Livelli di volume corpuscolare medio (MCV): Cosa è normale?

Il volume corpuscolare medio, o MCV, è una misura della dimensione dei globuli rossi. Un medico di solito richiede un test MCV come parte di un conteggio completo del sangue, che analizza molti componenti del sangue, compresi i globuli bianchi e le piastrine.

Se un medico sospetta che una persona abbia anemia, useranno un test MCV per confermare il tipo di anemia. Diversi livelli MCV indicano specifici tipi di anemia.

In questo articolo, esaminiamo cosa misurano i livelli MCV. Vediamo anche cosa significano i diversi livelli MCV e cosa può causare questi cambiamenti.

Cos’è un esame del sangue del livello MCV?

I globuli rossi hanno molte caratteristiche che un medico può misurare usando indicatori specifici. MCV indica la dimensione e il volume medio dei globuli rossi.

Altri indicatori di globuli rossi includono:

    I medici usano queste misurazioni quando diagnosticano specifici tipi di anemia, così come altre condizioni di salute.

    Per saperne di più sui livelli di MCV negli esami del sangue, clicca qui.

    Cosa succede durante un esame del sangue del livello MCV?

    Una persona non ha bisogno di prepararsi per un esame del sangue MCV.

    Durante un esame del sangue MCV, un medico preleva il sangue da una vena per raccogliere un campione. Mentre il medico preleva il campione di sangue, una persona può sentire un po’ di dolore e una sensazione di bruciore.

    Ci sono dei rischi?

    Il prelievo di sangue comporta pochi rischi. Tuttavia, ognuno è diverso, e a volte la raccolta del sangue è più semplice in alcune persone che in altre.

    Gli effetti collaterali di un esame del sangue MCV possono includere:

      Perché i medici misurano i livelli di MCV?

      Un medico di solito misura i livelli MCV di qualcuno se si presenta con:

        Questi sintomi indicano condizioni che influenzano la dimensione dei globuli rossi, rendendoli più piccoli o più grandi del solito.

        Quando i globuli rossi sono più piccoli del previsto, una persona ha probabilmente anemia microcitica. Se sono più grandi, una persona può avere anemia macrocitica.

        Cos’è un livello MCV normale?

        Un tipico livello MCV da adulto è 80-100 femtolitri (fl).

        Livelli specifici per diverse età e sesso:

        12-18 anni Adulti
        Maschi 88 fl 90 fl
        Femmine 90 fl 90 fl

        I bambini dai 6 ai 12 anni tendono ad avere un MCV di 86 fl.

        I risultati MCV possono differire tra i laboratori, quindi le persone non dovrebbero preoccuparsi se la loro lettura è leggermente al di sopra o al di sotto di questi intervalli.

        Basso livello MCV

        Quando una persona ha un livello MCV sotto gli 80 fl, questo suggerisce che hanno l’anemia microcitica. L’anemia microcitica è un tipo di anemia in cui i globuli rossi sono più piccoli del solito.

        La carenza di ferro causa l’anemia microcitica. Una persona di solito sviluppa una carenza di ferro a causa di una condizione di salute sottostante o di fattori come la dieta e i farmaci.

        Cause comuni

        Le cause della carenza di ferro includono:

          Talassemia

          Talassemia è una condizione in cui il corpo non produce abbastanza emoglobina normale. È una condizione genetica che una persona eredita dai genitori.

          La talassemia può variare da lieve a grave. Se una persona ha una talassemia lieve, può avere una lieve anemia o non presentare alcun segno o sintomo. Se qualcuno ha una grave talassemia, può richiedere regolari trasfusioni di globuli rossi.

          Alto livello di MCV

          Se qualcuno ha un alto livello di MCV, i suoi globuli rossi sono più grandi del solito, e ha un’anemia macrocitica. La macrocitosi si verifica in persone con un livello MCV superiore a 100 fl.

          L’anemia megaloblastica è un tipo di anemia macrocitica. Carenze di cobalamina (vitamina B12) e folato (vitamina B9) sono le più comune cause dell’anemia megaloblastica.

          Fattori dietetici e autoimmuni

          I seguenti fattori possono causare una carenza di vitamina B12.

