Tipi di cacca: Aspetto, colore e cosa è normale

La cacca, conosciuta anche come feci, è una parte normale del processo digestivo. La cacca consiste in prodotti di scarto che vengono eliminati dal corpo. Può includere particelle di cibo non digerito, batteri, sali e altre sostanze.

A volte, la cacca può variare nel suo colore, consistenza, quantità e odore. Queste differenze possono essere preoccupanti, ma di solito, questi cambiamenti non sono significativi e si risolvono in un giorno o due. Altre volte, tuttavia, i cambiamenti nella cacca indicano una condizione più seria.

Continua a leggere per scoprire di più sui diversi tipi di cacca, compreso ciò che è e non è normale.

Fatti veloci sui tipi di cacca:

    Com’è la cacca normale?

    La cacca normale è generalmente:

      La tabella delle feci di Bristol

      Ideata dai medici del Bristol Royal Infirmary, in Inghilterra, e basata sui movimenti intestinali di quasi 2.000 persone, la tabella delle feci di Bristol caratterizza i diversi tipi di cacca come mostrato sopra.

      I tipi 1 e 2 indicano costipazione, i tipi 3 e 4 sono considerati feci sane, mentre i tipi da 5 a 7 suggeriscono diarrea e urgenza.

      Di che colore può essere la cacca?

      Mentre la cacca marrone è considerata il colore “normale” della cacca, alcune tonalità verde-marrone possono anche essere accettabili.

      La cacca può essere anche di altri colori, come:

      Nero

      Feci che sono nere, specialmente se hanno l’aspetto di caffè motivi, suggeriscono un’emorragia gastrointestinale. Sostanze come gli integratori di ferro, la liquirizia nera, la birra scura e i farmaci al bismuto causano anche cacca nera.

      Bianco

      Se le feci sono bianche, grigie o pallide, una persona può avere un problema con il fegato o la cistifellea perché le feci pallide suggeriscono una mancanza di bile. Alcuni farmaci antidiarrea causano feci bianche.

      Verde

      Spinaci, cavolo, o altri cibi verdi possono causare cacca verde. Tuttavia, le feci di colore verde possono essere un segno che c’è troppa bile e non abbastanza bilirubina nella cacca.

      Rosso

      La cacca che è di colore rosso può essere il risultato di un’emorragia gastrointestinale. Piccole quantità di sangue nelle feci possono indicare emorroidi.

      Anche mangiare barbabietole o bacche rosse, o bere succo di barbabietola o di pomodoro, fa diventare rossa la cacca. Una volta che questi alimenti sono passati attraverso il tratto digestivo, la cacca dovrebbe tornare marrone.

      Arancia

      Consumare molti cibi di colore arancione, che sono ricchi di un pigmento chiamato beta-carotene, causa feci arancioni.

      Carote, patate dolci e zucca invernale sono tra i molti alimenti che contengono questo pigmento.

      Tuttavia, dotti biliari bloccati o alcuni farmaci tra cui alcuni antiacidi e antibiotico La rifampicina può causare cacca arancione.

      Giallo

      Se le feci appaiono gialle o dall’aspetto untuoso, ciò suggerisce che la cacca contiene troppo grasso. Questo può essere il risultato di problemi di assorbimento o di difficoltà a produrre enzimi o bile.

      La maggior parte delle persone sperimenterà variazioni di colore delle feci ad un certo punto. Di solito, questo è dovuto alla dieta o a qualche altra causa minore. Tuttavia, chiunque sperimenti cambiamenti nel colore della cacca che durano per 2 o più settimane o abbia feci rosse o nere dovrebbe consultare il proprio medico.

      Quanto tempo dovrebbe impiegare una cacca?

      Al massimo, non dovrebbero volerci più di 10-15 minuti per passare le feci.

      Le persone che impiegano più tempo possono avere costipazione, emorroidi o un’altra condizione.

