Trattamento a caldo e a freddo: Qual è il migliore?

La terapia del caldo e del freddo è spesso raccomandata per aiutare ad alleviare un dolore doloroso che deriva da un danno muscolare o articolare.

La terapia del calore di base, o termoterapia, può comportare l’uso di una borsa dell’acqua calda, pastiglie che possono essere riscaldate in un microonde, o un bagno caldo.

Per la terapia del freddo, o crioterapia, si può usare una bottiglia d’acqua riempita di acqua fredda, un cuscinetto raffreddato nel congelatore, o acqua fresca.

In alcuni casi, l’alternanza di caldo e freddo può aiutare, in quanto aumenterà notevolmente il flusso di sangue al sito della lesione.

Fatti veloci sul trattamento a freddo e a caldo:

    Terapia del freddo

    Il trattamento con il freddo riduce il flusso di sangue in una zona ferita. Questo rallenta il tasso di infiammazione e riduce il rischio di gonfiore e danni ai tessuti.

    Inoltre intorpidisce i tessuti doloranti, agendo come un anestetico locale, e rallenta i messaggi di dolore che vengono trasmessi al cervello.

    Il ghiaccio può aiutare a trattare un’articolazione o un muscolo gonfio e infiammato. È più efficace entro 48 ore da un infortunio.

    Riposo, ghiaccio, compressione ed elevazione (RICE) sono parte del trattamento standard per le lesioni sportive.

    Si noti che il ghiaccio non dovrebbe normalmente essere applicato direttamente sulla pelle.

    Tipi di terapia del freddo

    Alcuni modi di usare la terapia del freddo includono:

      Nel caso di un massaggio con ghiaccio, il ghiaccio può essere applicato direttamente sulla pelle, perché non rimane in un posto.

      Il ghiaccio dovrebbe non essere applicato direttamente alle porzioni ossee della colonna vertebrale.

      Un impacco freddo può essere fatto riempiendo un sacchetto di plastica con verdure congelate o ghiaccio e avvolgendolo in un panno asciutto.

      Per cosa è utile il ghiaccio?

      Il trattamento con il freddo può aiutare nei casi di:

        Una maschera fredda o un impacco intorno alla fronte può aiutare a ridurre il dolore di un emicrania.

        Per l’osteoartrite, si consiglia ai pazienti di usare un massaggio di ghiaccio o di applicare un cuscinetto freddo per 10 minuti e 10 minuti.

        Quando non usare il ghiaccio

        Il freddo non è adatto se:

          Il ghiaccio non dovrebbe essere usato immediatamente prima dell’attività.

          Non dovrebbe essere applicato direttamente sulla pelle, perché questo può congelare e danneggiare i tessuti del corpo, possibilmente portando a congelamento.

          Gli atleti professionisti possono usare il massaggio con il ghiaccio, l’immersione in acqua fredda e le camere di crioterapia per tutto il corpo per ridurre danno muscolare indotto dall’esercizio (EIMD) che può portare a indolenzimento muscolare a insorgenza ritardata (DOMS). DOMS emerge comunemente da 24 a 48 ore dopo l’esercizio.

          Uno studio pubblicato su La Biblioteca Cochrane nel 2012 ha suggerito che un bagno freddo dopo l’esercizio può aiutare a prevenire DOMS, rispetto al riposo o al non fare nulla.

          I partecipanti hanno trascorso tra 5 e 24 minuti in acqua tra 50 e 59 gradi Fahrenheit, o 10-15 gradi Celsius.

          Tuttavia, i ricercatori non erano sicuri se ci possono essere effetti collaterali negativi, o se un’altra strategia potrebbe essere più utile.

          La crioterapia è principalmente un antidolorifico. Non riparerà i tessuti.

          Ghiaccio e mal di schiena

          Il ghiaccio è meglio usato su lesioni recenti, specialmente dove si sta generando calore.

          Può essere meno utile per mal di schiena, possibilmente perché la lesione non è nuova, o perché il tessuto problematico, se è infiammato, si trova in profondità sotto altri tessuti e lontano dalla stampa fredda.

          Il mal di schiena è spesso dovuto a una maggiore tensione muscolare, che può essere aggravata dai trattamenti con il freddo.

          Per il mal di schiena, il trattamento con il calore potrebbe essere un’opzione migliore.

          Terapia del calore

          L’applicazione di calore a una zona infiammata dilata i vasi sanguigni, promuove il flusso sanguigno e aiuta i muscoli doloranti e contratti a rilassarsi.

          Il miglioramento della circolazione può aiutare ad eliminare l’accumulo di acido lattico di scarto che si verifica dopo alcuni tipi di esercizio. Il calore è anche psicologicamente rassicurante, il che può aumentare le sue proprietà analgesiche.

          La terapia del calore è di solito più efficace del freddo nel trattamento del dolore muscolare cronico o delle articolazioni doloranti causato da artrite.

