Ematoma perianale: cause, sintomi e trattamento

Un ematoma perianale è una collezione di sangue che è fuoriuscito da un vaso sanguigno scoppiato nella zona intorno all’ano. Oltre ad essere scomoda, la comparsa di una protuberanza dolorosa e dall’aspetto livido vicino all’ano può causare allarme.

Le persone possono confondere questi gonfiori con le emorroidi esterne perché entrambe le condizioni causano grumi dolorosi intorno al retto. Tuttavia, anche se le emorroidi sono il causa più comune di problemi anali, non causano un ematoma perianale, e ci sono importanti differenze tra le due condizioni.

Continua a leggere per saperne di più sugli ematomi perianali, comprese le cause e le opzioni di trattamento.

Che cos’è?

Un ematoma perianale è una raccolta di sangue che è fuoriuscito da un vaso sanguigno scoppiato nella zona intorno all’ano. Questo sangue si accumula fuori dal vaso sanguigno sotto la superficie della pelle, anche se è possibile vedere la caratteristica colorazione blu scuro ad occhio nudo.

Conosciuto anche come trombosi anale, un ematoma perianale può essere piccolo o grande. Gli ematomi perianali sono sensibili alla pressione, e più sono grandi, più possono diventare dolorosi. Un ematoma perianale può anche diventare più doloroso come il sangue che lo ha formato inizia a coagulare.

Un ematoma perianale può di dimensioni diverse da un centimetro a una palla da golf, e quelli più grandi sono più dolorosi. In termini di durata, il dolore dura tipicamente da 1 settimana a 10 giorni, e possono essere necessari fino a 3 mesi perché il nodulo stesso vada via completamente.

Cause

Gli ematomi perianali sono effettivamente lividi gonfiati sotto la superficie della pelle vicino all’apertura dell’ano. Sono il risultato dello scoppio di un vaso sanguigno in quell’area.

I vasi sanguigni intorno all’ano sono piccoli e sensibili alla pressione, quindi numerosi fattori e attività possono causarne lo scoppio o la rottura. Questi includono

    Sintomi

    I sintomi principali di un ematoma perianale sono:

      Il sanguinamento a volte può essere un segno di un ematoma perianale, ma si verifica solo circa 1-3 settimane dopo che il nodulo si è sviluppato per la prima volta.

      È importante essere consapevoli di alcuni sintomi comuni di problemi anali che non sono segni di un ematoma perianale. Individui che hanno uno qualsiasi dei sintomi seguenti dovrebbe vedere un medico per scoprire cosa può causare questi problemi:

        Trattamento

        Nella maggior parte dei casi, il trattamento di un ematoma perianale di piccole o medie dimensioni si concentra sulla riduzione del dolore e del disagio e sul lasciare che il gonfiore guarisca da solo.

        Gli ematomi più grandi, che possono essere estremamente dolorosi, possono richiedere un drenaggio. Tuttavia, questa procedura provoca una ferita che poi ha bisogno di cure. Per questo motivo, i medici riservano la procedura agli ematomi che causano un dolore significativo.

        Se inizia il trattamento subito dopo l’ematoma perianale Se si formano delle forme, un medico può somministrare un anestetico locale, fare un piccolo taglio e far uscire il sangue coagulato, il che porta un rapido sollievo dai sintomi. Anche se è importante mantenere quest’area pulita, la ferita di questa procedura in genere si chiude da sola in pochi giorni.

        Altre pratiche che i medici possono utilizzare per trattare un ematoma perianale includono:

          La maggior parte delle persone che hanno a che fare con un ematoma perianale possono gestirlo con pratiche di auto-cura, che includono:

            Adattare la dieta può essere molto utile per le persone che guariscono da un ematoma perianale. Bere molti liquidi e limitare i cibi ricchi di fibre subito dopo lo sviluppo dell’ematoma perianale può aiutare a rendere più facili i movimenti intestinali. Può anche ridurre la pressione sull’area anale, il che favorirà la guarigione.

            Se una persona sviluppa ripetutamente ematomi perianali nella stessa zona, un medico può consigliare un intervento chirurgico, in particolare se l’area in questione sembra essere sfregiata. Se c’è un danno alla regione, trattare il problema sottostante potrebbe prevenire le recidive.

            Diagnosi

            Gli individui che notano protuberanze dolorose intorno al loro ano dovrebbero considerare di vedere un medico per una diagnosi. Il medico sarà in grado di determinare se una piaga è un ematoma perianale, un’emorroide o un cancro anale.

            Eseguire un esame fisico e chiedere alla persona i sintomi tipici, come il disagio, sono di solito sufficienti per un medico per diagnosticare un ematoma perianale.

            Riassunto

            Un ematoma perianale è una pozza di sangue da un vaso sanguigno rotto che si è raccolto vicino all’ano.

            Di solito si verificano a causa della pressione esercitata da attività come il sollevamento pesi, la tosse, il travaglio, le procedure mediche e lo sforzo durante i movimenti intestinali.

            I sintomi principali sono dolore, gonfiore e un nodulo violaceo sensibile alla pressione.

