Non solo un mal di denti: la malattia parodontale collegata al cancro al seno

Le donne in postmenopausa con malattia parodontale hanno maggiori probabilità di sviluppare il cancro al seno, secondo una ricerca pubblicata su Epidemiologia del cancro, biomarcatori e prevenzione. Quelle con una storia di fumo sono particolarmente colpite.

La malattia parodontale è una condizione comune che va dalla semplice gengiva infiammazione a una grave malattia che causa gravi danni ai tessuti molli e alle ossa che sostengono i denti, e la perdita dei denti.

È stato anche associato a malattia di cuore, ictus, e diabete, così come il cancro orale, esofageo, della testa e del collo, del pancreas e del seno tumori ai polmoni. Studi precedenti hanno suggerito che l’infiammazione cronica potrebbe fornire il collegamento.

I fattori di rischio per la malattia parodontale includono la predisposizione genetica, il fumo e i cambiamenti ormonali nelle ragazze e nelle donne, che possono rendere le gengive più sensibili in modo che sia più facile per gengivite svilupparsi.

Le persone con ridotta capacità di combattere le infezioni a causa di malattie come il diabete o il trattamento per cancro sono anche inclini. I farmaci che limitano il flusso di saliva possono anche lasciare la bocca vulnerabile alle infezioni.

Spazzolare, passare il filo interdentale e pulire regolarmente dal dentista può aiutare a prevenirlo.

I ricercatori guidati da Jo L. Freudenheim, PhD, professore distinto nel Dipartimento di Epidemiologia e Salute Ambientale nella Scuola di Salute Pubblica e Professioni Sanitarie dell’Università di Buffalo, NY, ha deciso di indagare se ci fosse una relazione con cancro al seno.

Il team ha monitorato 73.737 donne in postmenopausa arruolate nel Women’s Health Initiative Observational Study. Nessuna delle donne aveva un precedente cancro al seno, ma 26.l’1% di loro aveva una malattia parodontale.

La malattia parodontale aumenta il rischio di cancro al seno del 14%

Studi precedenti hanno suggerito che il fumo ha un impatto sullo sviluppo della malattia parodontale, così i ricercatori hanno preso in considerazione lo stato di fumatore.

Dopo un tempo medio di follow-up di 6.7 anni, 2.124 donne hanno ricevuto una diagnosi di cancro al seno. I ricercatori hanno scoperto che tra tutte le donne, il rischio di cancro al seno era del 14% più alto in quelle che avevano la malattia parodontale.

Tra le donne che avevano smettere di fumare negli ultimi 20 anni, quelli con la malattia parodontale avevano un rischio più alto del 36% di cancro al seno.

Le donne che fumavano al momento dello studio avevano un rischio maggiore del 32% di cancro al seno se avevano una malattia parodontale, ma l’associazione non era statisticamente significativa.

Quelli che non avevano mai fumato avevano un rischio aumentato del 6%, e quelli che avevano smesso più di 20 anni fa avevano un rischio aumentato dell’8% se avevano la malattia parodontale.

Freudenheim spiega:

“Sappiamo che i batteri nella bocca degli attuali ed ex fumatori che hanno smesso da poco sono diversi da quelli della bocca dei non fumatori.”

Una possibile spiegazione del legame tra la malattia parodontale e il cancro al seno è che i batteri entrano nella circolazione del corpo e alla fine colpiscono il tessuto del seno.

Tuttavia, sono necessari ulteriori studi per stabilire un nesso causale.

I limiti includono il fatto che le donne hanno auto-riferito il loro stato di malattia parodontale, dopo aver chiesto se un dentista avesse mai detto loro di averla.

Inoltre, poiché lo studio si è concentrato su donne che erano già arruolate in uno studio sanitario nazionale a lungo termine, avevano più probabilità della popolazione generale di ricevere cure mediche e dentistiche regolari, rendendole più propense a essere attente alla salute rispetto alla popolazione generale.

All’inizio di quest’anno, Medical News Today ha riferito che l’estratto di mirtillo potrebbe essere usato come trattamento per la malattia parodontale.

Lascia un commento