Il fegato: Struttura, funzione e malattia

Il fegato è il più grande organo solido e la più grande ghiandola del corpo umano. Svolge oltre 500 compiti essenziali.

Classificato come parte dell’apparato digerente, i ruoli del fegato includono la disintossicazione, la sintesi delle proteine e la produzione di sostanze chimiche che aiutano a digerire il cibo.

Questo Centro di conoscenza MNT L’articolo tratterà i ruoli principali del fegato, come il fegato si rigenera, cosa succede quando il fegato non funziona correttamente, e come mantenere il fegato sano.

Informazioni veloci sul fegato

    Struttura

    Pesa tra i 3.17 e 3.66 libbre (lb), o tra 1.44 e 1.66 chilogrammi (kg), il fegato è marrone-rossastro con una consistenza gommosa. Si trova sopra e a sinistra dello stomaco e sotto i polmoni.

    La pelle è l’unico organo più pesante e più grande del fegato.

    Il fegato è approssimativamente triangolare e consiste di due lobi: un lobo destro più grande e un lobo sinistro più piccolo. I lobi sono separati dal legamento falciforme, una banda di tessuto che lo tiene ancorato al diaframma.

    Uno strato di tessuto fibroso chiamato capsula di Glisson copre l’esterno del fegato. Questa capsula è ulteriormente coperta dal peritoneo, una membrana che forma il rivestimento della cavità addominale.

    Questo aiuta a tenere il fegato al suo posto e lo protegge dai danni fisici.

    Vasi sanguigni

    A differenza della maggior parte degli organi, il fegato ha due fonti principali di sangue. La vena porta porta il sangue ricco di nutrienti dal sistema digestivo, e l’arteria epatica porta il sangue ossigenato dal cuore.

    I vasi sanguigni si dividono in piccoli capillari, ognuno dei quali termina in un lobulo. I lobuli sono le unità funzionali del fegato e sono composti da milioni di cellule chiamate epatociti.

    Il sangue viene rimosso dal fegato attraverso tre vene epatiche.

    Funzioni

    Il fegato è classificato come una ghiandola e associato a molte funzioni. È difficile dare un numero preciso, perché l’organo è ancora in fase di esplorazione, ma si pensa che il fegato svolga 500 ruoli distinti.

    Le principali funzioni del fegato includono:

      Rigenerazione

      A causa dell’importanza del fegato e delle sue funzioni, l’evoluzione ha fatto sì che esso possa ricrescere rapidamente, purché sia mantenuto sano. Questa capacità è presente in tutti i vertebrati, dai pesci agli esseri umani.

      Il fegato è il unico organo viscerale che può rigenerarsi.

      Può rigenerarsi completamente, a patto che rimanga un minimo del 25 per cento del tessuto. Uno degli aspetti più impressionanti di questa impresa è che il fegato può ricrescere alla sua precedente dimensione e capacità senza alcuna perdita di funzione durante il processo di crescita.

      Nei topi, se due terzi del fegato vengono rimossi, il tessuto epatico rimanente può ricrescere alla sua dimensione originale entro 5-7 giorni. Negli esseri umani, il processo richiede un po’ più di tempo, ma la rigenerazione può ancora avvenire in 8-15 giorni – un risultato incredibile, date le dimensioni e la complessità dell’organo.

      Nelle settimane successive, il nuovo tessuto epatico diventa indistinguibile da quello originale.

      Questa rigenerazione è aiutata da una serie di composti, tra cui fattori di crescita e citochine. Alcuni dei composti più importanti nel processo sembrano essere:

        Malattie

        Un organo così complesso come il fegato può avere una serie di problemi. Un fegato sano funziona in modo molto efficiente. Tuttavia, in un fegato malato o malfunzionante, le conseguenze possono essere pericolose o addirittura fatali.

        Esempi di malattie del fegato includono:

        Fascioliasi: Questo è causato dall’invasione di un verme parassita noto come distoma epatico, che può giacere dormiente nel fegato per mesi o addirittura anni. La fascicolosi è considerata una malattia tropicale.

        Cirrosi: Questo vede il tessuto cicatriziale sostituire le cellule del fegato in un processo noto come fibrosi. Questa condizione può essere causata da una serie di fattori, tra cui tossine, alcol e epatite. Alla fine, la fibrosi può portare all’insufficienza epatica poiché la funzionalità delle cellule epatiche viene distrutta.

        epatite: L’epatite è il nome dato a un’infezione generale del fegato, e virus, tossine o una risposta autoimmune possono causarla. È caratterizzata da un fegato infiammato. In molti casi, il fegato può guarire da solo, ma l’insufficienza epatica può verificarsi in casi gravi.

        Malattia alcolica del fegato: Bere troppo alcol per lunghi periodi di tempo può causare danni al fegato. È il più comune causa di cirrosi nel mondo.

        Colangite sclerosante primaria (PSC): La PSC è una grave malattia infiammatoria dei dotti biliari che porta alla loro distruzione. Attualmente non esiste una cura, e la causa è attualmente sconosciuta, anche se si pensa che la condizione sia autoimmune.