            Per la maggior parte, i sintomi dell’ematoma perianale passano in 7-10 giorni con un trattamento medico minore, anche se possono causare un disagio significativo durante quel periodo.

            Tuttavia, possono passare mesi prima che il nodulo scompaia.
            Appendicite epiploica: Cause, sintomi, trattamento e altro

            L’appendicite epiploica è una rara condizione infiammatoria che colpisce le piccole sacche piene di grasso sul colon o sull’intestino crasso.

            Le persone che hanno l’appendicite epiploica possono provare forti dolori addominali, nausea e vomito.

            Anche se l’appendicite epiploica può causare un dolore significativo, i medici possono facilmente trattarla con una gestione conservativa del dolore e, in alcuni casi, antibiotici.

            Continua a leggere per saperne di più sull’appendicite epiploica, comprese le cause e i sintomi. Parliamo anche di come i medici diagnosticano e trattano questa condizione.

            Cos’è l’appendicite epiploica?

            L’appendicite epiploica si riferisce alla infiammazione di piccole sacche sul colon o sull’intestino crasso. Queste sacche sono chiamate appendici epiploiche.

            Queste sacche aiutano il corpo ad assorbire i nutrienti e proteggono i vasi sanguigni nell’intestino crasso. La maggior parte delle persone ha circa 50-100 appendici epiploiche.

            L’appendicite epiploica si verifica se qualcosa taglia l’apporto di sangue a queste sacche. La mancanza di flusso sanguigno causa l’infiammazione del tessuto adiposo, con conseguente grave dolore addominale inferiore.

            Le persone possono confondere l’appendicite epiploica con altre condizioni, tra cui:

              Cause

              L’appendicite epiploica si sviluppa come risultato di un limitato flusso di sangue alle appendici epiploiche, che può verificarsi per diversi motivi.

              Ci sono due tipi di appendicite epiploica:

              Appendicite epiploica primaria

              L’appendicite epiploica primaria può verificarsi quando un’appendice epiploica si attorciglia su se stessa, tagliando il suo apporto di sangue.

              A volte, un coagulo di sangue si forma in uno dei vasi sanguigni che forniscono un’appendice epiploica.

              Appendicite epiploica secondaria

              Nell’appendicite epiploica secondaria, l’infiammazione dell’intestino crasso o degli organi vicini, come l’appendice o la cistifellea, interrompe il flusso di sangue al resto del colon.

              Se il sangue non può arrivare al colon, questo può provocare dolore nelle appendici epiploiche.

              Sintomi

              I sintomi dell’appendicite epiploica includono:

                In una Studio del 2011, I ricercatori hanno esaminato le cartelle cliniche di 31 persone con appendicite epiploica primaria.

                Hanno scoperto che la condizione di solito colpisce le porzioni ascendente e discendente dell’intestino crasso. Di conseguenza, la maggior parte delle persone prova dolore sul lato sinistro o destro dell’addome inferiore.

                Diagnosi

                Può essere difficile per i medici diagnosticare l’appendicite epiploica attraverso un esame fisico da solo perché la condizione provoca sintomi aspecifici.

                Questi sintomi sono gli stessi che si verificano anche in altre condizioni mediche, come diverticolite, appendicite e malattia infiammatoria pelvica.

                Pertanto, i medici che sospettano un’appendicite epiploica possono eseguire un esame del sangue per esaminare la conta dei globuli bianchi di una persona. Le persone che hanno l’appendicite epiploica di solito hanno una conta dei globuli bianchi normale o leggermente elevata.

                Un conteggio dei globuli bianchi significativamente elevato è, quindi, più probabile che indichi altre condizioni infiammatorie, come la diverticolite e l’appendicite.

                Un medico può anche utilizzare test di imaging, come un TAC o ecografia, visualizzare gli organi all’interno dell’addome. Le appendici epiploiche normali non appaiono sulla TAC.

                Secondo gli autori di una studio retrospettivo, un’appendice epiploica infiammata appare come una lesione grassa di forma ovale con un anello che la circonda.

                Trattamento

                Gli esperti considerano l’appendicite epiploica un malattia autolimitante, il che significa che l’infiammazione rimane in un posto.

                I medici in genere raccomandano trattamenti conservativi per la gestione del dolore, come gli antidolorifici da banco. In alcuni casi, un medico può prescrivere antibiotici per controllare l’infiammazione.

                A differenza della diverticolite e dell’appendicite, l’appendicite epiploica primaria non richiede un intervento chirurgico. Tuttavia, i medici possono raccomandare un intervento chirurgico se una persona ha un’appendicite epiploica secondaria dovuta a un’appendice infiammata.

                Riassunto

                L’appendicite epiploica si verifica quando un’interruzione dell’apporto di sangue a una o più appendici epiploiche causa un’infiammazione.

                Le persone dovrebbero consultare un medico se avvertono un forte dolore al basso ventre che peggiora quando si muovono, tossiscono o fanno un respiro profondo.

                Gli individui con appendicite epiploica hanno una prospettiva relativamente positiva. Anche se possono provare un intenso dolore addominale, questa condizione è autolimitante e di solito non causa complicazioni.

                Lascia un commento