Stabilizzatori dell’umore per il disturbo bipolare: Efficacia e rischi

Gli stabilizzatori dell’umore sono un tipo di farmaco che i medici di solito usano per trattare i sintomi del disturbo bipolare. Questi farmaci possono aiutare a fermare i significativi cambiamenti di umore che le persone con disturbo bipolare comunemente sperimentano.

Una persona che prende stabilizzatori dell’umore può sperimentare effetti collaterali, che a volte possono essere gravi.

Chiunque con disturbo bipolare possono sperimentare cambiamenti insoliti in:

    Ci sono diversi tipi di disturbo bipolare, ma di solito comportano significativi cambiamenti di umore che possono variare in intensità e durata.

    Questi cambiamenti d’umore potrebbero comportare episodi maniacali, in cui una persona si sente tipicamente molto vivace e pieno di energia, ed episodi depressivi, in cui una persona di solito si sente molto triste e privo di energia.

    Cos’è uno stabilizzatore dell’umore?

    Secondo un articolo della rivista Farmaci per il SNC, Gli stabilizzatori dell’umore sono generalmente farmaci che:

      Alcuni stabilizzatori dell’umore sono più efficaci nel colpire gli episodi maniacali, mentre altri sono migliori nel trattare gli episodi depressivi. Una persona può prendere stabilizzatori dell’umore da soli o in combinazione con altri farmaci.

      Gli stabilizzatori dell’umore e altri farmaci sono di solito solo una parte del piano di terapia per il disturbo bipolare. Secondo il Istituto Nazionale di Salute Mentale (NIMH), un trattamento efficace comprenderà sia i farmaci che una qualche forma di terapia parlante.

      Tipi di stabilizzatori dell’umore

      Come l’articolo in Farmaci per il SNC riferisce che i ricercatori classificano gli stabilizzatori dell’umore come di prima o seconda generazione. Gli scienziati negli anni ’60 hanno sviluppato gli stabilizzatori dell’umore di prima generazione. Questi includono:

        I ricercatori negli anni ’90 hanno sviluppato stabilizzatori dell’umore di seconda generazione. Questi sono farmaci antipsicotici atipici che hanno proprietà stabilizzanti dell’umore. Gli stabilizzatori dell’umore di seconda generazione includono:

          In 1994, la Food and Drug Administration (FDA) ha dato l’approvazione per l’uso del farmaco anticonvulsivante lamotrigina come stabilizzatore dell’umore per le persone con disturbo bipolare, così come un trattamento per epilessia.

          Efficacia

          Come ogni farmaco, gli stabilizzatori dell’umore hanno maggiori probabilità di essere efficaci se una persona li prende come prescritto dal proprio medico.

          Secondo NIMH, se una persona vuole smettere di prendere i suoi stabilizzatori dell’umore, dovrebbe parlare prima con il suo medico per evitare qualsiasi complicazione.

          Litio

          Un articolo nella rivista Psichiatria molecolare nota che il litio è il trattamento di prima linea per gli episodi maniacali e depressivi, anche se gli scienziati non sono ancora sicuri esattamente perché è efficace.

          L’articolo riporta che il litio è particolarmente efficace nel ridurre il rischio di suicidio tra le persone con disturbo bipolare che non avevano ricevuto un trattamento. È uno dei trattamenti più efficaci per il disturbo bipolare.

          L’autore del Farmaci per il sistema nervoso centrale l’articolo cita uno studio in cui un terzo dei 60 partecipanti che hanno preso il litio per trattare i loro sintomi non ha avuto episodi maniacali o depressivi nei seguenti 10 anni.

          L’autore sottolinea che il litio aiuta principalmente a ridurre la mania, ma può anche aiutare a migliorare depressione.

          Secondo i risultati dello studio pubblicati su Psichiatria mondiale, il litio è stato più efficace di altri stabilizzatori dell’umore nel trattare i sintomi del disturbo bipolare.

