Svegliarsi rantolando per l’aria: Ansia, apnea del sonno e altre cause

Anche se svegliarsi rantolando per l’aria non è raro, può essere estremamente spaventoso.

Alcune cause, come il gocciolamento post-nasale, sono facilmente trattabili. Altri possono richiedere attenzione medica e un piano di trattamento a lungo termine.

In questo articolo, descriviamo perché una persona può svegliarsi boccheggiando per l’aria, strumenti e farmaci che possono aiutare e quando vedere un medico.

Provoca

Un individuo può svegliarsi rantolando per l’aria per una varietà di motivi, tra cui:

apnea ostruttiva del sonno

L’apnea notturna si riferisce a pause involontarie nella respirazione durante il sonno. I due tipi principali sono:

    Secondo il Fondazione Nazionale del Sonno, circa 18 milioni di adulti negli Stati Uniti hanno apnea ostruttiva del sonno.

    Una persona può essere inconsapevole di avere la condizione fino a quando qualcuno li informa che russano e rantolano per l’aria mentre dormono. Quando la persona che rantola riprende fiato, potrebbe non risvegliarsi completamente.

    Ulteriori sintomi di apnea del sonno includono:

      Ansia

      Ansia possono portare a attacchi di panico, e quando si verificano di notte, una persona può svegliarsi rantolando per l’aria. Secondo il Associazione per l’ansia e la depressione d’America, circa il 70 per cento delle persone con disturbi d’ansia riferiscono di avere difficoltà a dormire.

      Altri sintomi di ansia includono:

        Asma

        Asma è una condizione cronica che causa infiammazione nelle vie respiratorie. L’asma notturna è il termine medico per avere sintomi durante il sonno. Quando la condizione è scarsamente controllata, l’asma notturna è comune.

        Altri sintomi dell’asma includono:

          Malattia polmonare ostruttiva cronica (COPD)

          La BPCO si verifica quando le piccole sacche d’aria nei polmoni sono danneggiate. Queste sacche, chiamate alveoli, diventano flosce, rendendo difficile spingere l’aria fuori dai polmoni.

          I sintomi possono verificarsi mentre una persona sta dormendo. Possono svegliarsi boccheggiando o sentirsi come se stessero soffocando.

          Altri sintomi della BPCO includono:

            Insufficienza cardiaca

            Quando il cuore non pompa il sangue in modo efficiente come dovrebbe, si parla di insufficienza cardiaca.

            Valvole cardiache anormali, una storia di attacco di cuore, e malattia coronarica possono portare all’insufficienza cardiaca.

            La mancanza di respiro è uno dei sintomi più comuni. All’inizio, una persona può notarlo solo durante l’attività fisica. Con il progredire della condizione, una persona può sviluppare mancanza di respiro durante il riposo o il sonno.

            Una persona con insufficienza cardiaca può anche sperimentare:

              Gocciolamento post-nasale

              Il muco e la saliva prodotti durante il giorno fluiscono tipicamente verso la parte posteriore del naso e della gola e vengono inghiottiti. Una persona può essere inconsapevole di questo processo.

              Il gocciolamento post-nasale si verifica quando questo muco si accumula e cola giù nella parte posteriore della gola.

              Quando il muco si accumula, una persona può avere la sensazione di non poter respirare. Se stanno dormendo, possono svegliarsi rantolando per l’aria.

              La malattia da reflusso gastrico, le infezioni del seno e le allergie sono tutte cause comuni di gocciolamento post-nasale.

              Altri sintomi includono:

                Diagnosi

                Un medico chiederà a una persona di parlare dei suoi sintomi e della sua storia medica. Possono anche eseguire un esame fisico.

                I seguenti test possono aiutare a determinare perché una persona si sveglia con il fiato corto:

                  Trattamento

                  Una volta che un medico ha scoperto la causa, può raccomandare uno dei seguenti trattamenti:

                  Farmaci

                  I farmaci possono trattare l’insufficienza cardiaca, la BPCO e l’ansia.

                  Beta-bloccanti può migliorare la funzione del cuore e alla fine ridurre la mancanza di respiro.

                  I broncodilatatori e gli inalatori di corticosteroidi possono aprire le vie respiratorie e migliorare il flusso d’aria nelle persone con BPCO. Questo può comportare una riduzione della mancanza di respiro.

                  Gli ansiolitici possono portare a meno attacchi di panico, e una persona può smettere di svegliarsi annaspando per l’aria.

                  Pressione positiva continua delle vie aeree (CPAP)

                  Quando l’apnea ostruttiva del sonno è il colpevole, un medico può raccomandare la CPAP. Questa terapia prevede una macchina che eroga aria ai polmoni, impedendo il blocco delle vie aeree.

                  Dispositivi dentali

                  L’apnea ostruttiva del sonno può anche essere trattata con un dispositivo dentale che spinge la lingua e la mascella in avanti, impedendo ai muscoli della gola di collassare all’indietro e bloccare il flusso dell’aria.

                  Spray nasali salini

                  Questi sono spesso raccomandati per gestire il gocciolamento post-nasale. L’uso di un neti pot per risciacquare i seni può anche aiutare.

                  Buone abitudini di sonno

                  I seguenti suggerimenti possono aiutare a ridurre i rantoli legati all’ansia e a diminuire stress in generale:

                    Quando consultare un medico

                    Una persona può non richiedere un trattamento se si sveglia rantolando per l’aria raramente, non mostra altri sintomi e può tornare a dormire rapidamente.

                    Tuttavia, se una persona sperimenta questo sintomo spesso, o se sono presenti altri sintomi, dovrebbe parlare con un medico.

                    Se un individuo ha anche dolore al petto o non riesce a respirare, dovrebbe cercare immediatamente assistenza medica.

                    Una volta identificata la causa sottostante, un medico raccomanderà un trattamento che può garantire un sonno ininterrotto.

                    Lascia un commento