Sindrome del dolore cronico: Sintomi, cause, trattamento e altro

Il dolore è una parte inevitabile della vita perché è la reazione naturale del corpo a lesioni, infezioni e malattie. La sensazione sgradevole indica che qualcosa non va.

In genere, il dolore va via una volta che il corpo ripristina il suo solito, sano stato. Tuttavia, alcuni individui continuano a provare dolore dopo che la sua causa originale si è risolta. Se questo dolore dura per più di 3 mesi, i medici lo chiamano dolore cronico.

circa il 25.3 milioni di adulti negli Stati Uniti convivono ogni giorno con il dolore cronico, che colpisce la loro salute emotiva e fisica. Inoltre, il dolore cronico può causare complicazioni come i problemi di sonno, stress, ansia e depressione.

I medici possono trovare la sindrome del dolore cronico difficile da trattare, ma è possibile. Una combinazione di farmaci, consulenza e altre terapie può aiutare ad alleviare il dolore e facilitare le complicazioni.

Continua a leggere per saperne di più sulla sindrome del dolore cronico, comprese le cause, il trattamento, le prospettive e alcune condizioni associate.

Cause

I medici non sono sicuri del perché alcuni individui sviluppino la sindrome del dolore cronico dopo certe lesioni e malattie. Tuttavia, generalmente, la sindrome segue una condizione dolorosa iniziale, come ad esempio:

    Quando la condizione iniziale migliora attraverso i farmaci o altre terapie, per la maggior parte delle persone, il dolore cessa. Tuttavia, alcuni individui continuano a sperimentare il dolore cronico. I medici ritengono che la ragione di ciò possa essere che le cellule nervose nel cervello, responsabili della trasmissione e dell’elaborazione delle informazioni sensoriali, diventano ipersensibili ai segnali di dolore.

    Per esempio, intorno 20% di persone con osteoartrite che si sottopongono a un trattamento totale chirurgia sostitutiva del ginocchio sperimentano ancora il dolore cronico. L’intervento chirurgico dovrebbe correggere i problemi dolorosi dell’articolazione del ginocchio, ma questo non è vero per tutti.

    Anche se chiunque può sperimentare il dolore cronico, è più comune tra le donne e le persone con disabilità. Anche la depressione, l’ansia e la dipendenza da sostanze possono giocare un ruolo.

    Sintomi

    La sindrome del dolore cronico è sia emotivamente che fisicamente stressante. Alcuni individui possono sperimentare un dolore costante, mentre altri sperimentano vampate di dolore intenso, che si riduce a un dolore minore.

    Uno Studio del 2016 ha scoperto che quasi il 61% delle persone con dolore cronico ha anche la depressione.

    Altri sintomi possono includere:

      Il pedaggio emotivo del dolore cronico può influenzare negativamente le relazioni, l’istruzione o il lavoro di un individuo.

      Prevenzione del suicidio

      Se conosci qualcuno a rischio immediato di autolesionismo, suicidio o di ferire un’altra persona:

        Se voi o qualcuno che conoscete sta avendo pensieri di suicidio, una hotline di prevenzione può aiutare. La National Suicide Prevention Lifeline è disponibile 24 ore al giorno al numero 800-273-8255. Durante una crisi, le persone che hanno problemi di udito possono usare il loro servizio di ripetizione preferito o comporre il 711 allora 800-273-8255.

        Clicca qui per altri link e risorse locali.

        Trattamento

        Dolore cronico spesso richiede altri trattamenti oltre ai farmaci. In primo luogo, i medici possono raccomandare farmaci antidolorifici, compresi gli antinfiammatori e i rilassanti muscolari. Possono anche prescrivere antidepressivi per ridurre i segnali di dolore, come:

          Le persone possono anche richiedere terapia fisica. Questo approccio terapeutico aiuta a gestire il dolore e a migliorare i problemi di movimento che possono avere un impatto sulla vita quotidiana di un individuo.

          Inoltre, le persone possono beneficiare di terapia cognitivo-comportamentale per aiutare a riformulare qualsiasi schema di pensiero negativo. Ricerca mostra che questa forma di talk therapy può essere preziosa per alcuni individui con dolore cronico.

          Gli individui possono anche trovare sollievo dal dolore cronico attraverso terapie alternative come agopuntura. Anche se la ricerca afferma che questa tecnica dà risultati contrastanti, l’agopuntura può fornire sollievo per alcuni individui, in particolare quelli che non rispondono ai trattamenti standard.

          Scopri di più sui modi naturali per alleviare il dolore qui.

          Vs. fibromialgia

          La sindrome del dolore cronico e la fibromialgia sono due condizioni diverse, ma è possibile averle entrambe contemporaneamente.

          Medici non so cosa provoca la fibromialgia, una condizione che gli esperti caratterizzano da dolore diffuso, problemi di sonno, problemi di intestino irritabile, affaticamento ed emotivi e salute mentale problemi. Le persone con fibromialgia possono avere una maggiore sensibilità al dolore, che i professionisti sanitari chiamano elaborazione anormale della percezione del dolore.

          Sembra che mentre la fibromialgia può sorgere improvvisamente senza causa, la sindrome del dolore cronico ha di solito un fattore scatenante identificabile, come una lesione o l’artrite. Tuttavia, la fibromialgia stessa può portare alla sindrome del dolore cronico.

          Prospettiva

          I medici possono aiutare molti individui con dolore cronico. Tuttavia, la condizione è complessa, e la prospettiva per qualcuno con la sindrome del dolore cronico può dipendere sulla loro capacità di affrontare la condizione e di autoregolare il loro dolore.

          Un individuo potrebbe aver bisogno di lavorare con un team di professionisti medici per affrontare il suo benessere fisico, emotivo e mentale e aiutarlo a gestire la sua condizione in modo ottimale.

          Condizioni associate

          Varie condizioni possono causare dolore cronico, comprese quelle che portano al dolore nervoso. Alcuni di questi includono:

            Riassunto

            Il dolore è la risposta naturale del corpo a infezioni, malattie o lesioni. Pertanto, dovrebbe placarsi una volta che la condizione originale fa il suo corso. Tuttavia, per alcuni individui, il dolore non finisce quando la causa sottostante si risolve.

            I medici classificano il dolore cronico come dolore che dura più di 3 mesi. Poiché questo dolore influisce negativamente sul benessere fisico, mentale ed emotivo di un individuo, questi può sviluppare ulteriori sintomi di depressione, ansia e altro. Gli operatori sanitari possono poi classificarla come sindrome da dolore cronico.

            Le persone possono richiedere una combinazione di farmaci, terapia fisica e supporto di salute mentale per superare la sindrome del dolore cronico.

            Lascia un commento