          Gli autori hanno anche scoperto che il litio riduce le possibilità che una persona con disturbo bipolare abbia bisogno di farmaci supplementari, abbassando così il rischio complessivo di effetti collaterali indesiderati.

          Carbamazepina

          Secondo i risultati di uno studio del 2012, pubblicato sulla rivista BMC Psichiatria, la carbamazepina è anche molto efficace nel trattare i sintomi del disturbo bipolare.

          Un medico potrebbe prescrivere la carbamazepina se una persona non ha risposto bene al litio. In alternativa, una persona può prendere la carbamazepina insieme al litio o ad altri stabilizzatori dell’umore.

          Secondo l’articolo di Farmaci per il SNC, la carbamazepina è principalmente efficace nel trattare gli episodi maniacali di una persona.

          Valproato

          Secondo una revisione nel Banca dati Cochrane delle revisioni sistematiche, il valproato può trattare efficacemente i sintomi del disturbo bipolare – soprattutto a lungo termine.

          Se una persona sperimenta molteplici effetti collaterali del litio, o se il litio non è molto efficace, potrebbe voler considerare il valproato, al posto del litio o insieme ad esso.

          Farmaci antipsicotici atipici

          La ricerca sull’efficacia dei farmaci antipsicotici atipici è ancora sporadica. Alcuni i nuovi farmaci sono promettenti come trattamenti, ma sono necessarie ulteriori ricerche.

          Secondo una recensione nel Giornale internazionale di neuropsicofarmacologia, i farmaci antipsicotici atipici potrebbero aiutare a trattare gli episodi maniacali, e ci sono alcune prove che possono trattare anche gli episodi depressivi.

          Fino a quando gli scienziati conducono ulteriori ricerche, non è chiaro se:

            Lamotrigina

            La lamotrigina è un farmaco anticonvulsivante che i medici hanno – relativamente di recente – raccomandato come trattamento chiave per i sintomi del disturbo bipolare.

            Una revisione del 2015 nella rivista Frontiere della farmacologia ha concluso che la lamotrigina è efficace nel trattamento di questi sintomi.

            Gli autori hanno evidenziato la prova che la lamotrigina potrebbe trattare i sintomi depressivi di una persona senza destabilizzare il loro umore generale, ad esempio aumentando i sintomi della mania.

            Tuttavia, poiché si tratta di un farmaco relativamente nuovo per il disturbo bipolare, gli scienziati devono fare più ricerche per scoprire quanto possa essere efficace. Hanno anche bisogno di determinare se una persona dovrebbe prendere come una monoterapia o in combinazione con altri farmaci.

            Rischi

            Secondo NIMH, gli stabilizzatori dell’umore possono causare effetti collaterali significativi e vari. Questi possono includere:

              Sono possibili anche altri effetti collaterali meno comuni.

              Una revisione nella rivista Mondo Psichiatria ha osservato che gli effetti collaterali degli stabilizzatori dell’umore possono variare significativamente da una persona all’altra.

              Questo significa che un medico monitorerà da vicino eventuali effetti collaterali e che la persona potrebbe aver bisogno di provare diversi farmaci o combinazioni di farmaci. L’obiettivo è quello di trovare un equilibrio tra la riduzione dei sintomi del disturbo bipolare e la minimizzazione di eventuali effetti collaterali indesiderati.

              Secondo NIMH, se una persona sta prendendo il litio per gestire il suo disturbo bipolare, deve partecipare a controlli regolari per assicurarsi che il livello di litio nel sangue sia sicuro.

              Riassunto

              Gli stabilizzatori dell’umore sono un trattamento comune per il disturbo bipolare. Il litio può spesso ridurre i sintomi, e alcune prove suggeriscono che altri farmaci, compresi quelli di più recente sviluppo, possono avere effetti simili.

              Tuttavia, gli stabilizzatori dell’umore possono anche causare effetti collaterali significativi. Quando si prescrivono farmaci, l’obiettivo del medico è quello di trovare un equilibrio tra la riduzione dei sintomi del disturbo bipolare senza causare significativi effetti collaterali indesiderati.

              Lascia un commento