        Malattia del fegato grasso: Questo di solito si verifica insieme a obesità o abuso di alcol. Nella malattia del fegato grasso, i vacuoli di grasso si accumulano nelle cellule del fegato. Se non è causata dall’abuso di alcol, la condizione è chiamata malattia del fegato grasso non alcolica (NAFLD).

        Di solito è causato dalla genetica, dai farmaci o da una dieta ricca di zucchero di fruttosio. È il disturbo epatico più comune nei paesi sviluppati ed è stato associato a resistenza all’insulina. La steatoepatite non alcolica (NASH) è una condizione che può svilupparsi se la NAFLD peggiora. La NASH è una causa nota di cirrosi epatica.

        Sindrome di Gilbert: Questo è un disordine genetico che colpisce dal 3 al 12 per cento della popolazione. La bilirubina non viene completamente scomposta. Lieve ittero può verificarsi, ma il disturbo è innocuo.

        cancro al fegato: I tipi più comuni di cancro al fegato sono epatocellulari carcinoma e colangiocarcinoma. Le cause principali sono l’alcol e l’epatite. È la sesto più comune forma di cancro e la seconda causa più frequente di morte per cancro.

        Salute

        Di seguito sono riportati alcuni raccomandazioni per aiutare il tuo fegato a lavorare come dovrebbe:

          Nonostante la sua capacità di rigenerarsi, il fegato dipende dall’essere sano per farlo. Il fegato può essere protetto principalmente attraverso scelte di stile di vita e misure dietetiche.
          Vomitare sangue dopo aver bevuto: Cause e quando vedere un medico

          Vomitare sangue dopo aver bevuto ha varie cause, alcune delle quali sono meno gravi di altre. Tuttavia, vomitare sangue dopo aver bevuto non è un buon segno, e può indicare un problema serio in alcuni casi.

          Indipendentemente da ciò che causa sangue nel vomito, è importante prendersi cura del corpo e monitorare attentamente i sintomi.

          Piccole striature di sangue possono non essere una causa di allarme immediato, ma chiunque vomiti grandi quantità di sangue o avverta altri sintomi preoccupanti dovrebbe cercare immediatamente assistenza medica.

          Continua a leggere per saperne di più sulle possibili cause del vomito di sangue dopo aver bevuto alcol.

          Cause

          Una persona può vomitare sangue dopo aver bevuto per diversi motivi, a seconda di fattori come quanto beve e le sue altre scelte di vita.

          Irritazione

          In alcuni casi, strisce di sangue che compaiono nel vomito possono essere un segno di semplice irritazione della gola. Vari fattori potrebbero essere responsabili di questo.

          L’alcol stesso può seccare la gola quando una persona beve. Fumare sigarette, che molte persone fanno insieme al bere, può anche seccare la gola.

          La gola può essere più facilmente irritata quando è secca, e l’atto di vomitare è molto irritante per la gola. Sia il vomito che il vomito secco possono irritare il tessuto della gola. Il contenuto del vomito può irritare o bruciare anche il tessuto della gola. Tutto sommato, questo può portare ad una gola ruvida e dolorante che è più incline al sanguinamento.

          Ingestione di sangue

          Lesioni minori, come il sangue dal naso, possono causare l’ingestione di sangue. Durante un periodo di forte consumo di alcol, una persona potrebbe non essere consapevole di aver ingoiato il sangue o di aver avuto un’emorragia nasale fino a quando non vomita il sangue.

          Il sangue può avere un aspetto diverso, a seconda dell’età. Il sangue fresco sarà rosso e può striare il vomito. Il sangue più vecchio può avere un aspetto più marrone e una consistenza simile a quella dei fondi di caffè.

          Ulcera peptica

          Un’ulcera peptica è una ferita aperta nello stomaco, nell’intestino tenue o nell’esofago (condotto alimentare). Può verificarsi quando il tratto gastrointestinale (GI) perde parte del suo rivestimento protettivo in una zona. Le ulcere peptiche possono essere dolorose e causare sanguinamento.

          Una singola bevuta non può causare un’ulcera peptica, ma bere regolarmente può essere un fattore di rischio per i danni allo stomaco che potrebbero causare ulcere.

          Una persona con un’ulcera può sperimentare altri sintomi oltre al sanguinamento, come:

            L’ulcera peptica può perforare il rivestimento gastrointestinale e causare emorragie, che potrebbero essere la ragione del sangue nel vomito dopo aver bevuto.

            I bevitori regolari potrebbero essere a maggior rischio indipendentemente dalla quantità di alcol che bevono per sessione. Uno studio in PLOS ONE ha scoperto che bere solo una o due bevande al giorno aumenta il rischio di ulcere peptiche negli uomini. Gli uomini che hanno bevuto più di questo hanno avuto un ulteriore aumento del rischio.

            Gastrite e gastropatia

            La gastrite è un’infiammazione del rivestimento dello stomaco. La gastropatia si verifica quando c’è un danno ma non un’infiammazione.

            Anche se non è l’unica causa possibile, il Istituto Nazionale del Diabete e delle Malattie Digestive e Renali si noti che bere alcolici può facilmente causare gastropatia, in quanto l’alcol può irritare o danneggiare il rivestimento dello stomaco.