      Tipi di cacca anormale

      Le seguenti situazioni possono suggerire un problema digestivo:

        Le persone che sperimentano uno di questi tipi di cacca dovrebbero consultare un medico.

        Cosa causa la cacca anormale?

        La cacca anormale può avere molte cause, che vanno dal minore al grave. Le cause possono includere:

        Stress

        Condizioni di digestione, come sindrome dell’intestino irritabile (IBS), può essere innescata o esacerbata da stress. In alcune persone, può manifestarsi come diarrea e in altre come costipazione.

        Disidratazione

        Non bere abbastanza acqua e altri liquidi può portare alla stitichezza, poiché le feci hanno bisogno di umidità per potersi muovere attraverso il tratto digestivo. Troppa caffeina e alcol possono contribuire a disidratazione.

        Mancanza di fibra alimentare

        La fibra agisce come una sostanza legante per dare alle feci la loro forma. Aiuta anche la cacca a muoversi agevolmente attraverso il tratto digestivo. Una dieta povera di alimenti ricchi di fibre, come frutta, verdura, cereali integrali e legumi, può portare a problemi intestinali.

        intolleranze e allergie alimentari

        Le persone con un’intolleranza o un’allergia a certi alimenti possono spesso sperimentare diarrea, costipazione o altri tratti di cacca anormale quando consumano un alimento problematico.

        Per esempio, le persone con intolleranza al lattosio spesso sperimentano la diarrea se mangiano latticini, mentre quelli con malattia celiaca avrà una reazione avversa al glutine.

        Condizioni mediche

        Alcune condizioni possono causare costipazione, diarrea o altre anomalie della cacca. Esempi di tali condizioni includono:

          Quando consultare un medico

          Consulta un medico se i cambiamenti nella cacca persistono per 2 o più settimane.

          Cercare immediatamente un trattamento medico se le feci sono di colore rosso vivo, nero o assomigliano a fondi di caffè. Questo suggerisce una perdita di sangue, che potrebbe diventare un’emergenza medica se non trattata.

          Come assicurarsi un intestino sano

          Per garantire una sana funzione intestinale e una cacca sana, segui i consigli qui sotto:

            Un sistema digestivo ben funzionante è essenziale per la salute e il benessere. Suggerisce anche che una persona sta mangiando una dieta equilibrata dieta equilibrata.

            Anomalie della cacca che persistono possono portare a complicazioni. Per esempio, la diarrea continua può portare a carenze nutrizionali, mentre la stitichezza può causare ostruzioni intestinali.

            Takeaway

            La cacca normale tende ad essere marrone, di consistenza da morbida a soda, e facile da passare. Se qualcuno sperimenta cambiamenti nella cacca, dovrebbe monitorare i cambiamenti e consultare un medico se il problema non si risolve entro 2 settimane.

            Per incoraggiare una normale funzione intestinale, una persona dovrebbe mangiare una dieta ricca di fibre, fare regolare esercizio fisico, cercare di ridurre lo stress e bere molta acqua per rimanere idratata.

            Leggi questo articolo in spagnolo.
            Benefiber vs Metamucil: Benefici, effetti collaterali e dosaggio

            Molte persone usano integratori alimentari per alleviare la stitichezza e altri problemi digestivi. Benefiber e Metamucil sono due opzioni popolari, ma quale è meglio?

            Benefiber e Metamucil sono integratori di fibre progettati per alleviare costipazione. Le due marche lavorano in modo molto simile, ma possono avere effetti leggermente diversi sul corpo.

            In questo articolo, esaminiamo le somiglianze e le differenze tra Benefiber e Metamucil per la stitichezza e altre condizioni mediche, e prodotti alternativi, come Miralax e Citrucel.

            Qual è la differenza tra Benefiber e Metamucil?

            Benefiber e Metamucil sono entrambi integratori di fibre solubili da banco (OTC). Funzionano in modo molto simile.

            Entrambi i prodotti contengono un’alta concentrazione di fibre. La fibra rende le feci di una persona più voluminose e morbide, il che si traduce in movimenti intestinali più comodi e frequenti.

