Segni di chetosi: come dire se la dieta chetogenica sta funzionando

La dieta chetogenica mira a indurre la chetosi per bruciare più grasso corporeo. Conoscere i segni della chetosi può aiutare una persona a determinare se la dieta funziona o meno.

Chetosi è un processo metabolico che si verifica quando il corpo inizia a bruciare il grasso per l’energia perché non ne ha abbastanza carboidrati per bruciare. Durante questo processo, il fegato produce sostanze chimiche chiamate chetoni.

La dieta chetogenica, o cheto, mira a indurre la chetosi per bruciare più grassi. I sostenitori della dieta affermano che aumenta la perdita di peso e migliora la salute generale.

Secondo uno Studio del 2018, Le persone che seguono una dieta chetogenica “ben formulata” mangiano tipicamente meno di 50 grammi (g) di carboidrati al giorno e circa 1.5 g di proteine per chilogrammo di peso corporeo.

Nonostante queste linee guida, alcune persone che seguono la dieta possono non sapere quando sono in chetosi.

In questo articolo, elenchiamo 10 segni e sintomi che possono aiutare una persona a determinare se la dieta chetogenica sta funzionando per loro.

1. Aumento dei chetoni

Avere chetoni nel sangue è probabilmente il segno più definitivo che qualcuno è in chetosi. I medici possono anche usare test delle urine e del respiro per controllare i livelli di chetoni, ma questi sono meno affidabili dei campioni di sangue.

Uno speciale kit di test a casa permette alle persone di misurare i propri livelli di chetoni nel sangue. Oppure, un medico può prendere un campione di sangue e mandarlo via per il test. Quando una persona è in chetosi nutrizionale, avrà livelli di chetoni nel sangue di 0.5-3 millimoli per litro.

In alternativa, le persone possono usare un analizzatore del respiro per testare i chetoni nel loro respiro, o possono usare strisce indicatrici per controllare i loro livelli urinari.

I kit per il test dei chetoni sono disponibili per l’acquisto online.

2. Perdita di peso

Alcune ricerche suggeriscono che questo tipo di dieta a bassissimo contenuto di carboidrati è efficace per la perdita di peso. Pertanto, le persone dovrebbero aspettarsi di perdere un po’ di peso quando sono in chetosi.

I risultati di un 2013 meta-analisi che ha esaminato i risultati di diversi studi controllati randomizzati suggeriscono che le persone che seguono una dieta chetogenica possono perdere più peso a lungo termine rispetto alle persone che seguono una dieta a basso contenuto di grassi.

Le persone che seguono una dieta chetogenica possono notare una perdita di peso nei primi giorni, ma questa è in genere solo una riduzione del peso dell’acqua. La vera perdita di grasso potrebbe non verificarsi per diverse settimane.

3. Sete

La chetosi può indurre alcune persone a sentirsi più assetate del solito, il che può essere un effetto collaterale della perdita di acqua. Tuttavia, alti livelli di chetoni nel corpo possono anche portare a disidratazione e uno squilibrio elettrolitico. Entrambe queste reazioni possono causare complicazioni.

Ricerca nelle diete chetogeniche per le prestazioni sportive elenca la disidratazione come un effetto collaterale della chetosi. Gli atleti possono anche avere un rischio maggiore di calcoli renali, che è una complicazione della disidratazione.

Per evitare la disidratazione, bere molta acqua e altri liquidi. Consultare un medico se si verificano sintomi di disidratazione, come sete estrema o urine di colore scuro.

4. crampi e spasmi muscolari

La disidratazione e gli squilibri elettrolitici possono causare crampi muscolari. Gli elettroliti sono sostanze che trasportano segnali elettrici tra le cellule del corpo. Gli squilibri in queste sostanze portano a messaggi elettrici interrotti che possono causare contrazioni muscolari e spasmi.

Le persone che seguono la dieta chetogenica dovrebbero assicurarsi di ottenere abbastanza elettroliti dal cibo che mangiano per evitare dolori muscolari e altri sintomi di uno squilibrio.

Gli elettroliti includono calcio, magnesio, potassio, e sodio. Una persona può ottenere questi da mangiare una dieta equilibrata. Tuttavia, se i sintomi persistono, un medico può raccomandare integratori o altri cambiamenti nella dieta.

5. Mal di testa

Mal di testa può essere un effetto collaterale comune del passaggio a una dieta chetogenica. Possono verificarsi come risultato del consumo di meno carboidrati, soprattutto zucchero. Disidratazione e squilibri elettrolitici possono anche causare mal di testa.

