto, perché la condizione è meno evidente.

    Le persone con eczema sono più vulnerabile alle infezioni batteriche, virali e fungine. Vivere con l’eczema può anche influenzare negativamente la salute mentale di una persona – i bambini possono preoccuparsi del loro aspetto o sperimentare il bullismo.

    Sintomi

    Nei neonati fino all’età di 2 anni, l’eczema appare spesso come un’eruzione cutanea sul viso o sul cuoio capelluto. I bambini più grandi hanno tipicamente eruzioni dietro le ginocchia, nelle curve delle articolazioni dei gomiti e dei polsi, sul cuoio capelluto e dietro le orecchie.

    I sintomi più comuni della dermatite atopica includono:

      Diagnosi

      Quando diagnosticare eczema, i medici probabilmente chiederanno informazioni:

        In alcuni casi, il medico può eseguire una biopsia della pelle, che comporta il prelievo di un piccolo campione di pelle per testare e indagare. Si tratta di una procedura indolore in cui un operatore sanitario anestetizzerà prima la pelle.

        Trattamenti

        Attualmente, non esiste una cura per l’eczema, ma la condizione è gestibile. I trattamenti in genere comportano il mantenimento della pelle umida e la riduzione dell’infiammazione. Un piano di trattamento può includere:

          Un medico può anche raccomandare o prescrivere trattamenti più forti, che possono includono:

            Quando parlare con un medico

            È consigliabile parlare con un medico se i sintomi diventano più gravi o se è difficile gestire la condizione a casa. Se l’eczema sta cominciando ad avere un impatto sulla vita quotidiana del bambino, come l’interruzione del sonno o ci sono frequenti infezioni dovute al grattarsi la pelle, un genitore caregiver può considerare di contattare un medico.

            Cosa possono fare i caregiver?

            Quando si cura l’eczema, gli assistenti devono seguire il piano di trattamento e cercare di ridurre i sintomi nel bambino. Allo stesso modo, dovrebbero rimanere vigili per qualsiasi infezione della pelle, monitorare le condizioni del bambino e programmare appuntamenti con il medico se necessario.

            Tuttavia, questo può essere stressante per chi se ne prende cura. A Studio del 2020 sottolineare che molti sperimentano disturbi del sonno, esaurimento, preoccupazione e isolamento sociale legati alla dermatite atopica del loro bambino. Seguire i regimi di trattamento, coordinare gli appuntamenti e comunicare con l’assicurazione può creare pressioni finanziarie e di tempo.

            Questo evidenzia la necessità per i caregiver di cercare supporto e consigli per il benessere sia emotivo che fisico.

            Riassunto

            La dermatite atopica è la condizione della pelle più comune che colpisce i bambini. In genere provoca pelle secca, pruriginosa e infiammata che può portare a disagio e disturbi del sonno. Nei neonati e nei bambini, si presenta spesso sul viso e sulle pieghe dei gomiti e delle ginocchia.

            Mentre la causa esatta è sconosciuta, la genetica, il sistema immunitario e l’ambiente giocano tutti un ruolo. I piani di trattamento comportano tipicamente l’applicazione di creme ed evitare i fattori scatenanti per mantenere la pelle umida e ridurre l’infiammazione.

            Lascia un commento