            La differenza principale tra Benefiber e Metamucil è il tipo di fibra che contengono:

              Benefiber e Metamucil possono causare effetti diversi nel corpo, per esempio:

              Metamucil può migliorare il colesterolo

              L’etichetta di Metamucil dice che può migliorare il colesterolo e li aiuta a mantenere sani i livelli di zucchero nel sangue. Questo perché contiene psillio.

              Uno studio pubblicato nel Giornale britannico di nutrizione ha testato gli effetti di Metamucil su 72 persone in sovrappeso o obese. Hanno scoperto che l’aggiunta di questo integratore di fibre ha migliorato il colesterolo e insulina livelli.

              I ricercatori raccomandano di mangiare una dieta sana e ricca di fibre, oltre a prendere integratori di fibre. Non è chiaro se Benefiber avrebbe effetti simili.

              Benefiber contiene tracce di glutine

              Benefiber contiene grano, ma i produttori consideralo senza glutine perché contiene meno di 20 parti per milione (ppm) di glutine. Tuttavia, si dice che le persone con intolleranza al glutine o malattia celiaca non dovrebbe usare Benefiber se non indicato da un medico.

              Benefiber può essere una scelta più naturale

              Benefiber contiene meno ingredienti aggiuntivi di Metamucil. Benefiber contiene solo germe di grano, il che può renderlo una scelta più naturale.

              C’è anche una versione più naturale di Metamucil disponibile, anche se le forme familiari al gusto di arancia di Metamucil spesso contengono dolcificanti, coloranti e altri additivi, che possono renderlo più piacevole da bere.

              Benefici di Benefiber e Metamucil

              La fibra è una parte cruciale della dieta di una persona. Le persone possono aumentare le loro fibre mangiando più cibi ad alto contenuto di fibre o introducendo integratori di fibre.

              Sia Benefiber che Metamucil possono avere i seguenti benefici:

              Migliorare la salute dell’intestino

              Mantenere l’intestino in movimento regolarmente può migliorare la salute dell’intestino e alleviare i sintomi delle condizioni digestive, come sindrome dell’intestino irritabile (IBS) e diverticolosi.

              La fibra solubile in Benefiber e Metamucil può nutrire i batteri buoni nell’intestino.

              Salute del cuore

              I produttori di integratori di fibre, come Benefiber e Metamucil, dichiarano che sono prodotti salutari per il cuore. Questo è dovuto ai benefici che una dieta ad alto contenuto di fibre può avere sulla salute del cuore di una persona.

              Una revisione sistematica pubblicata in BMJ trovato che l’assunzione di fibre più alto potrebbe abbassare il rischio di entrambi malattia coronarica e malattie cardiovascolari.

              Perdita di peso

              Alcuni prodotti per la perdita di peso, programmi e professionisti sanitari raccomandano di consumare fibra come un modo per far sentire il corpo più pieno più a lungo. Questo può diminuire l’appetito delle persone e aiutare con la perdita di peso.

              Tuttavia, gli integratori di fibre OTC, come Metamucil o Benefiber, non sono approvati come prodotti per la perdita di peso e non è probabile che abbiano un impatto diretto sulla perdita di peso.

              Dosaggi di Benefiber e Metamucil

              Sia Benefiber che Metamucil hanno istruzioni specifiche sul dosaggio. Il dosaggio è più alto per Metamucil di Benefiber.

                Mescolare il dosaggio raccomandato in 4-8 once di liquido, assicurandosi che la polvere si dissolva completamente prima di bere.

                La versione in polvere di entrambi i prodotti si mescola bene in liquidi freschi o a temperatura ambiente, compresi frullati, frullati proteici, acqua, succhi o latte.

                Le persone che non ricevono molte fibre nella loro dieta dovrebbero introdurre questi integratori lentamente per evitare effetti collaterali. Aumentare gradualmente il numero di porzioni da 1 a 3 al giorno mentre si giudica come il corpo reagisce al prodotto.