            Il sanguinamento può non essere l’unico sintomo che una persona con gastrite o gastropatia sperimenta. Altri possibili sintomi includono:

              Una grande quantità di sangue nel vomito è un segno per cercare assistenza medica.

              Il bere eccessivo può anche essere un fattore di rischio per i casi cronici di queste condizioni.

              Emorragia gastrointestinale aperta

              Vomitare molto sangue potrebbe essere un segno di un’emorragia gastrointestinale più grave da qualche parte lungo il tratto digestivo, che richiede attenzione medica.

              Altri sintomi preoccupanti di emorragia interna includono:

                Vomitare molto sangue fresco può essere un segno di emorragia attiva, e la persona dovrebbe cercare immediatamente assistenza medica.

                Varici

                Le varici sono vene gonfie lungo il tratto GI, tipicamente nel tratto intestinale o nello stomaco. Queste vene gonfie possono apparire dopo un trauma o quando qualcosa, come il tessuto cicatriziale, blocca il flusso di sangue alle vene della zona.

                La malattia epatica legata all’alcol può essere un fattore di rischio, in quanto un forte bevitore può essere più soggetto a danni e tessuto cicatriziale nel tratto GI. Questo danno può causare varici, che possono sanguinare.

                Uno studio nel Giornale di Ricerca in Scienze Mediche nota che circa il 50% delle persone con cirrosi hanno queste varici e che la loro presenza diventa più probabile con l’aumentare della gravità della malattia.

                Le varici danneggiate e sanguinanti possono portare a sintomi come:

                  Chiunque avverta i sintomi delle varici sanguinanti dovrebbe consultare un medico.

                  Malattia del fegato legata all’alcol

                  L’alcol stesso è un fattore di rischio per i danni al fegato e le malattie epatiche, soprattutto con l’uso a lungo termine. Bere alcol regolarmente aumenta il rischio di malattie del fegato, compresa la cirrosi, il fegato grasso e l’epatite alcolica.

                  Uno studio nel Giornale Americano di Gastroenterologia nota che circa il 10-20% dei bevitori pesanti regolari sviluppa forme gravi di malattia epatica alcol-correlata.

                  Anche se questo dimostra che ci sono altri fattori di rischio, è chiaro che l’uso regolare di alcol pesante può portare alla malattia del fegato legata all’alcol. Questa malattia può anche portare a complicazioni che causano una serie di sintomi, come:

                    La malattia epatica legata all’alcol può anche essere un fattore di rischio per altri problemi, come varici o ulcere.

                    Rischi e condizioni associate

                    I principali rischi associati al bere e al vomitare sangue sono i danni al fegato e le malattie epatiche legate all’alcol, che sono prevalenti tra i bevitori regolari.

                    A Studio del 2018 osserva che la malattia del fegato legata all’alcol è una delle principali cause di malattia cronica del fegato in tutto il mondo. Inoltre, l’alcol è un fattore di rischio nelle persone che hanno altre forme di malattia del fegato, come quella derivante dal virus dell’epatite C.

                    Prevenzione

                    Potrebbe non essere sempre possibile evitare di vomitare sangue dopo aver bevuto, ma astenersi dall’alcol sarà una misura preventiva efficace per molte persone.

                    Bere alcolici nel tempo aumenta il rischio di danni al fegato e i problemi correlati, che possono aumentare il rischio di vomitare sangue.

                    Può anche aiutare a rimuovere altri fattori di rischio di sanguinamento, come l’uso regolare di farmaci antinfiammatori non steroidei (FANS). Bere acqua e rimanere idratati può eliminare la disidratazione, che potrebbe prevenire il vomito di sangue dovuto all’irritazione della gola secca.

                    Quando consultare un medico

                    La causa del vomito di sangue dopo aver bevuto è a volte ovvia. La persona può notare del vecchio sangue nel naso da un’epistassi, che può anche essere stato responsabile del sangue nel vomito.

                    Tuttavia, anche nei casi con una causa semplice, è probabilmente una buona idea vedere un medico. Una diagnosi corretta può aiutare a identificare qualsiasi condizione sottostante e altri fattori di rischio, oltre a mettere la mente di una persona a proprio agio.

                    Chiunque sperimenti sintomi gravi, come vomitare grandi quantità di sangue, dovrebbe cercare immediatamente assistenza medica. Altri sintomi preoccupanti sono:

                      Riassunto

                      Vomitare sangue dopo aver bevuto ha alcune cause diverse, che vanno dall’irritazione della zona a una condizione sottostante più seria.

                      Chiunque vomiti sangue dopo aver bevuto dovrebbe contattare il proprio medico, che può identificare eventuali condizioni sottostanti o fattori di rischio.

                      Sintomi preoccupanti, come il vomito di molto sangue, sono segni per cercare assistenza medica di emergenza. I bevitori regolari di alcol possono essere più a rischio per alcuni tipi di danni che portano al sangue nel vomito. Evitare l’uso di alcol può aiutare a ridurre o eliminare il rischio di alcune cause.

                      Lascia un commento