L’invecchiamento non preclude necessariamente la salute delle arterie

La ricerca ci dice che vivere in una cultura occidentale rende improbabile che le persone nel loro 70s può avere arterie come sano come quelli di persone nei loro 20s e 30s. Tuttavia, un nuovo studio suggerisce che questo non è impossibile, soprattutto per le persone la cui dieta e stile di vita sono in linea con quelli raccomandati dall’American Heart Association.

Lo studio – condotto da ricercatori che collaborano al Framingham Heart Study, dal National Heart, Lung, and Blood Institute e dalla Boston University in Massachusetts – è pubblicato sulla rivista Ipertensione.

Primo autore Teemu J. Niiranen, un ricercatore presso la Boston University School of Medicine, dice che molte persone assumono che “l’invecchiamento vascolare” è un normale risultato dell’invecchiamento.

“Quando le persone invecchiano, le loro arterie diventano più rigide e sviluppano la pressione alta. Infatti, questo è ciò che accade alla maggior parte delle persone oltre i 70 anni. Ma non deve succedere”, spiega.

Lui e i suoi colleghi suggeriscono che una dieta e uno stile di vita sani possono ridurre il rischio di alta pressione sanguigna e le arterie rigide, entrambi i quali aumentano il rischio di malattia cardiaca.

Il team ha studiato quasi 3.200 persone di età pari o superiore a 50 anni che hanno preso parte al Framingham Heart Study, e hanno valutato quanti partecipanti hanno soddisfatto i requisiti per un sano invecchiamento vascolare.

I ricercatori hanno definito l’invecchiamento vascolare sano come avere un normale pressione sanguigna e la rigidità arteriosa delle persone di 30 anni e meno, che è stata valutata con un metodo chiamato velocità delle onde del polso.

L’uno per cento degli adulti anziani ha vasi sanguigni sani

Il risultati hanno mostrato che quasi il 18% dei partecipanti (566 individui) ha soddisfatto la definizione di invecchiamento vascolare sano.

Il gruppo di età che più probabilmente soddisfa i requisiti per un sano invecchiamento vascolare è quello tra i 50 e i 59 anni, in cui il 30% soddisfa la definizione.

Solo l’1 per cento di coloro che hanno 70 anni sono stati trovati ad avere una pressione sanguigna normale e arterie simili a quelle di un trentenne, con le donne che hanno più probabilità di soddisfare lo standard rispetto agli uomini.

Niiranen dice che hanno anche scoperto che i partecipanti con un sano invecchiamento vascolare avevano un rischio inferiore del 55% di sviluppare malattie cardiovascolari.

Lui e i suoi colleghi hanno scoperto che avere un basso indice di massa corporea (BMI) e non sviluppare il diabete erano i fattori più fortemente associati con una sana funzione vascolare.

Infatti, hanno trovato che i partecipanti che stavano incontrando sei dei sette obiettivi del programma semplice 7 della vita dell’American Heart Association (AHA) erano 10 volte più probabile di soddisfare i requisiti per l’invecchiamento vascolare sano rispetto ai partecipanti che hanno incontrato nessuno o solo uno di loro.

La vita è semplice 7

Nel 2010, l’AHA per la prima volta collegato “salute cardiovascolare ideale” a sette semplici cambiamenti di dieta e stile di vita che le persone possono fare per ridurre il loro rischio di ictus e malattie cardiache.

L’AHA ha chiamato i sette cambiamenti “Life’s Simple 7.” L’elenco che segue riassume i sette passi e i loro obiettivi ideali di salute del cuore associati, come stabilito dall’associazione Il mio controllo della vita kit di strumenti:

L’AHA ha lanciato il piano di sette passi con due obiettivi in mente: migliorare la salute cardiovascolare di tutte le persone negli Stati Uniti del 20 per cento entro il 2020 e ridurre le morti per malattie cardiovascolari e ictus del 20 per cento entro il 2020.

Non è facile in una cultura occidentale

Niiranen dice che è una sfida mantenere i vasi sanguigni sani in una cultura occidentale, in quanto ha tipicamente “diete povere e stili di vita sedentari.”

“L’ipertensione associata all’età, per esempio, non è comune nelle popolazioni indigene di cacciatori-raccoglitori”, aggiunge.

Tuttavia, suggerisce che le probabilità di mantenere i vasi sanguigni sani – “anche in età avanzata” – aumentano seguendo Life’s Simple 7, e conclude che:

“Per la maggior parte, non sono fattori genetici che irrigidiscono la rete di vasi sanguigni del corpo durante l’invecchiamento. I fattori modificabili dello stile di vita – come quelli identificati nel Life’s Simple 7 dell’American Heart Association – sono il principale colpevole.”

Teemu J. Niiranen

Scopri perché gli adulti più anziani potrebbero non beneficiare dell’assunzione di statine per prevenire le malattie cardiache.

Lascia un commento