                Alcuni operatori sanitari consiglieranno anche di bere più liquidi con gli integratori, poiché assorbono molta acqua.

                Metamucil è disponibile anche in forma di capsule e wafer. Questo rende l’assunzione del supplemento più conveniente in quanto le persone possono deglutire il supplemento con un grande bicchiere d’acqua.

                Dosaggio nei bambini

                I dosaggi raccomandati differiscono a seconda dell’età della persona:

                  Le persone dovrebbero anche chiedere al loro medico prima di prendere integratori di fibre durante la gravidanza.

                  Rischi di Benefiber e Metamucil

                  Aumentare la fibra alimentare con Metamucil o Benefiber può causare alcuni effetti collaterali o rischi, come i seguenti:

                  Problemi di stomaco

                  Alcune persone potrebbero sperimentare gas o crampi allo stomaco durante l’assunzione di questi integratori, anche se i sintomi possono scomparire quando il corpo si abitua all’integratore. Se questo accade, riduci il dosaggio o bevi più acqua mentre prendi l’integratore.

                  Reazioni allergiche

                  Le persone che sono sensibili o allergiche allo psillio dovrebbero evitare Metamucil. Le persone che sono sensibili al glutine dovrebbero evitare Benefiber. Chiunque sperimenti una reazione allergica durante l’assunzione di questi prodotti dovrebbe smettere di prenderli e chiamare il proprio medico per un test prima di continuare.

                  Condizioni mediche

                  Le persone con certe condizioni di stomaco possono avere bisogno di evitare sia Benefiber che Metamucil. Chiunque soffra di disturbi di stomaco o digestivi dovrebbe parlare con il proprio medico prima di prendere uno di questi integratori.

                  Chiunque sperimenti la stitichezza per più di 7 giorni dovrebbe smettere di prendere integratori di fibre alimentari, come Benefiber o Metamucil, e consultare il proprio medico.

                  Interazioni tra farmaci

                  Sia Benefiber che Metamucil potrebbero influenzare negativamente il modo in cui il corpo assorbe alcuni farmaci, rendendo alcuni farmaci meno efficaci.

                  Chiunque assuma regolarmente farmaci dovrebbe consultare un medico o un farmacista prima di usare questi integratori.

                  Può essere utile prendere questi integratori almeno 2 ore prima o dopo l’assunzione di qualsiasi farmaco orale.

                  Alternative a Benefiber o Metamucil

                  Benefiber e Metamucil non sono gli unici integratori di marca per alleviare la stitichezza sul mercato, e alcune persone possono trovare che preferiscono altre marche.

                  Due alternative popolari sono Citrucel e Miralax. Miralax non è un integratore a base di fibre.

                  Le persone possono trovare una vasta gamma di integratori di fibre e altri sollievo dalla stitichezza integratori online o in farmacia.

                  Citrucel

                  Citrucel è un integratore di fibre che contiene metilcellulosa, che viene dalla materia vegetale. Si tratta di una forma non allergenica di fibra solubile che può non causare un accumulo di gas come alcuni altri prodotti.

                  Le persone con sensibilità o che sperimentano effetti collaterali quando prendono altri integratori per alleviare la stitichezza possono trovare che Citrucel è una buona alternativa.

                  Miralax

                  Miralax non è un integratore a base di fibre. L’ingrediente attivo è il polietilenglicole, che attira l’acqua nelle feci per aiutare ad alleviare la stitichezza.

                  Non essendo un integratore di fibre, Miralax non offre gli stessi potenziali benefici aggiuntivi di altre marche.

                  Fibra alimentare

                  Benefiber e Metamucil sono integratori di fibre. Le persone possono anche aumentare il loro apporto giornaliero di fibre includendo più alimenti ricchi di fibre nella loro dieta.

