Respiro corto durante la gravidanza: Cause e gestione

Con il progredire della gravidanza, una persona può avere difficoltà a riprendere fiato dopo aver svolto compiti di routine come salire le scale.

Panoramica

Secondo uno studio del 2015, si stima che 60-70% di donne sperimentano la mancanza di respiro durante la gravidanza. Un altro nome per la condizione è dispnea.

    Questo articolo esplorerà le cause della mancanza di respiro durante la gravidanza e come si sviluppa. Copre anche le strategie di coping e quando una persona dovrebbe contattare un medico.

    Il sesso e il genere esistono su spettri. Questo articolo userà i termini “maschio”, “femmina” o entrambi per riferirsi al sesso assegnato alla nascita. .

    Cause

    È molto comune sperimentare la mancanza di respiro durante la gravidanza. Non è sempre possibile per un medico individuare una singola causa, e i medici spesso considerano questo un sintomo della gravidanza stessa.

    Poiché la mancanza di respiro può spesso iniziare nel primo trimestre, i cambiamenti biologici e meccanici relativi alla gravidanza sono probabilmente fattori. Questi fattori possono andare dall’utero in crescita ai cambiamenti nelle richieste al cuore.

    Alcune persone incinte possono notare cambiamenti nella loro respirazione quasi immediatamente, mentre altre vedono differenze durante il secondo e terzo trimestre.

    Primo trimestre

    Un feto non deve essere molto grande per causare cambiamenti respiratori in una persona incinta. Dal primo trimestre, che dura approssimativamente fino alla 14a settimana, il consumo di ossigeno di una persona comincia ad aumentare.

    Il diaframma, una fascia muscolare di tessuto che separa il cuore e i polmoni dalla pancia, si alza di quanto 4 centimetri durante il primo trimestre di gravidanza.

    Il movimento del diaframma aiuta i polmoni a riempirsi d’aria. Mentre alcune persone possono non essere consapevoli dei cambiamenti in quanto profondamente possono respirare, altri possono notare che non possono prendere respiri pieni e profondi.

    Oltre ai cambiamenti nel diaframma, le persone incinte spesso respirano più velocemente a causa dell’aumento degli ormoni progesterone e estrogeni, entrambi i quali giocano un ruolo essenziale nello sviluppo del feto. Progesterone è anche uno stimolante respiratorio, nel senso che fa accelerare la respirazione di una persona.

    La quantità di progesterone nel corpo di una persona aumenta durante la gravidanza. Anche se respirare più velocemente non causa necessariamente la mancanza di respiro, alcune persone possono notare cambiamenti nei modelli di respirazione.

    Secondo trimestre

    Molte persone incinte possono sperimentare una mancanza di respiro più evidente nel secondo trimestre secondo trimestre, che dura fino alla 28esima settimana circa. In uno studio del 1970, 31% delle 62 partecipanti, altrimenti ben incinte, hanno sviluppato respiro corto entro la 19esima settimana.

    L’utero in crescita contribuisce comunemente alla mancanza di respiro nel secondo trimestre. Tuttavia, alcuni cambiamenti nel modo in cui il cuore funziona possono anche causare l’affanno.

    La quantità di sangue nel corpo di una persona aumenta significativamente durante la gravidanza. Il cuore deve pompare più forte per muovere questo sangue attraverso il corpo e verso la placenta.

    L’aumento del carico di lavoro sul cuore può far sentire una persona incinta con il fiato corto.

    Terzo trimestre

    Durante il terzo trimestre, che inizia intorno alla 29esima settimana, la respirazione può diventare più facile o più difficile, a seconda della posizione della testa del bambino in via di sviluppo.

    Prima che il bambino cominci a girarsi e a scendere più in basso nel bacino, la testa del bambino può sentirsi come se fosse sotto una costola e premere sul diaframma, il che può rendere ancora più difficile la respirazione.

    Secondo il Centro nazionale di risorse per la salute delle donne, questo tipo di mancanza di respiro si verifica di solito tra le settimane 31-34. Questa mancanza di respiro può anche essere accompagnato da una tosse persistente e secca.

    Ulteriori cause

    Se una persona incinta sperimenta una grave mancanza di respiro, è essenziale che parli con un medico.

    Mentre i cambiamenti della gravidanza possono causare una certa dispnea, anche altre condizioni mediche possono contribuire al problema. Questi includono:

      Gestire la mancanza di respiro

      Sentirsi a corto di fiato può essere scomodo e limitare l’attività fisica di una persona. Non ci sono abbastanza ricerche per supportare trattamenti specifici per la dispnea durante la gravidanza. Tuttavia, ci sono diversi passi generali che le persone incinte possono prendere per rendere la respirazione più confortevole, tra cui:

        Se una persona ha un’altra condizione medica sottostante che causa la mancanza di respiro, è essenziale seguire le raccomandazioni del medico sul trattamento.

        I trattamenti medici possono includono ottenere ossigeno supplementare in casi gravi. Dipenderà anche se la mancanza di respiro è il risultato dell’impatto della gravidanza sul corpo di una persona o se c’è un’altra causa sottostante.

        Per esempio, persone incinte con allergie o asma che sta esacerbando il respiro corto può essere necessario usare spray nasali salini o steroidi nasali su prescrizione per ridurre la congestione.

        Quando contattare un medico

        Mentre molte persone sperimentano una certa mancanza di respiro durante la gravidanza, alcuni sintomi richiedono un trattamento.

        Le persone incinte dovrebbero cercare immediatamente un trattamento medico per i a seguito di sintomi:

          Se la mancanza di respiro è particolarmente fastidiosa o se qualcuno la sperimenta per la prima volta, dovrebbe parlare con un medico. Il medico potrebbe voler eseguire dei test di imaging, come ultrasuoni sulle gambe, per escludere un coagulo di sangue come causa potenziale.

          Respiro corto dopo il parto

          La mancanza di respiro di solito si risolve da sola dopo il parto.

          Se non lo fa, o se una persona sperimenta la mancanza di respiro dopo il parto che non ha sperimentato durante la gravidanza, questo può essere un segno di una complicazione post-partum come un problema al cuore della persona.

          Una persona dovrebbe cercare assistenza medica il più presto possibile.

          Riassunto

          La mancanza di respiro è un sintomo comune che colpisce le persone durante la gravidanza. Può iniziare nel primo trimestre e può peggiorare nel tempo a causa della maggiore pressione del feto sul diaframma e dei cambiamenti ormonali.

          Il respiro corto in gravidanza è di solito innocuo. Una persona può solitamente trattarla con alcuni rimedi casalinghi, e dovrebbe andare via da sola dopo il parto.

          In alcuni casi, la mancanza di respiro durante la gravidanza può avere altre cause sottostanti e può essere più grave. Contattare un medico può aiutare una persona a determinare se ha bisogno di un trattamento medico.

          Lascia un commento