          Dieta vegana

          Carenza di vitamina B12 possono verificarsi quando si segue una dieta vegana. Questo perché la vitamina B12 si trova naturalmente in fonti animali. Una persona può prendere integratori di vitamina B12 o consumare cibi arricchiti di vitamina B12 per alleviare i sintomi.

          Gastrite autoimmune

          Questa è una condizione infiammatoria che colpisce lo stomaco, in particolare le cellule parietali che producono il fattore intrinseco. Se le cellule parietali non producono abbastanza fattore intrinseco, la vitamina B12 non può entrare nel flusso sanguigno attraverso l’intestino tenue distale. I medici trattano la carenza con iniezioni di vitamina B12 e, a volte, infusioni di ferro.

          Altre cause

          Altri fattori che possono contribuire a carenze di vitamina B12 e vitamina B9 includono:

            Quando contattare un medico per i livelli MCV

            Se qualcuno è spesso stanco e si sente sempre freddo, potrebbe avere l’anemia. Le persone che presentano sintomi di anemia dovrebbero contattare un medico.

            Un medico può chiedere informazioni sulla storia medica della famiglia di una persona. Alcune condizioni che causano anemia, come la talassemia e la malattia di Crohn, sono ereditarie.

            Riassunto

            Un test MCV misura la dimensione e il volume dei globuli rossi. Un range MCV normale è approssimativamente 80-100 fl.

            Se il livello MCV di qualcuno è inferiore a 80 fl, è probabile che sviluppi o abbia un’anemia microcitica. In alternativa, se i loro livelli MCV sono superiori a 100 fl, potrebbero avere un’anemia macrocitica.

            Le persone con anemia microcitica possono sentire di più il freddo e apparire più pallide del solito. Le persone con anemia macrocitica possono avere l’ittero.

            Se qualcuno ha sintomi di anemia, dovrebbe contattare un medico per un consiglio. Di solito, il trattamento della causa sottostante l’anemia allevia i sintomi.

            Leggi questo articolo in spagnolo.
            Lividi dopo un prelievo di sangue: Cosa significa?

            Dopo che una persona ha fatto un prelievo di sangue, può comparire un livido. I lividi non sono un evento raro, ma possono essere scomodi.

            In questo articolo, discutiamo perché possono comparire dei lividi dopo un prelievo di sangue, quando consultare un medico e come ridurre la probabilità che si verifichi un livido.

            Perché potrebbero verificarsi dei lividi dopo un prelievo di sangue?

            Quando un operatore sanitario preleva il sangue, inserisce un piccolo ago cavo attraverso la pelle per accedere a una vena. Questa procedura danneggia temporaneamente la parete dei vasi sanguigni e lo strato più esterno della pelle.

            I lividi si verificano quando il sangue dalla vena danneggiata fuoriesce e si deposita sotto la pelle.

            Alcune persone possono avere lividi più facilmente di altre.

            Alcune cause di lividi facili includono

              Quando consultare un medico

              Secondo l’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS), i lividi dopo un prelievo di sangue in genere guariscono rapidamente. Tuttavia, se il livido è grande, può richiedere 2-3 settimane per affievolirsi e scomparire.

              Una persona dovrebbe chiamare il proprio medico se si verifica uno dei seguenti casi sintomi:

                Se una persona non è sicura che i suoi sintomi siano tipici, dovrebbe chiamare un medico o cercare assistenza medica.

                Come ridurre il rischio di lividi

                Una persona può prendere diversi provvedimenti per ridurre la possibilità che si verifichi un livido.

                Questi includono:

                  Recupero dopo un prelievo di sangue

                  Un livido può sembrare diffondersi in forma e dimensioni mentre guarisce. Nel corso del tempo, può cambiare colore da blu-nero a verde e poi a giallo prima di svanire.

                  Per alleviare qualsiasi disagio, una persona può provare:

                    Sommario

                    I lividi dopo un prelievo di sangue sono comuni e in genere non sono motivo di preoccupazione. Tuttavia, se una persona sperimenta un grave disagio, dovrebbe rivolgersi a un medico.

                    Adottare alcune misure preventive, come l’applicazione di una pressione sul sito della puntura e l’astensione dal sollevamento di oggetti pesanti, può aiutare a ridurre la possibilità di comparsa di un livido.

                    Lascia un commento