Il mal di testa da chetosi dura in genere da 1 giorno a 1 settimana, anche se alcune persone possono provare dolore più a lungo. Consultare un medico se il mal di testa persiste.

È interessante notare che alcune ricerche recenti suggeriscono la dieta chetogenica come un potenziale trattamento per emicranie e cefalee a grappolo.

Per esempio, un Studio del 2017 propone la dieta per le persone con emicrania episodica e cronica. Inoltre, uno Studio del 2018 suggerisce la dieta chetogenica come possibile trattamento per quelli con cefalea a grappolo resistente ai farmaci.

Tuttavia, sono necessarie molte più ricerche per confermare l’efficacia della dieta per trattare o prevenire questi tipi di mal di testa.

6. Affaticamento e debolezza

Nelle fasi iniziali di una dieta chetosi, le persone possono sentirsi più stanche e deboli del solito. Questo stanchezza si verifica quando il corpo passa dal bruciare carboidrati al bruciare grassi per l’energia. I carboidrati forniscono una rapida scarica di energia al corpo.

Un piccolo Studio del 2017 coinvolgendo gli atleti, la stanchezza è un effetto collaterale comune della dieta chetosi. I partecipanti hanno tipicamente osservato questo durante le prime settimane.

Dopo diverse settimane di dieta, le persone dovrebbero notare un aumento dei loro livelli di energia. In caso contrario, dovrebbero consultare un medico, poiché la stanchezza è anche un sintomo di disidratazione e carenze di nutrienti.

7. Disturbi allo stomaco

Fare dei cambiamenti nella dieta può aumentare il rischio di disturbi di stomaco e altri disturbi digestivi. Questo può verificarsi anche quando una persona passa alla dieta chetogenica.

Per ridurre il rischio di avere disturbi allo stomaco, bevi molta acqua e altri liquidi. Mangiare verdure non amidacee e altri alimenti ricchi di fibre per alleviare costipazione, e considerare l’assunzione di un integratore probiotico per favorire un intestino sano.

8. Cambiamenti nel sonno

Seguire una dieta chetogenica può sconvolgere le abitudini di sonno di una persona. Inizialmente, possono avere difficoltà ad addormentarsi o a svegliarsi di notte. Questi sintomi tipicamente vanno via entro poche settimane.

9. Alito cattivo

Alito cattivo è tra gli effetti collaterali più comuni della chetosi. Questo perché i chetoni lasciano il corpo attraverso il respiro e l’urina. Le persone che seguono la dieta, o quelle intorno a loro, possono notare che l’alito ha un odore dolce o fruttato.

Un chetone chiamato acetone è solitamente responsabile dell’odore, ma altri chetoni, come il benzofenone e l’acetofenone, possono anche contribuire all’alito cattivo.

Non c’è modo di ridurre il respiro della chetosi, ma può migliorare con il tempo. Alcune persone usano gomme senza zucchero o si lavano i denti più volte al giorno per mascherare l’odore.

10. Migliore attenzione e concentrazione

Inizialmente, la dieta chetogenica può causare mal di testa e difficoltà di concentrazione. Tuttavia, questi sintomi dovrebbero svanire nel tempo. Le persone che seguono una dieta chetogenica a lungo termine spesso riportano una migliore chiarezza e concentrazione, e alcune ricerche lo confermano.

Secondo i risultati di una revisione sistematica del 2018, le persone con epilessia che seguono la dieta chetogenica riportano una migliore vigilanza e attenzione. Inoltre, queste persone hanno mostrato una maggiore prontezza in alcuni test cognitivi.

Altro studi suggeriscono che la dieta chetogenica può migliorare la funzione cognitiva e fornire effetti neuroprotettivi.

Riassunto

Le persone in chetosi possono sperimentare una varietà di effetti collaterali e sintomi, tra cui mal di testa, disturbi di stomaco e cambiamenti nei loro livelli di sonno ed energia.

Per un modo più accurato di determinare la chetosi, le persone possono controllare i livelli di chetoni nel sangue, nel respiro o nelle urine.

Coloro che desiderano provare una dieta chetogenica dovrebbero sempre parlare prima con il loro medico, poiché una dieta a basso contenuto di carboidrati potrebbe non essere adatta a tutti. È anche vitale cercare un consiglio medico per i sintomi persistenti o gravi della chetosi.

Vale la pena notare che i ricercatori eseguono la maggior parte degli studi scientifici sulla dieta chetogenica per meno di un anno, quindi i risultati a lungo termine sulla salute non sono ancora completamente noti.

Lascia un commento