Trombocitopenia nei bambini: Sintomi, cause e trattamenti

La trombocitopenia si riferisce a un basso numero di piastrine nel sangue. Questo può portare ad avere lividi facilmente o sanguinare eccessivamente.

Nei bambini, la trombocitopenia immune acuta (ITP) è relativamente comune, e può svilupparsi dopo una malattia virale, come la varicella. In altri casi, la condizione è di lunga durata. Può derivare dall’uso di farmaci o da una mutazione genetica.

Se un bambino ha una ITP acuta, di solito si riprende entro 6 mesi, e se la condizione è lieve, potrebbero non aver bisogno di alcun trattamento.

Di seguito, per saperne di più sulla trombocitopenia nei bambini.

Cause e tipi di trombocitopenia nei bambini 

Un basso numero di piastrine nel sangue può derivare da molti fattori.

ITP acuta

I ricercatori ritengono che i virus, come quello che causa la varicella, possano alterare temporaneamente il comportamento del sistema immunitario di un bambino e indurlo ad attaccare le piastrine, provocando una ITP acuta.

Questo problema è più comune nei bambini 2-6 anni di età. Di solito, i sintomi sono lievi e vanno via da soli entro 6 mesi. Tuttavia, 1 bambino su 5 con la condizione vanno a sviluppare l’ITP cronica.

ITP cronica

Questo è raro nei bambini piccoli ed è più comune negli adolescenti e negli adulti, in particolare nelle femmine. Può durare diversi mesi o tutta la vita e richiedere un trattamento specialistico. In alcune persone, l’ITP cronica sembra risolversi ma si ripresenta spesso.

Trombocitopenia indotta da farmaci

La trombocitopenia può svilupparsi in risposta ai farmaci, e questo può essere pericoloso per la vita nei neonati e in altri bambini piccoli.

In una 2019 studio di casi e revisione, un bambino ha avuto un grave calo della conta delle piastrine dopo aver ricevuto la ranitidina (Zantac) per problemi di alimentazione. La ranitidina può anche trattare il reflusso acido.

Comprendere appieno gli effetti della ranitidina e di farmaci simili sulla conta delle piastrine nei neonati e nei bambini piccoli richiede ulteriori ricerche.

Infezioni

Diverse malattie infettive può ridurre i livelli di piastrine e causare trombocitopenia secondaria. Alcune di queste malattie includono HIV, febbre dengue, e malaria.

La malaria, in particolare, può portare a una grave riduzione dei livelli di piastrine di un bambino, un 2021 studio conferma. Gli autori suggeriscono che la presenza di trombocitopenia può essere un indicatore affidabile di malaria nei bambini.

MYH9-trombocitopenia correlata

Questa forma di trombocitopenia si distingue perché il numero ridotto di piastrine deriva da una mutazione genetica, piuttosto che dal sistema immunitario che attacca le piastrine del corpo.

Il MYH9 il gene è responsabile della costruzione di proteine che si trovano in alcune cellule del sangue, comprese le piastrine. Una persona può ereditare questa mutazione dai loro genitori o la sviluppano spontaneamente.

Diverse malattie coinvolgono una mutazione del MYH9 gene, e tutte può causare trombocitopenia:

    Anemia aplastica

    L’anemia aplastica è una forma di insufficienza del midollo osseo e può causare trombocitopenia. Quando il midollo osseo si spegne, produce meno globuli rossi e bianchi e piastrine.

    Nella maggior parte dei casi, l’anemia aplastica si sviluppa senza alcuna causa evidente, e i medici si riferiscono a questo come anemia aplastica “idiopatica”. Tuttavia, alcuni bambini possono ereditare la condizione o svilupparla dopo un’infezione.

    L’insufficienza del midollo osseo tende a verificarsi tra le età di 1 e 5 anni o tra i 12 e i 20 anni.

    Sintomi della trombocitopenia nei bambini 

    Uno dei sintomi più eloquenti sono le macchie di lividi o le aree di pelle viola.

    Ulteriori sintomi includono:

      Diagnosticare la trombocitopenia e la sua causa 

      Il Istituto nazionale del cuore, dei polmoni e del sangue spiega che i medici considerano la storia medica di una persona e i risultati di un esame fisico e dei test quando diagnosticano la trombocitopenia e identificano la sua causa.

      Storia medica

      Un medico può chiedere di tutto ciò che potrebbe influenzare i livelli di piastrine, tra cui:

        Esame fisico

        Durante questo, il medico controlla la presenza di segni di lividi ed emorragie. Possono anche cercare i sintomi di un’infezione, come la febbre.

        Test diagnostici

        Se il medico sospetta la trombocitopenia, esegue diversi test, che possono anche determinare la causa di questo problema.

        Questi test possono includere:

          Trattamenti  

          Quando un bambino ha la trombocitopenia, il trattamento dipende da la causa e la gravità dei sintomi.

          Per esempio, un bambino con ITP acuta lieve probabilmente non ha bisogno di trattamento, in quanto tende a risolversi da solo. Tuttavia, se il bambino ha un’alta probabilità di sanguinare abbondantemente, potrebbe aver bisogno di una trasfusione di sangue o piastrine.

          Un bambino con ITP cronica che si ripresenta frequentemente può aver bisogno di farmaci che sopprimono il sistema immunitario, come rituximab. Se una malattia infettiva, come l’HIV, è responsabile, il medico può prescrivere corticosteroidi, che rallentano la distruzione delle piastrine.

          In generale, l’obiettivo del trattamento della trombocitopenia è quello di prevenire gravi complicazioni. Se una condizione di salute sottostante sta causando la bassa conta delle piastrine, il medico si concentrerà sul trattamento di entrambi i problemi.

          Riassunto 

          La trombocitopenia si riferisce a bassi livelli di piastrine nel sangue, che possono aumentare il rischio di emorragie e lividi facilmente.

          La ITP acuta è la forma più comune di trombocitopenia nei bambini, e di solito si risolve da sola entro 6 mesi. Cause meno comuni di trombocitopenia includono farmaci, infezioni e una mutazione genetica.

          Se i sintomi di un bambino sono molto lievi, potrebbe non aver bisogno di un trattamento. Un bambino con ITP cronica può avere un rischio di gravi emorragie e aver bisogno di farmaci immunosoppressori.

          Lascia un commento