                  Cibi ricchi di fibre includono:

                    Prospettiva

                    Sia Benefiber che Metamucil sono integratori di fibra solubile usati per trattare la stitichezza occasionale che può avere altri benefici utili nel corpo.

                    Questi integratori hanno lievi differenze ma svolgono essenzialmente la stessa funzione. Nella maggior parte dei casi, la scelta tra loro è una preferenza personale.
                    Olio d’oliva e costipazione: Rimedi, altri trattamenti e cause

                    Sindrome dell’intestino irritabile (IBS): Trattamento e rimedi

                    La sindrome dell’intestino irritabile (IBS) è un comune disturbo digestivo che può avere un effetto significativo sulla qualità della vita di una persona. I trattamenti includono farmaci e cambiamenti nello stile di vita.

                    Persone che hanno l’IBS comunemente riportano digestivo sintomi, compreso diarrea, stitichezza, gonfiore e crampi addominali.

                    Con l’IBS, i sintomi si presentano senza segni fisici di danni al tratto digestivo. Oltre alle manifestazioni gastrointestinali, alcune persone sperimentano ulteriori sintomi come l’affaticamento, l’ansia e la depressione.

                    L’IBS è un disturbo gastrointestinale funzionale, chiamato anche un disturbo dell’interazione intestino-cervello. I medici credono che questa disfunzione tra l’intestino e il cervello è ciò che causa i sintomi dell’IBS.

                    I medici non sono ancora sicuri esattamente cosa causa IBS. Tuttavia, essi ritengono che molti fattori – tra cui sensibilità alimentari, stress, depressione e infezioni batteriche – giocano un ruolo.

                    Trattamento per l’IBS spesso coinvolge una combinazione di cambiamenti nella dieta e nello stile di vita, farmaci, probiotici e terapia di salute mentale per ridurre lo stress e affrontare i sintomi.

                    Alcune strategie di trattamento possono funzionare per alcuni individui ma non per altri, e le persone possono avere bisogno di provare diversi trattamenti prima di trovarne uno che funzioni.

                    Continua a leggere per saperne di più sui trattamenti e i rimedi dell’IBS, compresi i farmaci, i rimedi naturali e i cambiamenti nella dieta e nello stile di vita.

                    Farmaci per l’IBS

                    Il trattamento per l’IBS dipende dal tipo specifico di disturbo.

                    Ci sono tre tipi principali di IBS:

                      Medici può raccomandare i seguenti trattamenti farmacologici per l’IBS con diarrea:

                        Le persone con IBS e costipazione possono ricevere i seguenti trattamenti:

                          Sono disponibili altri farmaci che possono aiutare a trattare il dolore addominale nelle persone con IBS. Questi includono:

                            Modifiche alla dieta e allo stile di vita

                            I cambiamenti dello stile di vita, comprese le modifiche alla dieta e l’esercizio fisico, sono spesso la prima linea di trattamento nella gestione dei sintomi dell’IBS.

                            Dieta

                            Alcuni alimenti possono aiutare ad alleviare i sintomi dell’IBS, mentre altri può innescare Episodi di IBS.

                            Un dietista può fornire suggerimenti su quali cibi mangiare ed evitare. Le persone con IBS dovranno provare ogni strategia dietetica per almeno qualche settimana per determinare se aiuta.

                            Di seguito sono riportate alcune strategie che un dietologo o un medico possono raccomandare per la gestione dei sintomi dell’IBS.

                            Tenere un diario degli alimenti e dei sintomi

                            Alcune persone con IBS possono notare che i loro sintomi peggiorano dopo aver mangiato particolari alimenti.

                            Queste persone possono trarre beneficio dallo scrivere gli alimenti che mangiano durante il giorno, insieme a tutti i sintomi dell’IBS che sperimentano.

                            Questo si chiama tenere un diario dei sintomi.

                            Il Fondazione internazionale per i disturbi gastrointestinali (IFFGD) ha creato un modello di diario dei sintomi che può aiutare le persone con IBS a capire meglio come il loro corpo reagisce a certi cibi.