          Tipi di terapia del calore

          Tipi di terapia del calore include:

            Gli impacchi di calore possono essere secchi o umidi. Calore secco può essere applicato fino a 8 ore, mentre il calore umido può essere applicato per 2 ore. Si ritiene che il calore umido agisca più rapidamente.

            Il calore dovrebbe normalmente essere applicato alla zona per 20 minuti, fino a tre volte al giorno, se non diversamente indicato.

            Gli impacchi monouso, gli impacchi asciutti e i cerotti possono talvolta essere usati continuamente fino a 8 ore.

            Per cosa è utile il calore?

            Il calore è utile per alleviare:

              Applicato al collo, il calore può ridurre gli spasmi che portano a mal di testa.

              Nel 2006, un team di ricercatori trovato che i pazienti con dolori lombari che hanno fatto esercizio e usano la terapia con impacchi di calore a basso livello continuo (CLHT) hanno sperimentato meno dolore di quelli che non hanno usato la CLHT.

              Studi precedenti avevano dimostrato che, per alcune persone, la CLHT alleviava il dolore più efficacemente degli analgesici orali, dell’acetaminofene e dell’ibuprofene.

              Tuttavia, l’efficacia del trattamento con il calore può dipendere dalla profondità del tessuto interessato dal dolore o dalla lesione.

              Alcune persone usano il trattamento termico, spesso sotto forma di un bagno caldo, per evitare il DOMS.

              C’è qualche prova che questo potrebbe aiutare, ma il calore che viene applicato solo per 5 a 20 minuti può essere meno efficace, come non ha la possibilità di impatto i livelli più profondi del tessuto.

              Alcuni ricercatori hanno suggerito che gli impacchi di calore chimico umido, che possono essere utilizzati per 2 ore, possono essere il modo migliore per prevenire DOMS attraverso il trattamento termico.

              Quando non usare il calore

              Il calore non è adatto a tutti i tipi di lesioni. Qualsiasi lesione che è già calda non beneficerà di un ulteriore riscaldamento. Questi includono infezioni, ustioni o lesioni fresche.

              Il calore non dovrebbe essere usato se:

                Chiedi prima a un medico se vuoi usare il caldo o il freddo su una persona che ha alta pressione sanguigna o malattia cardiaca.

                Il calore eccessivo deve essere evitato.

                Alternare freddo e caldo

                Quando il freddo viene applicato al corpo, i vasi sanguigni si contraggono, si verifica una vasocostrizione. Questo significa che la circolazione si riduce e il dolore diminuisce.

                Rimuovere il freddo causa vasodilatazione, poiché le vene si espandono per compensare eccessivamente.

                Quando i vasi sanguigni si espandono, la circolazione migliora, e il flusso di sangue in entrata porta nutrienti per aiutare i tessuti feriti a guarire.

                L’alternanza di caldo e freddo può essere utile per:

                    La terapia con acqua di contrasto (CWT) utilizza sia il caldo che il freddo per trattare il dolore. Gli studi dimostrano che è più efficace nel ridurre l’EIMD e prevenire i DOMS che non fare nulla.

                    Una rassegna di studi ha suggerito che, per gli atleti d’élite, il CWT è migliore nel ridurre il dolore muscolare dopo l’esercizio rispetto al non fare nulla o al riposo.

                    Tuttavia, i ricercatori sottolineano che potrebbe non essere meglio di altre strategie, come il trattamento termico, il trattamento freddo, lo stretching o la compressione. Dicono che sono necessarie ulteriori prove.

                    Consigli

                    Il calore non dovrebbe essere usato su una nuova ferita, una ferita aperta, o se la persona è già surriscaldata. La temperatura dovrebbe essere confortevole. Non dovrebbe bruciare.

                    Il ghiaccio non dovrebbe essere usato se una persona è già fredda. Applicare il ghiaccio ai muscoli tesi o rigidi della schiena o del collo può peggiorare il dolore.

                    Il trattamento con il caldo e il freddo potrebbe non essere adatto alle persone con neuropatia diabetica o un’altra condizione che riduce le sensazioni di caldo o freddo, come Il morbo di Raynaud o se è molto giovane o vecchio, o ha difficoltà cognitive o di comunicazione.

                    Può essere difficile sapere quando il caldo o il freddo sono eccessivi in questi casi.

                    La scienza deve ancora stabilire con certezza l’efficacia delle terapie del caldo e del freddo, ma nessuno dei due trattamenti è molto potente, e il pericolo di una reazione avversa, quando applicato su un punto particolare del corpo, è solitamente basso.

                    Gli individui con dolore cronico o una lesione non grave possono provare entrambi i metodi e trovare la loro soluzione migliore.
                    Bagni di ghiaccio per gli atleti: la ricerca mette in dubbio qualsiasi beneficio

                    Lascia un commento