                            Fare questo può aiutarli a identificare gli alimenti che scatenano la loro IBS in modo da poterli escludere dalla loro dieta.

                            Mangiare più fibre

                            Fibra può aiutare ad alleviare Costipazione associata all’IBS.

                            Le linee guida dietetiche 2020-2025 per gli americani raccomandano che gli adulti consumino tra 22.4 e 33.6 grammi di fibra ogni giorno. La quantità esatta dipende dall’età e dal sesso di una persona.

                            Ci sono due tipi di fibra alimentare:

                              La fibra solubile è particolarmente benefico per alleviare i sintomi dell’IBS ed è spesso raccomandato come prima linea di trattamento.

                              Questo tipo di fibra si mescola con l’acqua per formare una sostanza simile al gel che aiuta la digestione.

                              Fonti di fibra solubile includono:

                                La buccia di psillio, una fibra naturale che si trova nelle verdure, è ampiamente usato per trattare la stitichezza. Si trova nei negozi con il marchio Metamucil.

                                A studio randomizzato, in doppio cieco del 2017 ha trovato che l’integrazione con Psyllium ha ridotto il numero di episodi di dolore addominale nei bambini con IBS.

                                Le persone dovrebbero aggiungere fibre alla loro dieta lentamente, aggiungendo 2 a 3 grammi al giorno. Avere troppe fibre può causare costipazione e possibili effetti collaterali, tra cui gas e gonfiore.

                                Evitare il glutine

                                Alcune persone può notare che i loro sintomi peggiorano dopo aver mangiato cibi che contengono glutine.

                                Il glutine è una proteina presente in grano, orzo e segale.

                                Limitare o evitare i seguenti alimenti ricchi di glutine possono aiutare alleviare i sintomi di IBS in alcune persone:

                                  Seguendo una dieta a basso contenuto di FODMAP

                                  Alcune persone hanno anche difficoltà a digerire alcuni alimenti che contengono sostanze difficili da digerire carboidrati chiamati oligosaccaridi, disaccaridi, monosaccaridi e polioli fermentabili – o FODMAPs.

                                  A dieta a basso contenuto di FODMAP elimina o limita gli alimenti che contengono questi carboidrati difficili da digerire.

                                  Esempi di alimenti FODMAP includere:

                                    Un medico può raccomandare che una persona provi una dieta a basso contenuto di FODMAP per alcune settimane per determinare se riduce i sintomi di IBS.

                                    Se i sintomi migliorano, una persona può essere in grado di aggiungere lentamente gli alimenti FODMAP di nuovo nella loro dieta.

                                    Esercizio fisico

                                    La ricerca suggerisce che aumentare moderatamente l’attività fisica possono migliorare i sintomi e la qualità della vita in persone che hanno IBS.

                                    Lieve attività fisica possono aiutano a:

                                      Un piccolo Studio pilota del 2019 su 20 donne con IBS lieve e moderata ha scoperto che il completamento di 30 minuti di esercizio aerobico su un tapis roulant tre volte a settimana per 6 settimane era associato a un miglioramento significativo nella gravità dei sintomi dell’IBS.

                                      Rimedi naturali per l’IBS

                                      Molte persone provano rimedi naturali per alleviare i sintomi dell’IBS. Questi rimedi includono quelli qui sotto.

                                      I probiotici

                                      I probiotici sono microrganismi vivi che sono simili a i batteri che si trovano nel tratto digestivo.

                                      Diversi ceppi probiotici possono essere implicati in diversi tipi di IBS.

                                      Per esempio, un studio del 2016 ha scoperto che le persone con IBS che hanno preso un tipo di probiotico chiamato Bacillus coagulans per 90 giorni hanno visto una significativa diminuzione di gonfiore, vomito, diarrea, dolore addominale e frequenza delle feci rispetto a un gruppo placebo.

                                      Lo studio ha concluso che Bacillus coagulans potrebbe essere un “potenziale agente” nella gestione della diarrea-predominante IBS.

                                      In un Studio del 2022, I pazienti con IBS che hanno preso un probiotico chiamato Bifidobacterium longum 35624 per 30 giorni hanno visto una significativa diminuzione della gravità dei sintomi rispetto alle misurazioni di base.

                                      I ricercatori hanno concluso che l’integrazione con Bifidobacterium longum 35624 può ridurre la gravità della malattia e migliorare la qualità della vita nei pazienti con IBS, in particolare quelli con la forma più grave.

                                      In un 2019 revisione sistematica, i ricercatori hanno osservato che i probiotici multi-ceppo tendevano ad essere più vantaggiosi nel ridurre i sintomi dell’IBS rispetto ai probiotici monoceppo.

                                      In particolare, un ceppo chiamato Lactobacillus acidophilus è stato riscontrato in tutti gli studi multi-strain che hanno prodotto effetti benefici.

                                      Altri probiotici segnalati per avere effetti benefici quando vengono utilizzati in studi multi-ceppo includono:

                                        Nonostante la crescente evidenza, c’è bisogno di ulteriori ricerche per determinare quali ceppi e combinazioni di ceppi sono più efficaci nel trattamento dei sintomi dell’IBS.

                                        Tutti i prodotti probiotici differiscono nella loro composizione e nel dosaggio, il che significa che alcuni possono rivelarsi meno efficaci di altri. Le persone dovrebbero anche consultare un medico prima di assumere probiotici per assicurarsi che il prodotto sia sicuro.

                                        Olio di menta piperita

                                        A piccola quantità di ricerche suggerisce che l’olio di menta piperita in capsule enteriche può migliorare i sintomi dell’IBS negli adulti.

                                        In un rassegna 2019, i ricercatori hanno valutato 5 decenni di studi clinici randomizzati. Hanno concluso che il trattamento con capsule di olio di menta piperita può migliorare significativamente il dolore addominale e i sintomi della IBS rispetto a un placebo.

                                        Terapie per l’IBS

                                        Ci sono vari tipi di fattori di stress che possono esacerbare sintomi dell’IBS. I fattori di stress possono essere fisici, come un’infezione o una malattia, o psicologici, come lo stress sul lavoro o in una relazione.

                                        Le terapie psicologiche hanno dimostrato buona efficacia nel ridurre la gravità dei sintomi dell’IBS. Sono principalmente in base all’approccio che lo stress esacerba i sintomi dell’IBS, e il sollievo dei sintomi può essere possibile attraverso tecniche di riduzione dello stress.

                                        Medici può raccomandare le seguenti terapie mente-corpo come trattamento complementare per l’IBS:

                                          In un 2016 meta-analisi, i ricercatori hanno analizzato 41 studi clinici. Hanno trovato che, in media, gli individui con IBS che hanno ricevuto la psicoterapia hanno avuto una maggiore riduzione dei sintomi GI dopo il trattamento rispetto al 75% degli individui assegnati a un gruppo di controllo.

                                          Gli effetti sono rimasti significativi sia nel follow-up a breve termine che a lungo termine.

                                          Riassunto

                                          Oggi i medici possono utilizzare una serie di strategie diverse per trattare e gestire l’IBS. Farmaci, dieta e stile di vita sono fattori importanti da considerare come parte di questo piano di trattamento.

                                          Alcuni farmaci aiutano ad alleviare gli spasmi addominali, mentre altri alleviano la stitichezza e la diarrea o colpiscono il sistema nervoso centrale.

                                          Alcune persone provano rimedi naturali come i probiotici e l’olio di menta piperita per alleviare i loro sintomi IBS.

                                          Alcuni possono anche trovare utili le terapie per alleviare lo stress e promuovere il rilassamento. Tuttavia, ulteriori studi clinici ben controllati sono necessari per stabilire la misura in cui questi trattamenti sono efficaci.

                                          Lascia un commento